il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

giovedì 5 maggio 2011

Materiale umano per studi sull'amore

E' un periodo che si lasciano tutti. E' Aprile, evidentemente la primavera porta quei disturbi ormonali della personalità, no, quelli delle mutande. You know.
E allora invece di quattro matrimoni e un funerale sto assitendo a quattro rotture e un divorzio.
Ma allegri, eh.
Gente che l'ha presa benissimo, e adesso si è palestrata, stirata i capelli, pompata le tette, rimesso i tacchi dopo otto anni di ballerine, perso pancia, acquistato macchine, prenotato weekend.
Gente che tenta di convincerti che investire dieci anni su una persona e poi mandare tutto all'aria è la cosa migliore che sia successa loro, perché 'hanno imparato tantissimo' e 'ora sono più forti' e 'cazzo, erano anni che volevo farmi un viaggio da solo/il coupè/le tette nuove/la vicina'.
E ok.

Ma Houston, abbiamo un problema.
Tipo: T. ha lasciato S. perché lei si era lasciata andare, era diventata noiosa, pantofolaia, pelosa, struccata, sciatta, c'aveva la ricrescita, i calli, i contorni flaccidi eccetera eccetera. Lui voleva guardare lei come stava iniziando a guardare le altre.
S. ha accettato di buon grado la rottura perché in fondo T. era uno stronzo egoista, stava sempre fuori tra lavoro, amici e calcetto. Lei voleva essere guardata come lui iniziava a guardare le altre. Quindi due lacrime e un 'fottiti! troverò uno migliore di te!'.

Perché in fondo a 31 anni sei solo un'adolescente tardiva, il parco uomini è ancora piuttosto nutrito.

Ora T. è molto pentito della sua decisione, non esce più, ha rivalutato l'importanza di una serata in coppia - anche di quelle in cui non fai niente a parte molto sesso e un bel dvd - e ha una certa stima anche dei calli. Chiama S. più adesso che quando stavano insieme.

S. di contro si è tumulata viva nella palestra vicino casa e ora riesce a pronunciare le parole ashtanga yoga e tofu senza aggiungere 'salutisti dimmerda', poi si è tagliata quell'orrendo Mocio Vileda che aveva in testa sostituendolo con un taglio pixie (che lei pronuncia con fierezza 'pizzi' e credo lo scriverebbe anche 'pizzi'). Rimette abiti che non sembrino trafugati alla Caritas. Indossa tacchi. Si depila.

E praticamente T. è tornato l'uomo dei sogni di S. e S. è tornata la donna dei sogni di T.
Hanno migliorato loro stessi per rimorchiare qualcun altro e alla fine si sono riacchiappati a vicenda. Coazione a ripetere, la chiamano.
Non si sono ancora rimessi insieme ma stanno tubando come i primi mesi.

Allora la domanda è: per far funzionare una relazione, bisogna forse lasciarsi ciclicamente?
L'amore, in fondo, non è altro che il labile confine tra il conquistare e il perdere?

Carrie ne avrebbe da scrivere, al riguardo.

Condividi

66 commenti:

Argaar ha detto...

se ti va bene (ammesso che il bene sia la coppia) rimani insieme sempre, io personalmente sono 4 anni che ho un ciclo come lo hai descritto...prima rose e fiori, poi cavoli amari, distaccamento...e poi di nuovo affiatati...poi di nuovo rotture...etc etc...ora è il momento si :D

@tittysigillo ha detto...

eccomi: appartengo al club.
Lui e' sparito. E ho perso 6 kg, vado in palestra, ho molti piu' amici e una vita sociale... ma... col cavolo che va meglio così.
Sara' perche' non ho 31 anni, ma diversi di piu'?

Barbara ha detto...

wow, mi sembrava proprio un articolo e una conclusione alla Carrie...solo che lei non esiste per davvero, tu invece si! E sei sempre più brava mi sembra...

Anonimo ha detto...

non so risponderti. Certo é che noi, ogni volta che entriamo in crisi forte (roba al limite* del lasciarsi) chi ne esce vittorioso é proprio l'amore per noi stessi e finiamo che la superiamo e diventiamo piú forti, innamorati e di prima.
baci
sabri

*siamo sposati con tre figli quindi il "limite" al lasciarsi é d'obbligo

mafalda1980 ha detto...

Credo che il trucco, nonostante sia arduo, sia non lasciarsi andare alla deriva della routine. Meglio che stia zitta a proposito, quest'anno sono sette anni che stiamo insieme... e con una bimba piccola il vaffan gratuito è in agguato, ma ci stiamo impegnando :)
Bel tema!

Anonimo ha detto...

eh si ........ la primavera .. gli ormoni .... i trentanniiiii !!!! ci si dimentica, ci si abitua, ci si perde, ....... avvolte ci si ritrova ... !!! in fondo la vita è questo !!! un continuo perdersi e ritrovarsi con se stessi con gli altri !!!! io li ho sempre chiamati i girni della luccicanza !! quelle tegolate che ti arrivano dopo il letargo ...se non ci fosse il letargo non ci sarebbe il risveglio .. sai che noia !!!! non so se ha senso ciò che scrivo !!! per me si e la rinascita è meraigliosa !!!!

