il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

martedì 12 luglio 2011

L'inusuale e bislacca arte della gentilezza

A Roma (periferia): aò à stronza, ellévate. esticazzi che stavi a ffà 'nverzione, so' probblemi tua. chevvoi, che te guardi? cerchi rogna? m'anvedi questa oh.

A Roma (nord): guardi che questo è il mio parcheggio. sono trent'anni che mi metto qui. che vuole? ma si levi dalle palle, lei e la sua city car di merda.

Nella ridente cittadina di Oh-No: oh, davvero stava facendo inversione per parcheggiare qui? scusi, mi sposto subito!

Quando il tuo standard è una caotica, frettolosa, nervosa città che vorrebbe essere metropoli, i cui cittadini sono isterici per status, ricevere delle cortesie ti manda in brodo di giuggiole.
Dopo qualche attimo.
Perché all'inizio ti fa sentire presa per il culo, tanto che ho risposto, già pronta ad andarmene:
"Se vabbè, tu' sorella se sposta subito."

E il signore, lievemente confuso e con tono incredibilmente affabile:
"Mia sorella?"

"No, scusi, è che vengo da Roma. Da noi il parcheggio è una brutta storia."
"Ah... Roma!" ha esclamato con disappunto il placido abitante di Oh-No.
Poi ha fatto marcia indietro, ha spostato la macchina e mi ha lasciato il parcheggio.
E io mi sono sentita indegna di tanta benevolenza.

Però no, dài, non mi trasferirei domani.

Condividi

39 commenti:

UnNickname ha detto...

Hai capito perche' io a Roma non ci riuscirei mai a vivere (provato per 6 mesi... odiavo TUTTI)?
Io vengo da una piccola Oh-no e sono finita in una grande "I'm sorry"!

sulsecondobinario ha detto...

Roma o la ami o la odi!!!! Io la amo...e senza gli automobilisti coatti non sarebbe lei...

Isotta ha detto...

Ho sempre sentito dire da amici e parenti che ci vivono "Roma è bella da togliere il fiato..ma da turista!"
Devo dire che non riuscirei mai a viverci, in fondo sono cresciuta in un paesino di 3000 abitanti :P !

Lian ha detto...

nemmeno io riuscirei a vivere in una città così grande ... adoro Roma .. ma ci vengo solo da turista ... quasi ogni fine settimana!!!

Micaela ha detto...

Concordo con te.
ok il caos.
ok lo stress da parcheggio, da traffico e tutto il resto.
Però no, dài, non mi trasferirei domani!

Chiaretta ha detto...

A chi lo dite!!!! Io sono nata e cresciuta a Roma, ma non riesco più a viverci, inveisco contro tutti i maleducati in metro, sull'autobus, per strada, sembro una vecchia pazza isterica!!!!!

Burcin ha detto...

Amo Roma, nel bene e nel male, è la città che mi ha cresciuta non potrei odiarla nonostante tutti i difetti, anche se qualche breve pausa in qualche cittadina tranquilla è ottima per l'equilibrio mentale : D

Burcin ha detto...

Amo Roma, nel bene e nel male, è la città che mi ha cresciuta non potrei odiarla nonostante tutti i difetti, anche se qualche breve pausa in qualche cittadina tranquilla è ottima per l'equilibrio mentale : D

rossella ha detto...

roma come milano... una lotta all'ultimo parcheggio!

Speedy Mamy ha detto...

parliamone ROMA =
due sensi di marcia, autobus in fermata sul senso di marcia opposto, tu nella tua macchinuzza sopraggiungi nel senso di marcia libero, vai a velocità costante e medio-piano(bimbi a bordo orario 8.10am).
mentre stai per sopraggiungere in prossimità parallela all'autobus.. le macchine dietro il pachiderma (senza offesa ai pachidermi) lo superano tranquillamente invadendo la tua corsia... e tu pensi:
ora appena raggiungo il semi parallelismo quest'altri si fermeranno.. il senso di marcia è il mio, il codice stradale dice che se hai un impedimento devi fermarti ecc ecc ecc..
quando pensi questo sappi che SBAGLI!
se tu prosegui per il tuo senso di marcia con calma e tranquillità ti troverai l'ennesimo superatore di pachidermi(una land rover) che ti verrà incontro per un frontale, frenerà come te, ma ti delizierà di vari apostrofi tra cui "ma guarda con che ca@@o d macchina vai in giro levate!"
ammetto di avere una macchinetta, utilitarietta.. di 10 anni fa.. ammetto che non la lavo spesso fuori.. ma quando la parcheggi sotto l'ufficio e i piccioni te la battezzano ogni 3x2.. ti rompi pure di lavarla tutte le sere no?
pero'.. il dubbio è da quando le strade sono diventate inglesi?
Roma è Roma e si sà.. ma c'è un limite.. spero..
:)

Sere ha detto...

dopo aver vissuto a roma tutta la vita, a napoli e al cairo per svariati anni credevo di non poter più fare a meno della grande città... e invece ora vivo in una piccola cittadina tedesca e ho vissuto per un paio di mesi in una piccola cittadina di provincia in Italia... Oh, io nella grande città non ci torno più manco se me pagano!!!!
Sere Nella

mafalda1980 ha detto...

