il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

mercoledì 27 maggio 2009

Vacanze DE CHE?

No, scusate.
Sono un po' sotto shock.
Stamattina parlavo con un'amica al telefono la quale mi ha detto, testuali parole:
"lo so che sei stanca, non dormi, corri tutto il giorno e le pappe, e i cambi, e i giochi. Però pensa che tra un po' ci sono le vacanze e ti riposi un po'!"

E io davanti a cotanta ingenua idiozia ho realizzato così, di colpo, che il mestiere della mamma non prevede vacanze.
Ci sono rimasta malissimo.

Seriamente: io non ce la posso fa.

Condividi

61 commenti:

Elisa Stocco ha detto...

...che desolazione le mammenon vanno mai in vacanza!!!...per fortuna ci sono sempre le nonne!

martina ha detto...

Non sono Mamma ( penserai...CHE CULO) ma immagino che sia una gran fatica. Ma un bel villaggio turistico con annesso servizio baby-sitter? No eh :S per le nane così piccole non esiste?
Altrimenti nonni forever!
Un saluto Martina

Fiordaliso ha detto...

Le vacanze, se possibile, sono ancora peggio della normale quotidianità! E lo constaterò presto (da sabato). Chi non è mamma non può capire, è inutile...

Pinkdaisy ha detto...

la mia vacanza è l'ufficio.

TuttoDoppio ha detto...

Quando i miei hanno fatto i due anni (ma se non fossero stati due piccoli, avrei anche potuto anticipare) li ho smollati due settimane a mia mamma, che era in vacanza in montagna con mia zia. Mi son fatta dieci giorni all'Isola d'Elba con uomo + 4 giorni di allegro cazzeggio tra ufficio e casa. E' STATO BELLISSIMO.
Medita Wonder, medita...

Wonderland ha detto...

Tuttodoppio io spero una settimanella scarsa di riuscire a farmela anche questo agosto, ma la nonna non è molto per la quale.. Ma dopo sono più "smollabili"? lo spero tanto...

Wonderland ha detto...

Pink: voglio lavorà puriiiiooooooooooooo

Pinkdaisy ha detto...

Sono sicura che troverai presto, sei troppo brava!

M di MS ha detto...

Bella frase. Gliela ripeti all'amichetta tua quando partorisce due gemelli, ok?

Trasparelena ha detto...

il trucco è andare in albergo, almeno non devi lavarestirarepulirecucinare e puoi goderti la pupa :-)
Trasparelena che da quando c'ha il Mostro non ha mai passato una notte senza di lei.

Improvvisamente in quattro ha detto...

A chi lo dici...
E io ho sonno... tanto sonno! Voglio dormireeee!
Comunque noi abbiamo prenotato in un residence con la possibilità di fare mezza pensione...almeno la cena è già pronta e via!

Angela ha detto...

Vorrei avere tanto la possibilità di dormire una notte intera! Mi basterebbe questo.
Per le vacanze non so, spero 4 giorni a parigi senza pargola ma la nonna 8mia mamma) mi ha detto che la terrà solo se sarà sculacciabile.....mi devo preoccupare???

Rita ha detto...

cerca di fare i turni con il papino così vi rilassate un po' per uno durante le vacanze oppure si chiede aiuto alle nonne se si puo' :-)

Claudietta! ha detto...

Eh lo so...i bambini sono il lavoro più difficile del mondo...
Vedo mia sorella che pagherebbe oro per poter staccare anche solo qualche giorno!
Per fortuna quest'anno ha vinto un buono sconto per farsi una vacanza 2x1: pagano in due e viaggia uno solo...in pratica è andata alla lovable, si è provata un reggiseno e le hanno regalato il buono...così adesso si fa una vacanza a metà prezzo e sceglierà un villaggio con il baby parking! Quando ho saputo del buono ci sono andata pure io alla lovable! Magari è l'occasione anche per te per staccare...e di resort con il baby parking ce ne sono parecchi!
In bocca al lupo per la piccola! Complimenti per il blog!

