il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

domenica 18 aprile 2010

Fiumicino: di voli cancellati, informazioni sbagliate e cocenti delusioni

Sono in casa davanti al mio Mac, dov'ero ieri sera e dove non avrei dovuto essere per i prossimi dieci giorni.
Eccomi, sono una delle migliaia di passeggeri lasciati a terra dall'eruzione del vulcano islandese comecazzosichiama. Ho perso alcune notti di hotel (troppo tardi per la disdetta), due rail pass se non li utilizzo entro tre mesi, tutta la felicità che avevo di partire per un viaggio in Giappone.
Il Giappone. Ecco: parliamone, perché visto che la nube viaggia verso il nord europa fino a ieri era considerata una meta sicura.
"Non si preoccupi, la rotta non è interessata" ripeteva la signorina del call center Alitalia. Volete sapere quante volte ho chiamato per avere aggiornamenti? Volete sapere com'è finita e perché nonostante io sia qui, ora, avrei invece potuto essere comunque su un volo direzione Tokyo?
Cominciamo dal principio.

ieri, ore 17
Consapevole che la situazione voli è a rischio inizio a documentarmi da siti e tg (aeroporti chiusi solo a nord e cancellazioni al centro, recitano) e a chiamare l'assistenza clienti Alitalia. "Tutto ok, il volo è operativo e la tratta non è interessata" il verdetto.

ieri, ore 21
controllo per scrupolo il sito Alitalia, dove il volo risulta CANCELLATO. Un attimo: io chiedo informazioni sul volo del 18 aprile mentre le informazioni che mi danno sono relative a quello del 17... niente da fare, qualsiasi data richiedo le informazioni sono relative al volo sbagliato. Richiamo il call center per avere conferma "no signora, a noi risulta puntuale e operativo". Provo anche a fare la procedura automatica inserendo il numero del volo "il volo da lei richiesto è puntuale in partenza e in arrivo". Mi rilasso.

Passo la serata a finire i bagagli, vado a letto e mi sveglio alle sette e mezza per finirli, chiudere tutto e andare in aeroporto per tempo. Il volo è alle 15.10 e basterebbe essere al check in un paio d'ore prima ma so che ci sono code per via delle cancellazioni, non vogliamo rischiare.

ore 10.45 circa
Siamo in aeroporto, Roma Fiumicino. Dai tabelloni il volo risulta attivo, nonostante sia circondato da impietose scritte rosse "Cancelled" relative ad altre destinazioni. Per sicurezza chiediamo al Banco Informazioni dell'Aeroporto di Fiumicino: grosso errore.
"Il volo di ieri è stato cancellato ma questo a noi risulta attivo" dicono.
"Sicuri?"
"Si qui a noi non risultano cancellazioni"
"A che ora apre il check in?" chiediamo, visto che al fantomatico banco non c'è anima viva.
"Oh è presto, apre alle 12, tornate verso quell'ora."

ore 11-12
facciamo un giro come consigliato, tanto il tabellone segnala sempre che il volo è attivo. Colazione al bar, puntatina al negozio di gadget dove Lui compra una custodia per il cellulare e io il cuscino gonfiabile per le 12 ore di volo. Passiamo in libreria, prendiamo libri e giornali, sempre in vista del volo. Bagno. Gomme. Fazzolettini. I soliti giri di rito col sorrisetto scemo di chi è felice di partire e si pregusta anche la poltrona dell'economy. Per me era così, almeno. Avevo salutato la Polpetta, predisposto tutto per lei, dalla nonna alle ore extra di tata, gestito gli impegni di lavoro, disdetto alcuni impegni, letto e scaricato l'impossibile sul Giappone. Ero proprio contenta, si. E poi mi ripetevo "la tratta non è interessata". Cacchio, andavamo dalla parte opposta del vulcano!

ore 12
Il check-in è popolato. Ci sono già una trentina di persone in coda e due hostess ferme, coi display spenti. Pessimo segno. Ci avviciniamo.
"Ma il volo è operativo?" chiediamo.
"No, è cancellato" dicono tranquille.
Io sbianco: "come cancellato? a noi al banco informazioni hanno detto che era attivo!"
"Ah, si vede che avevano informazioni sbagliate."
N.B. il banco informazioni è posizionato praticamente di fronte alla postazione di check-in per il Giappone. Roba che se avevano dubbi - o se vedevano i display spenti: non li hanno visti? - potevano semplicemente parlarsi vis-à-vis.
"Scusate, ma anche sul tabellone delle partenze risulta operativo..."
"Si vede che non è stato aggiornato."
Dalle ore 10.45 di mattina, vi ricordo. Con migliaia di passeggeri in attesa di sapere di che morte devono morì, vi ricordo. Con stato di allerta e perdite di centinaia di migliaia di euro per le compagnie aeree, i tour operator e i viaggiatori, vi ricordo.
"Sa, con questo casino sono normali problemi di comunicazione."
Sono... cosa? Normali? Con tutto questo casino se voi non comunicate noi siamo fottuti, cazzo! Ma loro parlano tranquille, serene, come fosse quasi ovvio.

