il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

martedì 2 novembre 2010

Dai Pampers al Pampero

Queste combinazioni di party a raffica + festa del Cinema + aperitivi vista red carpet + tacco 12 + amici di vecchia data + I'm on the list, mi tornano piuttosto naturali.
"Pure troppo" direbbe la saggia madre che non è in me.

Non sono una di quelle di cui potresti dire "conosce tutti", ma sicuramente conosco chi mi piace. E rivedere gente che ti piace, che magari non vedi da un po', fa sempre un bell'effetto.
(adesso tutti quelli che ho rivisto nel giro di quest'ultima settimana si sentiranno piaciutissimi, ha. ma fate bene, eh. piacetevi da parte mia :)


E insomma, mi tiri fuori di casa e dopo mezz'ora rimuovo le notti insonni, la Tachipirina all'ingrosso, le costruzioni di Hello Kitty, l'inserimento all'asilo.
Ritorno in me, ecco. E quando capitano quelle giornate che la nonna "melatengoio-belladecasa" e le amiche "ore18qui-ore21là-ore23laggiù" io mi ci tuffo beatamente, a peso morto.

E così sono stata praticamente resident alla festa del cinema, al Lancia Cafè, dove mi sono beata della presenza di gente come Eva Mendes e Keira Knightley a mezzo metro da me.
Commento del mio amico: "Keira è bona, ma c'ha la scucchia."
Commento di un'altra tizio: "Eva Mendes è sesso puro, ma c'ha la cellulite."
Commento mio: "Grazie Signore, grazie."
Siamo realisti: paurosamente belle.
...ma anche di Bruce Springsteen - che per un lapsus continuo a chiamare Clint Eastwood da due giorni - il quale, in occhiale scuro e passo incrociato, ha ricevuto il seguente commento da uno dei fan in attesa sotto la pioggia:
"Sembra Vasco, ma più fatto."
(Bruce, perdona loro...)

Aperitivi: ho sperimentato che il Moet è come il Pentothal. Effetto immediato e non lascia traccia. Fiera del mio hangover del tutto assente dopo cinque bicchieri e poche ore di sonno, ho pensato bene di proseguire con un mix di pessimo vinello da cena fra amici più cocktail misti a un party di quelli seri.
Risultato: il mio fegato è ancora lì, da qualche parte, ma stasera me lo vado a riprendere.

Alla stessa festa oltremodo figa ho avuto il piacere di conoscere una quantità incredibile di gnocchi, ma una roba che sembrava la sagra, e tutti indiscutibilmente, felicemente, sfacciatamente gay. Com'è che il bello+smart convive solo in quella circostanza? Spiegatemelo, perché l'unico etero aveva lo smalto cerebrale di Brad Pitt in "Burn after reading".

A una certa arriva un tizio che io adoro professionalmente. Uno di quelli che leggo sui giornali, di cui seguo fedelmente le gesta, di cui potrei quasi citare le parole e che voglio assolutamente conoscere.
Nemmeno il tempo di dire "ehi, tu" e questo ha già appiccicato al muro una tizia che ha dimenticato il vestito a casa e di cui potrei descrivervi le mutande con dovizia di particolari.
Io sono lì come un'ebete che li fisso, una figura che raccomando caldamente a tutti.

Questa settimana va così, faccio la socialite.
Non è successo spesso negli ultimi due anni, quindi non rischio il temuto effetto "uscire mi annoia"/ "vedo sempre la stessa gente".
Stasera ce ne sarebbe un altro, uno di quelli che davvero, vale la pena esserci.
Vediamo se dopo il tragitto Pampero-Pampers è temporanemante reversibile :)

Condividi

56 commenti:

Lola ha detto...

voglio sapere chi è il tuo personal guru manzo? ti prego ti prego ti prego... sono una pettegola!!!

buona socialitè!
annalola

michela72 ha detto...

..mi presti le nonne??? Così quando nasce mi rimetto il tacco 12...

Anonimo ha detto...

solo una parola...DAJE!!!!!!!!!!!!
michela

daniells ha detto...

siamo fiere di te ; )

MammaGiovane ha detto...

