il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

lunedì 21 settembre 2009

Quel gennaio

Il 10 gennaio 2008 ero a Londra per qualche giorno.
Avrei dovuto essere abbronzata e rilassata - qualche mese prima avevo prenotato 7 giorni alle Mauritius con Lui - e invece ero bianca come un cadavere e avevo più o meno la stessa verve.
L'anno era iniziato in modo sorprendentemente difficile: avevo appena scoperto di aspettare un bambino. Per questo motivo, forse uno dei pochi che rientra di diritto in quelle che chiamano "cause di forza maggiore", Mauritius era stata disdetta all'ultimo momento. Avevo invece mantenuto il weekend a Londra. Per pura illusione, forse. Per cullarmi in una normalità fatta di "va tutto bene".
Avevo appena compiuto 27 anni e appena firmato il terzo e ultimo dei miei contratti a progetto, della sadica durata di tre mesi.
Ero in Uk per raggiungere Lui, nella capitale inglese per lavoro. Sono arrivata un venerdì di pioggia forte. Camminavo intorno a Carnaby con un ombrello minuscolo, senza riuscire ad evitare il fiume d'acqua che in pochi attimi aveva invaso i marciapiedi. Ok: non era pioggia, era temporale.
Sono entrata in un TopShop a comprare un paio di calze da mettere sotto ai jeans perché la temperatura era polare, e gli unici jeans che potevo mettere - vista la pancetta che iniziava a far tirare i bottoni - erano un vecchio paio con gli strappi. Ci entrava dentro tutto il gelo di questo mondo.
Solitamente amo viaggiare, soltanto entrare in un areoporto di mette di ottimo umore - saranno i geni di mia mamma hostess.
Quel giorno invece avrei potuto essere a Londra o in qualsiasi altro posto, non aveva molta importanza. Ho qualche foto scattata col cellulare, le mani infilate per gioco in un'installazione a forma di crepa della Tate Modern. L'espressione assente.
Succede, quando la notizia di aspettare un figlio ti leva la terra dai sotto i piedi e non riesci nemmeno a pensare, figurati a decidere se tenerlo o meno. Io avevo pochi giorni per la scelta. Una settimana al massimo.
Quello stesso pomeriggio ho fatto un giro nel mio posto di Londra preferito, un posto per turisti, un posto che tutti conoscono. Io ne rimasi affascinata a quindici anni, la prima volta che visitai la city. L'architettura, i negozietti, quel gruppo di musicisti che suonava il tango di Scent of a woman - e che lo suona tuttora.
Ho fatto un giro a Covent Garden.
Ho mangiato un panino biologico che sapeva di cartone e poi sono entrata da David&Goliath. Un negozietto scemo di tshirt costosissime e gadget di vario genere. Non sapevo che avesse anche un reparto baby. L'ho trovato in cima alle scale, al secondo piano.
E c'erano questi body, in particolare questo.
E il mio primo istinto è stato "lo compro".
E poi "cazzo compro, che magari nemmeno lo tengo".
Ed è curioso, che io l'abbia comunque rigirato tra le mani per minuti. Ed abbia fatto la scala su e giu verso la cassa, per poi risalire e lasciarlo lì dov'era.
Ed è curioso, che sia un body da femmina.

Venerdì torno a Londra*.
E, non è curioso ma ovvio, io comprerò quel body.

*specifico: per un weekend...non mi trasferisco. non ancora almeno.

Condividi

44 commenti:

Marilena ha detto...

David&Giliath è splendido e anche Ginevra ha lo stesso body :). Londra ti porta a fare scelte che ti cambieranno la vita...anche per me è stato così...

Anonimo ha detto...

BRAVA!!! Bellissimo epilogo, sono commossa! Il tuo stato d'animo era più che comprensibile, ma avevi già avuto un guizzo di istinto materno. Questa volta divertiti, ormai sappiamo che sei felicissima di aver generato quella meravigliosa creatura che è la tua Polpetta. :-)
Silvia

TuttoDoppio ha detto...

Ce l'ho pur'io! Mica quello eh, io ho il "bring your own bottle!", ma è già diventato stretto... sob...

Tutta la mia invidia per il w-e.
Prima o poi anche io tornerò a Londra e andrò a farmi dissanguare al David&Goliath.

Buon divertimento, speriamo che non piova, ma nel dubbio portati la calzetta strategica...

Hoshi ha detto...

Adesso però andrai lì con un altro umore e potrai fare incetta da David&Goliath, senza ripensamenti! Quando rivivo un momento, mi piace pensare a come l'ho vissuto in passato e tirare un sospiro di sollievo! :)

Buon meritatissimo weekend a Londra! :)

Silvia gc ha detto...

Io a commuovermi leggendo Wonder non mi ci abituarò mai... ma ora capita un po' troppo spesso...