Saretta ha detto...

Però Wonder, sai che ti dico?
Hai una bellissima ironia nell'affrontare l'argomento maternità.
Però ultimamente stai lentamente scivolando nella lagna.
Ti sei mai domandata cosa potrà pensare la tua pupa di questi post quando sarà grande e magari potrà leggerli?..penserà che la consideravi una zavorra.
Perchè non usi la tua splendida energia ed ironia per affrontare questo momento in maniera creativa? Ti parla una mamma SOLA (per scelta delpadre) di un bimbo di 4 anni!!!
(Spero tu non ti offenda)

Bubittilove ha detto...

vai in un albergo al mare specializzato in famiglie, con spiaggia davanti e piscina e tutto comodo a portata di mano, ci sono spesso alberghi con servizio di babysitteraggio e per qualche ora ti liberano della cucciola e tu puoi quetare.. per lo meno non devi cucinare le pappe e fare la stanza e il letto e le pulizie tutti i giorni.. per il resto la piazzi in spiaggia e fai a turno col papi! Dai potrebbe non essere male!!!!

Verde ha detto...

ecco, già l'idea di avere un bimbo mi spaventa, pur volendolo tanto, se leggo pure qste cose mi passa la voglia !! aiutoooo

Daniela ha detto...

Tranquille, poi passa....ah, ah, ah. Prendete me (lei 11, lui 10) non vedo l'ora che finisca la scuola perchè siamo proprio cotti, ma poi penso che finita la scuola non avrò più la mattina tutta per me e mi viene da piangere ;) Ciao Daniela

Jolanda ha detto...

Ma infatti cara da quando diventi mamma le vacanze si trasformano in CACANZE! Non lo sapevi?
;)

TuttoDoppio ha detto...

A chi ti consiglia vacanze con nana e servizio di babysitting:
verificare con dovizia di particolari in COSA consiste il servizio di baby-sitting, che l'anno scorso mi son fatta fregare da un hotel con mini-club, costituito da niente popo di meno che Dino, lavativo diciottenne (più o meno) che faceva un quarto d'ora di baby-dance + proiezione di cartoni animati piratati tipo alle undici di sera.
Ed era pure un bell'hotel...
no, no, la migliore resta sempre la nonna (e comunque sì, più vanno avanti con l'età e più sono smollabili, a parer mio)

Renata ha detto...

Sarà per questo che quest'anno continuo a rimandare e non mi decido a prenotare?
Adoro le vacanze, i posti nuovi, viaggiare... l'ultima volta che siamo stati via una settimana una mia amica ha commentato le foto:" i bambini stanno benissimo ma voi siete due stracci!"

Silvana ha detto...

Effettivamente è così, ma di soddisfazioni ne hai continuamente, ti dimentichi di tutte le fatiche che si fanno continuamente.
Comunque ti consiglio di farti aiutare, se ne hai la possibilità, un abbraccio!

sakscia ha detto...

concordo con Saretta: quando Viola leggerà le tua continue lamentele che penserà? che lagna, far la mamma non sono solo sacrifici e rinuncie, ma anche molte soddisfazioni. Cosa sarà mai non fare le vacanze "perfette" per qualche anno? alla fine si tratta solo del primo anno, che poi quando è passato, rimpiangerai.
Quando Enrico aveva 2 anni siamo stati 4 giorni in campeggio, la prima vera vacanza che ho fatto da quando è nato, se escludo i soggiorni dai nonni (che per me sono le vere occasioni per staccare).

Francesca ha detto...

ma certo che ce la poi fa'!! dai in vacanza poi siamo in due tutto il giorno a occuparcene, ci sono anche i babbi, no? Noi a agosto andiamo due settimane in maremma col pargolo che avrà 8 mesi... vedremo, magari si torna più stanchi di quando siamo partiti ma ci proviamo!! poi, ora vado controcorrente, ma non è un po' piccola per lasciarla alcuni giorni? non lo so eh!! non mi immagino cosa possa passargli per quelle testoline.....
ma ora non dorme un po' di più la tua piccina? capisco che la mancanza di sonno mandi in crisi però, anch'io sono uno straccio quando daniele dorme meno...

