il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

lunedì 18 luglio 2011

Say YES to Oh No - part.1

Ci siamo quasi stanziate. Io pronta per andar via in qualsiasi momento, lei pronta a restare qui con la testa già in quelle vacanze infinite dei bambini.

Non c'è molto da raccontare, questa volta, che non sia per immagini. Se queste righe potessero passare anche l'odore dell'anguria e del vento che arriva dal mare, il sapore dei pomodori e dei fichi che mia nonna lascia sugli scalini di casa, o la sua risata che si spezzetta in tanti bagliori come il sole riflesso sul mare, allora forse avrei dato un'idea.
E' che questa settimana sarei dovuta essere a Roma, io lì a lavorare, lei qui con la nonna a sguazzare. Avevo un'agenda che nemmeno Madonna. E invece - un po' per bisogno e un po' per scelta - resto qui ancora un paio di giorni. Non so come né perché, ma questo posto ha un effetto blandamente terapeutico su di me. O forse è che, potendo contare su un'intera famiglia che vive e lavora qui, c'è finalmente quella 'rete familiare' che manca in città. E lei è una volta dallo zio, un'altra dalla nonna, poi dalla zia, dalla bisnonna, dalla biszia. E torna dicendo cose come "ho visto gli asinelli!".
E poi ci sono i colori. Sono la cosa che preferisco. Essere circondata da tinte accese e vedere la pelle dorarsi. Trovo che i segni del costume siano meravigliosi (e anche sexy...).
D'estate amo vestirmi di rosa, albicocca, viola, blu, bianco. Nero se capita. Lei invece è adorabile, quando ci docciamo via il sale della giornata e indossa finalmente quei vestitini leggeri comprati o regalati, che durante l'anno restanò lì in attesa delle belle giornate.
Adesso lavoro. Rumore delle onde in sottofondo e mare davanti ai miei occhi. Meraviglia pura.
Questa è la spiaggia di Oh No in uno dei suoi momenti migliori. Essendo medio adriatico il mare non è sempre così limpido, ma quando capitano queste giornate vale la pena di scattare qualche foto. Hmm, come se non lo facessi a sufficienza, ormai la gente mi ferma per chiedermi se sono un paparazzo, e ieri mentre ero chinata a terra stile marine per fotografare il prato, ho sentito distintamente uno dietro di me che diceva 'chest'è scem'...'.
A domani, col resto delle foto da Oh No :)

Condividi

50 commenti:

luciebasta ha detto...

resident sul medio adriatico non posso che approvare il tono del post, rilassato, piccolo, provinciale: in attesa dei blog in odorama!
Have a nice day

luciebasta ha detto...

resident sul medio adriatico non posso che approvare il tono del post, rilassato, piccolo, provinciale: in attesa dei blog in odorama!
Have a nice day

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Non vedo l'ora di scappare dalla città anch'io e potermi mettere a lavorare al computer guardando prati verdi e montagne belle come un dipinto.

ps: il mare sarebbe meglio ma ci si deve saper accontentare ;)

ps2: la Porpi è bellissimissima

Iris ha detto...

Quella costa medio-adriatica mi sembra familiare... Purtroppo sì, non sempre il mare si regala limpido, ma quando ci riesce è impossibile non innamorarsi persino di zone alla "Oh no".

soproblEMY ha detto...

hahahahahaha fantastica la battuta in dialetto finale :P
non ci saranno abituati lì ad Oh no... Wonder le tue foto sono meravigliose, la porpi lo è...l'acqua dal secchiello lo è.... buone brevi vacanze ;)
un bacio

emy

Estrella Fugaz ha detto...

Quelle bambolineeeeee anche mia nipotA la Gnappa ne possiede svariate, noi le chiamiamo le "capocchione" sono carine e molto fighe! Ma quant'è bionda tua figlia?!?!!

Rebecca ha detto...

E' poetico questo post... e le foto ti fanno sognare... buon lavoro in quel paradiso fattto di natura e famiglia.

muccachicca ha detto...

anche noi tra un mesetto saremo in un paesino stile oh no del medio Adriatico... e non vedo l'ora... ho pure la macchinetta fotografica nuova!!!!!