Sampei ha detto...

Mollata da una settimana, mi voglio buttare dal sedicesimo piano, o che lui muoia in un cruentissimo incidente. stradale o altro. Altro che rinascita e "pizzi".

Wonderland ha detto...

Oddio Anonimo 'I giorni della luccicanza' voglio che sia il titolo del mio prossimo libroooo! E' BELLISSIMO e mi rende tantissimo l'idea :DDD Ahahaha!

Sampei, a meno che tu non abbia 89 anni credo che i giorni della luccicanza torneranno presto anche per te.


PIU' GIORNI DELLA LUCCICANZA PER TUTTIIIII!

Sampei ha detto...

Ne ho "solo" 35. E 4 giorni di ritardo, così, per non farci mancare nulla.

BriciolaPazza ha detto...

a parte che leggerti è sempre uno spasso....mi sposo tra poco più di un mese e, pur essendo animata dai più nobili e onesti propositi, queste notizie di crisi e matrimoni lampo o fast-food mettono un'ansiaaaaaa!!!
è come se non esistesse una ricetta d'amore a lunga scadenza. mmah... che tristezza!!!
baci e uno speciale alla tua porpi
:*

ratatouille ha detto...

Proprio stamattina stavo riflettendo sull'argomento causa vicende personali e ho rispolverato questo passo:
“Non pensare a quanto è rimasto indietro” disse l’Alchimista quando cominciarono a cavalcare far le sabbie del deserto. “E' tutto annotato nell’Anima del Mondo, là dove rimarrà per sempre”.
“Gli uomini sognano più il ritorno che la partenza” disse il ragazzo, che stava già riabituandosi al silenzio del deserto.
“Se quanto hai già trovato è fatto di materia pura, non potrà mai marcire. E tu, un giorno, potrai tornare. Se è stato soltanto un attimo di luce, come l’esplosione di una stella, allora non troverai più nulla quando ritornerai. Ma avrai visto un’esplosione di luce. E anche per questo ne sarà valsa la pena.”
E credo che sia profondamente vero.
Grazie per lo spunto di riflessione...

ratatouille ha detto...

Proprio stamattina stavo riflettendo sull'argomento causa vicende personali e ho rispolverato questo passo:
“Non pensare a quanto è rimasto indietro” disse l’Alchimista quando cominciarono a cavalcare far le sabbie del deserto. “E' tutto annotato nell’Anima del Mondo, là dove rimarrà per sempre”.
“Gli uomini sognano più il ritorno che la partenza” disse il ragazzo, che stava già riabituandosi al silenzio del deserto.
“Se quanto hai già trovato è fatto di materia pura, non potrà mai marcire. E tu, un giorno, potrai tornare. Se è stato soltanto un attimo di luce, come l’esplosione di una stella, allora non troverai più nulla quando ritornerai. Ma avrai visto un’esplosione di luce. E anche per questo ne sarà valsa la pena.”
E credo che sia profondamente vero.
Grazie per lo spunto di riflessione...

Babuska ha detto...

"Amo ciò che non ho". Diceva Neruda. "Non so amare ancora ciò che ho e non so non amar quel che non ho", dice Baglioni. Me lo diceva anche un mio mio ex. Tira & molla, molla & tira, alla fine l'ho mandato al caldo. Diciotto anni dopo mi chiama ancora la sua "morosa" e sostiene che mi amerà per sempre. Io penso che l'amore abbia altre basi, il resto è solo pour parler. Ma lo dico a 41 anni suonati, a 30 sarei andata pure io a fare yoga. ;-)

Anonimo ha detto...

Grazie wonder .... si si arrivano sempre i giorni della luccicanza ... è il mio motto ...!! anche io come te mamma per caso ma, a 20anni !!! ora trentenne in rinascita ..!!! un abbraccio e grazie !!!!

Anita ha detto...

mmmmmmm... a me non piacciono i tira e molla... l'amore và coltivato ogni giorno, come una piantina se non la annaffi spesso si secca ma soprattutto penso che per stare insieme sia obbligatorio essere ANIME GEMMELLE cioè avere quel feeling, quel non sò che che ti lega al tuo lui e che tiene a sua volta il tuo lui legato a te indipendentemente dal resto del mondo.
Mi stò dilungango troppo... che chiaccherona... fermatemi o trasformo il commento in un altro post...

Rory ha detto...

Io non saprei...Il mio blog è nato per "una quasi fine" del mio matrimonio e ancora non ne vengo a capo! Nonostante mesi di insonnia e 10 kg in meno. Non credo che tacchi e palestra aiuterebbero...:-)

I giorni della luccicanza piace molto anche a me come titolo di un post!:-)
Ma non c'è anche un film con questo titolo? Ora controllo.

Ps: mi hanno appena regalato il tuo libro. Lo leggerò a breve. :-)

Wonderland ha detto...

