il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

mercoledì 16 dicembre 2009

Fateli contenti

Ce l'avete presente quel momento?
Quello in cui scartate un regalo fatto da una persona che vi conosce, ma non abbastanza bene da azzeccare i vostri gusti, nemmeno di striscio?
Aprite, e dentro al pacchetto c'è una palla di vetro con la neve. O un set di spazzole del supermercato. O un kit di bagnoschiuma e saponi al muschio bianco che puzzano come la morte. O una tshirt aderente color vinaccia, ma voi siete Giuseppe e la zia non ci vede più tanto bene.
Ecco.
Arriva Natale, e lo spauracchio del dono indesiderato si fa strada nei nostri cuori insieme al presepe, al panettone e ai fichi secchi.

E' rimasto negli annali della famiglia un regalo fatto a mia nonna qualche anno fa. La vecchia era ed è tuttora solita prendere e andarsene di casa senza avvertire nessuno. Solo quando il motore a uncinetto della sua 126 senza un sedile schioppettava sotto casa, qualche parente capiva. Correva alla finestra, la spalancava, gridava richiamandola. Era troppo tardi: la vecchia era andata.
Chissà dov'era, chissà quando sarebbe tornata.
Nove volte su dieci la si ripescava in giro per Roma con l'amica Gianna, ottantasette anni. La restante era una caccia al tesoro disperata, che spesso si concludeva solo al suo ritorno.
"Dove sei stata?"
"A fare un giro."
"Perché non ce l'hai detto?"
"Perché, tu mi dici sempre dove vai?"
"No, ma io non ho ottantacinque anni."
"Nemmeno io. Li compio tra un mese."
Ecco, la nonna è così. Un po' ti prende per il culo, un po' parla seriamente e con presunta inattaccabile razionalità.
Fu così che, quel ventiquattro dicembre, la nonna scartò il pacchetto rosso, frutto della colletta e dell'ingegno dei tre figli.
Dopo un intenso attimo di pathos in cui rischiò l'amputazione di tre falangi per aprire il nastro del regalo, tirò finalmente fuori dalla carta quella scatola bianca, con un logo inconfondibile.
Guardò i figli e disse:
"Ah. Un cellulare. Proprio quello che non volevo. Grazie, eh."

Non c'era una nota di ironia nella sua voce, ma mentre i figli ci rimasero piuttosto male, noi nipoti per poco non restavamo secchi dalle risate.
"Proprio quello che non volevo" è un'espressione ormai storica per tutta la nostra famiglia. E' per questo che, ora che mi mancano ancora circa sei regali da fare, voglio sceglierli per bene. Costino cento o cinque euro, siano reperibili all'Ipercoop o in uno shop online australiano, siano eco-friendly o urban-chic, io devo trovare la cosa giusta.
Il problema è uno solo: la troveranno per me?
Che io ho preso un po' dalla nonna. Se apro la carta e non ci trovo dentro qualcosa che mi piace faccio quella faccia da gioia stitica: provo a dire qualcosa di bello ma proprio non esce.
Di solito mi limito a commentare il dono, e qui vorrei condividere alcune frasi ad hoc per la situazione, ma vi prego di suggerirmente altre vista l'imminente ricorrenza.

"Ah, (colore X)! Molto originale, non avevo un (oggetto/indumento X) di questo colore!"
vale anche per i tessuti. Tipo "oh, pecora! che scelta originale, non avevo ancora un portaocchiali di pecora."

"Ma dai, non avevo mai pensato ad un oggetto del genere ma so che è utilissimo"

ottimo per spremiagrumi, frullatori, minipimer, spazzolini elettrici, bilance elettroniche solo se siete sotto i 90kg.

"Poi dovrai spiegarmi come si usa, sembra fichissimo."
bene per tutta la media tecnologia, dall'mp3 al silk-epil.

"Dicono che quest'anno va tanto..."
questo va bene un po' per tutto. trovatemi un regalo a cui non si applica. tanto se lo dite e non è vero le cose sono due: o il mittente non capisce una ceppa di tendenze, e allora lo fate felice. o penserà che VOI non capite una ceppa di tendenze, e sarà felice lo stesso.

Io predico bene ma razzolo malissimo, ve lo dico.
L'ultima volta che un parente mi ha regalato un cappellino in feltro marrone con una decorazione stile stella alpina, ho rantolato: "ma che cariiiino"
La risposta è stata:
"Se vuoi puoi cambiarlo."

Ecco, se vi dicono così, sappiate che questo post non ha funzionato.

Condividi

58 commenti:

Alessia ha detto...