Wonderland ha detto...

grazie a tutti :) sì, in effetti Oh No è quanto di meno glam e più familiare, rilassante e spontaneo esista al mondo, per noi. le foto di domani, credo, lo confermeranno ^^

fabiana ha detto...

Solo 3 Parole: Adoro Questo Post!

Cristina ha detto...

Io ieri ero in alto Adriatico, nel mio luogo di fuga per eccellenza, dove bimba stanzia con la nonna e dove ogni volta che arrivo come un piccolo ciclone (in attesa di potermi fermare con più calma tra qualche settimana..forse) faccio prima di tutto un sospiro di sollievo..In riva al mare svanisce tutto: il venticello porta via i pensieracci, il sole porta via il pallore dello stress e la salsedine dà quel gusto in più alla vita che ti eri perso nella quotidianità quotidiana :) Buon inizio settimana, Wonder!

Mirtilla ha detto...

io devo aspettare ancora 3 settimane,uffi!!

Marina ha detto...

resident anche io in medio Adriatico, ma un po' più su, confermo che il mare a fondale sabbioso alle volte è poco limpido (dipende da correnti e maree), ma ci sono zone beeeeellliissssiiimeeeee e moooolto limpide per esempio le spiagge della rivera dei Conero.
MarinaM
ps la tua Polpetta è sempre più bella.

regina87 ha detto...

Adoro questi tuoi post!!! Quando mischi scrittura e fotografia, quando fotografi Viola....sembra di vedere tutto con i tuoi occhi.
Bello!

Maddalena ha detto...

Wonder, devo proprio dirlo, io di solito non mi sdiliquisco davanti ai pargoli ma...hai una bimba davvero splendida :) ehi, complimenti ;)

mafalda1980 ha detto...

Bella Oh-no :)
Ma di te si vedono ancora solo i piedi quando vai in spiaggia con la bimba (battuta che mi rivendo a ogni occasione)? :)

Anonimo ha detto...

Che meraviglia wonder :-) ero da quelle parti la settimana scorsa, chissà magari siamo pure passati sulla spiaggia di oh no (è che si somigliano un po' tutte su quella bella riviera adriatica ;-) un abbraccio colorato come il post a Mamma figlia e mega famiglia di supporto (meno male che ci sono le nonne le bisnonne, le prozie, i nonni, gli zii e chi più ne ha più ne metta :-) ciao! Emanuela

Anonimo ha detto...

Io credo sia la natura ad avere un effetto terapeutico. La città offre mille possibilità, ma la serenità dei piccoli centri in cui sei a contatto con il mare, le montagne o le colline è tutta un'altra cosa, sia per gli adulti che per i bambini.

sulsecondobinario ha detto...

Ben fatto!!!Complimentoni per le foto!!!!

A. ha detto...

Meraviglioso.... e dire che se non sbaglio odiavi stare li fino a qualche tempo fa, no?
e Viola con quel vestitino rosa è deliziosa!

Come ho scritto su twitter staera mi godo il tuo libro!!!

Brunhilde ha detto...

Bello, Oh No sembra un posto ancora abbastanza lontano dal turismo di massa. Potrebbe piacere addirittura a me, che odio le vacanze al mare come i brufoli.

martina ha detto...

anche basta, che dici?

El_Gae ha detto...

Un rene, un rene per sapere fotografare così!

zauberei ha detto...

Evinco che Oh No - è forse non lontanissimo da Luogo Ameno, dove però recheròmmi con Pipik i primi di agosto, per pochissimi giorni. Essendo che luogo ameno non è vagamente terapeutico ma vagamente patologizzante:)

Giusi ha detto...

Mmmm che sensazioni sopite e conosciute, le mie estati in Abruzzo da bimba, i profumi, i sapori, i nonni, la sabbia, il ciabattare. Mi ricordo persino l'odore del tabacchino dove mio padre si fermava a comprare le sigarette prima di andare in spiaggia... quanto darei per poter far vivere a mio figlio un pò di questa mia infanzia abruzzese, purtroppo non potrò..

Wonderland ha detto...