Caspita, sei proprio ben "ammanicata" per fare questo tipo di uscite serali assolutamente non convenzionali per noi comuni mortali.
Io me le sogno e già e troppo.

Anonimo ha detto...

ok, buon per te un po'di tempo da dedicarti, però...è molto più divertente quando racconti della Porpy! mi fanno sempre piegare dal ridere le sue gesta!

Anonimo ha detto...

Oddio pure tu parli Quel linguaggio tremendo... "ad una certa (???) arriva..." :-S

Wonderland ha detto...

@Lola e Mammagiovane: nessun personal guru, è una mia amica superammanicata che - a differenza di me - conosce IL MONDO :D

Anonimo sì, però così mi diverto un po' anche io, e come condivido le gesta della Porpi e delle mie giornate da mamma... perché non raccontare anche qualche momento solo mio? In fondo l'intento era questo:far convivere pacificamente Pampero e Pampers!

@michela ahahaha potrei noleggiarla in effetti :)

Laura.lau ha detto...

Che bello Wonder!!! Io una vita cosí non l´ho mai fatta ... ma putroppo non causa figli (che ora, ad una certa etá dico purtroppo, non ho) ma a causa eccesso studio -lavoro, difficoltá sul lavoro, lavoro impegnativo (sono prof. universitario), ecc. ecc. ... devo sperare di recuperare in un´altra vita, nel frattempo mi godo i tuoi racconti che spero procedano con dovizia di particolari!!

Laura.lau ha detto...

P.S. per esempio ci potresti raccontare il tuo look di queste serate ...

Giachina82 ha detto...

Ecco lo dico.. mi sale un'invidiaccia..!! ^_^ Però allo stesso tempo sei la luce in fondo al tunnel.. se puoi tu.. ce la faremo pure noi insomma!! Mi basta aspettare quell'annetto.. forza e coraggio!

Mammabradipo ha detto...

Visto che è reversibile? basta avere solo un po' di pazienza...anche se a me più che le feste manca una vita parallela da single in cui fare tutto secondo i miei tempi e le mie ispirazioni del momento...chiedo troppo mi sa...

MarinaM ha detto...

Sinceramente mi diverto sia quando parli della Polpettan che quando racconti le tue gesta. Mi sa che mando un link anonimo a mia cognata che da quasi 8 anni (età della sua prima figlia) e quando non lavora è blindata a casa a fare la mamma e guai se la inviti fuori. Vabbè ma è un caso umano, lei e il marito e le figlie dormono tutti nella stessa stanza da letto.

Anonimo ha detto...

approvo laura...racconto del look!!!!!vogliamo sognare in tutto e per tutto!

eteVaM ha detto...

Azz...io non sarei mai abbastanza figa per queste serate e non avrei l'abbigliamento giusto. In compenso sono andata ad una cena con delitto in un castello vale ?!??! Mi sa di no :)

Anonimo ha detto...

mi conforta sapere di non essere l'unica a far convivere pampers e pampero! grande Wonder!

Anonimo ha detto...

Invidiaaaaa...per favore va viaaaaaaa...!
Wonder,vai con la descrizione degli outfit e soprattutto...divertiti che te lo meritiiiiiiiiiiiiii!



Watanabe.

elavantin ha detto...

condivido appieno il commento di @mammabradipo. Le feste e le serate e il tacco 12 (maaammma miaa) non sono per me, ma tante altre cose lo sarebbero...

Anonimo ha detto...

Onestamente questo post non mi piace assolutamente. Parli di cocktail, vino, hangover, addirittura paragoni il Moet al Pentothal. Tu sai cos'è il pentothal?! E immagino che tu l'abbia anche provato, visto che conosci gli effetti.
Questa forse sarà anche la vita in cui ti ritrovi ma a me non fa alcun tipo di invidia. Anzi, la disinvoltura con cui parli di alcol e farmaci è preoccupante.

Questa volta dissento.

Ah, si scrive ceRebrale. Ancora colpa del Mac? Il mio mac però adesso non me l'ha corretto. Chissà perché.

Wonder le parole sono importanti.
Take care.
Chiara

Elenilla ha detto...

