il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

sabato 27 febbraio 2010

Fregene, la perla del litorale romano

A Fregene je piacerebbe essere la Mondello di Roma.
Siamo onestamente fortunati ad avere il mare a una mezz'ora di distanza dal centro, ma da qui a farne una località glam ce ne vuole, invece a Fregene se la tirano.
Ok, non come all'Argentario o al Circeo, ma se la credono discretamente.
Per dire, molti stabilimenti hanno messo chioschi da aperitivo, letti al posto delle sdraio e tende bianche tipo Forte dei Marmi.
Sei Forte dei Marmi? No: sei Fregene. E annamo.
A Fregene se vuoi comprare "Hit Mania Dance" da un marocchino puoi pure morì: lì il mercato nero commercia solo Rolex tarocchi e Gucci contraffatte. Li manda il sindaco per far ambientare i turisti con la fauna locale ("sei di Cerveteri? tò, pìate sto bauletto sennò lo stabilimento ti rimbalza").
A Fregene, dal primo sputo di primavera in poi, c'è l'assalto. Per prenotare un tavolo devi avere un cognome importante, un fidanzato importante o un seno importante.
A Fregene ci trovi dalla Ferilli a Montezemolo, per dire, e ti verrebbe da chiedere: ma co tutti i soldi che c'hai, perché stai a Fregene, che c'è l'acqua zozza e la nube tossica di Fiumicino? Ma funziona così.
Oltre al vip medio, gli esemplari che amano scaldare le ossa al sole della ridente cittadina laziale solo:
La vecchia cotta: riconoscibile dal cappello in paglia, l'occhiale scuro, il barboncino d'ordinanza (solitamente di nome Charlie) e il caftano. Dicasi cotta per la consistenza della sua pelle, che forgiata da ere di esposizione agli ultravioletti alla concia toscana je fa na pippa.
Quantosòffiga: è quella che se sono scarpe o sono Gucci o sono Uggs, se è costume o mi entra fastidiosamente nel culo o niente. Se mi guardi o devi rosicà o devi morì.
Sò bello, bullo e ballo: è l'uomo della donna di cui sopra. Depilato, abbronzato, palestrato, nove volte su dieci è amico di "Chicco-che-stasera-ha-il-tavolo", o è Chicco stesso. Gira in branco e pippa come un formichiere.
E Ambrocio 'ndo l'ha lasciato: è la quarantenne media, e credo non serva spiegare il perché.
Carissimooo: è il marito della quarantenne. Solitamente sessantenne. Da dietro il suo Sole24Ore vuole bene a un sacco di gente. E' libero su cauzione per bancarotta fraudolenta.

Nonostante la fauna locale, ogni tanto Fregene è la meta perfetta per un pranzo fuori, soprattutto quando becchi il sole e quindici gradi dopo due mesi di diluvio universale.
Ieri ho incredibilmente trovato posto in uno dei ristoranti sulla spiaggia pur avendo un cognome anonimo e una taglia ridicola di reggiseno, e oggi ho portato la famigliola al mare.
Appena arrivati la Porpi si è avvicinata a un'area giochi già presidiata da qualche bambino. Due femmine per l'esattezza.
Una aveva due anni, il trench di Burberry e una piccola Vuitton a tracolla. Temendo fosse contagiosa, l'ho allontanata.
La seconda parlava inglese.
"Ah, siete inglesi?" ho chiesto alla mamma.
"No, ma ultimamente le due lingue vanno tanto."
Che è l'unica motivazione che non concepisco per spingere un nano all'apprendimento linguistico, e vabbè.
Mentre la Porpi mangiava spaghetti al pomodoro sotto il nostro tavolo è passato un chihuahua col cappotto in jeans (anche il jeans ultimamente va tanto, ndr), attratto dai chili di pasta che Viola faceva inevitabilmente cadere a terra. Tre o quattro pezzi sono caduti inevitabilmente anche sul cane, anzi, sul suo cappotto. La macchia era clamorosa. Il dilemma era: prendere il cane, spogliarlo e correre in bagno a spugnare il cappotto? Lavare il cappotto col cane ancora dentro? Fare la scarpetta sul cappotto del cane? Fischiettare?
Ha risolto la situazione un secondo cane, credo un labrador nero, che si è fiondato a sua volta sulla pasta facendo spaventare il chihuahua, che è fuggito.
"E' stato quel cane nero, ha spaventato il suo e poi gli ha anche lanciato del sugo" sarebbe stata la mia scusa ufficiale se la padrona avesse avuto da ridire.
Tra il primo e il secondo passano (orologio alla mano!) un'ora e venti minuti. Nel frattempo la Porpi si diletta a infilare le mani nella sabbia e poi lamentarsi perché se le è sporcate. Frega il camion a un bambino che gioca sulla sabbia e poi rosica perché costui se lo riprende. Insiste a molestare il chihuahua col cappotto. Rifiuta la spigola ma accoglie con un certo entusiasmo il carciofo alla romana.
"Facciamo un po' di foto" esclamo, tirando fuori dalla custodia la Canon.
"Vieni qui, che carini questi muretti. Porpi fai cucù settete."
(Porpi fa cucù settete)
Il rumore che si sente dopo è inequivocabile, ma è l'odore che ci stende definitivamente. Due muretti dopo esce fuori Mario Er Porchettaro - o sicuramente qualcuno del genere - e guarda allucinato la scena di una bambina piccola nascosta dietro a un muretto e la madre che scatta foto.
"Qua ce stanno i bagni comunque" annuncia ferale.
Dietro l'angolo sento Lui che ride come un pazzo.