Wonderland ha detto...

Hummm... si in fondo avete UN PO' ragione. Però cercate di mettervi nei miei panni. Escludendo la gravidanza questa sarà la mia prima estate senza la libertà di andare dove voglio, senza sonni eterni, aperitivi pieni di gente, feste, cene fuori tutte le sere, amici che vanno e vengono, spostamenti continui, divertimento... Ci posso rimanere un po' male O NO?
Non dico che sia tutto brutto, ma è un colpo realizzare che le vacanze per come le intendevo io sono finite, non esisteranno più. Quella spensieratezza, quel mood, quel senso di euforia, quelle serate romantiche, quel meritato relax dopo lo studio o il lavoro.
Sapevo che sarebbe stato così, infatti quando sono rimasta incinta mi è preso un colpo anche perchè ERO COSCIENTE che NON AVREI VOLUTO e MI SAREBBE PESATO TANTISSIMO rinunciare a tutto questo, ed è così.
Nonostante le soddisfazioni siano mille e lei valga, CERTO! chi lo mette in dubbio!, molto ma molto più di qualsiasi vacanza... però... è legittimo rimanerci un po' male quando realizzi il cambiamento tutto insieme.
Senza contare che..
Ormai dovreste conoscermi...
MI LAMENTO PER HOBBY.
Per sdrammatizzare.
Per riderci su.
Ma credevo fosse un fatto già assodato.

PetitePrincesse ha detto...

Ciao wonder, ti leggo da un po', poco dopo la nascita di Viola, ma non ho mai commentato, chissà perchè?! Siamo quasi coetanee e mi è sempre piaciuto il tuo modo di approcciare a questa "nuova avventura", la tua ironia nel descrivere anche le situazioni più difficili. MI sono sempre immaginata come fossi, e, come altre, ti immaginavo mora! Ho appena visto il video su Mam..sei carinissima!! E ho anche visto che sei pure su style (dove bazzico)nell'articolo sulle web mom..beh ormai sei famosissima!!
Complimenti ancora!!

saretta ha detto...

Wonder, tranquilla...non ti devi proprio giustificare.
Un blog è anche un luogo dove ci si scambia punti di vista o una sorta di lettino freudiano. Nel conto bisogna pure mettere che tu hai 28 anni e avevi appena iniziato a lavorare e a godere dell'autonomia economica.Io invece sono diventata mamma a 38 e a quest'età hai bevuto tutti i calici di vino e hai fatto tutti viaggi/zingarate del caso. Le parole non bastano per dire quanto sia dura, poi d'improvviso succede che i pupi diventino più autonomi, io solo l'altr'anno mi sono riuscita a sedere sulla sedia a sdraio.
Un bacio che sei Wonder !!!!

Di Cuore ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
TuttoDoppio ha detto...

Wonder, le lamentele, le lagne, le prese di coscienza drammatiche fanno tutte parte, se mi passi il termine, del "funerale" che stai facendo alla tua vita precedente, e questa è una fase critica e assolutamente indispensabile per completare la trasformazione da figlia a mamma. Vorrei poterti dire che sono parole mie, ma è solo quel che mi ha detto la mia terapeuta (ebbene sì, io oltre che con le mamme blogger mi lamento pure con lei, saltuariamente, quando mi sembra di perdere il filo della faccenda, così, di tanto in tanto)

http://vistodalei.splinder.com ha detto...