Anita e Rory, certo: stiamo parlando se non di anime gemelle almeno di coppie molto affini, fatte per stare insieme. Se è 'quello sbagliato' col cavolo che ci torni insieme, tacchi, yoga e dimagrimento inclusi.
(ma gli uomini tornano sempre, anche quelli sbagliati... ci mettono mesi, anni, decenni... ma prima o poi si rifanno vivi!)

pollywantsacracker ha detto...

ti dico solo questo. chissà cosa ne direbbe appunto carrie :D

qualche settimana fa mi reco in farmacia, dove ha cominciato a lavorare un'amica che non vedo più o meno da 5 anni (per la cronaca: io e il donatore ci frequentiamo da 9 anni). baci, abbracci, esultanza. come stai, dico io. come stai tu, dice lei. faccia (mia) grave: ma niente, io e il donatore ci siamo lasciati.
mi guarda, scoppia a ridere e mi fa: "insomma, va sempre tutto come al solito!"

Francesca ha detto...

io di anni ne ho 25, ed ho già passato una crisi con quello che credo sarà l'uomo della mia vita (in realtà ne sono abbastanza certa!) e devo dire che il primo bacio dopo neanche 15 gg dalla rottura è stato quanto di più intenso abbia mai provato nella mia vita... detto ciò. litighiamo ogni due secondi, ma rientra nella normalità, essendo entrambi estremamente cocciuti e sicuri delle nostre posizioni!!

TheGirlwiththeSuitcase ha detto...

Forse è proprio così, bisogna perdersi per ritrovarsi. Per poi ritornare a perdersi, con la consapevolezza che, però, ci si potrebbe trovare di nuovo... o anche no.

thegirlwiththesuitcase.blogspot.com

ziskucciola ha detto...

Eh. Ah.
Boh. O.o

Io sto nei giorni della luccicanza (:D) ormai da quasi 6 anni. Io non mi sono mai lasciata andare lui non s'è mai defilato.
Semplicemente a me piace piacergli e accendere quello sguardo che... e in più mi piace piacerMI (che forse è ancora più importante)
E poi ci piace passare il tempo assieme, abbiamo diversi hobby in comune eccetera.

Sì lo so ho avuto una considerevole botta di culo ne sono pienamente consapevole.

Ma francamente non so dire dove finisce, in un rapporto, la botta di culo e dove inizia l'impegno verso l'altro. Certo, occorre essere fortunati a trovare proprio la persona giusta, ma poi darla per scontata è un errore che, in un modo o nell'altro, si paga...

Madame_Liz ha detto...

Leggere i tuoi post, è sempre molto bello.... purtroppo stavolta devo dire che per esperienze lavorative, il caso che hai illustrato è una quasi rarità... Nella realtà purtroppo, ci si lascia quando uno dei due ha trovato di meglio.... Tenendo anche conto che altrimenti gli uomini adorano tenere anche il piede in due scarpe come si suol dire.... Ed il classico detto che la minestra riscaldata non funziona, ha dei fondamenti... Magari la coppia di cui parli tornerà insieme per qualche tempo, ma prima o poi succederà ancora qualcosa.... succederà.....

Daniela ha detto...

Anche io ho sempre pensato che la minestra riscaldata non è un granchè, ma la mia esperienza personale in questo momento mi porta ad affermare che in realtà può essere addirittura meglio!!
Lasciata per la mia migliore amica dopo 18 anni di matrimonio e due figli...siamo tornati assieme dopo poche settimane (erano però bastate a farmi perdere 10 kg!!)e adesso dopo 5 anni siamo ancora qui, con una vita matrimoniale molto diversa da prima, ho spostato i figli dal centro del mio universo, mi sono presa più tempo per me e per noi e spero duri ancora molto a lungo.

Giovanna ha detto...

Ovviamente saprai che, per cercare di rispondere alla tua domanda, finiamo per analizzare i nostri rapporti :) Io faccio 10anni col mio uomo, con cui convivo da 3 anni. Ho passato una brutta crisi del rapporto il terzo anno assieme, con le caratteristiche della crisi di T. e S., ma senza lasciarci, sono riuscita a venirne fuori dopo quasi 1anno di sofferenza, sai come? Smettendo di fare la nostalgica cercando quella magia dell'inizio del rapporto, dell'innamoramento, e sforzandomi di vederci persone diverse negli anni... poi chiaro che combattere la "sciatteria" fa sempre bene e aiuta, ma da sola non basta...

Stefania ha detto...

@ Rory: "La luccicanza" è stato il modo in cui hanno - impropriamente - tradotto la parola "The shining" nell'omonimo film di Stanley Kubrick. ;)
Stefania

Ska ha detto...

ma cos'è un taglio Pizzi?!?! (povera me...sono fuori dal mondo!)

Anonimo ha detto...

