il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

venerdì 28 agosto 2009

La prima estate

Cosa mi è rimasto di queste prime vacanze con Viola?

Per prima cosa, un sonno della madonna. L’immagine più rappresentativa è la nonna paterna, che poco ha a che fare con lei nei mesi invernali, la quale si offre spontaneamente – quasi a prenderci per i fondelli “non è possibile che sia come dite voi” – di dormirci una notte. Al mattino ritroviamo la pia donna, tanto abitualmente moderata nei toni e nelle parole, con l’occhio iniettato di sangue e la chioma ribelle. “Ma questa è il demonio! Ripijatevela.” Dichiara, lanciandocela quasi a distanza.

Mi sono rimasti i suoi primi passetti. Che fa solamente se tenuta per entrambe le mani - mia nonna di novantatre anni c’ha più equilibrio. Non avendo mai gattonato le manca il fondamentale passaggio in ginocchio, che poi è quello che ti serve per alzarti in piedi, piegarti a prendere le cose, ritrovare il baricentro. Ma dallo scarrafone al passetto c’è un abisso, e noi abbiamo festeggiato l’evento come se si fosse fatta la maratona di New York.


Mi è rimasta la prospettiva del coniglio: ora che ha due denti sotto e le stanno spuntando i due simmetrici sopra, sembrerà in tutto e per tutto il coniglio pasquale. E poi è rimasta – e rimarrà per mooolto tempo ancora – la straordinaria capacità della polpetta di fare le pernacchie. Il brutto è che quando le fa, noi le andiamo dietro con un entusiasmo idiota. Al pranzo di ferragosto, dieci persone spernacchiavano all’unisono insieme a lei.


Mi sono rimaste le cose sceme che durano un’estate: i braccialetti “di smarties” e le girandole sbrilluccicanti. E poi il canottino di Disney e la ciambella con il volante e le papere.


I suoi vestitini adorabili che, approfittando di viaggi e saldi, amici e parenti ci hanno portato in dono come i Re Magi, e soprattutto le sue primissime scarpine vere (massantocielo, quanto costano le scarpe da bambino?!).


Mi sono rimasti gli aperitivi con lei e Lui. Quei momenti di decompressione tra la spiaggia (Vesti! Svesti! Lava! Prendi! Porta! Bagna! Asciuga! Rilava!) e la notte insonne, in cui brindavamo con Spritz e patatine e chiedevamo culi di pane o tocchetti di parmigiano per lei.


Mi sono rimaste le nostre serate da soli. Lasciarla qualche volta ai nonni e riscoprire quanto sono diverse le nostre parole alla luce di una candela, i nostri sguardi nel buio. A volte la bellezza è ritrovare la forma di una scapola così familiare eppure così persa nelle cose, nella fretta. Che la memoria è sotto le dita, qualsiasi cosa dicano.

Mi rimangono i progetti. Li nutro e li curo con ogni energia, sperando che questa volta il destino non sia così arbitrario tra merito e successo. Covo questa certezza zen nel vedermi temporaneamente superata da chi può permettersi di più: più tempo, più risorse, più conoscenze, più fortuna. La certezza che quando tornerò operativa saranno tutti presto in vista, e altrettanto presto alle spalle. E’ quella strafottenza infantile che ti racconti, che serve da scintilla per riaccendere il motore e insieme l’ottimismo.

Condividi

28 commenti:

Lucia ha detto...

Nessun post più di questo meritava il mio primo commento sul tuo blog, nonostante ti legga da un po'.
Ho adorato la tua frase "la memoria è sotto le dita...", clou del tuo bellissimo modo di esprimerti!
Quindi...solo grazie! E non perdere la fiducia in te stessa, perchè hai una gran forza! ^_^
Un bes
Cia

aspirantemamma ha detto...

Non dubito che saprai "riprenderti" tutto quello che hai momentaneamente - e giustamente - lasciato in secondo piano. Riuscirai a farlo e a farlo bene.
Lei è assolutamente adorabile e vedrai che prima o poi dormirà :-)

mammaemigrata ha detto...

"riscoprire quanto sono diverse le nostre parole alla luce di una candela"
bellissimo il post, e questa frase quanto è vera!!! romantica, nostalgica che mi fai quasi scappare la lacrimuccia!!!

silvia ha detto...

Anche noi abbiamo avuto qualche momento libero e un paio di serate soli soletti e ci siamo detti cose che da tempo, e' vero , non riesci piu' a dire . Scoprire che si riesce ancora a farlo e' veramente incoraggiante !!!! Promesse e progetti ...tanti!!! Nella speranza che l'imminente stress non rovini tutto !!!!
Buon rientro !!!
Mommyinprogress.

Saretta ha detto...

Che bella energia!
Ti auguro tutto il meglio!

luby ha detto...

ma prima mi fai ridere a crepapelle e poi mi fai piangere?!?!?!?!
sei una forza!
auguri per tutto, per i passetti , le pernacchie ed i progetti!!!!

zauberei ha detto...

Così te volemo:))

Marilde ha detto...

Le foto sono sempre molto belle, ma quel musetto con i due dentini è...quello che fa perdonare (un po') le notti terribili.
Bentornata!

Wonderland ha detto...

Grazie a tutte, sono contenta che questo post vi sia piaciuto... sono propositiva. Voglio e devo esserlo! :D

Francesca ha detto...