Io ti capisco benissimo. Certo, è sottinteso che mio figlio venga prima di tutto, che ne vorrei tanto un secondo e bla bla bla, però, ogni tanto, mi piglia la nostalgia di quello che facevo prima, del cazzeggio, delle cene con amici eccetera, questo non vuol certo dire che sono infelice!
Non tornerei indietro per tutto l'oro del mondo, è solo un pensiero..
http://vistodalei.splinder.com

M. ha detto...

io penso che un figlio in certe situazioni sia anche una zavorra, e non ci sia niente di male ad ammetterlo. aspettate un istante prima di denunciarmi al MOIGE, cerco di esprimere meglio il mio pensiero.

non capisco perchè, sembra quasi abbiate paura ad ammetterlo, quasi che al solo pensare certe cose si squarci il cielo e si scatenino i cavalieri dell'Apocalisse. senso di colpa, o cosa? ogni volta che una mamma si lamenta di qualcosa che non può più fare o le manca, sente il bisogno di aggiungerci immediatamente una frasetta tipo "ma ci sono tante altre cose meravigliose/basta guardarlo sorridere e passa tutto/sono felice e non tornerei mai indietro", quasi dovesse autoconvincersi, quasi che solo pensando certe cose si faccia torto al pupino o lo si condanni a trent'anni a finire sul lettino dell'analista perchè "mamma per una volta ha pensato che le dispiaceva un po' non poter più andare in vacanza come quando era ragazza, e tutto ciò mi ha segnato profondamente".

la maternità è una cosa meravigliosa e grandissima, e non sono di certo queste piccole e umanissime lamentele a minarne la nobiltà e l'importanza (a me, sinceramente, fanno più paura le donne che non si lamentano mai e sacrificano tutto per i figli senza colpo ferire, piuttosto che chi come Wonder si lascia andare a qualche innocente mugugno)ma è anche qualcosa che cambia profondamente la vita e che porta a inevitabili rinunce, e trovo che non ci sia niente di male nel rimpiangere quello che si era e si poteva fare quando ancora non ci si era sdoppiate.

personalmente, in questo momento non desidero affatto diventare mamma e la cosa mi spaventa molto anche per il futuro, però la paura si è in parte attenuata grazie alle cose che dicono persone come Wonder, perchè mi ha fatto capire che si può avere un figlio senza perdere se stesse, e soprattutto che è umano e normale avere dei cedimenti, dei ripensamenti e dei malumori anche di fronte alla personcina che ami più di tutto. e non c'è niente di male.

concludendo, credo che l'affetto per un figlio si dimostri dalle mille piccole attenzioni di ogni giorno e non certo da due righe di sfogo tragicomico scritte in un blog. penso che se un giorno la Polpetta dovesse mai leggerle, avendo ereditato lo spirito ironico da una tale mamma, potrà al massimo sorridere e farsi due risate, non certo sentirsi una zavorra.

Wonderland ha detto...

;__; je suis commosse. (ecco, ora come minimo avrò sproloquiato in francese).
Grazie. Ecco, hai detto quello che cercavo di esprimere.
Se fai l'avvocato posso assumerti.
Se cambi lavoro, fai l'avvocato dai retta a me.
;)

Anonimo ha detto...

concordo pienamente con quello che ha scritto M.
non occorre che ti giustifichi Wonder,non hai scritto nulla di male...nulla per cui la Polpetta un giorno possa rimproverarti.è dura,è molto dura e mi meraviglia il fatto che certi appunti vengano da una mamma che sa di cosa stai parlando.un bacio Claudia

TuttoDoppio ha detto...

M, hai veramente ragione, su tutto.
Ma spezzo un'arancia in favore delle mamme che ""ma ci sono tante altre cose meravigliose/basta guardarlo sorridere e passa tutto/sono felice e non tornerei mai indietro".

Non si tratta di senso di colpa o tentativo di autoconvincimento, o almeno, non per quanto credo io.

La cosa si può riassumere così:
quando diventi mamma rischi spesso e volentieri di cadere in una specie di delirio di onnipotenza che ti fa pensare che qualsiasi cosa tu dica contro tuo figlio (prendete il termine "contro" per quello che è) potrebbe sfociare in un danno effettivo.