Mia zia mi ha regalato per 15 anni mutande su mutande (memorabile il paio verde mela in pizzo, con me che avevo 11 anni!!!), finche' le ho fatto notare che avevo abbastanza scorta per i prossimi 3 millenni....adesso mi regala tonnellate di calze e calzini (soprattutto ora che la figlia lavora alla golden point!) ;)

Per quanto riguarda amici/compagni di scuola/cugini ogni anno c'e' qualcuno che mi regala un sapone/bagnoschiuma dell'aquolina alla fragola (e io odio qualunque cosa che odori di fragola, lo sanno anche i muri!!!!)


Certa gente e' senza speranza...

girl68 ha detto...

"ma dai non ti dovevi disturbare così"
oppure "era proprio il regalo che avrei voluto ma non ho fatto in tempo a comperarlo"
devo dire che anch'io sono come tua nonna se non mi piace non mi piace ecco.

Lalaura ha detto...

io mi incazzo (si può dire?) come una bestia se quei tre amici, il mio ragazzo (ahahahaha scusate ma mi fa tanto ridere chiamarlo così :D) e i miei genitori non mi fanno un bel regalo. che non vuol dire costoso, solo azzeccato.
io ho l'incubo degli orecchini. Ora ne ho solo due per orecchio, ma una volta avevo quattro cinque buchi per orecchio. Ma sempre i soliti orecchini. Perchè a me non piacciono gli orecchini. A me piacciono i buchi. Quindi avevo brillantini e basta. E tutti a regalarmi orecchini. Ma diamine, ti sei mai accorto che non li cambio MAI neanche per far piacere a chi me li ha regalati? gli ultimi, terribili, d'argento, di forma animalesca che potevano essere delfini o leoni marini o squali martello con una pallina di similperla. non so neanche più dove sono finiti.

a me piacciono le cose tecnologiche, i cappelli, i braccialetti,ki libri. non trovo che un libro sia sempre "il solito regalo". ci sono infinità di libri. infinità. ecco.
maledetti orecchini :D

vorrei far presente che la parola da verificare è COION :D:D:D

LucyintheSky ha detto...

Lo scorso natale il mio ragazzo mi ha regalato un completino intimo La Perla Senior, scelto per colpa della sorella (donna esperta in lingerie?), da maitresse settantenne!
Dico io...ok che mi vuoi maiala, ci sta tutto, ma almeno fammi agghindare da baldracca ventenne!
Dopo aver scartato ho finto gradimento per pochi nanosecondi, di più non ho potuto. Alla fine l'aveva scelto lei...
L'ho cambiato con un completino Miss Sixty, più Young di così! :D

MammainblueJeans ha detto...

frase tipica da regalo-pacco: "bellinooooooo, grazie" oppure:
"simpatico...originale..."

Memorabile: "ommioddio" quando ho ricevuto un set sale&pepe a forma di porcelli con cappellino fiorellini e vestitini...rabbrividisco ancora

bismama ha detto...

Come ti capisco! Io sono una persona con tendenza alle fobie riguardo la sporcizia....mi lavo tre volte al giorno....per questo tutti si arrogano il diritto di poter pensare che regalandomi un bagnodoccia con crema abbinata (ne ho 24 ancora inscatolati!!!) sarei felicissima. Invece data la fobia di cui sopra, mi sembra mi dstiano dicendo "lavati perchè puzzi" inoltre scelgono tutti quel caxxo di muschio bianco....eccheppalle!1

prudence ha detto...

Ecco, hai punto sul vivo. Io proprio l'abolirei questa storia dei regali perchè quella faccia da paresi che mi viene mi rimane appiccicata per tutta la serata e quando tutti vanno via mi fanno male le guance. mi tradisce solo la lacrimuccia che si affaccia all'angolo dell'occhio sinistro: allora li è chiaro che mi sgamano

UnNickname ha detto...

Mi accodo a Prudence... se uno non ha voglia di accettare quel che viene, ma io quasi quasi lo lascio senza regalo e basta, ecchediamine!
Io è una vita che cero di azzeccare i regali. Mi ci impegno, eh! Eppure sai quanti ne ho cassati... E mi impegno, mi scervello. E MAI riciclerei un regalo. MAI! Perché qualsiasi minchiata è stata (io mi illudo) scelta con più o meno fatica apposta per me.
Poi c'è chi il regalo lo fa così, a caso, perché va fatto "e tanto poi lo riciclano" (non faccio nomi: mio marito) e vive tanto meglio di me. Alla fin fine mi dico... se non è piaciuto, allora davvero tanto vale riciclerlo, magari almeno l'oggetto torna a vivere e non i soldi non sono stati proprio buttati nello sciacquone.
Sì, OK, non ho l'idee chiare sull'argomento, e sì, il Natale mi stressa! (ma mi piace *_*)

extramamma ha detto...

Ottimi consigli: mi stampo il post ma poi purtroppo non riesco mai a dissimulare perchè nella mia faccia, nonostante mi sforzi di sorridere, la smorfia di disgusto/disappunto ha sempre il sopravvento!

parisjam ha detto...