Anonimo ha detto...

ciao! Adoro il tuo blog,
adoro il tuo modo di essere incinta e poi mamma,
e adoro anche quei body!

PetitePrincesse ha detto...

mi emoziono anche io a leggere i tuoi post! finalmente sei riuscita a ritagliare qualche giorno x te, anzi x voi!

ps. che stanotte ti ho sognata!

piattinicinesi ha detto...

e be'. mi sembra un'ottima ragone per fare una bambina, ma ce l'hanno anche in taglia xxxxl?

Saretta ha detto...

Perchè Wonder, hai occasione di trasferirti a Londra?
Fallo subito che la bambina è piccola e ancora devi inserirla nel nido.
Fallo subito anche per te, qui è una palude, figuriamoci per una donna con un bambino.

naviganti ha detto...

bè..io l'annuncio della mia gravidanza non l'ho vissuto molto meglio di te..nonostante non abbia ssolutamente 27 anni (magari!!:-)), nonostante un figlio lo volessi (si, magari non adesso, forse volevo prima ritrovar lavoro e decider serenamente dove vivere!), nonostante fossi addirittura sposata (ma a sta cosa non mi ci abituerò mai!)..
e ora che arriva il momento in cui non posso più volare....ho una voglia pazza di andare a ny o almeno a londraaaaa!!!!

Cristina ha detto...

prenditi un ombrello piu' grande...

sononera ha detto...

Ci sono persone a cui Londra resta nel cuore e nella pancia...io sono una di queste..è come se intorno a quella città fosse scritto un destino..nessuna città per me è come Londra..neanche Roma..
il tuo destino sarà comprare quel body!

MammaNews ha detto...

Wonder ma CERTO che devi comprarlo! Era destino un anno e mezzo fa e ora te lo meriti. e se lo merita Viola. Buon viaggio cara

zauberei ha detto...

Ah quando l'inconscio si allea cor portafoglio è una cosa con un suo che:)

viavai ha detto...

ciao. io ci vivo a londra, ho un bimbo di 10 mesi ed e' un casino. immagino verrai senza la bimba. allora non potrai capire l'impossibilita' di spostarsi con un passeggino in questa cazzo di citta'. fai caso a quante fermate del metro' hanno l'ascensore (forse 2 su tutte le linee!), nota quanti stupidi e inutili gradini ci sono ad ogni angolo, prova a contare quante mamme vedi col passeggino (ma anche quanti disabili ci sono in giro). con tutto che sono contenta di vivere in uk, questa cosa mi manda in bestia. in questa totale mancanza di 'facilities' per chi non ha due gambe su cui contare mi sembra una citta' da terzo mondo!

www.viavai.ilcannocchiale.it

Anonimo ha detto...

grazie viavai. mi hai salvata dall'imminente acquisto di 2 biglietti aerei adulti + 1 neonato per londra.

Wonderland ha detto...

Ciao viavai, si si, rigorosamente senza pupa!!! E' ora di riscoprire un po' la coppia... (e poi ritengo che viaggiare con bambini di quest'età - sopratttutto per spostamenti così corti e in aereo - sia solamente uno stress, sia per loro che per noi.)

Ondaluna ha detto...

Weekend... Coppia... Parola che mi sembrano così lontane dal mio vocabolario...
:_(

Saretta ha detto...

Io viaggio all'estero con Damiano da quando ha 9 mesi, Londra. Austria, croazia.....in particolare a Londra con lui ci siamo andati tantissme volte...anzi lo abbiamo battezzato a Londra...l'unica perplessità l'ho avuta nelle aree gioco con i bambini: donne in burka da una parte e donne occidentali dall'altra

aspirantemamma ha detto...

il cerchio che si chiude, e si chiude con un sano shopping. Buon divertimento!!!!!!

LucyintheSky ha detto...

Ohi, non è che finisce che passi il weekend a dormire? La tentazione sarebbe forte!

MammainblueJeans ha detto...

buon viaggio e buoni acquisti!
io spero di andarci in primavera...

Anonimo ha detto...

Senti....per quello che vale....che ho 30 anni e sto pensando ad un bimbo...io un po' ti voglio bene, perchè mostri fragilità che sento un po' mie.
Scritto così, di getto.
Buona vacanza.

Ester ha detto...

Cavoli è bbbbellissimo quel body!! =)
Vai compralo compralo!

erounabravamamma ha detto...

non sbagliare aeroporto. io l'ho appena fatto (cfr mio blog). la stanchezza. baci, divertiti, compra quel body, e ti scrivo presto

Lila ha detto...

Londra... Che bella... Come questo ricordo... E se si parla di coincidenze io, quel gennaio, quel 10 gennaio, sono entrata in ospedale per partorire :) divertitevi...!!

regina87 ha detto...

