il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

sabato 2 agosto 2008

La valigia...

Ho fatto la valigia della nana.
E' rosa confetto in pelle, molto trendy, regalo dei suoi futuri zii :)
Mi sa che la riciclo come borsa da lavoro, è troppo bella...

Il contenuto è essenziale:
5 cambi per la nana, come richiesto dalla clinica, ovvero camiciola di seta (se la usano bene...) + body manica corta + coprifasce manica lunga + calzini
2 copertine in cotone
1 bavaglino a cui se ne aggiungerà forse qualcun altro
1 cappellino di cotone
1 coniglietto di pelouche


Ho messo tutto in bustine trasparenti con l'etichetta con il mio cognome.
Ma.
Avrei voluto farlo con lui.
Già.
Di nuovo separati.
Quest'aura di sfiga ci perseguita. Sembra una roba alla Lady Hawke.
Ricordate? Lui era uomo di giorno e lei era donna di notte. O il contrario.
Vabbè, fatto sta che io non posso fare le scale di casa sua e lui non può fare tragitti in macchina per venire da me.
Problemi alla schiena.
Fa un po' ridere e un po' dire "non possibile", anche se lo esprimo in modo un tantino più volgare.
Intanto le settimane di gravidanza sono diventate 36, e se penso che tra poco più di 7 giorni la nana è considerata a termine, mi sembra di aver fatto un viaggio veramente lungo.
Comunque, e ci tengo a dirvelo, io ancora non ho ben realizzato che avrò una figlia.

Condividi

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Tranquilla, avrai realizzato quando te la daranno in braccio...e da allora sarà come se tutto il resto non contasse più, vivrai per lei, non riuscirai a pensare che a lei. Fidati!!! Bacio

Wonderland ha detto...

Ah. Ok.
p.s. è una cosa bella? xke a me spaventa molto... vorrei continuare a pensare anche a me, al mio lavoro, alla mia realizzazione, alla mia coppia, ai piaceri della vita...

Anonimo ha detto...

E' una cosa bellissima! Lei sarà la priorità ma questo non vuol dire trascurare tutto il resto. Sta a te riuscire ad organizzarti la vita al meglio, in modo da realizzarti come donna a 360°

Anonimo ha detto...

Allora: quando sono rimasta incinta avevo 25 anni. Conoscevo il "papà" da 3 mesi. Ero abbonata fissa dell'Hot Chili nonché locale da aperitivi (e che aperitivi). Ero sveglia di giorno giusto il tempo per andare in ufficio, ergo mantenermi. Convivevo con una stilista di Roma fuori di melone che alternativa era dire poco. E beh...neanche io ero troppo normale. E a me ne sono arrivati due in una volta (di figli).
Ora, secondo te, io ero pronta? Non lo sono stata fino al giorno prima di partorire. Poi sono nati e... allo stato attuale ho due marmocchi di tre anni, che strillano per i supermercati, mi svegliano all'alba e hanno drasticamente ridotto la mia vita sociale... ma non so, lo rifarei.
E comunque stai tranquilla che una pupattola sola te la trascini ovunque senza grossi problemi. E anche per i nonni, una sola da accudire è una pacchia.
E comunque, se ce l'ho fatta io... ce la può fare davvero chiunque.
In bocca al lupo e tranquilla che le cose che tu dici, quasi chiunque altro si limita a pensarle.

lisa2007 ha detto...

in bocca al lupo per questa meravigliosa avventura che stai intraprendendo.
sarà tutto ok, vedrai.
bellissimo il tuo blog, arrivo qui dal blog di theitalianmom.
a presto

Blog Widget by LinkWithin