Rabbrividisco già da settimane al pensiero di cosa riuscirà a regalarmi mia cognata... Tra i regali passati spiccano una t-shirt a maniche lunghe rossa con una renna gigante ricamata in brillantini. Che al limite si potrebbe usare sotto le feste ma, essendo una t-shirt di cotone, solo se le si passa in California.
La vendetta l'anno scorso: ha convinto mia suocera a regalarmi un orribile cardigan a righe con ricami floreali (!!!!) e lei ne ha ricevuto uno uguale "Visto che ti piaceva tanto per lei, l'ho preso anche per te!"

E' che purtroppo non ce la faccio a riciclarli. Non riesco a regalare cose tanto brutte...
Se proprio non trovo niente, mi butto sui libri, che vanno sempre bene!

Anonimo ha detto...

Straordinaria Wonder.
Sei l'unica che alle 10 di sera dopo una giornata di cacca, mi fa schiantare dal ridere...grazie solo per questo.
Per i tuoi consigli, davvero ottimi, peccato che io rientri in quella categoria (ristrettissima a quanto pare) di quelli che non possono applicare nulla di tutte ste situazioni:non ricevo mai regali per Natale.
Dimmi se non è culo questo!!!!!!!!!!!!!!
hihihihihihi

Twinneris

Mamit ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mamit ha detto...

Mi scrivo per bene tutte le tue dritte, poi mi faccio il "bigino" - come lo chiamate voi a Roma il "bigino"? ah, bigino anche voi! bene - lo metto nel reggiseno e prima di aprire i regali me lo ripasso e che Dio me lo mandi buono. Il regalo, intendo!

A parte questo, sono talmente cosnosciuta per la mia totale incapacità di fingere gradimento, che ormai da anni nel momento stesso in cui mi porgono il pacchetto mi rassicurano "lo puoi cambiare". e giâ parto un po' più tranquilla.
Grazie Wonder, sei meglio di un call-center grandi emergenze.

Mamit

Hoshi ha detto...

Io invece sono paraculissima e davanti a regali, quali: Trousse da due soldi o boa rosso da mignotta d'alto borgo, rispondo sempre con un falsissimo mega sorriso e un " Ma grazieeeee, che bel pensiero! " ;D

Non mi ha ancora sgamato nessuno. Per il momento.

diana ha detto...

io e i miei amici dopo Natale facciamo la cena degli orrori..ovvero il regalo più brutto ricevuto....tutti ne portano uno e ne vincono un altro...è vero non ti liberi dell'orrore ma il divertimento sta a dare a qualcun'altro il tuo in dono per un ambo o una cinquina.....anche a me i regali mandano in crisi...quest'anno cibo!!!

Dada ha detto...

Sei mitica!!!! Mi fai sempre morire dal ridere, adoro leggerti, complimenti! Per i regali.... Io sono comprensiva, capisco sia difficile trovare il regalo giusto, ma non per questo lo comprendo. C'è crisi, risparmiamo. Il Natale è per i bimbi, facciamoli a loro ;) Cerco così di scappare dal dover recitare falsi gradimenti.
Ti abbraccio
Daiana

emanuelas ha detto...

la sai una cosa..chi non mi azzecca i regali di solito è gente che mi conosce poco e/o che non mi frequenta, con cui insomma non passo il natale insieme..io da qualche anno a sta parte dico: "ti dispiace se lo apro a natale?..lo metto sotto l'albero insieme agli altri, così quando lo scarto ti penso!" ...ghghghgh nessuno a mai osato dirmi di no.. almeno non vedono la mia faccia schifata..e poi mando un messaggino: 'grazie mille buon natale'.. così mi sono tolta l'imbarazzo..cerco che sei poi sbaglia mia sorella..la uccido!! :-) bacio
e.

emanuelas ha detto...

ho fatto un po' di casino ortograficamente..ma sto sfatta :-/ notte
e.

SARA ha detto...

Wonder, la "cena pacco" funziona sempre:noi la facciamo tutti gli anni..
Funziona che tutti svuotano casa dei peggio troiai(termine fiorentino per indicare vere ciofeche), che verranno accuratamente numerati dopodichè verranno assegnati previa sorteggio ai presenti..
Se poi,come nel nostro caso, la "cena pacco" è organizzata dalle Zie (fitto gruppo di amici gay e parecchio gai,allora si che ti ritrovi proprietaria di cose fighissime...e loro adoVeVanno il tuo ciarpame!!).
Quindi, ad ogni regalo non azzeccato il mio commento ad alta voce è:
"GRAZIE!!E'PROPRIO QUELLO CHE MI CI VOLEVA!!..."
..e la frase finisce mentalmente con: "..PER LA CENA PACCO DALLE ZIE..QUEST'ANNO TRIONFO ASSICURATO!!"