Condividi

45 commenti:

Vu' ha detto...

CAPOCOTTA TUTTA LA VITA WONDER!!!!!!

Vu'

sononera ha detto...

L'unica volta che so stata a Fregene avevo un vicino di ombrellone con un tatuaggio spra il pube con la scritta: nothing is impossible..non ci sono andata MAI PIU'..
W capocotta..
Ps: la porpi è stupenda ;-)

Mamma Cattiva ha detto...

E io che conservo i ricordi della strada in vespa con mio fratello...ci andavamo per correre sulla spiaggia e poi completamente sudati ci fermavamo per una mangiatina di pesce al Mastino, in tuta, puzzolenti. E questo è solo uno dei tanti. Stasera mi hai fatto ridere e piangere :))

Maddalena ha detto...

Qui a MI i chihuahua c'hanno il guardaroba più fornito dei due zampe. Due giorni fa ne ho visto uno che passeggiava al guinzaglio indossando un mini-Woolrich, con tanto di cappuccio con il pelo (probabilmente appartenente a un altro cane, decisamente più sfortunato!) Una volta ne ho visto uno con addosso un cappottino di MONTONE.

Il mio cane ha tre pezzi d'abbigliamento in tutto: un cappotto di pile ereditato dal boxer gigante di mio cugino che gli sta quattro volte, uno a righe colorate fatto a maglia dalla nonna e uno simil-giubbino dell'Anas per quando piove. Gli dice male, porello.

Wonder, mi fai morire dal ridere :)

JAJO ha detto...

Come diceva Totò, mi hai fatto "scompisciare" con questo post !!! Tutto VERISSIMO (ho una collega che con marito palestrato/depilato/tatuato parte da Marco Simone (zona residenziale privata di Guidonia !) con il Porsche Cayenne per andare a spendere 120€ "a botta" a Fregene (per 4 ore di mare, pranzo compreso).
E ieri, in trasferta alla Magliana (in un negozio CINESE), ho scoperto che quest'anno vanno di moda i cappottini per "cani/sorci" rosa: un non raro esemplare indigeno di quarantenne/tatuata/coatta, dalla parlata strascinata, ne ha preso uno e ordinati altri 3 (!!!!!) per il suo "cane/sorcio" (il mio gatto era il triplo !) "Perchè quest'anno p'èr tesoro mio vojo er mejo ! Deve da èsse SCIC" !!!

Se beccàmo all'Acquarius de Torvajanica :-D ...che tanto la vecchia incartapecorita sta pure lì :-(((

Anonimo ha detto...

oddio quanto mi fai ridere!!! sei troppo forte troppo!!
non vedo l'ora di leggere il tuo libro!!!

ste

EriKa ha detto...