ore 12.20
Telefonate disperate di rito. Agli alberghi, per tentare di disdire tutto. Ai parenti "no, non siamo più partiti". Twit desolati tipo questi qui sopra. Mio papà che si offre di venirci a prendere per pietà e commenta "almeno vi vedete il derby" -.-

ore 13
"Facciamo un ultimo tentativo al check-in, sul tabellone il volo risulta ancora attivo io non ci credo che non partiamo..."
Al desk ci confermano che no, il volo non parte, che il cartellone (dalle 10.45 ricordo) non è ancora stato aggiornato. Che quella cinquantina di poveri giapponesini in fila che non capisce un'acca di quello che sta succedendo, stasera se la dorme sulle brandine. E si che stanno peggio di noi.
Inizio a pensare che qualcosa non quadra, che così come te lo devi scoprire da solo che il volo è effettivamente cancellato, forse devi scoprire da solo anche qualcos'altro.
A confermare la mia teoria interviene tale steward di terra.
"Ma avete provato col volo della Cathay?" interviene sentendoci parlare.
"Eh?"
"Ma si, ce n'è uno che partiva proprio mezz'ora fa, faceva scalo a Hong-Kong ma aveva ancora dei posti liberi, ci entravate sicuramente. Alcuni passeggeri Alitalia hanno fatto scambio del biglietto e sono saliti."
Restiamo basiti.
"Perchè... noi...credevamo...il banco informazioni aveva detto... il display diceva... che era attivo... e al check-in non c'era nessuno... e poi siamo venuti qui... e nessuno ci ha detto niente, ne' che c'era possibilità di fare cambio di biglietti ne' che c'erano altri voli per Tokyo attivi..."
"In realtà si perché Alitalia per arrivare a Tokyo passa dal nord, e quindi si prende la nube in pieno, mentre Cathay passa da sud, e la evita."
Ci sentiamo scemi.
Ci sentiamo presi per il culo. Ci sentiamo impotenti.
Ci sentiamo "vatti a fidare del display che dovrebbe essere aggiornato e invece col cazzo. vatti a fidare del banco informazioni per i voli."
Ci sentiamo "ma perché queste del check-in non ce l'hanno detto prima, che esisteva questa possibilità, invece di lasciar correre così, come se uno i soldi per un viaggio li trovasse per strada, come se non si dovesse organizzare niente, come se...?"
"Potete provare a tornare domani" dice lo steward "c'è  un altro volo Cathay. Certo, è in overbooking e ha già una lunga lista d'attesa ma non si sa mai...magari qualcuno rinuncia."
"Si, uno dei cinquanta giapponesi sicuramente" commento.
"Beh si in effetti si aggiungeranno anche i giapponesi da rimpatriare..." commenta lui pensieroso.
"No, non parte! It's cancelled!" ripete alle nostre spalle la hostess del check in a una Tokyo girl con le calze di pizzo nere.

ore 13.30
Lasciamo l'aeroporto, delusi, pieni di rabbia. Mediamente depressi, anche.
Per la cronaca, questo è il tabellone. L'ho fotografato prima di uscire dall'aeroporto, alle 13.05 circa. Dichiara che il volo è ancora attivo (terzultimo in basso). Sono 3 ore che sanno che il volo è annullato, tre ore che non aggiornano i tabelloni.

Questa volta Alitalia ci ha fatto una bella figura dichiarando di rimborsare i biglietti o riprogrammare i viaggi. Lodevole, visto che si tratta di cause di evidente forza maggiore.
Se magari comunicasse anche con l'unico grande scalo aereo italiano rimasto attivo e lo aggiornasse riguardo all'attività dei voli presso lo stesso, non sarebbe male. Se lo scalo fornisse anche soluzioni alternative ai passeggeri qualora fosse possibile evitare di mandare a puttane un viaggio pagato e programmato da mesi, farebbe cosa gradita.
Non voglio dare colpe del casino che sta succedendo, perché è veramente imprevedibile e indipendente da qualsiasi responsabilità umana e aziendale... però. Però. Ti dicono fino all'ultimo che il tuo volo è operativo e invece non è così, poi quando riescono finalmente a dirti che è cancellato non pensano ad avvisarti che girando l'angolo e facendo il check in con un'altra compagnia potresti partire lo stesso... ecco: ti rode il culo.

p.s. c'è gente che starà a fa il trenino, io lo so. Ma tanto si prenderà la maledizione di Montezuma co la Rustichella dell'Autogrill (quanno ce vo'....)

Condividi

74 commenti:

Giulia ha detto...