Anonimo ha detto...

Io un anno ho ricevuto una borsa di fintissima pelle nera lucida, ma in realtà era di plastica di 4 categoria, di quelle che si trovano dai cinesi...saperva una puzza incredibile di plastica e sembrava (giuro) un sacco per l'immondizia. Ancora mi viene male se ci penso...io però ho adottato una tecnica. Quando ricevo un regalo dico subito a chi me lo ha fatto che lo metto sotto l'albero per poi scartarlo proprio il giorno di Natale...perchè non sono affatto brava a fingere...!!! Così me la cavo con un sms o una telefonata di ringraziamento e, si sa, quando non si è a 4 occhi "tutti i santi aiutano"!!! E fra parenti ci diaciamo cosa vogliamo: non c'è l'effetto sorpresa ma almeno si va sul sicuro!!
Oh tua nonna è un mito Wonder! Pure la mia ha 85 anni, ed è come la tua...sarà la generazione!!!

Francesca mamma di Alice

paleomiki ha detto...

io non sono una persona difficile per i regali, basta un libro e sono felice. Eppure le amiche di mamma continuano a regalarmi cose trendyssime (secondo loro) come una borsa rotonda di dieci centimetri di diametro, verde marcio e con le frange, oppure babbi natali porta candele che fanno schifo persno chiusi nell'armadio.

Un altra frase classica è: ma che gentile, non dovevi disturbarti! oppure: bellissimo, so già quando metterlo (evitare di concludere con la verità, del tipo: a carnevale/per ritinteggiare il bagno/per pulire il camino ecc ecc)

amrita ha detto...

io per evitare l'imbarazzo,perchè davvero NON SO FINGERE,non so mentire,io non so...ecco,per evitare tutto questo ho sparso la voce in 10 anni che il natale mi sta sullo stomaco,che detesto i regali,che mi mettono in imbarazzo,che preferisco fare a meno.ecco.non festeggio il mio compleanno da quello degli 8 anni,dove si vede che andavano di moda i salvadanai,perchè ne ho ricevuti 9.o,che qualcuno abbia pensato di riempirne 1!
niente.semplicemente nessuno mi regala più una cippa.è fantastico.ed io continuo a regalare i libri che vorrei che qualcuno mi comprasse,le magliette che adoro,l'orologio che trovo troppo figo,la borsa scamosciata,il completino intimo,il portachiavi fatto a mano,con cura e amore.ecco,è che la gente fa regali per poter dire che l'ha fatto e sta a posto con la coscienza.meglio non farli allora.

Marta Bartone ha detto...

Stessa cosa succede a me...SEMPRE! Tranne con i miei, che ci azzeccano sempre. Con tutti gli altri, anche con il mio ragazzo, sono sempre in super imbarazzo! E se alla fine mi piace anche il regalo, la faccia da gioia stitica rimane. Infatti qualsiasi festa od occasione in cui ricevo regali, è una tortura. Propongo di aprirli da sola più tardi ma ormai tutti aspettano quel momento in cui farsi 4 risate per le facce che faccio e per come faccio rimanere la gente!

PAOLA ha detto...

Secondo me questo succede perchè ormai facciamo i regali di fretta, senza riflettere. Dovremmo comprare agli altri quello che vorremmo ricevere noi (ovviamente personalizzandolo in base alla persona), anche se si trattasse di pensierini da 5 euro. Io per fortuna non ho mai ricevuto veri e propri obrobri, ma, se potessi, eliminerei il fare regali... è troppo stressante, solo ai bambini! Ecco! Almeno loro non fingono...
Noi in famiglia ci diciamo quello di cui abbiamo bisogno, così non si sbaglia e nessuno riceve minchio-regali o cionate, come le chiamiamo noi! Lo so che dopo non è più una sorpresa, ma non abbiamo più nemmeno 7 anni no?
So solo che quando arrivano le feste il livello di schizofrenia mi sale alle stelle, è una corsa unica, uno scervellarsi senza fine... ma il Natale non dovrebbe essere sinonimo di semplicità e sobrietà?

Ann@ccì ha detto...

hahaahah IO TI ADORO!!!!

ho una zia soprannominata da me ZIA THUN.. tutti sanno che odio il soprammobilame... ebbene questa zia sono anni che mi regala soprammobilame thun (NON MI PIACEEEEEE) l'anno scorso mi ha chiesto cosa volevo per natale... le ho detto un pigiama... secondo voi con cosa si è presentata? con un angelo thun... ma si può?!?!?!?MA NON MI PIACEEEE!!!

Mia madre mi voleva regalare una borsa: le ho fatto un disegno della borsa... con cosa si presenta? con un oggetto color cacchina con scritte color diarrea adatta forse a sua nonna...(LO SAI O NO CHE TUTTO CIO' VHE NON é TINTA UNITA NON MI GARBA??!sei o no mia madre!??) e tutto giustificando con "ma questa vale molto di più di quella che piace a te..."
macheccaspiterina...il mio problema è che nessuno mi chiede se voglio cambiare... uuuuffaaaaaaaa

Valentina ha detto...