Io ho un bel ricordo di Maccarese che è un pò + familiale, mi ricordo allo stabilimento facevano una pasta fredda pachino, rucola e gamberetti mmmm

biancamora ha detto...

I miei ricordi a Fregene risalgono a quando ero ancora un ovulo... So per certo che sono stata concepita lì! :)
Per il resto, io faccio parte della categoria di quelli che frequentano fregene da tre generazioni e ora stiamo passando alla quarta.
E essendo da generazioni che la frequentiamo ci salviamo perché andiamo sempre allo stesso stabilimento e quindi non ci tocca essere burini o griffati per avere il tavolo. :)
Ti quoto poi tutto quello che hai scritto, l'unica cosa positiva che c'è di Fregene è che è vicina il resto è terribile.
Però, ahi noi, ci siamo affezionati...

Martina ha detto...

Non ci sono mai stata.... ma ne ho sentito parlare (come ne parli tu!)
:)
Però la bimba con il trench e la LV non se pò sentì!!!!!!

Una domanda: sbaglio o la porpi ha uno splendido moncler fuxia?
Perchè anche il mio ce l'ha uguale, ovviamente blu! :)

Airin ha detto...

Non sono del posto, anzi, ma luoghi del genere ce ne sono persino qui, in questo piccolissimo paesello, dove c'è lo stabilimento balneare vip e quello declassato, per non parlare degli sfigati della spiaggia libera. Il tutto per un arenile corto, per cui il mare è lo stesso per tutti, e i "ceti" si mescolano scandalosamente nel crogiolo dell'acqua salata...
Per il resto mi fai troppo ridere e la Porpy è un amore!

cowdog ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
cowdog ha detto...

di fregene non so nulla, quindi non ho nulla da dire (che' il mare e' a piu' di mezz'ora dal centro di zurigo).
pero' posso dire che, mary-jane a parte, viola ha un guardaroba decisamente esteso. quasi certamente piu' del mio (soprattutto da quando non lavoro piu'). quando non le sta piu' qualcosa, lo passi a me (tanto come taglia, ci siamo)?

Anonimo ha detto...

Molto divertente questo post! e che squallore Fregene, saranno 30 anni che non ci passo...ma tu, se è così, perchè ci vai? io non resisterei 10 minuti...è veramente il massimo della volgarità, certo che solo andandoci puoi descriverlo! titti

Anonimo ha detto...

Scusa ma quello della porpi non e' un monclair da 250 euri?! Ma allora che parli a fa'?
Ti seguo comunque con grande godimento!
Annalisa

Anonimo ha detto...

Si si confermo: Moncler. Ma col cavolo che cenli ho spesi io i soldi, ce l'ha regalato la zia ricca... e i regali non si rifiutano :) Le uniche e poche cose firmate che possiedo sono regali, onestamente spendere quelle cifre assurde per borse e giacche lo trovo inutile e immorale.
Wonderland

cowdog ha detto...

ragionissima wonder. anch'io, come te, compro da H&M, zara, DPAM. le cose piu' costose sono regali.
non lo compro per me certe cose, figuriamoci se le compro ad un nano che le usa per un paio di mesi.

PS a Zurigo sabato pomeriggio: fratello e sorella con monclerino, scarpe di prada e chi piu' ne ha piu' ne metta.

Zazee ha detto...

Oddio ma allora esistono davvero le bambinette firmate? Sotto Natale mi è capitato di vedere il classico servizio in cui la giornalista chiedeva ai bambini cos'avessero chiesto a Babbo Natale. Ebbene, tra un Cicciobello pupù&pipì e i Gormiti, una bambina sdentata ha chiesto LA BORSETTA DI FENDI. Io ho ostinatamente sperato che fosse un'allucinazione, ma mi sa che non lo è. Mi chiedo come pensino che gli vengano su i figli, a questi genitori qua.

Anonimo ha detto...

Ci vorrebbe un movimento per liberare i cani dai cappottini, padroni abbiate pietà di questi animali e trattateli come tali, non come giocattolini da addobbare a piacimento.

A.

Wonderland ha detto...

Zazee l'avevo visto anche io quel servizio, forse ho twittato anche qualcosa a proposito... agghiacciante!!!!
A. sono d'accordo...

diana.pilotto ha detto...