Vatti a fidare dell'Alitalia, ok le forze di causa maggiore, ma almeno due informazioni in più saperle con un minimo d'anticipo no eh?
Mi dispiace davvero Wonder :(

Barbara ha detto...

mi dispiace tanto, davvero. Fanculo per chi farà il trenino, inciamperanno.
un abbraccio

Marlene ha detto...

porca paletta, t'hanno gufato alla grande Wonder. Io fossi in te la prossima volta non direi ninete. Solo ci piazzi un post così all'improvviso e dici "hei salve a tutte io sono in giappone". Cavolo però tutta sta situazione è paradossale, in ogni caso sfido a sapere a chi non starebbe rosicando in questo momento. Vabbè consolati col derby, magari la roma vince è ti strapa un sorriso, amaro, ma sempre di un sorriso si tratta.
ARIGATO'

cowdog ha detto...

ma davvero ci sono cosi' tanti str** in giro che faranno trenino? be' a fanc** loro e la sempre tipicamente italica alitalia. MAI volare alitalia. MAI o MAI PIU'.

una volta assorbito il colpo, sono certa troverai modi per partire comunque. lo sai anche tu che sei colma di risorse.

cannella ha detto...

che odissea wonder....
mi dispiace.

Wonderland ha detto...

Questa volta spartire il problema tra Alitalia e Fiumicino, perché se i tabelloni e il banco informazioni ci avessero dato la disdetta per tempo forse avremmo avuto il tempo di informarci sul volo della Cathay.
Sono depressa.

Wonderland ha detto...

Volevo dire "spartirei"...

Anonimo ha detto...

io sono dispiaciutissima per te, ma per nulla sorpresa di quello che è successo...questo schifo negli aeroporti, questo fare il proprio lavoro in modo approssimativo, questo fregarsene di fare le cose per bene, purtroppo è la norma in Italia...
Sara

Lu ha detto...

Ciao, ti leggo da tantissimo e non ho mai commentato (neanche alla notizia del tuo libro che comprerò sicuramente), ma ora non posso non dirti che mi dispiace tantissimo per voi, spero che troverete una data alternativa per partire comunque. In bocca al lupo!

astroposta ha detto...

cacchio che sfaiga!
beh io non ti ho gufato, solo un po' di sana invidietta positiva tipo " eh, dai, prima o poi toccherà anche a me di andare in jappone/a san francisco/tutte le mete long distance che ho in mente". però ti auguro che sia recuperabile nell'immediato futuro, e che in ogni caso i prossimi giorni a Roma ti portino sorprese e piacevolezze inaspettate tali da rendere l'idea del viaggio sfumato un po' meno tragica. magari c'è un disegno superiore che ora ti sfugge...

lavolpearchitetta ha detto...

mia nonna purtroppo aveva ragione da vendere (cfr. commento a post precedente)!
sono senza parole, a me una volta è capitata una cosa del genere (incredibile) a Londra, però il giorno dopo sono riuscita a ripartire, spero che sarà così anche per te, DEVE esistere un'altra possibilità (io cmq te lo auguro).

Anonimo ha detto...

Passi per il volo cancellato e il tabellone non aggiornato, sono pendolare verso Milano -Milano, eh, non culandia calabrese col trenino a vapore ogni 12 ore- e vedo ogni santo giorno questo scempio, ma non avvisare del volo alternativo (cazzo, bastava un annuncio col microfono, l'avreste sentito!) è stata proprio un'infamata degna del peggior Paese di fannulloni col culo sulla sedia che mangia sulle spalle di chi paga un servizio e gradirebbe riceverlo.
Solidarietà.

Inachis

Anonimo ha detto...

cavoli Wonder mi dispiace un sacco, come ha detto Marlene, la prossima volta non dire niente, maledetta invidia e maledetta "organizzazione" all'italiana, io continuo a tenere le dita incrociate, spero per te in una botta di fortuna. un abbraccio
MonicaB

S ha detto...

madonna poverina... non riesco neanche a immaginare la delusione cocente... che ne dite di tentare dopodomani? non ci sarà più tanta gente che vola verso est...

Layla ha detto...

ho letto solo le prime righe... mi dispiace, davvero... nessuno dovrebbe perdere un viaggio in giappone già programmato!!!!! :(

Continuo con il resoconto della tragedia annunciata -_-

Anonimo ha detto...