Cioè: tipo quando sei incinta e vorresti ardentemente un maschio, poi ti capita una femmina e mentre dici "cazzo però, avrei voluto il maschio" subito pensi "e se poi qualcosa dovesse andare storto? se io fossi qui a lamentarmi di sta cosa e poi scoprissi che ci sono dei problemi ben più seri?" e allora ti viene da aggiungere, mentre fai tutti gli scongiuri nel caso "BEH, L'IMPORTANTE E' CHE SIA SANO".

Non so se mi sono spiegata.
Probabilmente no. In tal caso ignoratemi...

ps: Wonder in questo caso è brava che nel delirio di onnipotenza non ci è caduta. Almeno non sul blog.

mammafelice ha detto...

MI LAMENTO PER HOBBY è bellissima.
Ti prego, lascia che io la usi almeno con mio marito. E' la frase della mia vita e tu l'hai inventata per prima.
Ecco, ma come sono sfortunataaaaaaa! :))

Che dirti, ragazza?
Ma che c'è di male a pensare che una bambina di 8 mesi possa anche essere una gran rottura di maroni, certi giorni? Credo che più o meno anche loro lo pensino di noi (o comunque lo penseranno a 15 anni), quindi siamo pari :))

Sono tanto stanca anche io.
Ma sono fortunata perchè Dafne è grandina e il periodo della dedizione totale è terminato.
Tieni duro, ecco, solo questo.
Vedrai che tra pochissimi mesi, se non settimane, la pupattola non dipenderà totalmente da te e potrai anche respirare.
E poi vedrai che imparerà a dormire, e tu potrai riposare.

Il sonno fa tantissimo, ti capisco.
E fa tantissimo anche riderci su, dire 'massì, son comunque tanto felice' e anche bere Mohito.
No, tanto per... :)

la mite ha detto...

Ciao cara Wonder,
ti capisco benissimo, e so, dato che leggendo il blog mi sembra di conoscerti, quanto adori la tua nuova vita, ma come è difficile confrontarsi con tutti i nostri sogni e divertimenti di ragazze normali, che adorano 'nbriacarsi e dire stronzate in giro (almeno io...:))...si riesce, anche se a fatica. E quando troverai l'equilibrio giusto avrai creato una vita straordinaria!secondo me Viola è fortunata, ha una mamma che tutti questi bisogni, anche se frivoli, li considera e gli da la giusta importanza, non li nega dietro l'austerità che può derivare dalla parola " madre".
Vabbè, ho straparlato :)

erounabravamamma ha detto...

eh, che dire... sono pienamente d'accordo a metà col Mister (se qualcuna riconosce la citazione offro un giro di tequila o un Negroni sbagliato). Ha ragione Wonder a lamentarsi un po' per hobby un po' sul serio, ha ragione chi le "tira le orecchie" invitandola dolcemente a non esagerare. Il fatto è che ognuna vive la cosa a suo modo ed è sacrosanto che sia così, e due spunti mi sono piaciuti soprattutto: il primo è quello che dice "stai facendo il funerale alla tua vita precedente". Come dire: una necessaria elaborazione del lutto. Il secondo, quello della mamma che dice "tu Wonder avevi 28 anni, io che ho avuto un figlio a 38 me li ero già tolti, gli sfizi". Io oscillo. Mamma a 32, bis-mamma a 35, ancora non ci ho capito un granché. Sogno la libertà, sogno di dormire una notte intera eppure senza i miei figli mi sentirei solissima. Vorrei partire domani per il Marocco e allo stesso tempo penso a un terzo figlio. Sono contenta di tornare al lavoro tra due mesi ma ho anche un po' di nausea all'idea. Scusate il commento lunghissimo.

Improvvisamente in quattro ha detto...

Concordo anch'io pienamente con M.
Quasi che a non essere sempre felici, serene e sorridenti si facesse la cosa peggiore del mondo perchè "cavolo siamo mamme! Cavolo abbiamo una (o due) gioie immense, non possiamo lamentarci".
Ma che stiamo scherzando?
Io mi voglio lamentare e guai a chi mi yoglie questa soddisfazione!

la.stefi ha detto...