Allucinante! ahahaha...meglio prenderla a ridere.
Io abito ai castelli romani, ormai pieni di tanta gente modello "Ambrocio 'ndo l'ha lasciato" e "Carissimooo".. Ieri ero in un negozio di arredi e decori per interni e la proprietaria progettava il bagno per un gatto!...su commissione ovviamente. Ora..ditemi voi se qui non c'è da aver paura!! ;)

dublina ha detto...

Mai stata a Fregene ma ti credo sulla parola!
TI seguirò! =)

Bea ha detto...

Sono cresciuta a suon di Fregene e malgrado il progressivo peggioramento, continuo ad andarci...che volete, ci sono affezionata. Mi diverto da morire ad osservare i personaggi che la popolano ed a volte, lo ammetto, origlio. Altro che soap...

JooJu nel Regno di Pirimpilla ha detto...

Tutto il mondo è paese Wonder ... da morire dal ridere sto post! Belle le foto ;)

yummymummy ha detto...

anche io amica andrò a capocotta tutta la vita!!! evviva il settimo cancello!!!
e cmq, stando dall'altra parte di roma (castelli romani) non disdegno nemmeno la cara vecchia torvajanica dove, al max, puoi trovare il coatto, il boro, il burino che se fanno nà partita a scopa, la sora lella cò la famija che se magnano la lasagna sotto un'ombrellone formato gigante che se la pijano je fanno pagà l'ICI...per cui, quando sei stanca del glamour di fregene fai un salto dalle mie parti: tra una fraschetta di ariccia e il settimo cancello non disdegnerai più la mitica fregene: fidati!!!
bacetto
yummymummy

CloseTheDoor ha detto...

Fregene Fregene...... FREGENE !!! Ecco dove l'avevo sentita, era il re dello Svarione degli anelli !!!

http://www.youtube.com/watch?v=oJuaCfYJsNE#t=1m

:-))))))))

AVC ha detto...

Che nostalgia, io da Roma ora vivo in alta irpinia, anche qui ieri era bello, mi sarebbe piaciuto portare il piccolo Attila a vedere il mare....e vabè appena veniamo a Roma dagli zii, lo porteremo in spiaggia!!Sei troppo forte Wonder, soprattutto quando il romanaccio che è in te prende il sopravvento!!
AVC

Alem ha detto...

io vivo e vivevo così vicina ad ostia che 10 minuti in motorino ed ero in spiaggia. Ad ostia basta scegliere lo stabilimento giusto e stai anche tranquilla.
Fregene l'ho scoperta quando ho conosciuto mio marito, perchè "quelli di roma nord" vanno a fregene e mica a ostia. E a me abituata a vivere in infradito da maggio a settembre tutto 'sto sventolio di tende bianche e cuscinoni mi è sempre sembrato un po' troppo finto. E della caraffa di mojito ne vogliamo parlare?

Comunque, ben venga la zia ricca!
Mia figlia è sempre firmata di riciclo, o meglio ho colleghi che viaggiano spesso negli stati uniti e mi riportano vestiti di Ralph dagli outel che costano meno di quelli del mercato al villaggio, e poi vivo in un quartiere pieno di suv e ricconi dove una santa donna ha avuto la felice idea di aprire un negozieto di vestiti usati per bambini.
Beh, ci sono anche giacce di Dior (qua ce stanno i calciatori, che voi fa') a 15 euro.. dico DIOR, ma quanto può mai costare una giacca di dior???
Metà del mio stipendio? e poi le magari ci spiaccica sopra il gelato..

zauberei ha detto...

Cara mi hai fatto TAGLIARE DA RIDE:)
Senti, io ir seno importante c l'ho ah se ce l'ho! se vengo co il gatto mio e ni ci metto un cappottino di tweed lo sgomito un tavolo?
Però firmato no. appartengo per la verità alla genia dei metasnob, gli snob degli snob! Che una se veste con poco e passa pe chic.
Ma io davvero ritengo che solo er fermacravatta col brillantino è più tamarra della firma visibile.

tinky81 ha detto...