Questa è sì zella all'ennesima potenza, ma cio' che fa ancora più rabbia è non tanto la jattura in sè, che nella maggior parte dei casi soggioga le sue vittime senza che queste possano far nulla per evitare di essere da essa annientate, quanto l'IMPERDONABILE incompetenza del personale Alitalia e adr. Cioè, scusami, potevate partire cambiando semplicemente compagnia aerea con un volo DAI MOLTI POSTI VACANTI (un lusso impensabile in questi giorni nefasti) e nessuno vi ha avvisati? Un addetto che messosi dinanzi ad un cazzo di altoparlante richiamasse all'attenzione voi e i cinquanta giapponesini ansiosi di tornare a casa loro e vi dirottasse su un volo alternativo immediatamente disponibile era così difficile? che cosa ci voleva una laurea? Posso capire il trambusto negli aeroporti in questi giorni, ma se su tanti voli cancellati senza possibili soluzioni, ogni tanto viene fuori un'alternativa per riuscire a partire, come si può non avvisare immediatamente i malcapitati passeggeri? Non voglio fomentare la tua rabbia Wonder, anzi scusami se è questo l'effetto che al contrario stanno sortendo le mie parole, ma mi sembra un'assurdità, un danno che si poteva evitare. Io avrei spaccato tutto, compresa la faccia delle hostess che sornione sorridevano mentre a un viaggiatore crolla una certezza...
Ti abbraccio.

Alessandra & Rospo

sononera ha detto...

non ho parole..lo so lo so c'è di peggio e bla bla bla, ma c'è da rimanerci secchi..

ps: spero tu possa ripartire presto, non mollare, non mollare...facciamo tutte il tifo per te e per il tuo viaggio..

Wonderland ha detto...

No vabbè io a Tokyo CI VADO, in un modo o nell'altro, domani o un altro giorno.... ci vado ci vado.

Katefox ha detto...

nooo che sfiga somma!!

certo che quelle che fanno il trenino per gufartela hanno bloccato mezzo mondo..pure Tony Blair che doveva andare da Fazio..esagerate!!!

mi spiace un sacco Wonder...sfiga somma davvero!!!

Anonimo ha detto...

è terribile...sono stati veramente disorganizzati! ma tu non rinunciare!!
anche mia madre è stata lasciata a terra, il giorno dell'eruzione doveva andare in Scozia per il suo primo viaggio con gli amici senza famiglia e non ti dico come stava quando siamo andate a riprenderla..

sarina86

Laura ha detto...

Mi dispiace tanto Wonder, ti avevo ringraziato l'altro giorno per il post sull'uomo che amava le donne che cerco di rilegger per trovare un aiuto. La rabbia viene soprattutto come dici tu per la scarsa cortesia e professionalità che non ha fatto sì da poter approfittare di un volo diverso. Anche a me è capitato qualche mese fa di imbattermi con scarsa cortesia e professionalità di personale dell'aeroporto e di Alitalia, sembravano quasi felici di poterti lasciare a terra ... Ad ogni modo recupera le forze e riprogramma la partenza, come mi pare stai già facendo!

Anonimo ha detto...

per stare meglio prova a pensare che potevi partire ed essere inghiottita dalla nube...meglio continuare a vivere in mezzo a questi... cialtroni...aaaaaaaah...l'Italia!

Kaishe ha detto...

Ciao...
Ti leggo da un po' in silenzio ma stasera entro a dire la mia.
Io pure sono rimasta a terra... a Vienna. E ti garantisco che informazioni ZERO, gentilezza non pervenuta, assistenza nulla con l'aggravante che anche se chiedi che abbiano pietà del tuo inglese, continuano a parlare a velocità supersonica un misto crucco-english.
Il prossimo che dice che i tedeschi e gli austriaci sono organizzati lo fulmino... anzi, lo incenerisco!
Mi spiace per il tuo viaggio e per la delusione che provi.
Spero che il tuo libro ti dia tantissime soddisfazioni e che ti permetta di fare questo e anche tutti gli altri viaggi che sogni.

mara ha detto...

WOOOOOOOOOOOOOOOOONDER DAI NON TI BUTTARE GIU PURTROPPO PUO SUCCEDERE, VATTI A FIDARE DI STO VULCANO CHE PROPRIO MO' DOVEVA SBUFFARE!!! POI LO SAPPIAMO CHE STI AEREOPORTI SI BLOCCANO PER UN TEMPORALE FIGURATI! BACIOTTI MARA

Layla ha detto...

ah per fortuna!! allora si può usare la serata x un ripassino di lost in translation :D

Giulia ha detto...

io sarei stramegasuperincazzata e penso che vorrei andare a tappare il vulcano di persona se mi capitasse una cosa del genere!!! :(

Anonimo ha detto...

dai non ti abbattere ce sempre un perche'... una come te si rifara' sicurmente e in meglio... intanto fatti due risate e leggi quello ha scritto quel matto del mio compgno sul test di gravidanza fuoribrief.blogspot.com eh eh eh... se ti va. Domani partirai. cia vale

Anonimo ha detto...