Erounabravamamma: mi ricordo di un giocatore che si riferiva a Trapattoni. Ah, bei tempi, quelli in cui guardavo "Mai dire gol".

Comunque, Wonder, a proposito delle tue vacanze "senza sonni eterni, aperitivi pieni di gente, feste, cene fuori tutte le sere, amici che vanno e vengono, spostamenti continui, divertimento" vorrei farti riflettere su una cosa: tutti questi aperitivi, cene fuori, divertimento cosa ti hanno lasciato di concreto? Li consideri una cosa necessaria o una soddisfazione effimera?
Mi sono trovata anche io, un bel giorno, a smettere con una vita di "aperitivi, discoteche, cene fuori, week end fuori, amici, seratone, ecc...". Non per l'arrivo di un figlio, ma per un cambio di fidanzato, seguito da un cambio di vita.
Ho avuto modo di riflettere e pensare che, alla fine, quello che conta sono gli amici e l'amore (fidanzato, marito, figli, famiglia) e poi ci si può divertire in tanti modi diversi.
"Andare in vita" cosa mi aveva lasciato? La soddisfazione di aver girato tutti i locali di Milano, aver cenato nei migliori ristoranti, aver conosciuto qualche semi-VIP, aver frequentato gente snob, aver ballato nelle discoteche di mezza Italia e mezza Europa.
OK.
Ma in concreto?
Mi diverto di più e sono più felice adesso che vado a un aperitivo al mese con mio marito e degli amici a cui tengo di più.

Aggiungo anche che ho un amico con 4 figli che ha sempre girato il mondo con pargoli al seguito. Aldilà della questione economica (bisogna avere un tot di soldi per andare in Costarica in 4 o 5), lui si è fatto davvero delle vacanze "on the road", coi bambini piccoli. Senza stressarli troppo e senza esagerare troppo come si usa da noi in Italia. Lui è austriaco.
Io penso che noi dovremmo anche un po' ridimensionare le nostre aspettative.
Non so se sono riuscita a comunicarti quello che volevo :-)

M. ha detto...

ma di che, Wonder =) ho scritto solo quello che penso. davvero, il tuo blog e le tue parole sono state molto importanti per me - oltre che una piacevole e divertente lettura, ovviamente ;)

avvocato, dici? potrei pensarci, ma dubito che qualcuno assumerebbe mai un avvocato laureato in filosofia...facciamo troppi pasticci con le parole e divaghiamo troppo! ;)

Anonimo ha detto...

Se tu fossi abbastanza eurodotata potresti portarti in vacanza una babysitter (fidatissima, referenziatissima, o meglio ancora imparentata e squattrinata :P)

avresti da pagare il viaggio a una terza persona ma anche la sicurezza di poter vedere tua figlia quando vuoi, quando ti manca, quando hai voglia di tenerla tutta per te e quando prende il sopravvento la Wondermamma sulla Wonderagazza.

il resto del tempo lo passeresti con amici, con il fantomatico papi, con il barman più carino del locale, e un paio di cocktail garantiranno una bella amnesia temporanea sul lavoro a tempo pieno di madre.

dai! Davvero è così difficile? Io voglio pensare positivo, voglio la possibilità di divertirmi, viaggiare, assentarmi, sbronzarmi un po', collassare sul letto ogni volta che ho sonno anche da mamma.


Layla

Francesca ha detto...

no per piacere la babysitter in vacanza no! a me sembra veramente una cosa abbastanza squallida... per rilassarsi avere sempre un estranea tra i piedi non mi sembra il massimo! preferirei le vacanze come l'austriaco, se avessi le forze... ma in futuro qualcosa di simile spero di poterlo fare... porterò mio figlio a fare vacanze normali e itineranti, magari in campeggio, visto che mi ci hanno portato spesso da piccola e mi divertivo n mondo! anche lui proverà l'esperienza del campeggio!!

saretta ha detto...