"per far funzionare una relazione, bisogna forse lasciarsi ciclicamente?"
NO! bisogna volersi bene. a se stessi intendo. non bisogna mettere sempre qualcuno o qualcosa davanti a se stessi. a volte è necessario, ma sempre è deleterio.
figli, marito, impegni, lavoro etc.. sono PARTE della vita, nessuno di questi è LA vita.
al centro del MIO mondo ci sono IO! non mio figlio. non mio marito. non il lavoro o impegni vari. E se una ha bisogno di mandare al caldo il moroso/marito per ricominciare a mettersi i tacchi e depilarsi... beh, questa è la dimostrazione: aveva trascurato se stessa per troppo tempo, aveva messo altro davanti a se stessa per troppo tempo, aveva bisogno di ritrovarsi. perchè non è solo un fatto di aspetto esteriore, è come una si sente.
E' un'equilibrio difficile da trovare, ma si può.
Non serve arrivare al limite del lasciarsi, si può anche intervenire prima, ascoltando se stessi. volendosi bene.

Samantha Spinelli ha detto...

Sembri parlare di me e del mio "bello".
Nell'ordine:
Abbiamo organizzato il matrimonio- ho annullato il matrimonio causa "crisi mistica mia"-lui è entrato in crisi-mi sono presa un bel paio di corna-l'ho mollato-l'ho ignorato-l'ho perdonato- adesso viviamo insieme.

Sono da ricovero. Immediato.

Anonimo ha detto...

non credo nelle minestre riscaldate, io mio marito ho cominciato ad amarlo al momento del suo ricovero in ospedale..l'ho visto sottopeso messo male intubato..e dopo pochi mesi l'ho sposato...ora abbiamo una bimba di 5 mesi...lui mi ha vista ingrassare....travagliare 20 ore ...partorire...E' LA VITA E SE SCEGLI DI PASSARLA INSIEME non puoi prenderti soltanto il meglio no??

Anonimo ha detto...

'marò.... proprio oggi che sono in crisi con il fidanzato mi posti questo post??

Anonimo ha detto...

Ciao Wonder!

E' la prima volta che commento, ma ti seguo dal mio 8° mese di gravidanza ed ho pure comprato il tuo libro. Dimenticavo: sono anche una di quelle che ti ha scritto un'e-mail a cui non sei riuscita a rispondere :)

Adesso tra una poppata e l'altra, tra un sonnellino ed un pianto del mio tato 4mesenne, ti leggo per farmi due risate e tirarmi sù il morale quando sono troppo stanca.

Ho deciso di commentare proprio questo post, perchè mi ritrovo in parte nella situazione da te descritta: sono spettatrice unica (che culo!) di una relazione di corna che si svolge sotto gli occhi di molte persone, ma di cui so solo io.
Sono inoltre a conoscenza di altre situazioni che da qui a poco potrebbero trasformarsi nella modalità di cui sopra...

Si tratta in alcuni casi di coppie sposate con figli che io prendevo ad esempio... ora invece mi chiedo se tutti prima o poi finiremo così: stufi, incacchiati, annoiati ed in cerca di "svago". Mah...

E adesso, dopo questa profonda riflessione, torno dal mio tato che si sta svegliando: e via di tetta!

Alla prossima!

Angela79

Marianna ha detto...

Secondo me è colpa, di chi si lascia andare. C'è, purtroppo, in molti, la convinzione che bisogna volersi bene solo al fine di accalappiare qualcuno, appeno lo si è trovato, scatta la frase magica "ok adesso l'ho trovato posso tornare ad essere l'omo sapiens di prima e recarmi sull'albero a spulciarmi i pidocchi!"
Non è così che si fa! Cazzarola impariamo a volerci bene sia con l'uomo/donna che senza l'uomo/donna!
Io non credo che la tua amica, mentre stava con T abbia scoperto solo ora la palestra o il parrucchiere! E lui poi solo ora ha scoperto che ha lei piace essere messa al centro dell'attenzione???
E SU UN PO' DI AMOR PROPRIO diamine!

Anita ha detto...

ma io con ANIME GEMELLE non intendo persone che si vogliono bene e vanno d'accordo... intendo quelle che pur vivendo sotto lo stesso tetto da anni, sentono sempre il bisogno di stare insieme, sentono la mancanza l'uno dell'altro durante la giornata e non vedono l'ora che arrivi sera per stare insieme, quelli a cui basta un'occhiata per capirsi, che sanno già in ogni situazione cosa pensa l'altro... quelli che vivono in simbiosi e che da quando si sono conosciuti sono diventati una sola cosa... quelli che hanno un legame che và oltre la gamba pelosa e due calli nuovi... certo anche l'occhio vuole sua parte ed è sbagliato lasciarsi andare solo perchè si è "sistemati" ma se l'amore viene meno perchè ormai il compagno/a non ci entusiasma più vuol dire che alla fine questo amore, tanto amore non era.

Samantha Spinelli ha detto...