Mancavano i racconti da quel di Oh-no :)
Ora abito in una Oh-no dove sono tutti (o quasi) incazzati come in una grande città.
L'unica metropoli italiana dove ho trovato reale gentilezza e calore umano è Palermo, mi manca ancora.
Buone vacanze Wonder!

Wonderland ha detto...

io Roma non la amo, la ADORO. davvero, forse riuscirei a vivere altrove ma mi mancherebbe immensamente. detto questo, sì: le cittadine offrono prospettive altrimenti impossibili.

Wonderland ha detto...

@mafalda buone vacanze... ad Agosto :) qui ho accompagnato la Porpi e mi sono trattenuta per non stare a casa da sola (Lui è a Londra), ma non sono ancora in ferie... infatti ora sono al bar al Mac a lavorare. meglio qui che a Roma, e poi un bagnetto ogni tanto ci scappa :D

Serendipity ha detto...

Proprio oggi ho scritto un post su questa cosa.
Io sono pro "Oh-no" più che per le metropoli!!!!!

serendipity ha detto...

sono napoletana, quando ho vissuto per 1 anno e mezzo nelpaese del bonjour in cui tutti mi salutavano sorridendo per strada di prima mattina ed arrivavo a lavoro con un sorriso stampato sul volto ho cominciato a ragioanre fra me e me del sottovalutato ruolo della gentilezza e della cortesia ...

Claudia ha detto...

Ho finito qualche giorno fa il tuo libro, comprato solo perchè leggevo il tuo blog, ma mi ha fatto proprio ridere su certe scene e commuovere su altre immagini. Un bacione a te e alla Porpi.

Emilia ha detto...

E già a Roma i sensi di marcia le strisce pedonali e l'educazione sono un optional proprio ieri uscita dall'azienda attraversavo sulle strisce e una tipa cercava di svincolarsi per non farmi passare e quando l'ho guardata con aria trucida mi ha pure detto COCCA SI TE SBRIGHI A PASSA' CHE IO C'AVREI NA CERTA URGENZA! sì Roma è bella solo da turista....

Anonimo ha detto...

Io, in un paesello di 3000 abitanti, forse meno che più riesco a litigare tre giorni su cinque per il parcheggio... la maleducazione non è peculiarità delle sole grandi città!!!!!!

Lady Nutelliel ha detto...

Roma: la delusione più grande dai 18 anni in poi. Un amore tradito. Viverci era il mio sogno, poi è diventato il mio incubo quotidiano. E' una vita che ci abito, ma viverci è davvero difficile se non ci sei nato.
Cerco sempre di mantenere la gentilezza e la calma che si apprendono crescendo in provincia, a volte però mi trasformo davvero in un lupo mannaro...

Mammamsterdam ha detto...

E no, dai non mi rivalutare l' Oh-no da cui me ne sono andata. Amsterdam comunque è meglio, al weekend la gente ci viene ma non se ne va.

roberta ha detto...

auhahuahauha, vivo a roma da otto anni e gli automobilisti sclerati sono la cosa che amo di più! Ho preso la patente a Roma per imparare ad essere come loro, ma non ci riesco perchè cmq provengo da un paesino OH NO! Quindi non mi riesce, ma mi diverte vederli cosi sclerati!!!

sweetpinkmacaron.blogspot.com

Marianna ha detto...

Il guaio di Roma è che appena la vedi perdi la TESTA, è MERAVIGLIOSA..
ma solo se hai tantissimi soldi e puoi permetterti di non lavorare, di non prendere i mezzi e di avere un autista..
altrimenti è il CAOSSSS!

Fabi ha detto...

Chissà poi perchè la gentilezza al giorno d'oggi ci spiazza sempre mentre la cafonaggine ci fa un baffo???...mah, misteri dell'era del progresso!!!

sallygreen ha detto...

io ho una mamma che 30 anni fa da Roma (Prati) si è trasferita in un paesino molisano molto simile a Oh-No, ed io ci metto la mano sul fuoco che ora lei a Roma non ci tornerebbe mai :D

anna ha detto...

io da Roma mi sono trasferita nella stessa regione di OH-no. Dopo loshock iniziale, mi sono quasi abituata. Ma la gentilezza mi fa ancora effetto. Tanto per dirne una:ho portato una colomba per Pasqua all'impiegato dell'ufficio comunale per avermi fatto trovare rinnovati i documenti senza aspettareli in coda(due persone...coda!HAHAHAH!!) e avermi portato a casa la tessera elettorale nuova... perchè passava dallemie parti. Se penso alla circoscrizione a cui appartenevo... non c'è paragone!!