Mie sublimi mamme, se qualcuna ha pensato che ci fosse una critica a Wonder perchè si lagnava, ha sbagliato.
Leggendo il libro "La solitudine delle mamme" mi sembrava di averlo scritto io: una mamma non può esprimere sconforto, stanchezza, voglia d'altro che subito si sente dire: "Ma che vuoi, hai un bellissimo bambino" (vedi mia madre). La società esterna (che può essere anche tua madre) ha una visione edulcorata e ipocrita della maternità.
Personalmente volevo suggerire a Wonder di adottare qualche volta un approccio "alternativo" del tipo "guarda quanto sono figa che sono riuscita ad organizzarmi in modo da salvare capra e cavoli".

Wonder esistono degli alberghi famiglia in Trentino con tutte le strutture e i supporti adatti alle famiglie per bambini di tutte le età.

Anonimo ha detto...

wonder...mi viene da piangere!!!!
mi viene un po' il magone ripensando all'ultimo giorno di lavoro prima delle vacanze quando ero ancora una non-mamma, che leggerezza, che cuore gioioso...
programmare ma non troppo quello che si sarebbe fatto, gli aperitivoni all'aperto,e dopo le dormite infinite per riprendersi...
e adesso? buaaaaaaa...
questa sarà una vacanzanonvacanza...
poi io non me la sento di lasciare la pargola con la nonna, se vado in vacanza viene con la mamma...insomma ha 10 mesi...
sappi che ti capisco, purtroppo ti capisco...
ciao carmen

M di MS ha detto...

Come hai visto, sei in buona compagnia. Ti ho dedicato un post.

ValentinaB ha detto...

La mia piccola deve ancora nascere (e sembra che dovranno tirarla fuori a forza perchè sta troppo bene nella panza della sua mamma)e sarà l'incoscenza o l'inesperienza ma abbiamo già prenotato 2 settimane al mare a settembre quando la bimba avrà 3 mesi.
...secondo me ci sarà da ridere (o da piangere?) :-)

Trilli ha detto...

Sono OT. Ti ho visto nelle interviste su y. Ti immaginavo cicciottina (sarà quel "wonder" come dici tu?) è invece sei molto carina e meno romanaccia di come scrivi. Per quanto riguarda le vacanze secondo me se opti per un campeggio o un residence (cioè un luogo dove potete socializzare quel tanto che basta vedrai che non saranno male, forse .... :-)

Trilli ha detto...

Ovviamente volevo scrivere che ti ho vista su "youtube" ma devo averlo erroneamente cancellato...

Antonella ha detto...

nnnnnnnnooooooooooooooooooooo che amara scoperta......questa e' la mia prima estate da MAMMA!!!!!

fulmine ha detto...

oddio, e io che non faccio altro che pensare ai mille viaggi esotici da fare con patata? cioè, quest'anno il massimo dell'esotico è il cilento, ma insomma, sono già lì a fare progetti: anno prossimo un paese europeo, poi l'anno dopo magari nordafrica e quando ha tre anni... caraibi! dite che non si può? a me piace l'idea di scoprire il mondo - e le dotazioni di fasciatoi dei bagni pubblici in the world - insieme a mia figlia!

Anonimo ha detto...

Eh già..io mi accingo ad affrontare la seconda estate nanifera, i primi assaggi li sto assaporando con questi lunghi ponti maaaaaa..davvero, altro che relax!! E il peggio del peggio è che le (rare)volte che mi viene in mente di ingaggiare i nonni, ovviamente sono i primi ad essere in vacanza o subissati da millemila impegni..loro si che han capito tutto!
Cara wonder, forza e coraggio!
Un bacione
Anto ^:^

sakscia ha detto...