Wonder è bellissimo leggerti quando racconti della Porpi e quando racconti delle cose che fai senza la Porpi, ogni tanto ci vuole!!
Io faccio come te, ogni tanto mi concedo delle serate con Lui ed amici! Ed è giusto che i cuccioli stiano a casa a godersi la nanna, i giochi e le coccole di chi li accudisce!! Fa bene anche a loro: torniamo più carichi e riposati!! Alle volte penso il contrario: riassaporare la vita di prima mi fa venire come una vertigine...quando torno a casa poi ritrovo la stessa forza di occuparmi del mio tortellino?? Ma è ovvio e naturale che io, puntualmente, la ritrovi...Se me lo chiedo, ho paura, se vivo...viene da sè!! Ti succede mai?
Comunque in questo periodo io anche un pò ..."forzatamente" (!!!) esco...perchè a febbraio mi nasce un nuovo cucciolo e poi davvero per un bel pò mi sa che non uscirò (due maschietti di un anno e mezzo di differenza, come li vedi??)!!!

rocciajubba ha detto...

Bello eh?!!?
Quando per una sera ti rifai la vecchia vita.
Anche io rinasco.
Non solo "nana-assente" ma proprio SINGLE (che DaddyBear quanto a divertimento non c'ha mai saputo gran che fare).
COmunque anche io voglio descrizione look e possibilmente FOTO (che voglio dire: la Porpy è strafant ma pure ammmina sua quanto a gnoccaggine mica scherza!).

MammaMoglieDonna ha detto...

Che bello potersela spassare allegramente dopo 2 anni!!!
Mi manca un po' la vita spensierata di allora.. chissà magari me la regalo anch'io una serata d'altri tempi...
Festa figa da consigliare per sabato?

Anonimo ha detto...

io ti appoggio al 100% perchè sono sempre stata una sostenitrice delle uscite serali senza nanetta al seguito con tacco 10 (12 mi è umanamente impossibile!), con le amiche di sempre e con i posti nuovi e vecchi... ci sta e che goduria! approfondisci pure l'argomento che interessa assai! vestiti, nomi, sguardi, scarpe, profumi, impressioni, nostalgie, soddisfazioni.... sei grande!
Marta

Wonderland ha detto...

Cara Chiara: Diabolik, anyone? Sappi che le droghe non fanno proprio per me :)

Grazie a tutte, come al solito siete fonte di gran divertimento (e sostegno) :D Oddio, raccontare gli outfit? E che sono, una fashion blogger? :D

PlicPlic ha detto...

Wonder,
io non sono mai stata da festa glam e tacco 12, ma anche con jeans e nottate fino all'alba in locali underground la sostanza non cambia: siamo festaiole dentro, ognuna a modo suo!
Hai fatto non bene, ma STRABENE a goderti questo momento: anzi, io credo che essendo una "rarità" tu te lo sia goduto il doppio di quanto avrestri fatto in era pre-polpetta (o anche no, ma non fa differenza).
Per le altre: e non rosicate, dai! Il concetto è lasciarsi a volte lo spazio per tornare a fare quello che ci faceva godere come ricce prima dei nani. Per Wonder erano il pampero e il tacco12, per me il pampero e le mie notti ai Murazzi, immagino che tutte voi abbiate l'equivalente. Piuttosto che sognare quello che si conquista Wonder, ricordatevi e riappropriatevi (ogni tanto) dell'equivalente per voi!

lelapucca ha detto...

....evvai!!! ogni tanto ci vuole...eccome!

Mammamsterdam ha detto...

No, no, la Polpetta va benissimo, ma raccontaci pure delle botte di vita e delle mutande della tipa, dai.

Mo mica perché hai scritto un libro sulle mamme che tocca improgionarti in questo cliche?

Anzi, il mio consiglio è che il prossimo lo ambienti nel giro degli scambisti, così ci ricordiamo quanto sei eclettica.

Baciotti,
Mammamsterdam

Anonimo ha detto...

Questo e' il post piu' divertente che hai scritto :)
"I'm on the list" ma LOL
Hai visto delle attrici da vicino, accidenti. Sei veramente inserita nei giri giusti.