Allora Wonder non so' se hai mai visto il film "Parenti serpenti..
Bhè ci sono due scene pazzesche dello scambio di regali tra cognate..
La prima:
Cognata uno regala alla cognata un po' sfigata,brutta e cicciottella un babydoll rosa di pizzo che sta bene solo a belen...
E lei con aria imbarazzatissima gli fa':"beeeellla,sono anni che vado alla ricerca di una vestaglietta di questo colore e non sono mai riuscita a trovarla.......aDESSO ARRIVI TU!!!":)

2 scena: Sempre una cognata che da' il regalo alla cognata bruttarella...
Un apribottiglie orrendo col delfino e lei se la guarda e seria gli fa:" HAI ESAUDITO UN SOGNO!!!!!!"

ti lascio il link... http://www.youtube.com/watch?v=FT405XaOjOc
Guarda al minuto 2.00!!!
FANTASTICO!!!!

BACIO
Valentina

P.S. Ti ho mandato una mail per un consiglio su Londra....quando puoi...;)

la.stefi ha detto...

Io penso che tutto succeda perché la gente vuol fare regali a tutti. A me i regali di Natale non interessano: alla fine è una convenzione. Mi fa più piacere se uno si ricorda di me al mio compleanno, ma Natale mi sa tanto di "Io compro a te, tu compri a me".
Poi odio quando tu ti sforzi di regalare qualcosa di personale (tipo l'anno scorso che ho comprato un anello per un'amica) e loro ti regalano un portacandele del mercatino da due euro, vedi mio blog :-)
Io non faccio regali costosi, mi sembra uno spreco. Però pensati sì. L'anello costava 20 euro, ma era adatto alla persona e decorato con cristalli rossi. Invece il portacandele era un oggetto anonimo.
In famiglia cerchiamo di regalarci cose utili, giusto per farci un pensiero tra di noi. Ma per famiglia intendo mamma, papà, sorella e nipotini (a loro libri, giocattoli, quello che chiedono nella letterina, insomma).
Ma non andiamo oltre, non facciamo regali a zie, cugini, vicini di casa altrimenti diventa uno stress enorme e una cosa ridicola.
Devo sbattermi a prendere 30 regali e poi ricevo in cambio altri 30 regali, di cui magari 20 non azzeccati, che mi riempiono la casa di oggetti che non mi servono? Che senso ha? Oppure fare come la mia "amica" che mi chiama solo a Natale per chiedermi se vado (io) a casa sua a prendere il mio regalo? Ma tienitelo! Ma chi ti conosce? Cosa ne saprai dei miei gusti che non ci vediamo da 10 anni (perché TU non vieni mai da me, beninteso).
Essendo molto contro il consumismo e l'inquinamento, cerco di limitare tutti gli sprechi e quello dei regali è uno di questi.
Quest'anno ho ridotto ulteriormente e all'amica "ciofecona" sapete cosa regalerò? Una "meravigliosa" cornice di ceramica che mi è stata regalata qualche anno fa.
Così me la levo dalle palle e faccio anche felice lei, che ha quel tipo di gusti.
Altrimenti, esiste e-bay ragazzi!
Ah ah ah!

p.s. concordo sulla puzza del muschio bianco. Ma qualcuno l'ha mai annusato dal vero 'sto muschio bianco? Sapete che lo fanno con le ghiandole sessuali di non so più che animale? Non scherzo, eh. E' da tenere presente se si è animalisti.

Ann@ccì ha detto...

ah dimenticavo:
-quest'anno il regalo del fidanzato me lo sono scelto, fatto incartare e per natale me lo da... sono emozionatissima.... ahahhahah
-alle amiche regalo oggetti o cibarie handmade... se non altro apprezzeranno il tempo impiegato...
-se un regalo proprio non è azzeccato (tipo infusi ai frutti di bosco, ma io ho problemi di stomaco)lo ricevo, faccio un sacco di complimenti e poi riciclo .... cioè avviso che è un regalo è nuovo e non posso usarlo...
-per tutti quelli che non regalano libri perchè è il solito regalo
MAGARI FOSSE IL SOLITO REGALO!!! NON NE RICEVO DA ANNI.... sigh sob...

Rudy ha detto...

Per me funziona bene il: "Non ci credo!" con tanto di sorriso rotto dallo stupore e piegamento indietro della testa. Ottimo anche il "Noo ma sei matto/a" che può sottintendere "sei matto a spendere così tanto" oppure sei matto e basta...
Certo che tutta la mia capacità di finzione regalatami da molti anni di teatro nulla ha potuto di fronte al soprammobile bambolina in conchiglie stile capesante di mia zia!