Io mi ricordo di quando hai scritto che ti dispiaceva non averlo comprato!!!

fefe ha detto...

Meraviglioso..un bel week end da soli...divertitevi e...riposatevi!!!

caia coconi ha detto...

brava!
è bello ogni tanto chiudere i cerchi ;)

Anonimo ha detto...

ALLORA FOSSI IN TE NON MI LAMENTEREI TROPPO, PENSA CHE C'E' ANCHE CHI NON PUO' PERMETTERSI WEEK END DI COPPIA PERCHE' NON HA NESSUNO A CUI AFFIDARE LA POLPETTA CHE COMUNQUE NON DORME MOLTO,CHE LAVORA TUTTI I GIORNI E ALLATTA ANCORA...ALLA FINE MI RIVALUTO PARECCHIO!!! senza nessuna nota polemica, ma solo per una dose di autostima...quando ce vò ce vò!!!

Wonderland ha detto...

Assolutamente. Mi inchino e ti faccio i miei sinceri complimenti per la resistenza. Io avevo deciso dall'inizio che per me non sarebbe mai stato così, a costo di vendermi il computer su ebay per pagarmi la babysitter, se la nonna non fosse stata disponibile. Penso che serva a tutti, a un certo punto. Ti ammiro, perchè a differenza di me non perdi la testa. Io senza questi attimi di respiro diventerei matta. Ma matta seria.

Anonimo ha detto...

LA TESTA LA PERDO ECCOME, MA DEVO FARE I CONTI CON IL NOSTRO BUDGET FAMILIARE CHE NON PUO' PERMETTERSI LA BABYSITTER PER UN INTERO FINE SETTIMANA DOPO LA RETTA DA PAURA CHE SE NE VA PER L'ASILO NIDO.COMUNQUE TI INVIDIO...DI UN'INVIDIA BUONA E SANA, DICIAMO CON LA SPERANZA DI POTER FARE ALTRETTANTO. PER ADESSO MI GODO LA POLPETTA DI 1 ANNO E 20 GG.(anche io la chiamo così)CHE CON IL NIDO E' DIVENTATA BRAVISSIMA E I MIEI ATTIMI DI RESPIRO SONO QUELLI A LAVORO, DOVE PENSO AD ALTRO E MI SENTO DI RIAPPROPRIAMI UN PO' DELLA MIA VITA, I WEEK END CON LUI SONO UN'ALTRA COSA, MA ANCHE RIPRENDERE IL LAVORO, ANCHE SE E' DURA, MI HA FATTO BENE.
SPERO DI POTER FARE UN VIAGGETTO AL CALDO IN INVERNO....CHIARAMENTE CON LA POLPETTA!!!
Ciao Elisabetta.

Anonimo ha detto...

Anche io un po' ti invidio... allatto ancora la mia bimba di 20 mesi che non ha MAI dormito più di tre ora di fila, lavoro full time, nessuna babysitter e nessuna Olga ad aiutarmi in casa e nessuna nonna a darmi nemmeno 5 minuti di tregua... i miei attimi di respiro me li prendo qui sul tuo blog ;-)

In compenso qualche we (polpetta al seguito) lo abbiamo fatto anche noi, ma da soli è un'altra cosa!!
(sigh)

emanuelas ha detto...

anche io sono una di quelle persone a cui Londra resta nel cuore e nella pancia...il covent garden soprattutto..quindi capisco la magia..e l'ultima mia fuga lì è stata a novembre 2008 incinta di 3 mesi..ma io quel body l'ho comprato (non proprio quello, ma insomma.. hai capito!)
buono shopping.. ;-)
anche io spero di poterci tornare presto, col mio alienetto stavolta!

Anonimo ha detto...

Sai cosa Wonder? Ti invidio (in senso buono, ovviamente!)perchè io non avrei mai il coraggio di chiedere a mia mamma se mi tiene mia figlia per un weekend perchè voglio andare a Londra o in Sardegna con il mio ragazzo. Nonostante la mia mamma sia giovane, in forma e perfettamente in grado di tenere una pupa di 11 mesi per diversi giorni, mi sembrerebbe di chiedere troppo, anche perchè a questa età hanno bisogno di tutto e le notti di sonno non sono affatto scontate. Ecco, spero davvero di trovare presto il coraggio di fare come fai tu!! Perchè è vero che le nonne sono felici di stare con i nipoti, ma quando sono così piccoli sono davvero un grande impegno.

Francesca

Ps: adoro il tuo blog e ti seguo sempre!