Devi essere di un provinciale poveretta :)

Anonimo ha detto...

uao!! che invidia, lo confesso...anche io vorrei potermi permettere di avere figlia, tate e nonne, nessun cartellino da timbrare la mattina dopo, e poter andare in certi locali mondani in mezzo ai Vips ;) certo, in fondo lo so che non sono le cose che contano, ma ogni tanto vorrei poterlo fare!!
Silvi

Alem ha detto...

Vai, ti prego, vai anche per me!!! :):)

Anonimo ha detto...

cosa prevede l'outfit di stasera? e poi voglio la foto...
mi raccomando però: NIENTE CALZE!
Marta

Wonderland ha detto...

Anonimo, lo so, che vogliamo fare. Io forse sono ancora stile "topo di campagna VS topo di città" per cui se capita che mi bevo un drink vicino a Keira Knightley o chi per lei, ecco... lo noto! (e lo racconto) Però capisco che c'è chi queste cose le vive quotidianamente e non nota la differenza, anzi, magari legge questi racconti e gli viene da sorridere.

MammAmsterdam sì ma infatti le mutande meritavano un post a parte, ma per discrezione... ;) Non voglio affatto imprigionarmi nel clichè, anche se sembra che se poco poco mi allontano dai racconti strettamente "polpetti" c'è sempre qualcuno che ha da ridire. Sai però come si dice: "il blog è mio e me lo gestisco io" :)

Daje co' sti OUTFIT.... tagliamo la testa al toro: ieri avevo un vestitino ricavato da due magliette una sopra l'altra, una beige lucida e una bianca con piccolissime balze (e detto così ammetto che fa veramente cagare, ma in fondo non era affatto male), calze scurissime (sorry Marta, senza c'ho freddo) e i famosi tacco12 grigio/beige di Bershka che avevo twittato qualche giorno fa.
Ma dopo che l'ho raccontato? No perché non ho nemmeno fatto una foto...^^

Anonimo ha detto...

hihihihi che belle queste seratone....nn fanno tanto per me..però devo ammettere che suona divertente..brava wonder...divertiti ogni tanto tui che puoi...io i nonni li ho tutti lontani e nn posso permettermi la baby sitter...ma qualche seratina in solitudine mi servirebbe proprio!!!!!

Finalmentemamma

cheneso ha detto...

Ma quante zitelle acide! E' un classico ormai, ad ogni post che non riguardi la Porpi escono come le lumache. E quando aperitivi a ponte milvio sei snob, quando incontri Keira Knightley sei una provinciale (e magari sono loro le prime a farsi la foto col costantino di turno!)
che c'è, siete invidiose perchè lei si acchitta col tacco 12 e voi avete ancora avete le caviglie gonfie e il mollettone in testa?
Che c'è di male a volersi vivere la propria vita? A concedersi qualche uscita mondana e superficiale? Tra l'altro mi sembra che la porpi stia alla grande, e allora che c'è di male.
Credo che quello dei figli sia un alibi comodo per molte madri per rinunciare a vivere.
"sacrificarsi per i figli" non è un buon sacrificio, parlo da figlia 21enne di una madre sacrificata che vorrei vedere uscire con le amiche.
Daje Wonder

Giuseppe D'Elia ha detto...

è incredibile quanto ciò che scrivi con tanta naturalezza ci fa letteralmente scompisciare!!! :)

Comunque Forza, la scalata verso il Pampero è dura ma ce la puoi fare!!! :)

Mia ha detto...

Ti prego fallo anche per me che sono ancora condannata a fare la muffa a casa....

Anonimo ha detto...

Grande Wonder! Amo questo post e quando hai occasione di raccontare la vita extra-porpi...perchè no? In fondo mica siamo solo mamme, eh!!!

Francesca mamma di Alice

Ps: ma mora stai da dio, mai pensato di farti la tinta?

Anonimo ha detto...

Bello questo post: finalmente un po' di allegria e di sana baldoria!! Brava, è così che ti vogliamo sentire! :-) Silvia

Ondaluna ha detto...

Bene, c'è speranza... la vita ricomincia...

UnNickname ha detto...

A volte ritornano :)))

Anonimo ha detto...