Wonder bentornati!! E in bocca al lupo per tutto, di cuore!

Francesca

mamma al quadrato ha detto...

Bellissimi questi ricordi fotografici e tutto il post. In quanto alle pernacchie: quanto ti capisco... :)

paprika ha detto...

che ti ha lasciato dormire qualche ora in più?! ;-P

Anonimo ha detto...

Ogni volta che guardo le foto di Viola vedo solo una bimba felice con dei bravissimi mamma e papa'.

Un abbraccio!
sybin

Jewel ha detto...

bentornata wonder e in bocca al lupo, di cuore, per tutto

Marlene ha detto...

Le pernacchie a quanto pare sono il must dei bimbi di oggi, in ogni caso ben tornata e buon autunno pieno di novità e cose belle.

Anonimo ha detto...

Brava, ci vuole entusiasmo e buoni propositi! Le vacanze, anche se insonni, ti hanno fatto bene.
http://vistodalei.splinder.com

Mammazan ha detto...

Potrei scirvere un trattato sulo sonno perduto specie per la seconda figlia (18 mesi tra il primo e la seconda).
Su quanto mia madre amasse fare la nonna per telefono......
Sulla stanchezza di dover lavorare e accudire ai due bimbi spesso assistiti da baby sitter che avrei dovuto appendere per i pollici. Sui cambi di pannolini(10/12 al giorno fra tutti e due i i bambini..... allora c'era i ciripà e stavano appena apparendo all'orizzone i pannilini di carta) Alle scene di gelosia ..
Ma tutto passa anche se il ricordo è ancora vivo... ma che meraviglia aver avuto i miei figli... ne avrei anche desiderato un terzo.....
E ho sempre continuato a lavorare coltivando i miei interessi anche se loro erano al centro del mio mondo...
Baci

Rita ha detto...

Bellissimo post e bellissime foto.
Quelle parole dette alla luce di una candela sono quelle che ti danno la certezza di essere una "coppia" non solo due "genitori", questo è il motore dell'intera famiglia.
In bocca al lupo per tutto!!!

Mamma Cattiva ha detto...

Bellissimo post, Wonder. Ce n'è per tutti. Tutto andrà bene.

Anonimo ha detto...

non ci sono paole per commentare qello ch hai scritto...
è sempre bello leggerti...
è sempre bello vedere la tua splendida sdentata Viola...
con un faccino così puoi anche perdonarla se non dorme...
in bocca al lupo per la vostra vita a 3...
Rossana.

Anonimo ha detto...

Ciao Wonder in questi giorni che sei stata in montagna aspettavo con ansia un tuo post... e che dire... è bellissimo!! Viola poi è davvero bella con quel sorriso. Una curiosità... somiglia a te o al papà?

Baci
Annyjoe

Wonderland ha detto...

E' un bel mix...ma ha i miei colori :)

Cris ha detto...

che bello. dai che li riagguanti tutti...!! bacio

valewanda ha detto...

bel post, ben tornata! Valentina

acrimonia ha detto...

Allora, io premetto che ho letto qua e là tanti post tuoi (complici la curiosità mia, la bella scrittura tua e quelle belle cosucce di "Ti potrebbero anche interessare" alla fine di ogni post)e questo blog mi è piaciuto un sacco.
Ho letto tutto in silenzio, ma dopo questo mi son decisa a lasciare un commento.
Che bello questo riassunto d'estate, queste scene, queste fotografie: quelle vere ma anche quelle metaforiche, il fermare un istante per ricordarlo.
"riscoprire quanto sono diverse le nostre parole alla luce di una candela, i nostri sguardi nel buio. A volte la bellezza è ritrovare la forma di una scapola così familiare eppure così persa nelle cose, nella fretta. Che la memoria è sotto le dita, qualsiasi cosa dicano.": questa è pura poesia, Wonder! :)
Complimenti, i dentini e le pernacchiette di Viola sono una meraviglia (e son sicura che, quando anch'io avrò un figlio e si metterà a fare pernacchie, lo seguirò a ruota pure io!!) :D

la ki ha detto...

sono arrivata qua per caso... anche io un po'"disperata" per mio figlio che capriccia e che x tutte le ns vacanze non ci ha permesso di dormire nè di riposare... ti assicuro che leggere il tuo "racconto", mi ha fatto rivivere le mie ferie....e mi ha fatto sorridere molto... bella energia bellina viola... che se non ho capito male a breve avrà un anno no?
esattamente cm il mio matt.
in bocca al lupo per tutto....
kikka e matt

Wonderland ha detto...

Acrimonia e La Ki: grazie mille. Sono felice che qui vi sia piaciuto, spero che tornerete a trovarmi. Bellissimi commenti, grazie :)

Anonimo ha detto...

Di commenti ne ho due... 1) Ora che sai quanto costano le scarpe dei bambini, è ora che tu sappia anche che cambiano numero tre volte al giorno dopo i pasti... se gliele vai a comprare e tornando a casa trovi tre semafori rossi non gli entrano più!
2) Tieni cari i tuoi progetti, ma non gettare troppo il cuore oltre l'ostacolo... lo dici anche tu che il primo anno è passato in un baleno, non si sa come ogni minuto è dannatamente lungo e faticoso ma i mesi e gli anni passano in un lampo! Non commettere l'errore di pensare che la vita sarà domani perché più vita di questa non ce n'è !!

Blog Widget by LinkWithin