@Anita:
la relazione di coppia che tu descrivi è quella che forse tutte sognamo.
Anzi, credo che sia esattamente il significato della parola Amore.
Si può arrivare a questo punto anche passando per una crisi?
Io penso di si.
L'importante è non perdersi mai davvero nel mentre del "buco nero".
No?

valepi ha detto...

la domanda mi sembra mal posta,
io direi piuttosto "ma allora per far funzionare una relazione non bisogna perdere di vista se stessi, concedersi i rispettivi spazi e non lasciarsi andare??"
... o anche: se due peli avanti o indietro ti danno tanto fastidio, forse, davvero, davvero, non è proprio amore...
detto questo: ma dove sono le regole in amore? lo diceva anche Ferradini che non funzionano!!
:D

valepi ha detto...

la domanda mi sembra mal posta,
io direi piuttosto "ma allora per far funzionare una relazione non bisogna perdere di vista se stessi, concedersi i rispettivi spazi e non lasciarsi andare??"
... o anche: se due peli avanti o indietro ti danno tanto fastidio, forse, davvero, davvero, non è proprio amore...
detto questo: ma dove sono le regole in amore? lo diceva anche Ferradini che non funzionano!!
:D

Anonimo ha detto...

ho letto gli ultimi commenti e mi pare che siamo piu o meno tutte d'accordo:
bisogna aver cura di se stesse, non trascurarsi, non lasciarsi andare. Per se stesse e per il compagno/marito.
Ma soprattutto per se stesse. E allora forza donne, tirate fuori quell'abitino che è troppo tempo che sta in armadio, ri-infilate i tacchi, andate dal parrucchiere, a fare yoga, shopping selvaggio o gossip con le amiche. Quello che preferite, ma alzatevi dal divano che la fuori c'è la vita che vi aspetta :))

Chiaretta ha detto...

Io, sinceramente, certe cose non le capisco... a me una cosa del genere è successa quando avevo 18 anni e stavo con una persona più grande di me di 7 anni che mi tarpava le ali, ma allora non capivo niente e dopo che mi sono lasciata ho iniziato a vivere e ad essere me stessa! Ma ora che ne ho 30 di anni e sono sposata, per far funzionare la mia relazione ho capito che bisogna comunque scendere un po' a compromessi.. faccio un esempio banalissimo: io sono abbastanza pantofolaia, mi piace stare a casa.. però se un sabato ce ne stiamo soli soletti a casa a guardare un film, il sabato dopo so bene che (anche se vorrei disperatamente restare a casa) se mio marito vuole uscire io lo devo accontentare!! ^_^

Castagna ha detto...

La domanda è: per far funzionare una relazione, bisogna forse lasciarsi ciclicamente?

La risposta è: SI'.

(Castagna e l'Uomo sono dieci anni che si amano)

Saetta ha detto...

Senti Wond, ma te c'hai il sesto senso per i tasti dolenti?! :-D
No, dai... dunque, la tua domanda...

"per far funzionare una relazione, bisogna forse lasciarsi ciclicamente?"
Bè, potrebbe essere una soluzione, perchè no?! A volte lasciarsi è indispensabile per ritrovarsi migliori di prima, più consapevoli, più forti. Anche se credo fermamente che la questione sia un'altra.

Secondo me, e come giustamente ha fatto notare qualcun altro, il segreto per una vita di coppia duratura e soddisfacente sta in primo luogo nell'amare se stessi, piacersi, coccolarsi... perchè se ci si trascura, si inizia a trascurare l'altro e si cade nel
tunnel delle recriminazioni "ok, io non mi depilo perchè non ho il tempo, ma tu hai messo su la panza, ed è vero che non mi trucco più, ma tu non ti fai mai la barba" ecc ecc... e questo porta inevitabilmente a guardarsi attorno...
Ma soprattutto ti rendi conto che c'è e ci sarà sempre qualcuna più bella/magra/curata/intelligente/carismatica/affascinante di te. E spesso è pure più giovane.
Credo che il segreto sia nell'amare se stessi, nonostante i figli, la routine e mantenere un po' di mistero nel rapporto (e per mistero non intendo segreti o Bugie).
Insomma bisognerebbe vivere ogni giorno della relazione, non dico come il primo perchè sarebbe impossibile, ma con gli occhi pieni di sorpresa, amore per la vita, amore per se stessi e naturalmente per l'altro.

Occazzo... non è che sono andata fuori tema pure 'sto giro, eh?! 0_0

Rory ha detto...

@ Stefania: si, grazie, l'avevo trovato anch'io. Sono sempre più convinta che alcuni film dovrebbero mantenere il titolo originale! :-)

Castagna ha detto...

Parentesi: comunque, sostengo da anni che quanto a tenersi (in ordine, depilate/correttamente sbarbati, in forma e alla moda) dovremmo tutti, donne e uomini, imparare dai gay sui quarant'anni.

A far la spesa con me spesso ci sono due coppie di uomini e veramente mi vergogno di come mi tengo quando li incrocio, molto più di quando incrocio altre donne tenute meglio di me (perchè, di quelle, posso sempre pensare che purtroppo per loro sono sole e quindi in caccia... così mi giustifico per la panza e la depilazione sommaria). Invece i ragazzi gay che fanno la spesa insieme scegliendo il prosciutto con meno grasso e le verdure fresche sono a) evidentemente in felice regime di convivenza b) bellissimi c) eleganti anche se sono in tuta da ginnastica d) beneducati e gentili. E da come discutono di ingredienti ti viene da pensare che cucinino bene e roba sana. A volte vorrei avvicinarmi timidamente e supplicarli di adottarmi.

xina ha detto...