Anonimo ha detto...

l'invidia non è mai buona, nè sana.

patti

Anonimo ha detto...

penso che ogniuno di noi abbia qualcosa di 'speciale'. io (invidio= mi piacerebbe) questa situazione perchè purtroppo mia mamma non ha la salute per potersi occupare di mia figlia, però ho un marito che non se ne trovano più in giro.
Comunque era per dire che non cercavo ammirazione da nessuno, ma ogni tanto mi va di sentirmi un pò bravina!!!!
Elisabetta

Anonimo ha detto...

Ciao, sono l'altra anonima, quella con la bimba di 20 mesi, mi sono accorta di non aver firmato!
Ho scritto un post un po' più "acido" del necessario, scusa! (una botta di invidia, lo ammetto, per me un we fuori col marito sarebbe un sogno!! Però forse mi hai dato la scossa per cercare di organizzare almeno una serata noi due soli... chissà!)
A me il blog piace tantissimo, continua così!

Elena

Wonderland ha detto...

Grazie a entrambe. Per quanto mi riguarda, Elisabetta, io un BRAVA te lo faccio sinceramente, perché so quant'è dura occuparsi di un bambino senza nessuno che ti aiuti. Io l'ho fatto per poco tempo, quando abitavo lontana da mia madre, e devo dire che l'ho trovato faticosissimo, sia fisicamente che - soprattutto - psicologicamente.
So di essere molto fortunata a potermi permettere weekend fuori con Lui, ma spero che questo per voi sia - come dice Elena - di stimolo e non di invidia. Per quanto difficile, vi invito di cuore ad organizzarvi in qualche modo - nonna, babysitter a ore, sorelle, zie - oer trovare del tempo per voi e per la vostra coppia. E' salute mentale, secondo me.
Un abbraccio a tutte e grazie.

sabrine d'aubergine ha detto...

Il tuo è un blog delizioso, a cominciare dall'immagine dell'home page. Scrivi molto bene, con garbo grintoso ed ironia. Sei una mamma giovane alle prese con una vita gioiosamente stravolta da un figlio: è accaduto lo stesso a me e mi ricordo di quei periodi (ho fatto il bis...) con divertimento e stupore. Se ci ripenso mi chiedo: ma come ho fatto a farcela? Eppure ce la si fa... Giornate di sole, giornate un po' così, istanti tra follia e tenerezza che ti rimangono dentro per sempre. Impegno e allegria possono andare a braccetto, quando si è giovani mamme. Brava! A presto

Anonimo ha detto...

No Patti, la mia invidia è proprio buona e sana, perchè volendo avrei la possibilità di lasciare la mia pupa a mia madere anche per un mese, lei non vede l'ora! Sono io che hoi paura di chiedere troppo e non ce la faccio (per ora), però leggere Wonder mi sta dando una carica in più e, sì, anche uno spunto per riflettere che, in fondo, smollare mia figlia per qualche giorno farebbe bene a tutti: a me, a lei e alla nonna! Per questo dico che l'invidia buona esiste (forse ha anche un nome ma non saprei).

Francesca

Wonderland ha detto...

Thumbs up per Francesca :D Aspetto con ansia un tuo commento dalla Thailandia (vabbè, anche da Firenze) senza la pupa.

sybin ha detto...

Hey Wonder, allora ti aspetto! ;-)

Anch'io sono trapiantata a Londra, e anch'io ho lanciato ogni sorta di improperi quando dovevo spostarmi sotto la metro non con passeggini, ma con due, ripeto, due valigie stra-cariche.
Essere donna a volte e' un problema.

Ah, ti ho votata, ma ho dovuto esprimere mille altre votazioni per blog che in realta' non ho mai letto, quindi qualcun'altro si becchera' un voto qualunquista.

Qui a Londra il tempo e' splendido, la sera fa freschetto, ma di sicuro non ci vogliono le calze. Pensavo che e' piu' di un anno che abito qui e ancora non ho avuto tempo di farmi un giro come si deve a Covent Garden.
Ma si puo'?

Buon week-end!

sybin

Stella ha detto...

La mia vita somiglia alla tua in maniera impressionante, salvo alcuni particolari ovvio. 26 anni, quasi 27, vivo ad amsterdam con il mio compagno e ho da du giorni scoperto di essere incinta. Ieri guardavo un vestitino da bimba in una vetrina e tu potrai facilmente immaginare quali pensieri possano essersi affastellati nella mia mente.

e pensare che una settimana fa ho scoperto il tuo blog digitando su google "vestitini zara", ma io intendevo quelli che durante le notti insonni si macchiano di Rhum non con i rigurgiti...

Ora mi sto leggendo il tuo blog a ritroso nel tempo,e incredibilmente mi sta aiutando, per quanto è possibile.

complimenti vivissimi, da queste pagine traspare l'essenza di una donna fantastica. Chissà magari un giorno ti somiglierò anche in questo.

un abbraccio e mi raccomando, rimettiti presto!

Blog Widget by LinkWithin