Porca miseria! Mi dispiace moltissimo!!! So benissimo cosa significa essere in aereoporto e non sapere di che morte morire! Brutto!!!
Comunque anch'io ti dico: Mai volare con Alitalia!!!Mai e poi MAI! Sono così disorganizzati che ti fanno cadere le braccia! Io sono dovuta salire sull'aereo per capire che non c'era posto e sono dovuta scendere!!! Roba che se ci penso mi vengono ancora i nervi!

Spero tanto che ti rifarai.
Un saluto,
Eli

JAJO ha detto...

E che cavolo, Wonder, questa è una sfiga al cubo !!!
Però hai ragione: sempre la solita Italia (e la solita Alitalia) !!!
Due parole in più sembra sempre siano troppe da dire.....
E quei poveri giapponesi... neanche si sono visti il derby :-D

Anonimo ha detto...

Te l'hanno proprio tirata nun c'è un ca..o da fa!!
Minchia la gente quant'è invidiosa!!
Ma sono sicura che riuscirete ad andarci, se nn sta settimana tra un pò...ma ci andrete!!
Consiglio da amica (anche se nn ci conosciamo io un pò ti ci considero)non lo dire qui...fallo e poi mandaci tante foto quando sei lì,ormai sei famosa,moooolto famosa e la gente preferisce gli sfigati per potercisi immedesimare e poter dire,beh vedi c'è chi sta peggio, invece di apprezzare chi si sforza di migliorare la sua vita nonostante tutte le difficoltà che incontra!!
Anche io sono sicura che a certe persone si prenderanno la maledizione di Montezuma,ma se vuoi anche quella di Tutankhamon!!
Baci,Maura!

Tiziana ha detto...

che dire... che sfiga però!
in bocca al lupo wonder!

Cocolora ha detto...

certo che all'incompetenza non c'è limite. no, ma dico, se il volo del 17 era stato cancellato, per quale assurdo motivo quello del 18 avrebbe dovuto lasciare il suolo? cambio di direzione durante la notte? la nube fa gli scherzetti cucù e si sposta? pensarci un attimo prima no, eh? immagino che la mole di casini da fronteggiare non deve essere stata un'inezia, però porcazozza!!! io avrei morso un paio di persone e rubato il primo jet capitato a tiro.

guarda, ci sto male io per la delusione che devi aver provato.il sol levante è uno dei miei più grossi desideri da quando avevo 13/14 anni (avevo pure provato a studiare il giapponese da autodidatta) e credo che una cosa del genere mi avrebbe trasformato in una statua di sale all'istante. guarda, spero sinceramente che tu domani riesca a partire, davvero, te lo auguro con tutto il cuore. cathay, vedi di pigliarti i wonderlandini e on fare storie. altrimenti vengo lì e ti mordo tutti gli aerei (hostess comprese).

alice ha detto...

mi spiace... io già aspettavo una tua telefonata del tipo: oddio siamo a narita ma ci siamo persi nell'aeroporto, aiuuutaciii!!
continuerò ad aspettarla, mi raccomando!

Hoshi ha detto...

Usa la macumba (ma non esagerare) per far sì che qualcuno domani, resti a casa! ;D Ma i voli Alitalia, non possono cambiare momentaneamente rotta?! In bocca al lupo per domani, sgomita se necessario!

Anonimo ha detto...

Che sfiga O.O
Ce credo che sei depressa.
xxxxxxxxxxxxxxxxxx fingers crossed per aereo oggi.
Spero stasera di non trovare un aggiornamento e di immaginarti in volo verso l'oriente.
O meglio di trovare una foto di te che entri nel portellone e ARIGATO!

Comunque quando ho letto ho pensato
'machedavveroooo'?????

bix

silviaviola

fefe ha detto...

....:((((( nooooo che cavolo!!!!
e che cavolo...
baci
raffaella

kikka ha detto...

NOOOOOO!!!!
mi dispiace tantissimo x il tuo viaggio tanto sognato!...
che sfiga allucinante!!!
altro che "ti rode il culo"... io penso che mi sarei buttata per terra in mezzo all'aeroporto!!..
hai tutta la mia solidarietà!!...

Anna ha detto...

A Wonder che sfiga!!Te l' hanno proprio gufata!!

Morgana ha detto...

cavolo, mi dispiace!
Posso solo immaginare la delusione e ancora di più l'incazzatura per non aver fatto a tempo con l'altro aereo.
:(

SimoSerpe ha detto...

Giusto ieri guardando la tv pensavo..."certo poveri passeggeri...non possono nemmeno prendersela con le compagnie perchè non volano anche per la loro sicurezza..." però poi leggendo anche il tuo racconto ho cambiato idea. Mi dispiace per il tuo viaggio. Mia nonna diceva, ogni impedimento è giovamento. Prendila cosi, altrimenti ti rode si :(

bismama 2.0 ha detto...

Meglio che non commento come dovrei, sarei acida come lo yoghurt scaduto. arrrrgh

Mi dispiace ma se il viaggio era "di lavoro" per il socio, non è solo rimandato?