Anonimo ha detto...

allora dimmi che faccia si può fare e che cosa si può dire di fronte a una che si presume ti conosca e ti regala una pianta grassa..
UNA PIANTA GRASSA DICO??
che già che ci sia scritto grassa nel nome fa presumere che non possa essere un regalo gradito no?
che je dici? "originale"?
ORIGINALE??????
io direi piuttosto "ma che davvero?" e con questa citazione aulica, ti saluto!
L

emanuelas ha detto...

@sara della CENA PACCO:
da noi si usa la TOMBOLA degli ORRORI, il principio è lo stesso, ma più gli oggetti sono kitsch più in alto saranno nella colonna premi (es. per la cinquina e la tombola quelli più orrendi in assoluto), è divertente perchè
bisogna stare attenti che chi vince si nasconde..e quindi tutti guardano le cartelle di tutti.. è un casino!!
la regola:
chi vince la TOMBOLA, deve esporre il premio in casa fino al natale successivo. sono previsti controlli a sorpresa durante l'anno! :-)

M. ha detto...

io sono una di quelle babbalone che si diverte di più a fare regali, piuttosto che a riceverne. ho anche l'ardire di dire (!) che ci azzecco quasi sempre, perchè cerco di considerare per bene i gusti del destinatario, evito di scegliere cose ovvie (sono banditi profumi, cravatte, portafogli, cinture e compagnia bella...a meno che non sappia con certezza che la persona li desidera), evito anche di regalare capi d'abbigliamento perchè lì i gusti sono troppo personali e sbagliare è facilissimo. da qualche anno ho anche abbandonato l'usanza dei regalini "dovuti" in serie a persone di cui non mi frega una cippa e li faccio solo a chi è veramente importante per me, e il rischio dell'errore si riduce notevolmente. quest'anno però, contravvenendo a tutto quanto, ho fatto al mio uomo un regalo diciamo, ehm, "importante", che può portare a tre ipotetiche reazioni post-spacchettamento:
A) scoppia a ridere fino all'atarassia
B) rimane a fissarlo, spaventato e sconvolto
c) e vissero per sempre felici e contenti...

vedremo! ;)

Wonderland ha detto...

Hahaha. Ho apprezzato molto la tombola degli orrori, noi una volta abbiamo partecipato a un HORROR SWAP, ovvero uno scambio di regali pazzescamente brutti.

"ma tu sei matto/a" in effetti è ottimo, funziona sempre (per regali di valore superiore ai 10 euro, però...)

M. sto morendo di curiosità. Perché l'anello non può essere, e allora che sono? Chiavi di casa? Un test positivo???

M. ha detto...

no no, niente bimbi in arrivo! :)
(anche se mi hai dato un'idea per un regalo decisamente non ovvio, se un giorno dovesse succedere...)

ma con il resto che hai detto, fuochino...lo svelerò dopo Natale, per scaramanzia :D

Cla ha detto...

io quando una mia amica l'anno scorso mi ha regalato una cintura di brillantini viola non so come ma una vena di falsità mi ha trasformata in attrice e ho esclamato "nooooo!!! proprio come quella che mi volevo comprare!!!".Ecco. Mai messa.
A me non piace quando mi obbligano ad aprire i pacchetti a Natale perchè mi sembra che non abbiano fiducia nel mio gusto ma ribaltando la situazione fa comodo nel caso di regali come sopra!!!
Una collega di mia mamma fa collezione di orrori, quindi se ricevo una schifezza automaticamente ha già trovato casa da lei! ;o)))))
e Buon Natale a tutti!!!

Anonimo ha detto...

Hai un contatto skype?

Anonimo ha detto...

Wondere, con le mie amiche usiamo fare un pensierino a natale. il pensierino è uno da parte delle altre quindi ognuna riceve un regalo fatto dalle altre 3/4.
devo descrivere la faccia che ho fatto quando l'anno scorso ho aperto il pacchetto e h otrovato un piatto disney a forma di albero di natale con disegnato un noto personaggio diseny odiato da un sacco di gente a amato dalle teenager(ovviamente me compresa ma 5 dico 5 anni fa) ?!?!?!?
notare che i regali fatti alle altre erano mooolto più azzeccati del mio. cosa devo fare? soprassiedo e aspetto di aprire quello di quest'anno...
il mio fidanzato però era presente e anche se loro non hanno capito, io ho visto il suo ghigno e in contemporanea la faccia di compatimento...
notare che una di loro ha ricevuto un regalo utile e bello e LEI NON PARTECIPA ALLA SPESA MA RICEVE E BASTA!!!
vabbeh...
comunque proverò con una di queste frasi e vi farò sapere!!!
alice

Anonimo ha detto...

oddio mi hai fatto scompisciare dalle risate...nella "faccia da gioia stitica" mi ci sono proprio rivista!!spero di non doverla usare anche quest'anno!!;D
Sara

Wonderland ha detto...