In effetti rileggendo il post rimango un po´ perplessa. Perché tutto questo inno all´alcool?? Da cosa devi fuggire dato che hai meravigliosi compagno e figlia e hai da poco pubblicato un libro?

sybin ha detto...

Aiutatemi.

No, dico sul serio, perche' due anni di Inghilterra mi hanno fatto momentaneamente dimenticare il significato della parola scucchia.

Roba che io usavo questa parola almeno due o tre volte al giorno, e adesso l'immagine ad essa associata e' come svanita...

Ripigliatemi!

Wonderland ha detto...

Fuggire? Inno all'alcol? Ehi ma voi siete tutti astemi, fatemi capire. Bere in compagnia - magari più del solito visto che serate così mi capitano raramente - non mi sembra una roba da Alcolisti Anonimi!

Anonimo ha detto...

Beh allora tutto torna, dobbiamo pensare che si tratta in questi casi solo di qualche bicchiere in piú per fare festa e non di desiderio di stordirsi di alcool. Scusa, ma il post si presta all´equivoco.

Wonderland ha detto...

Eh, tanto l'alcol serio non lo reggo più da un pezzo: non c'ho più il fisicoooo! ;)

Anonimo ha detto...

boh... ARidatemi gli AA se Chiara sembrava ambigua relativamente all'alcol, io a voi sembrerei da clinica rehab! Certo non ho scritto un libro, indi non suscito commenti invidiosetti... ah the Fame!
E Chiara er fisico mi sembra che ce l'hai e tienitelo stretto...
Buon Dom e baci alla pupa
Bonzomamma

Anonimo ha detto...

Ma il pentothel lo usava Diabolik nelle sue avventure come siero della verità...Wonder ho scoperto la tua vera identità...sei Eva Kant!
;-) ti adoro e adoro il tuo umorismo...e le bacchettone prima di fare la morale tengano sempre a mente che i figli sono felici solo se i genitori stanno bene!
Baci, Serena.

Chiara ha detto...

Wonder, mai come in questo post mi sembri una marziana! Ma è giusto, perché per me fondamentalmente lo sei. Io, in situazioni come quelle che descrivi, mi sarei suicidata più volte per una serie lunghissima di ottime ragioni. Con qualche sforzo cerco di immaginare l'equivalente per me di quel sano divertimento senza pensieri che invece capisco bene, ma ti risparmio i parallelismi che mi sono venuti in mente, perché sono decisamente bizzarri... E' bello però poter provare simpatia e affinità per te, anche se "dal vivo" non ti avrei incrociato mai, neanche nella più incredibile delle coincidenze. Miracoli del web.

Claudia&Giorgia ha detto...

bello scoprire la "Luce in fondo al Tunnel"...buone serate e tantissimi drink sfacciatamente alcolici!!!! ciao

Anonimo ha detto...

ciao, ti leggo tra una pausa e l'altra da due gg...tacco 12,uhmmm...quando riuscirò a rimetterlo?mamma da sette mesi,gallerista da 6 anni.

Anonimo ha detto...

Sono sempre dalla parte della sacrosanta idea che per essere buone mamme è necessario sentirsi bene nella propria pelle, e non smettere mai di amare quello che abbiamo sempre amato fare in un lontana era pre nani. Trascorrere una o + serate fuori dall'ordinario è ossigeno, distrazione,cazzeggio costruttivo x ritrovare quel senso di appartenenza a sè stessi che è il motore di una vita in cui ti senti che vai nella giusta direzione, la tua! E il bello è che ognuno la vive come meglio crede. Quando è capitato a me ho solo sentito finalmente il filo rosso che univa le 2 parti della mia vita che sembravano inconciliabili, e per Giaco credo di essere diventata solo che una mamma migliore, sono arrivata a toccare finalmente quel senso di espansione a dismisura che un figlio può dare..ma solo dopo aver abbracciato l'altra parte di me...che era viva e vegeta e mooolto in vena di cazzeggio! Dai dai dai Wonder!
Mammifera

Cia ha detto...

