il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

martedì 8 febbraio 2011

Social Media Week - day 02

Una ricerca sulle mamme 2.0 e una rappresentazione... da brivido. Io e altre blogger che prendiamo la parola e tentiamo di riportare la ricerca con i piedi per terra (in gergo: "farli neri").
Venite a leggere perché (e dite la vostra) su VanityFair.it:


Condividi

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Chettelodicoaffà, sei un mito, il mio idolo e il fatto che stringi tra le mani una Moleskine..beh..ho detto tutto!!
Vai Wonderrrrrrrrrrrrrr!!!

Anto G

chucky ha detto...

MITICA! E cmq domani ci sarò anche io a Roma...ad aver scoperto prima il tuo blog!
sono chucky di chucky4everkant.blogspot.com.
ciao e complimenti!

PrecariaMamma ha detto...

Arridaje con il sacrificio...
Mamme, non confondiamo l'amore con il sacrificio. Sarebbe un errore che i nostri figli non perdonerebbero mai!

girandolaprecaria ha detto...

bravissima, bellissimo pezzo. non lo commento perché mi sembra abbiate già detto tutto :)

Anonimo ha detto...

sarei sdovuta essere lì per seguire il tutto da giornalista,ma due settimane fa è nata la nanetta...
27 anni,mamma in piena carriera e tra un mese devo tornare a lavorare in redazione....
che paese!!!!

Mia ha detto...

Chiara io purtroppo non potrò esserci a Roma, ma ti prego fategli il culo da parte di tutte noi!!!!

pollywantsacracker ha detto...

mi piace l'articolo e vorrei dire la mia ma sto trovando delle difficoltà a commentare, sarà che sono poco geek. mi sembra che ogni tot minuti la pagina mi si aggiorni e faccia sparire il mio commento non ancora pubblicato, e anche i commenti delle altre li leggo tutti tagliati...peccato!

Trilly ha detto...

ho letto tutto, avete ragione da vendere!! è questo pensiero tutto italiano di relegare la donna ai pensieri stereotipati degli anni cinquanta, per giunta!
Brave!
il fenomeno mamme-blogger è la vera rivoluzione.

rocciajubba ha detto...

Ho già commentato di là ma due cose le dico anche qui: è vero siamo una "tribù", è vero siamo un "target", ma vengono studiati con più attenzione e umanità gli animali in estinzione (e alle volte temo che primo o poi anche l' "animale mamma" sarà a rischio se non si fanno interventi seri).
Grazie a tutte voi prsenti per aver rappresentato tutte (o quasi tutte).

Sayuko ha detto...

ciao Woderland...ehm sì scusa mi sento un po' un'idiota perchè è la prima volta che commento...e ho l'ansia da "primo commento"!!
Anyway, ho scoperto il tuo blog per caso, non essendo ne' mamma ne' incinta, e ho passato i successivi 5 giorni a leggerti, dall'inizio, nei miei ritagli di tempo.
(no, scusami non sono una pazza psicopatica nel caso la domanda sorgesse spontanea..)
Seppur su piani e cose diverse, mi sono ritrovata molto nelle tue prime parole e pensieri: io che quest'anno i 30 mi aspettano al varco e sono tutto fuorchè matura e responsabile, che adoro uscire la sera e fare casino salvo poi schiattare dal sonno sul divanetto dopo due ore(alla faccia della giovinezza!)... insomma ho iniziato a pensare che responsabilità e cojoneria possono convivere senza annullarsi per forza a vicenda.
Quindi grazie :)

Un bacio!

ps. ehm scusami...mi sono dilungata, come sempre, ed è venuto fuori un commento completamente diverso dal mio " ehi ciao, sei troppo bella, brava, simpatica, ti seguo sempre!" che avevo in mente.

pps. è ufficiale sto impazzendo...internatemi. -_-

Mammabradipo ha detto...

Mettete a parlare un professore che per quanto possa essere illustre avrà consultato 2 o 3 blog (o avrà fatto consultare al suo stagista di turno...) prima della presentazione, ha tirato fuori un paio di luoghi comuni e via!! Vere Mamme all'attaccoooooooo!!!!

livilla ha detto...

ma dai, ma davvero il sociologo blasonato s'è messo a dire che le "mamme nella Rete" parlano solo di pannolini? ma cosa s'era fumato? passi l'interesse markettaro (ehm..capita ai migliori..) ma travisare la realtà, no. per questo tipo di marketing miope le donne dovrebbero essere tigri del materasso fino a prima del matrimonio e poi devote sante mamme/mogli martiri quando entra in scena il pupo. Meno male che la realtà è diversa! ti devo dire che il tuo blog m'ha riconciliato con la prospettiva della maternità.. dimostri che si può continuare a essere intelligenti, interessanti, curiose, piene di humor, di femminilità e di stile anche con polpetta a carico ;)

Blog Widget by LinkWithin