Wonderland ha detto...

Si, infatti dovrebbe essere solamente posticipato, contando che tutta europa ha gli stessi problemi non si fa torto a nessuno... il fatto è che dovrebbe essere li entro il 3 maggio altrimenti salta. Per questo bisogna trovare il primo volo possibile. Stamattina ci hanno avvertito che con Cathay c'era troppo casino, e ora siamo qui in attesa di nuove direttive. Vista la situazione non credo arriveranno molto presto...

Lanterna ha detto...

Beh, se perfino la Merkel ha forato... 'sto vulcano islandese porta pure un po' sfiga!
Mi dispiace un sacco!

zauberei ha detto...

l'importante è riuscire a partire Wonder, questa è la cosa. E pure partire in condizioni di supersicurezza. Non tanto perchè salti in aria, ma pagare e dover soggiornare sur Pamir per due giorni non è simpatico.

akari ha detto...

in bocca al lupo!!

Alem ha detto...

mi dispiace... attaccati al telefono, urla, tira fuori le conoscenze in alitalia, in aereoporto. Dai, devi partire. tu sei il mio viaggio riflesso (sogno da anni di andare in giappone, ma il marito non va ad est oltre Trieste!), non vedevo l'ora di leggerti dal giappone...Dai wonder!!

Sara M. ha detto...

Ciao Wonder,

guarda, c'è più di mezza Europa a piedi...il caos...spero di non dover prendere aerei/treni in questi giorni! Ma qualche buona notizia forse c'è: il vulcano ha ridotto la sua attività da ieri e dal 21/4 qualche tratta dovrebbe riprendere, soprattutto qui in Italia. Ti consiglio di attaccarti al telefono....vedrai, andrai in Giappone!!Io tifo per te!


Sara M.
p.s. peccato che non mi hai contattata, avevo dei posti da consigliarti a Tokyo/Osaka e Kyoto,,,anche per ricambiare per la volta che sono andata a Parigi (sono andata a mangiare in alcuni posti che avevi consigliato sul blog e te ne sono grata!)ma ho notato che hai anche ottime accompagnatrici locali! ^_°

Insomma, quando vuoi, sono qui!

Claudia ha detto...

Io sarei dovuta partire venerdì per LOndra. Alla fine partirò domani in bus!!! Non so in che condizioni arriverò. Mi spiace tanto, capisco totalmente il nervoso. Non solo per il vulcano ma soprattutto per l'assistenza mancante :)

francesca ha detto...

no ma che sfiga...in realtà sabato sera su rai 2 avevano detto che l'aeroporto di fiumicino sarebbe stato chiuso (dicevano proprio chiuso in generale) fino a stamattina alle 7 e ti ho pensata...io incrocio le dita affincheè tu riesca a partire prestissimo!

Francesca mamma di Alice

Anonimo ha detto...

Ciao Wonder
mi sei simpatica pero' pensa cosi', magari e' un segno del destino, pensa a stare con tua figlia al posto di farti la vacanzina in capo al mondo.. ci andrai quando potrai portare anche lei.

e stai a fare tanto casino, ma guarda che mica solo tu sei rimasta a terra, ci sono disagi enormi e problematiche ben piu' serie per tante altre persone, pensa a viaggi programmati per motivi di salute, lavoro, etc.

Francesca ha detto...

chissà come mai chi ha da fare critiche rimane sempre anonimo....
vabbè... in bocca al lupo wonder!

cannella ha detto...

ma perchè deve andarci QUANDO POTRA'PORTARE ANCHE LEI?????? ma io non sono andata mai in viaggio con i miei e non ho nessuno scompenso e ho cominciato a viaggiare con le mie amiche. MA DOV'è IL PROBLEMA??
e che palle.

Mom ha detto...

Cara Wonder mi dispiace davvero tanto, capisco benissimo il tuo "rodimento"...io avrei tirato giù l'aeroporto dalla rabbia!!!
per quanto riguarda "quelli del trenino" si ti serve qualcuno disposto ad incappucciarsi e aspettarli sotto casa, conta su di me!!ahahah;-)
p.s: per anonimo: per caso ti sei preso una storta facendo il trenino?;-)

Lalaura ha detto...

Wonder concordo con chi ha detto: parti senza dir nulla!
Dai che ce la fai ;-)

per cannella, qui sopra: non so se hai figli o no. Però ti assicuro che riprendersi un po' di vita di coppia-sociale-per sè fa bene anche ai figli. Perché fa bene a mamma e papà.


Un abbraccio Wonder
(sai che aspetto il secondo? :-) mi pare ieri che ti commentavo con la Porpi appena nata e io incinta della Spucci)

Anonimo ha detto...

Lalaura, guarda che Cannella era solidale con Wonder e bacchettava l'anonima rosichella.