Hmmm... anonimo, ce l'ho un contatto skype. Ma te, chi sei?

Castagna ha detto...

oddio che ridere.
Quella che fa la cena degli orrori con le zie gay voglio conoscerla!!!!!!!!!! Roba epica.

A casa mia il primato ce l'ha mia madre che (in presenza di soli intimi, ma mica sempre) se ne esce con:
"Uh! Gesù! Cos'è 'sta roba?" ma per fortuna lo dice soprattutto dei regali che lì per lì non capisce perchè troppo strani o troppo tecnologici. E poi se glieli spiegano e li apprezza assorda tutti con un "AAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHH ho capito..." che può avere tonalità rassicuranti o schifate.
Ma tanto tutti le scusano tutto perchè ha gli occhi azzurri e quando fa quelle facce sembra un cucciolo di tre mesi di quelli che non ti ci puoi incazzare.

Io non so mentire, so dire frasi educate ma la sfuga è se nel mucchio c'è qualcosa che mi piace sul serio perchè allora si vede la differenza.

Castagna ha detto...

"sfuga": uh! Gesù! cos'è 'sta roba?

sorelluce ha detto...

l'anno scorso la suoceraccia mi ha regalato la sua griglia usata, che oltretutto io avevo rifiutato l'anno precedente...dico sul serio, me l'ha anche impacchettata per l'occasione..e poi mi ha detto: funziona ancora benissimo: è quasi nuova! Non son riuscita a proferir verbo, anche perché, contro al mio parere, noi a lei avevam regalato un fichissimo i-pod che usa per andar a correre o in palestra(fa la giovane, lei..e regala la sua mer..roba usata a noi!!). Non ci son frasi di circostanza che tengano, credo, ià tanto se non si passa al bazuca...

zauberei ha detto...

Wonder
Io adoro tua nonna. Mi ricorda un po' la mia.
Sono bravissima oramai su sta roba dei regali. Ci ho un allenamento de na vita co la famiglia.
volemo parlà del "pagliaccetto" a righe rosse e viola con un cane giallo su una zinna - tutto in ciniglia eh, con cui mia madre mi voleva mandare al mare?
So alta un metro e 74, faccio notare.

CANNELLA ha detto...

lo sai perchè secondo me le persone 'cannano'i regali?
perchè fondamentalmente li fanno a gusto loro, mentre per fare un regalo azzeccato bisogna capire chi si ha davanti e claarsi nel suo gusto..parlo per chi deve fare i regali..è chiaro che più conosci una persona meglio è. se si conosce poco , allora tanto meglio un bel libro che poi uno può cambiare.

ah, io per quanto mi riguarda sono al maestra del 'cambio del regalo', cambio e stracambio tutto senza troppi problemi di sorta tipo"la persona mi ha fatto questo regalo pensando a me...ecc" no, se non mi piace non ha senso che resti in un cassetto, fondo di un armadio, buttato da parte.ecc.
odio i ricicli, non riesco a riciclare i regali e detesto chi si presenta col regalo riciclato, che tra l'altro si sgama subito.

il cambio lo dichiaro quasi sempre (parenti e marito) per il resto dissimulo con un bel "noooooo, ma sei matta è stupendo?! chissà quanto hai spesooo ma non doveviii"



ciao

PS dita incorciate per maramaionchi....manca poco....

Ikka ha detto...

Molto divertente il tuo post!:-)
Anche io sul mio blog ho affronatato la questione regali!E' difficile "imbroccare" cosa serva o meno a duna perosna erichiede tempo e pazienza!:-)

Pinkdaisy ha detto...

Secondo me potresti aggiungere:
"Ma che cos'è?!"
... mi hai fatto morire dalle risate quando hai fatto la faccia schifata e proferito questa frase, che nn so se ti ricordi visto il grado alcolico nelle vene!

Secondo me nessuno con una tipa come te si pone il problema di fare il regalo dei tuoi sogni per due motivi:
il primo perchè sei una super ironica, dunque anche critica
il secondo perchè hai gusto per l'estetica, dunque bisogna essere ardui a competere con tutto quello che già hai (abbiamo visto tutte le meravigliose lettere di legno della polpetta!!)

Paola ha detto...

Mi viene da ridere, leggo che ieri sera eri anche tu alla serata Voiello!! E' la seconda volta che ci incrociamo, cioè che stiamo nella stessa stanza per qualche oretta e non riesco a conoscerti...vabbè ci sarà pure na terza volta no???:))

Wonderland ha detto...