La domanda è: ma Viola, sa di chiamarsi Viola o pensa seriamente che il suo nomi sia Porpi!??! :DDD
bellissima con quei boccolini d'oro!! e complimenti per le foto!!

elisa ha detto...

Ah!, Ah!Anche mia figlia ha una zia ricca e due cugini più grandi.
Ragazze, è una goduria, vivo di rendita..Attualmente sfrutta un maglione cachemire loro piana che a toccarlo mi vengono le lacrime agli occhi..con zia ricca, gli abiti firmati non hanno prezzo Eh!eh!

Antonella ha detto...

ciao cara e ciao porpi
passa da me c'è una sorpresa per voi..un po' di primavera in attesa che arrivi :)
baci
Antonella
http://attimidiletizia.blogspot.com/

Anonimo ha detto...

Wonder, non è che Ostia sia tanto meglio, se caschi nel posto sbagliato...

Alem, ma sei di Palocco o dell'Axa? QUel che dici suona tanto familiare...

Chiara

Alem ha detto...

AXA!! :) :)
Infatti, ad ostia ci sono alcuni stabilimenti che mi fanno rabbrividire al solo pensiero!!!

Anonimo ha detto...

Sono andata per una vita a Fregene al chiosco, quando ancora non esisteva lo scikkissimo SINGITA con il suo aperitivo stile Formentera e i teli bianchi che sventolano nell'aria, poi , stanca di passare ore ed ore in fila sull'aurelia,io e le mie fedeli amiche, abbiamo scoperto Maccarese e la mitica "Playa"( il cosiddetto stabilimento delle carrozzine!perchè molto più familiare rispetto a quelli dove andavamo prima). E per anni, a partire dai primi di maggio, ogni santo sabato e domenica eravamo lì a crogiolarci al sole per ore ed ore, tra creme, chiacchiere, grattachecche e giornali di gossip! Ora ho una bimba di 5 mesi, e non credo proprio che questa estate potrò fare il pieno di sole, ma il litorale romano è straordinariamente straordinario, se sai ridere e sorridere di quelle che sono le sue caratteristiche migliori, che sono proprio:la vecchia incartapecorita, il tatuaggio ambulante,le signore che "non mollano" , il macellaio miliardario con capezza al seguito e i vestiti dei cani/sorci.
N.B. Io ho due cani di quel genere,e pur trovando ridicoli certi abbigliamenti esagerati (sono pur sempre cani!!!)a volte devo comunque coprirli quando li porto fuori perchè soffrono molto il freddo. Fortunatamente gli inverni di Roma sono decisamente miti.

Pura ha detto...

Alem: Anch'io Axa!
Cioè, i miei.
Io sto a Torino, in una borgata.
Per metà anno faccio la proletaria e per metà la proletaria in mezzo ai ricchi... :-)

bstevens ha detto...

mi fai sempre ridere 'a 'pazz'!!!

Shabby Chic Interiors ha detto...

Ciao wonder come stai? E' un pò che non scrivo, ma ti leggo sempre eh! Ho appena votato sul tuo nuovo sondaggio, ho scelto la 2°: "Sì ma non troppi per non inquinare il blog". Poi ho letto i risultati e ho visto molti pareri differenti. Potresti fare così, dal momento che la maggior parte delle persone non interessano i giveaway, ma tante persone invece apprezzerebbero che ce ne fossero di più, nel giorno in cui vorresti fare il post dedicato al concorso, potresti fare anche un post "classico" dei tuoi, così fai felice tutti! Ho finito il poema, chiedo scusa se sono stata prolissa! ;)

Sarah

barbara ha detto...

alem e anonimo..
come vi capisco... sono cresciuta a casalpalocco, e ho passato moltissime estati tra la bicocca e peppino a mare... ma guardate che ostia, confronto a fregggene, a mio modestissimo parere è molto meglio! intanto, ve lo giuro su mia nonna, non so quante volte ho trovato il mare di un sorprendente colore azzurro-blu (ora quelli che non conoscono ostia penseranno che sono matta, ma guardate che non è sempre stato così) mentre a fregene il mare è marroncino-grigiastro all year long.. e poi la trovo molto migliorata negli ultimi anni, con un bel lungomare, (non so se negli anni a fregene abbiano provveduto, ma l'ultima volta che ci sono stata il lungomare non c'era) degli stabilimenti niente male, perfino la pista ciclabile, insomma è piacevole farci una passeggiata soprattutto fuori stagione. è vero che ci sono pure degli stabilimenti meno belli o poco raccomandabili, ma basta evitarli

wonder, la prossima volta lascia perdere quei caghini di fregggggene e vieniti a fare un giretto a ostia!