Aspettate, vorrei difendermi!!!
io volevo solo sostenere Wonder, dirle che il primo anno con un bimbo è un po' uno SCHIFO, ma la mia teoria è che poi passa, basta tener duro e non lasciarsi sopraffare dalla nostalgia di quello che è stato e che comunque può tornare. Il vantaggio di fare i figli da giovane come noi (25 anni quando è nato il primo, 28 il secondo), è che quando loro saranno abbastanza grandi da essere sbolognabili, noi saremmo ancora giovani per divertirci come si deve!

Scusa Wonder per lo sfogo in cui di ho dato della lagnosa, è che ultimamente non sento altro che persone che si lamentano di tutto, mentre io cerco sempre di vedere il rovescio della medaglia.

E poi le vacanze coi figli non sono così male, sono solo diverse...

Luna di cristallo ha detto...

Beh ma una bella vacanza con la polpetta non te la puoi fare? :)
ciao
Laura

Anonimo ha detto...

Ciao wonder io quest'anno ho prenotato al bravo club, lì hanno la biberoneria e ti preparano brodo, passato di verdure, omogenizzati quindi almeno alle pappe non devo pensare! :-) poi in spiaggia spero che il maritino si dia da fare con la pargola.
per la cronaca anch'io ti credevo mora, chissà perchè!

ciao
anyjoe

3bin3a ha detto...

@fulmine: il primo anno la grande 4mesi ci siamo sparati 1200km per andare in normandia, poi 3 giorni in montagna dai miei, 3 dala suocera in liguria ed una settimana in agriturismo con piscina in umbria. Il secondo anno la grande 17 mesi la piccola 3 mesi giro del nord della francia con roulotte e pioggia al seguito. Diciamo che se si vuole viaggiare. Anno scorso 5/4/2 anni provenza, camargue e costa brava. Si può fare tutto, visite ai musei, spiaggia anche nelle ore centrali, cene fuori e aperitivi l'importante è dimenticarsi di come era "prima"!

Anonimo ha detto...

Io sono una babysitter da vacanza.. :) Mi spiego... Non sono madre, sono una studentessa laureata da poco, che durante l'anno fa babysitting a tutto spiano. Per due anni di fila ho accompagnato la famiglia in vacanza, al mare e in Sardegna, loro facevano il loro, e io guardavo la bimba. Avevo il mio tempo libero, e il pagamento era commisurato al fatto che ho visto posti nuovi, e mi son anche divertita. Qualcuno sopra lanciava questa ipotesi... sappiate che è collaudata e funziona... :)

Anonimo ha detto...

... aggiungo, non c'è nulla di squallido ad avere la babysitter in vacanza... Stando un mese in villeggiatura, non si sta assieme tutto il tempo, ma i genitori potevano andare a cena fuori o a fare qualche escursione in gommone, e io guardavo la bimba... Ero solo un appoggio. Ed è ovvio, non ero nemmno una estranea, bensì una persona che ha accudito i loro figli anche durante l'anno... una persona che conoscono e alla quale rivolgersi con affetto e amicizia. Sarò scema, ma squallore non lo vedo. ciao!

Flavia ha detto...

Anonima studentessa baby sitter da vacanza, mi chiami per favore? trovi il contatto su www.veremamme.it
ti piace la Grecia?
no dico sul serio.
perchè dovete sapere che dopo gli ultimi tre anni io ho fatto un fermo proposito. non avendo nonni agibili, ho deciso che MAI PIU' senza un aiuto in vacanza, soporattutto quando trattasi di casetta al mare. e purtroppo anche quest'anno non sto riuscendo a mantenere il proposito per mancanza di materia prima. quindi lascio il mio sos qui...
Flavia

erounabravamamma ha detto...

flavia, vengo io a darti una mano in vacanza. la grecia mi piace un casino. resta solo da capire dove piazzare i miei pupi. quanto tempo ho per organizzarmi?

Lalaura ha detto...

è la stessa considerazione che sto facendo anche io in questi giorni. Com'è che si dice? "vojo morì"? Ecco. Vojo morì.

bombamagagna ha detto...

M. e erounabravamamma una hola e un genufletto..brave!!

Blog Widget by LinkWithin