Scusate, da neo-exmoglie non mi va di commentare la domanda "x far funzionare una relazione bisogna ciclicamente lasciarsi", ma voglio farvi io una domanda: perchè a quanto pare sono l'unica che, lasciata, è ingrassata a dismisura??? Uffi!!!!

Ps.però sono perfettamente depilata e con le unghie perfette!

Samantha Spinelli ha detto...

@xina: è normale buttarsi sul cibo dopo essere state lasciate.
Mi hai fatto morire dal ridere con il tuo: "Ps.però sono perfettamente depilata e con le unghie perfette!"
:))

Waiting ha detto...

Non creda sia necessario lasciarsi ciclicamente. E' necessario tenere a mente che può sempre finire..anche domani!!!
Ai ritorni non ci credo non perchè son minestre riscaldate. Dopo un po' si dimenticano le brutte cose e ricordi solo le cose belle. Così corri il rischio di pensare "ma perchè ci siam lasciati?

Anonimo ha detto...

Elle:

secondo me il trucco e il farsi belli sono il 10%... il resto e' creare il proprio mondo e imparare ad amarlo (a 2 e potenzialmente +, se arrivano), vivere insieme come una coppia e sostenersi nelle difficolta' e nei momenti belli... diventare un nucleo unico....
se bastassero un po' di trucco e i tacchi ai voglia... nessuno si divorzierebbe ora come ora...

Mammabradipo ha detto...

Che dici, provo a lasciare mio marito per vedere che succede??? ;)

ciccicri ha detto...

quando mi sento una gran figa lo divento veramente... prendersi cura di sè, fuori e dentro, conta molto in una relazione.

the siren ha detto...

hahaha!! Che ridere!! E' verissimo! Sai che, da qualche giorno pensavo di scrivere un post sull'argomento? Su quante donne europee vedo, ahimè, ridursi così, in totale contrasto con la donna araba tipica...

kisal ha detto...

Bellissimo post! e hai ragione: argomento da Carrie (e anche da Wond per la rubrica su Vogue, mi sa)!
Comunque sì, anche io credo che tutto stia nel rimanere sempre desiderabili l'uno per l'altra, solo che è una contraddizione in termini perché quando si sta insieme a qualcuno si passa il tempo a preoccuparsi di altro. Si trascura un pochetto certe cose e finisce che si desidera - come hanno fatto i tuoi amici - ritornare ai primi tempi, si ritorna anche, e magari poi ci si ritrova.
hai ragione a dire che il "gioco" funziona se si tratta di anime gemelle o almeno molto affini. Al contrario, ci si perde e non si ritrova più...

worldwidemom ha detto...

no che stress....sono troppo pigra per tutti sali e scendi. se mi lasci, mi lasci e basta.
Non c'è bisogno di lasciarsi ciclicamente ma sicuramente di nutrire il rapporto e ci sono sì gli alti e bassi...
uff fatica!

Marika ha detto...

noi facciamo parte dell'altra metà...siamo insieme da 14 anni, conviviamo da 6, sposati da 2 e sono in attesa del nostro primo figlio/a (sono solo di 5+4 ad oggi...). Di lui sono innamoratissima, come il 1° giorno, di lui ho un bisogno costante sia come amico che come uomo, ma negli anni abbiamo sempre cercato di non darci mai x scontati......si vabbè che c'entra in tuta sul divano ci stiamo quasi tutte le sere, ma quando si esce ci si mette "in tiro", ci si prende cura di noi stessi e un sacco di volte io me ne esco con le amiche x un cena+cinema come lui se ne va coi suoi amici...così quando ci si rivede si hanno argomenti di cui discutere e il mutismo tra noi non esiste. Come prima cosa bisogna avere un pò di rispetto x noi stessi e il resto verrà di conseguenza...mai una volta che io sia sembrata la foresta amazzonica....sia mai...io mi deforesto sempre..eheheheh...anche se non vado in palestra (vade retro....sono di un pigro!!!!)cerco sempre di avere cura di me....E comunque al 10 anno tutte le nostre coppie di amici sono arrivati al bivio "Andiamo a convivere o ci lasciamo" e hanno scelto la 2°...siamo rimasti gli unici che hanno fatto la 1° scelta e gli altri nostri amici si sono sposati, si ma con altri/e!!!!!

Anonimo ha detto...