Pura ha detto...

Barbara: L'anonima sono sempre io, Pura. Non so usare i commenti!
Io Ostia non la biasimo perché brutta, ma perché se la tira in maniera indeìgna,.
<scusxate se digito alla cavolo mas ho addosso un guanto (mi sono ustionata una masno ieri)e l'altrop bravccio è blioccato da KMisia che dorme alla tetta.

Mammina ha detto...

Da romana deportata a Milano vi dico: ma baciate la terra di Fregene, e pure quella di Ostia, Maccarese e Capocotta. E pure quella di Fiumicino, con le baracche pies-dans-l'eau ....
Qui a Milano ci tocca il uicchènd a Curma in inverno o a Santa in estate. E li'.... son veramente cavoli!!!
Partenza il venerdi' sera con pupa pigiamata e ritorno domenica sera con pupa ri-pigiamata. Chi non l'ha provato non puo' capire.
Ma mi sta bene, per essermi innamorata di un milanese e averci pure figliato :)

Questione vestiti: la mia bimba, arrivata ben oltre la zona cesarini dei 40, e' al fondo di un piano inclinato virtuoso di eredita' di abbigliamenti cugineschi & affini.
Visto che l'armadio e' impressionante, sfoggiamo capi firmati e nidi d'ape della sarta pure per giocare con le tempere....

cowdog ha detto...

@mammina
da milanese: esistono tanti altri posti, oltre a courmayeur e santa margherita ligure, dove si possono fare dei bei fine settimana (quasi)scevri di cumenda.

mammina ha detto...

@cowdog
A me e' proprio il "uicchènd alla milanese" che mi ammazza.
Quando stavo a Roma, me ne stavo tanto bene a dormire a casa mia, senza dovermi sbattere a 300 kilomentri per vedere un filo d'aria e due amici nel contempo ...
Mi passavo la mattinata, il pomeriggio o la giornata a Freggggene, o ad Ostia, al piu' a Sabaudia... mi facevo la mia oretta di fila per tornare e non ci si pensava piu'.
Figurati ora che devo caricare la macchina di ammenicoli da bambina -
quando era piccolina era un delirio di tupper assortiti- e di bambina riottosa al dormire in auto...
Ma...qua se resti in citta' nel fine settimana sei praticamente un paria e non c'e' nessuno e nessun posto dove andare.
E poi io un adorabile cumenda ce l'ho proprio "embedded" in famiglia ;).

Vabbe', che Roma e' piu' baby friendly di Milano, si sa... sabato scorso siamo rimasti qui e ce la siamo portata al parco ittico di ZELO BUON PERSICO (!) per farle far qualcosa. Te posso di':sta a Freggggene come Fregggene sta alle Maldive!!!!
Ma se mi suggerisci qualcosa di praticabile, bambinabile -20 mesi- e ragionevolmente vicino , che non implichi transumanza uicchendica, ti saro' eternamente grata!!!

Wonderland ha detto...

Sono d'accordo: il mare vicino è IMPAGABILE. Per questo, nonostante i tipi di cui sopra, i prezzi e l'acqua maròn glacè, io continuerò ad andare a Fregene di tanto in tanto.
Andrei pure a Ostia, ma ci metto un sacco di tempo in più...

michelinastreghina ha detto...

riconosco tutto.
d un elemento in particolare potrei addirittura dare un nome.
;-)

acasadiclara ha detto...

ringraziate che avete il mare a portata di gita vah!!!! e comunque tutto il mondo è paese...dovreste vedere chi si incontra in certe zone di milano, senza contare certi milanesi quando vanno in vacanza!!!!

il mare noi lo vediamo con il canocchiale. al massimo una gita al lago. ma non è esattamente la stessa cosa!!!
ciao!

Blog Widget by LinkWithin