Ahahah Pink ma il grado alcolico ottenebra la mente, io realmente a un certo punto non sapevo nemmeno chi ero e come mi chiamavo... vabbè. Cmq il vostro regalo è il più utilizzato del mucchio, ve lo dico :D

Paola ma nnoooo! Dov'eri seduta? Chi eri? Come t'eri vestita? Io ogni tanto ci penso pure a fare sta cosa di presentarmi a tutti ma sembra così brutto...

Anonimo ha detto...

L'ho fatto,l'ho detto,stasera ho ricevuto il primo orrido regalo composto da un set di sciarpa-guanti-cappello ed ho esclamato:
MI SERVIVA PROPRIO!!!!!!
E siamo solo agli inizi :(

By vaniglia77

Mamma Cattiva ha detto...

Sono spesso tentata di prendere l'esempio da mio fratello: silenzio e oltre la porta il regalo finisce in un cestino della spazzatura. Io lo rincorro e gli dico che sono d'accordo con lui ma magari a qualcuno piace e potrebbe passarlo, ma lui, serafico risponde che sarebbe un orrore per chiunque ;)

Paola ha detto...

Ero seduta nel tavolo ad angolo entrando a dx, tutta di nero vestita. Facevo parte del gruppetto dei vincitori per il centrotavola:)))E dire che te ti ho riconosciuta da Sigrid ma da Voiello me sei sfuggita:))Bacio e alla prossima...

Betsabè ha detto...

lasciamo stare...un aggeggino che fa i capelli ricci(a me che sono riccia naturale) e dei sali da bagno(ho solo la doccia)...e io che inizio a pensare mesi prima cosa regalare...

wwwonderland ha detto...

Sono riuscita a ricevere regali di quella saga da gente che mi conosce da una vita, e ogni volta lo shock mi prende modello secchiata d'acqua gelida! Come se pensassi "naaa, è la mia migliore amica, sarà sicuramente qualcosa di fighissim... oh-mio-dio".

Trasudi simpatia, non è che mi sto facendo influenzare dall'"omonimia"? :)

AlessandraLace ha detto...

è uno spasso leggerti!!!anche io non so fingere, a tal punto che se posso rendo tutto, pacchetto, carta e fiocco!!!...senza troppi convenevoli!....un abbraccio

gb ha detto...

Ogni natale tra amiche ci si scambia dei pensierini, di solito belli anche se non sempre utili (chessò una candela se è una bella candela la apprezzo anche se inutile)lo scorso anno un’amica mi porge il suo delicato regalino…un portachiavi in corno…eh si un orrendo e disgustoso portachiavi in corno con un essere demoniaco disegnato su!e io dentro di me:"ma cos’è sta roba?!”il –coso- ha già da tempo trovato la via del non ritorno! Poi c’è la dolce zia stro*** che mi rifila orribili capi d’abbigliamento almeno di 3 taglie + grandi (un augurio ad ingrassare forse?!)che non farebbe mai indossare alle sue spocchiosette vestite di firme dai piedi al cervello…e poi, e poi non c’è mai fine al peggio…ne riparliamo dopo natale?

Anonimo ha detto...

la cena degli sgorbi è in auge anche da me...un anno ho ricevuto i complimente di tutti i commensali per il regalo più brutto, presentandomi con un'orripilante lampada a fibre ottiche SEMOVENTE a forma di fiore (in pratica il fiore ruota in parte su se stesse, aprendosi e chiudendosi ritmicamente) regalatami dal mio EX RAGAZZO (ovvio che non poteva durare, con dei regali così!!!)

La Lolu

Getta ha detto...

oddio mi fai scompisciare dalle risate!! a me il "se vuoi puoi cambiarlo" non lo propongono più dopo che una volta a 15 anni ho detto di si e ho fatto impazzire mia zia che non se l'aspettava!

Francesca Marcandalli ha detto...

io inizio a pensare ai regali di natale mesi prima, non li compro ma almeno inizio a riordinare le idee.

Il mio ragazzo è negato per i regali, odia farli e con me non ci azzecca quasi mai :-( alla fine sono sempre io a dargli dei suggerimenti, anche se mi piacerebbe ricevere qualche sorpresina ogni tanto (come l'anno che mi ha regalato la margheritona di peluche)..cmq qualsiasi cosa a forma di gatto o con su un gatto è bene accetta!

i miei mi fanno sempre dei regali fighissimi, mio papà conosce benissimo i miei gusti! anche mia suocera negli ultimi tempi ci sta azzeccando sempre di più con i regali........poi le amiche di solito mi regalo libri, io adoro leggere e sono sempre bene accetti!

Odio chi regala: salvadanai, candele, qualsiasi cosa a forma di babbo natale o albero o angelo thun.

Sempre bene aceetti: cibo, libri, bigiotteria sfiziosa, cose "gattesche".

e di solito spendo sempre meno di 10 euro: spendo tanto solo per il mio ragazzo

franci

Blog Widget by LinkWithin