Clo ha detto...

A Milano suonerebbe in modo diverso, ma il succo rimarrebbe sempre quello di Roma. Aggiungendoci insulti moooolto più pesanti. Alla mia collega (che in tempi giovanili faceva la modella di biancheria intima) le è stato detto: "Brutta tr..a levati dal c...o", lei è scesa e si è avvicinata a lui guardandolo dall'alto al basso e ha risposto: "passi il tr..a ma brutta a me no!". E gli ha lasciato il parcheggio.

Waiting ha detto...

no scusate ma state facendo a gara a chi ha beccato l'automobilista che insulta di più? No perchè ho un bel repertorio e posso inserirlo solo in fascia non protetta...

Anonimo ha detto...

ma quindi roma si dividerebbe in roma nord e roma periferia? 'azzo. non sapevo che la mia splendida ardeatina fosse equiparabile a una tor bella monaca :)

comunque.. oggi m'hanno suonato per essermi fermata a far passare dei pedoni. a sfregio ho aspettato che ne arrivassero altri per farli passare.

Anna ha detto...

Sono tre anni che sono scappata da Roma, per la precisione Roma sud - litorale!Roma non fa per me, non ce la potevo proprio fare, secondo me è una città che alla fine ti imbruttisce, che ti rende ostile e diffidente con tutti!
Ora vivo in un piccolo paese, la cortesia è il pane quotadiano, il saluto è un gesto di educazione, il sorriso è un atto di piacere.
Ho scoperto che essere generosi e cordiali ripaga sempre e che la cortesia è più comunicativa delle brutte parole!
Ah qui non ho problemi di parcheggio perchè ho il garage di proprietà sotto casa, senza nessun cartello e lasciano quasi sempre l'uscita libera!
Ah Roma un box auto costa più di un appartamento.

psicomelina ha detto...

Io abito ai confini dell'impero (a un chilometro da casa mia c'è il cartello con su scritto "ROMA" sbarrato. E prima abitavo a San Giovanni (ah, l'amour).
Non dico che sia meglio il mio vecchio quartiere in quanto a finezza, ma almeno i morti te li dicevano per le grandi occasioni. O gli amici in segno "di affetto" (vedi Antonio Giuliani e l'amico Romano).

Qui anche se ti fermi con l'arancione inoltrato, Rosseggiante diciamo, a volte scendono dalla macchina, ti accostano fisicamente e vorrebbero farti scendere per discutere della cappellata che hai fatto.
Senza rendersi conto che a volte gli salvi pure la vita perché gli altri nei sensi contrari scattano al primo 'verdeggiare'.

knin ha detto...

sempre abitata a roma sud/periferia. sapevo che roma nord era un'altra citta', ma non immaginavo che usassero addirittura il LEI negli insulti...
n'artro mondo, 'nzomma!! :D :D

psicomelina ha detto...

@knin: che usino il lei, il voi o l'esso (sentito pure quello @_@), sempre i morti o qualche parolaccia ti dicono...

@Wonder... pensandoci... la tua citycar è di meVda? O te l'hanno denominata con un appellativo poco fine e affatto raffinato senza eVVe moscia?

Che volgarità!!!!!! :D

Francesca ha detto...

Mi dispiace dirlo ma Roma per me è invivibile!! Bellissima da vedere, e ci vado spesso a trovare una cara amica che vive lì, ma io non ce la potrei mai fare...quando sono in macchina con lei per la città ho sempre il dubbio di non riuscire a scendere viva dall'auto...e preciso che non vengo da un paesello di montagna, abito comunque in una città di media grandezza e ho vissuto anche all'estero, ma Roma...'gna fo...

Anonimo ha detto...

Francamente tutti sti luoghi comuni non me li aspettavo. Vivo a Roma da una vita e, sì, certo, il cafone lo trovi come, ovviamente, lo trovo quando vado al paesello o come l'ho trovato quando per un certo periodo ho vissuto a Milano.

Malgrado ciò io a Roma ci vivo benissimo da oltre trent'anni. Certo, ha i problemi delle grandi città (senza scomodare Londra o New York che stano su un'altro ordine di grandezza, prendiamo Madrid o Parigi... Ecco a Parigi ad esempio ho avuto tra le esperienze più cafone e più gentili della mia vita. Quando si dice schizzofrenia.) Ma a modo suo Roma non è molto diversa da un piccolo centro. Il mio quartiere ad esempio ha le dimensioni e la vivibilità (traffico e parcheggi a parte) di un piccolo centro: conosco tutti, tutti mi conoscono perchè mi hanno vista crescere e via discorrendo. Il macellaio sotto casa non ha niente da invidiare quanto a cortesia, di quello del paesino della sabina di cui mio marito è originario.