Questo silenzio comunque mi lascia perplessa. O la nostra è riuscita a partire e GIUSTAMENTE non dice niente finchè non tocca il suolo nipponico, o di fronte all'ennesimo volo cancellato, mi si è suicidata.

Propendo fortemente per la prima ipotesi.

Alessandra & Rospo

michelina ha detto...

.___.
ca**o.
Detto cio' anche se non serve a nulla, mi sa che sto per fare la tua stessa fine con un altro, sudatissimo programmino di viaggio fatto da mesi su cui pende una maledizione recidiva. (ma il vulcano davvero, non me lo aspettavo)

letizia ha detto...

beh, come direbbe tuo papà, almeno la roma ha vinto!!!

M.Lo ha detto...

cara wonder, tornavo dall'america dopo un bellissimo viaggio tra gli states e il messico, sono scalata a london heatrow e a londra sono stata per 3 giorni praticamente senza soldi bloccata,con i vestiti di 16 giorni che puzzavano per poi prendere un 4 treni diversi direzione italia e mettendoci circa un giorno e mezzo a rimpatriare.

almeno voi siete tornati a casa...
c'è sempre di peggio...fidati!

Lalaura ha detto...

sì sì SCUSAMI CANNELLA... ho sbagliato a leggere, chiedo venia :-) mi riferivo anche io all'anonima che invitava wonder ad aspettare di viaggiare con la Porpi.
So' rinco :-)

ps: "anche io voto per è partita in silenzio"

erounabravamamma ha detto...

hi wonder, due cose voglio dire:
1. c'è sicuramente, SICURAMENTE, un disegno superiore in tutto ciò. tutti i miei viaggi saltati (ahimé parecchietti) sono saltati per un motivo, e alla fine in qualche modo la cosa ha avuto un senso
2. smettiamola di dire cose assurde tipo "è colpa di chi te l'ha gufata". eddai! questo non è possibile.

bussola ha detto...

mamma mia... senza parole proprio

manuela ha detto...

mi dispiace, io pregustavo già le tue foto. mi spiace soprattutto perchè anche se non sei partita ti sei dovuta beccare tutto il cazziatone degli scorsi giorni, un abbraccio.

Anonimo ha detto...

Mi spiace molto wonder. però pensala così, al di là della sfiga contingente.

questo vulcano ci deve far riflettere, su di noi e sul genere umano che rappresentiamo. spesso pensiamo di averlo in pugno, questo mondo, ma non è vero. e ogni tanto, la nostra amata Terra, ce lo ricorda. perché alla fine... fa ancora quello che vuole Lei.

secondo me, e come hanno dichiarato anche diversi passeggeri intervistati negli aeroporti, dovremmo prender questo episodio come una bella lezione di umiltà per tutti.

e ripartire con un idea di "viaggio" più eco, più soft, forse più simile (non dico uguale, per amor del cielo) a quella di una volta, quando per milano - parigi ci volevano tre giorni di treno, insomma, forse forse più a misura d'uomo, e di TERRA.

Celsa

Anonimo ha detto...

cara wonder, mi spiace tanto per la sfortuna contingente.

però penso una cosa - e non l'ho pensata solo io, ma anche tanti passeggeri bloccati che sono stati intervistati alla tv. questo vulcano dovrebbe farci riflettere. noi, genere umano, spesso pensiamo di tenerla in pugno, questa nostra Terra. e invece no, nel bene e nel male, alla fine ci governa ancora Lei.

ecco, questa potrebbe essere una bella lezione di umiltà per noi. per costruire un mondo più soft, e soprattutto più eco. magari fatto di spostamenti un po' più difficoltosi e magari non così frequenti - così com'erano una volta. ma un po' sostenibili, un po' più, come dire, a misura d'Uomo e nel rispetto della nostra Terra, che alla fine, è la nostra vera risorsa.

Celsa

Castagna ha detto...

Beh io in questo caso rimango fredda perchè, come altri qua sopra, anche io ho fatto la pendolare per anni, e sinceramente meglio perdere una bella vacanza che si rifarà senz'altro in futuro che farsi un fegato così tutti i santi giorni per andare a lavorare, no? E' un peccato, certo, e fa rabbia, ma non è che capiti tutti i giorni un tale casino nei cieli, si può persino arrivare a capire che a Fiumicino ci avessero rinunciato, a essere sensati... senz'altro più di quanto si possano capire certi disguidi e disservizi in giorni normali!!!
Però ditemi che alle gufate non ci credete, vi prego. Altrimenti quelle povere sfigate che hanno sputato veleno la settimana scorsa penseranno di avere potere.

Maddalena ha detto...

quella del segno del destino "così pensi a stare con tua figlia invece di farti un viaggetto in capo al mondo" mi mancava. ora credo davvero di averle sentite tutte.

anche i vulcani dell'Islanda concorrono nel far venire i sensi di colpa alle mamme! embè, come no?

ligabuicamente (!) ho perso le parole.