..sabato sera ho fatto anch'io uscita con le amiche...nano a casa che dorme con babbo, mamma che va fuori e fa baldoria, un prosecco ed ero già allegra, sparare cagate, spettegolare, ridere di gusto...un tuffo nel "prima" che ricarica....e sai qual è stata la cosa più strana?!? pensavo "devo scrivere a Wonder e dirle di farlo perchè fa proprio bene"....
....torno e leggo che hai fatto la stessa cosa!!!! ok, sono malata....

MOMS JUST WANNA HAVE FUN!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Ciao Wonder, premetto che il tuo blog mi piace molto che ti seguo e che veramente ritengo tu contribuisca a sdoganare l'immagine delle madri che vive nell'immaginario comune...Tuttavia non posso fare a meno di chiedermi, quando tu scrivi post come questo, "ma come può anche solo lontanamente rimpiangere la vita di prima?".Ti spiego: ho pochi anni più di te (31) un figlio dell'età della tua (30 mesi). A me non è "capitato" è stato cercato e voluto, ma nonostante questo anche per me è stato un subbuglio di emozioni all'inizio e anche adesso faccio una fatica boia per organizzarmi ed avere tempo per me. Non pensare che io sia una di quelle che già prima faceva fatica ad uscire: adoravo (e adorerei ancora) il cinema, il teatro, le cene fuori con gli amici, le mostre...insomma tutto il pacchetto completo e chi più ne ha più ne metta..Ma nonostante questo, MAI E POI MAI ho provato moti anche lontanamente vicini all'inviadia per quelle mie amiche che, per destino o per scelta, alla mia età o più mature, continuano a sciamare da aperitivo in aperitivo, di festa in festa, di cena in cena. Certo, capiscimi bene: l'occasione da te descritta è di per sè speciale, e comunque è logico che talvolta a tutte piace uscire e tornare alle vecchie glorie...Tuttavia in altri post simili a questo già altre volte mi è sembrato di percepire un atteggiamento del tipo "bei tempi quelli!!" Ecco, ora magari tu penserai, ecchissenefrega, ben per te e hai anche ragione per carità, ma davvero pensi che quelli fossero tempi più gloriosi degli attuali?
Un abbraccio alla Polpetta!!
Ely

Elisabetta ha detto...

Grande Wonder!
Anch'io ieri sera mi sono fatta una bella seratina col maritino e gli amici... messi i tacchi, bevuto, ballato, tirato tardi... come ai vecchi e gloriosi tempi!
"Eh si bei tempi quelli" e lo dico davvero e anche con nostalgia, perchè certe cose non ritornano più tanto spesso e quindi ben vengano quando si ha la possibilità!
Questo non significa amare meno la propria figlia o rimpiangere di essere madre, significa GODERSI altre cose della vita, che visto che è una sola è giusto vada assaporata in ogni suo piacevole aspetto!

MademoiselleBovary ha detto...

grandissima Wonder!
Pure io ho salterellato di qua e di là al Festival, di festa in festa, di terrazza in terrazza...ci saremo anche incrociate! Mi è piaciuto questo post, perché sì, rispondendo ad Ely, questi sono "bei tempi" a cui non si deve rinunciare...della serie "vogliamo anche le rose" rivisitato in "vogliamo anche il mojito". Non si è "solo" mamme o "solo" socialite...ed è bello riuscire a godersi il meglio e il peggio di entrambi i mondi.

Anonimo ha detto...

@Elisabetta e Mademoiselle Bovary
Scusate, ma io nn ho detto che una volta diventate madri nn si debba più uscire (che sia per una mostra o per un aperitivo, fa lo stesso ovviamente) ed è logico che a tutte noi piace talvolta uscire con le amiche, in coppia col marito/compagno/fidanzato ecc.ecc. Ma le rare volte in cui mi capita (per problemi organizzativi vari nn ci capita molto spesso) sono felice della mia serata, torno a casa serena e rilassata, ma mai nostalgica, ecco. Semplicemente la mia vita di adesso mi sembra infinatamente più piena e stimolante e voglio specificare che, uscite o non uscite, qui io NON STO PARLANDO DEL BENE VERSO I FIGLI: è logico che una persona può uscire anche tutte le sere ma amare il proprio figlio di un amore sconfinato: qui sto parlando del NOSTRO personale modo di sentire le cose.
Ely

Blog Widget by LinkWithin