A differenza, inoltre, di altre grandi città Roma (chissà ancora per quanto...) è piena di verde: parchi, ville, lo spazio per scappare cinque minuti dal casino cittadino è a due passi.

E' un paradiso? No. Come non è il paradiso nemmeno un piccolo paesino stile Ho-No (e tutti gli altri Ho-no like). Io ad esempio il succitato paesino della sabina lo a-do-ro e più di una volta con mio marito sospiriamo pensado a quanto ci piacerebbe trasferirci. Ma poi pensiamo a tutti i problemi di connessione con il nostro lavoro che è a Roma, al fatto che l'Adsl ancora pare sia un miraggio del futuro, al fatto che i treni in collegamento fanno ride, e che no, non posso sopportare la (per quanto cortese) impicciosità dei paesani. Per dirne una la prima volta che Stefano mi portò alla casa di famiglia a visitarla la sera stessa un compaesano chiamò suo nonno a Roma per dirgli che Stefano era stato avvistato su con una ragazza!!! Ma una manica di fatti tua no? :D

In tutto ci sono i pro e i contro, e alle etichette, sia quando vengono appiccicate alle persone che ai luoghi, io non credo. Ognuno vive la sua esperienza, ognuno ha un modo diverso di intendere la vita ed io francamente quelle poche volte che sono stata costretta ad abbandonare questa città per ragioni lavorative mi sentivo come se mi avessero costretta ai lavori forzati. Gnà posso fa =)

P.s.: spezzo una lancia a favore degli autisti vs pedoni. Avete visto l'attraversamento pedonale a Roma? Statisticamente contate quanta gente attraversa sulle strisce e quando "ndo cojo cojo". E mica solo i Romani: sarà l'aria di città ma anche compassati stranieri tempo 24 ore si danno all'attraversamento selvaggio. E dopo un po' te stufi pure di cercare di evitarli e ti domandi perchè hanno deciso di suicidarsi proprio sotto le ruote tue XD

Francesca

(hei, blogspot non mi fa più segnare come openID wordpress... ;____; cattivo...)

Roberta ha detto...

Vengo da Roma Nord ma sono in vacanza in Toscana e proprio ieri ho esternato ad un mio concittadino, in trasferta anche lui, la seguente imprecazione: " Signore, ci tenevo a dirle che Lei e' doppiamente stronzo: 1) perche' e' un uomo; 2) perche' ha fatto finta di non vedermi per rubarmi il posto!"

Anonimo ha detto...

Sono una romana emigrata nel paese dell' "I'm sorry" e....
SIGH SIGH SOB SNIFF UAAAAAHHHH !!!

Damia ha detto...

Da turista ho visitato città come Milano, Roma, Torino, Bologna...ma anche Parigi, Londra, New York...

E nonostante tutto la città dove ho trovato più cortesia è, con mia sorpresa New York!
Spiacente ma Roma è all'ultimo posto della classifica. Per non parlare del fatto che la prima volta che l'ho vista era agosto, faceva un caldo pazzesco ed il Tevere puzzava di fogna. Da quella volta non riesco a separare quell'odore dal mio ricordo.

Io vivo in città, media, non metropoli, qualche rione è ancora paesino. Nel mio il macellaio mi saluta ogni volta che passo anche se è un anno che non compro la carne da lui. Il minisupermercato di casa che di iper ha solo i prezzi...il commesso mi porta la spesa in macchina se è pesante, visto che ho la pancia.

E abito a 10 minuti dal centro, un buon compromesso tra città e paesini di Oh no dispersi nel nulla, di cui amo follemente l'atteggiamento mediamente gentile e di cui detesto ancora di più la lontananza con le comodità cittadine...

Anonimo ha detto...

...non so dove sia oh-no, ma io e mio marito e il nano, ci siamo trasferiti da pochi mesi a Trento ... ci sembrano degli extraterrestri, a volte ci sembra che ci prendano per il kiul ... quando ti sorridono nei negozi, oppure si fermano 5-6 metri prima delle strisce pedonali, quando ti dicono "mi lasci il suo numero di cellulare, così se vedo che stanno per finire i biglietti per il concerto, la chiamo e glieli metto da parte" o quando ti chiamano gli operai che ti devono mettere il telefono a casa e tu gli dici che sei in vacanza, ti rispondono "oh mi spiace averla disturbata, ci dica lei quando possiamo tornare ad installarle la linea" ....è chiaro che ti senti preso per i fondelli!!!

Blog Widget by LinkWithin