Stiamo insieme da quasi 10 anni, sposata da 6, conviviamo da 9, una bimba di 16 mesi che io adoro, amo più della mia stessa vita e vado avanti per lei. Lui non mi considera, viviamo come coninquilini, mi divido tra casa lavoro a tempo pieno a 50 km da casa e la bimba, cucino pulisco stiro e riesco ad andare 1 ora in palestra 2-3 v a settimana incastrando tutto ne peggiore dei tetris, ma lui non mi considera, non mi tocca e non mi fa complimenti da tanto ho smesso di chiedere di essere amata e sto con lui x lei, xchè è stata tanto voluta, ci siamo quasi lasciati, ma sta luccicanza non c'è mai stata, non è cattivo, è incapace di amare, che brutta cosa, io invece sono coccolona e affettuosa e lei, la mia bambolina per fortuna è come me, per ora è lei la mia luccicanza.

Vale (sempre valido l'aperitivo di 2 post fa :D)

Tata ha detto...

è verissimo.. io ho conosciuto il mio fidanzato quasi 4 anni fa, e ritenevo che il periodo iniziale dovesse essere il migliore (coccole, dolcezze, cose carine) non dovevano esserci litigi perchè eravamo all'inizio.. invece non so per quale motivo successe tutto il contrario.. quindi lo lasciai. ma lui poi, tornò pentito aveva capito d'aver sbagliato (davvero) e così ci siamo riavvicinati ed insieme abbiamo una bambina..

El_Gae ha detto...

A costo di non essere particolarmente originale: di motivi per lasciarsi se ne trovano 100 al giorno, dal primo giorno di fidanzamento. Tenere tutto insieme è uno dei lavori più difficili, per fortuna ci sono anche tante cose a cui pensare.
Detto questo, e anche qui non sarò troppo originale, c'ho le lacrime dalle risate. Post bellissimo

Giovanna ha detto...

@Tata: parto dal tuo commento per quella che può sembrare una provocazione, ma è solo uno spunto di riflessione e che potrebbe benissimo non essere il tuo caso, ma ho letto in diversi commenti che l'avere avuto un figlio assieme è sottinteso come "ora siamo al sicuro dalle crisi"... credo che il commento anonimo di Vale sia la dimostrazione che non sempre è così, e per quanto mi riguarda, conosco troppe persone (purtroppo) che hanno fatto figli con molta leggerezza su rapporti superficiali, per non parlare di qualcuno che l'ha fatto addirittura per risolvere la crisi, secondo loro :(

Cice ha detto...

Io dopo 7 anni e 3 bimbi un po' (...!...) mi sono lasciata andare, almeno fisicamente, ma onore a mio marito che mi trova sempre bellissima!
Secondo me chi ti ama ti fa notare, più o meno simpaticamente, che sei diventata uno "zampone", se gli dà fastidio, ma mica ti molla per quello! Anche perchè con l'arrivo dei bimbi un po' è inevitabile, non puoi essere sempre al top... con i miei fidanzati presedenti se non avevo il capello lavato di fresco e la gamba glabra ero sempre a disagio... ogni tanto ci penso se li avessi sposati!

mellyb ha detto...

io e mio marito stiamo felicemente insieme da 17 anni, 9 dei quali da sposati... il segreto è tanta stima reciproca, l'essere l'uno il migliore amico dell'altra, mantenere i propri spazi e tanto tanto rispetto!!!!! abbiamo due bimbe meravigliose... eh sì... anche per questo lo amo ogni giorno di più...

Anonimo ha detto...

Eccomi!!
La vecchia reazionaria!
borbottosa e noiosa
MA
se si è dentro si è dentro ed è bene fare il possibile per fare andare le cose al meglio (consiglio valido anche per altre situazioni, diciamo;))

se invece si sceglie di lasciare..si lascia e amen

E se si riapre un nuovo capitolo 'vero' anche con un vecchio compagno in parte è come se si fosse nuovi di (quasi) zecca, perchè lasciarsi cambia ah come se cambia..

Se diventa una giostra saliscendi dal rapporto allora è un ripiego, la manifestazione di non riuscire ad andare veramente oltre, ma stare lì aggrappati che suvvia se ci fosse di meglio uno col quasi che si volterebbe indietro eh no!

Mia umile opinione naturalmente

baci bisbetici
silvia

gel ha detto...

sono quella che ha comprato il cuoricino d'argento che si spezza al proprio fidanzato per i 2 anni (che avremmo dovuto festeggiare il 22 maggio) e questo l'ha mollata a pasqua. Io non so se rientro nella categoria... ma sono ancora nella "prima fase del lutto" che dice "lo spero" (sì. mi sono documentata). se così non fosse... spero (a breve) di rientrare in quelle che dicono "ehhh ma era uno stronzo... ho perso solo tempo"

perché per ora il mondo è nero e anche perso 4kg (e non mi serviva perderli affatto)

T_T

Cla ha detto...

lasciarsi ciclicamente è una cosa che ho proposto al mio fidanzato!!! insomma quando sono fidanzata e felice ingrasso quando sono single ritorno in forma....gliel'ho detto...mollami!!!! ;o))))

La Robi ha detto...

l'avevo detto che saresti stata la ns Carrie quando hai iniziato a scrivere per Cosmopolitan... belli i tuoi lovepost! Adesso però sono in astinenza delle tue conversazioni con Porpi!

dream ha detto...