Wonder, mi dispiace una motta - spero che riuscirete a partire a breve senza troppi scossoni! su su :)

Anonimo ha detto...

Non riesco a leggere tutti i commenti. Domani torni in apt, ti fai la fila staliniana al counter alitalia, e ti fai riproteggere. Alitalia di deve far partire in qualche modo o rimborsare. Potrebbero proporti come data la settimana prossima, ma DEVONO farlo

Dilja

Chiara ha detto...

Certo che l'invidia è una brutta bestia XD venire a infierire anche in questa situazione è davvero da poveracce! E guardate che io sono stata una rosicona per anni: facevo quello che "si deve fare", studentessa modello lavoratrice modello... poi ho capito che quello che mi ribolliva dentro quando vedevo che le altre persone facevano le stesse cose che facevo io con più serenità, forse con meno precisione ma godendosi nel frattempo la vita... beh, non era sacro senso del dovere e indignazione davanti a queste povere edoniste, come mi sforzavo di pensare: era tremenda INVIDIA per chi osava sbattersene dei giudizi altrui e fare quello che sapeva che sarebbe stato meglio per sé. Mi irritavano perché facevano esattamente quello che volevo anch'io e che non osavo concedermi. Da allora sono una piccola edonista anch'io e vivo benone :D

Perciò: Wonder vaiiii, mi spiace un sacco per il viaggio saltato, ti auguro tantissimo di recuperarlo ma soprattutto di andare avanti a vivere una vita che ti renda il più possibile felice, serena, entusiasta della vita. Perché che a una bambina faccia meglio avere una mamma pendolare e incazzata con le mamme freelance, rispetto a una mamma che lavora quando riesce e si gode la vita, non lo credo mica.

Wonderland ha detto...

Grazie a tutte del supporto morale.
Sono d'accordo con chi dice che il vulcano è il modo che la natura ha scelto per ricordarci che siamo esserini, ma anche che... il 2012 è vicino, argh O_O
Siamo ancora in attesa di notizie...

bismama 2.0 ha detto...

Hai provato con la Qatar come ti dicevo in mail?

Vita di mamma ha detto...

@Chiara: Scusami ma dove sta scritto che le mamme pendolari sono incazzate con le mamme freelance? Ma che discorso é? Mah...
Sono pendolare, il mio lavoro lo considero una fortuna e una fonte di soddisfazione, possibilitá di imparare e socializzare. E sono pure freelance perché il lavoro fisso non basta a comprire le spese che la vita mi impone.
@ Wonder: Pare che la situazione nei cieli stia migliorando, secondo me riuscirete a partire presto!

Layla ha detto...

@Chiara, non credo sia tutta invidia, anche se una parte delle criticone sono, sicuramente, rosicone. A volte vedi cose che TU reputi ingiuste, e se non sai usare un pizzico di relativismo, sbarelli.
Ti incazzi davvero perché tu non desideri quella vita e vorresti che nessuno la desiderasse - non concepisci nemmeno che qualcuno viva in modo diverso dal tuo - perché secondo te agire in certi modi rende il mondo peggiore... a me capita (non su questo blog), a volte è dura ricordarmi di "non giudicare troppo."
Secondo me ci si dimentica che se fossimo tutti uguali e facessimo tutti le stesse scelte di vita, allora sì che sarebbe la fine :D

Chiara ha detto...

@Vita di mamma: non volevo assolutamente dire che tutte le pendolari invidiano le freelance! Scusatemi :) non ho specificato che mi riferivo a svariati commenti cattivi nel post in cui veniva annunciato il viaggio in Giappone: "tu che se lavori lavori da casa e vai pure in Giappone sbattendotene di Viola mentre io sì che so come si vive davvero andando avanti e indietro da casa al lavoro col sudore della fronte" mi sembra una sintesi sincera di una parte dei commenti arrivati, correggetemi se sbaglio.

@Layla: hai ragione, non avevo pensato anche a questo punto di vista. Ad ogni modo quello che volevo dire anch'io è appunto lasciamole vivere la sua vita, che lo sa lei cos'è meglio per lei e la sua Porpi :)

CloseTheDoor ha detto...

Ecco, una delle cose per cui non so se tornerò mai più in Giappone è questa:

che se l'imprevisto può capitare, un disservizio come quello che hai descritto è l'eccezione e la VERGOGNA dei dipendenti.

Non so nemmeno immaginare come si saranno sentiti mortificati i Giapponesi in viaggio, ogni volta che ne vedo uno in Europa e in Italia e in particolare mi viene da corrergli incontro e domandargli se ha bisogno di qualcosa.

Esagero? Aspetta di vedere come sono i Giapponesi e vedrai :)

Blog Widget by LinkWithin