il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

mercoledì 8 ottobre 2008

Rieccoci

Viola vuole uccidermi.
E' questo che mi tiene lontana dal blog: uso ogni attimo libero per sdraiarmi sul letto e far finta di essere una 27enne qualsiasi che si sta solo facendo una pennica.
Se non suonasse un po' troppo cinico oserei dire che qualche anno fa avevo motivi migliori per passare le notti in bianco. Ma vabbè.
In tutto ciò noto che la nana ha mutuato delle caratteristiche dai personaggi della mia infanzia.
In particolare:

La sindrome di Cicciobello, ma al contrario: occhi beatamente chiusi quando è in braccio, occhi automaticamente aperti non appena la metti in posizione orizzontale. Questo succede per lo più tra le 5 e le 7 del mattino. Stanotte ho contato 8 tentativi per rimetterla giù facendole chiudere gli occhi, ma niente: devono averle montato il pesetto delle palpebre al contrario.

La sindrome di Maggie Simpson: quando sta per perdere il ciuccio - ma non è ancora caduto - lo risucchia dentro con una potenza pari all'aspirapolvere da tappeto di mia nonna. Una volta ripreso il feticcio gommoso in bocca, produce un rumore capace di svegliarmi nel sonno. Credo che la registrerò e venderò l'mp3 a Matt Groening.

La sindrome di Sbrodolina: la sua si attiva con uno speciale sensore che individua la tutina pulita appena indossata e fa partire la sbrodolata di latte laterale. Per intenderci, quella che scende giù per il collo e prende petto, body, tutina e mamma in un colpo secco. Il risultato è che le mie magliette sanno di caciotta alpina anche dopo un lavaggio col Napisan.

La sindrome del Mio Mini Pony: del cavallo ha la straordinaria capacità di ridurre la mia casa una stalla e di produrre montagne di merda. Del MiniPony però ha l'aspetto zuccheroso gli occhi dolcissimi... Ah, come ti fregano.

Condividi

10 commenti:

Lila ha detto...

:) sai raccontare le tragiche vere avventure quotidiane delle mamme in un modo troppo bello...
'caciotta alpina' è ormai anche il mio nuovo profumo giornaliero!

S@R@ ha detto...

^__________^ SI LAMENTASSERO TUTTE IN STO MODO LE MAMME AL NIDO :p

paloma ha detto...

beh che dire... spettacolo ! :-)

BMVPedrita ha detto...

sei veramente dotata di grande ironia :)

si sentiva la tua mancanza da queste parti!

un bacio a Viola

AmoLaPioggia ha detto...

Machedavvero posso capirti sempre in tutto ciò che dici, ci son passata e sembra che i neonati abbiano un unica catena genetica perchè che sia il figlio della vicina di casa o quello dell'eschimese al polo nord....l'eau de caciott è sempre lo stesso

Ciao bacini

Michela ha detto...

Bicarbonato! per togliere le puzze.
In ammollo x un po' se la puzza è ostinata :-)
ciao!

viavai ha detto...

ciao, senti questo 'tip' per togliertela dalle braccia (l'ho sentito al corso preparto ma non l'ho sperimentato direttamente, quindi prendilo col beneficio del dubbio): scalda una boule di acqua calda e coprila con una tua maglietta sporca di latte (appunto dall'odore che hai descritto cosi' bene...), poi gliela metti nella culla e la freghi: invece di trovare il letto freddo e vuoto pensera' di averti ancora accanto.
non so se funziona, ma magari prova...poi fammi sapere!

Silvia ha detto...

Mia mamma con me faceva più o meno come ha detto viavai. Con la differenza che semplicemente si sedeva sul mio lettino per scaldare il punto in cui mi avrebbe appoggiata.
Ciao

Anonimo ha detto...

ciao, auguri, ogni tanto leggo il tuo blog e una cosa mi stupisci... tu parli in un modo che sembra che le ragazze di 27, 28 anni siano un po' più che adolescenti... caspiterina scusa se te lo dico, ma fra non molto tempo avrai già 30anni e è giusto che la vita di una ragazza quasi tretenne cambie e divente man mano più impegantiva, no?

Augurissimi!

Roberta ha detto...

Ahahahahahhaah!
La mia piccolina condivide tutti i comportamenti della tua! :)
Mi hai fatto troppo ridere! :D
Un abbraccio, buonanotte (e non prendo in giro!)

Roby

Blog Widget by LinkWithin