Delirium: Qual è la parola per le cose che non sono sempre uguali a se stesse? Esiste? Sono sicura che ce ne sia una.
Dream: Cambiamento.
Delirium: Qual è la parola per indicare il momento preciso in cui hai dimenticato cosa si prova ad amare qualcuno che in passato hai amato profondamente?
Dream: Non esiste.

Maddalena ha detto...

Le discussioni sull'amore sono sempre stimolanti, anche se credo che alla fine ognuna di noi abbia la sua propria personale idea che sfugge alle classificazioni e statistiche.
Io al lasciarsi ciclicamente non ci credo (anche se l'ho visto funzionare per alcune coppie di amici) perché sono una persona assolutista e ho un'idea di amore estremamente pura - nonostante i ventotto anni appena compiuti - per cui se due si lasciano, con magari qualche altra persona nell'intermezzo, c'è qualcosa che si è rotto, sporcato, incrinato per sempre e allora non ha senso. Ma questa sono io, e basta. Allo stesso tempo, credo sempre di più che ci siano persone in un certo senso "portate" per l'amore e per le relazioni, e altre no - e questo indipendentemente dalla persona che si incontra. Io nella mia vita ho sempre avuto storie lunghe, intense e importanti, durate tutte anni. Le storielle di mezzo hanno ora il ricordo, l'utilità e l'emozione di un richiamo dell'antitetanica scaduto, quindi ho definitivamente capito che io sono così. Ora sto da quattro anni e quasi mezzo con il mio ragazzo e anche se ci sono stati diversi momenti difficili non ho mai pensato che prendersi una pausa fosse la scelta migliore. In più, lo amo ancora così intensamente da farmi venire il mal di pancia, nonostante si dica che la chimica della passione svanisca dopo il terzo anno. Ricorderò per sempre una frase che mia madre mi ha detto una volta, parlando di lei e mio padre (insieme da non sposati da 35 anni) "Quando c'erano problemi, abbiamo sempre cercato di risolverli rivolgendoci l'uno all'altro, e non a quello che c'era là fuori" - ecco, diciamo che sintetizza bene tutto quello che penso anche io.

(baciotto alla Porpi!)

mara ha detto...

il prossimo 11 luglio saranno 19 anni che stò con la stessa persona, solo a dirlo mi sembra un record, ma confermo che non sono sempre rose e fiori. Certo abbiamo costruito la ns. famiglia, due figlie bellissime, i suoceri rompono sia a me che a lui.....
certamente in giro ci saranno uomini e donne fisicamente messi meglio di noi ma tant'è spero e mi auguro vivamente che a questo punto gli stimoli per stare insieme siamo altri.
grazie perchè riesci sempre a trovare e mixare argomenti di versi e sempre interessanti
a presto
mara

Nicole ha detto...

Mio dio! questo blog è spassosissimo! non mi sono mai fatta tante risate per un blog, non solo per il testo dell'autrice ma per tutti i commenti intelligenti e divertenti dei lettori.
Ma qui no...quindi lascio la mia esperienza che è troppo simile a tutto ciò che leggo con un risvolto a sorpresa, quello che mi ha fatto avvicinare a questo blog...
Dopo quasi 4 anni e mezzo anni di convivenza e 5 di relazione, io e il mio lui ci lasciamo con tutte le speranze infrante di aver sempre creduto che l'altro fosse l'uomo\la donna della nostra vita. Ma...non era perchè non mi depilassi o curassi, CI MANCHEREBBE! Io aborro solo l'idea che una donna perda la sua femminilità perchè..."sistemata"! ma era che...ero sempre arrabbiata, che forse è anche peggio! eravamo annoiati, un po' delusi, incattiviti...la verità è che ci mortificavamo per l'altro, entrambi.
Perciò io sono tornata dai miei e il nostro distacco è durato quasi due mesi, nei quali abbiamo saputo riprenderci le gioie della vita dei single, l'amore per se stessi, i nostri hobby accantonati, le amicizie, le uscite spensierate senza troppe organizzazioni...e...abbiamo ovviamente riniziato a frequentarci come piccioncini ai primi appuntamenti!
Cosa che anche a me sembrava praticamente assurda! però l'attrazione era rinata, più forte di prima, il sesso ancora più fantastico, la stima riacquistata...Io ho sempre saputo che lui è l'uomo della mia vita e lui lo stesso, solo che a volte come in tutte le cose ci si stanca ed è bello ammetterlo.
La novità in tutto questo sta nel fatto che durante uno di questi incontri...sono rimasta incinta! Ed ora sono tornata a casa con la voglia e le paure che saremo in 3 e che il 2011 è il nostro ultimo anno da "coppietta".
Che dire...che ho trovato questo blog perchè credo fermamente nel mojito :) e non mi sono mai soffermata a pensare che volessi un figlio, ovvero istinto di maternità zero (poi rispetto ad altre mie amiche direi sottozero)...ma ho 33 anni ed è capitato da due persone che si amano, quindi...vado avanti.
un saluto a tutti!

Blog Widget by LinkWithin