@zaub perché patologizzante?

@martina basta cosa? basta foto, basta Oh No, o basta lasciare commenti sibillini? :D

@Emanuela grazie, ricambio :))

@Brunhilde non è esattamente lontano dal turismo, E' una località turistica ma non particolarmente in voga, molto tranquilla. quindi sì, la gente c'è e no, non trovi la spiaggetta isolata. però Porpi si ultradiverte...

@El_Gae oddio no, il rene tienitelo per qualcuno che le foto le sa fare davvero.. io faccio solo finta :D

martina ha detto...

...io lascio commenti sibillini? :-D certo scrivere frasi piene di superlativi ad ogni foto voyeuristica (di tua figlia, per giunta!) di sandaletto o braccialino o riccioletto ammiccante risulta più chiaro. dico anche basta, non certo alla fotografia, ci mancherebbe. (a proposito: sai che mio marito è un noto fotografo romano ed ha amato molto le tue foto della toscana di qualche mese fa?) forse l'unica cosa che vorrei scriverti da vecchia fan è: ma non ti annoi in mezzo a tanto gné-gné-gné? io potrei impazzire. mediamente tutti abiamo la sabbia tra i capelli al mare, beviamo mojito, abbiamo figli, nonne... e quindi? è anche piacevole, per carità. ma è necessario fare un reportage, ogni volta? ora verrò uccisa da stuoli di oh-yes, già lo so. ciao!

Anonimo ha detto...

mammamia ma viola cresce a vista d'occhio... anzi a vista di post!!! cmq mi hai fatto venir voglia di mare (mannaggiattè)! sto ancora ridendo per l'ultima frase... ahahaha... il napoletano è uno dei dialetti più divertenti!!! baciiiii
annalisa

Wonderland ha detto...

@martina mi dispiace che il tono semplice di questo post non ti piaccia. rispecchia quello che sto vivendo adesso. come ho sempre fatto, sul blog racconto dettagli di quotidianità. a volte sono sarcastici, altre volte seri, altre ancora banalmente didascalici ad una serie di foto che ho scattato al mare e che, a mio avviso, riportano un'atmosfera. forse nemmeno ci andava il testo, sotto queste immagini ma si sa, sono grafomane :) nel braccialetto ci trovo poco di 'gné-gné' e tanto di dolce, ma forse è solo il mio punto di vista. ringrazia tuo marito!

martina ha detto...

ma non ti devi dispiacere. io ti scrivo queste cose perché conosco le derive internettiane e perché ti stimo. a un certo punto, e mi riferisco soprattutto ai commenti, arriva lo gné-gné-gné ed è molto difficile non scrivere per procurarsene altro. ecco, questo non capisco: che te ne fai? non so, forse non mi sono spiegata bene. ma anch'io scrivo vista mare e fa caldissimo. il braccialetto di viola è tenero, ma tienilo per te. il mondo della fotografia lo conosco e internet non è assolutamente il posto migliore per giocare a indovina chi sono. le foto vedo/nonvedo dei bambini spesso sono anche le più ricercate... lascia stare, credimi. non ne hai bisogno. viola è solo una bambina, fai vedere le sue foto alle nonne. capirei di più se la riprendessi in viso, ti troverei più schietta. questi dettagli, certe inquadrature (che spesso fai anche su di te, ma tu sei più che maggiorenne) non sono innocenti e stimolano un atteggiamento voyeur. la semplicità delle tue giornate, così comuni nella nostra penisola italica, come vedi non c'entra. ti abbraccio.

Wonderland ha detto...

Con questo criterio dovrei tenere per me.. TUTTO! :) Ovvero, questo blog non dovrebbe esistere.
In tutto ciò grazie del pensiero, affronti un tema spinoso e sto iniziando a tenerlo molto in considerazione. Ci ho pensato prima di pubblicare queste foto, poi mi sono detta 'ci sono mamme che mettono facce, culi e primissimi piano dei loro bambini, che sarà mai una foto in cui Polpetta si vede di spalle o tre quarti?' e invece questo dimostra ancora una volta che non ci si può fidare della rete, e che se anche una donna riesce a sollevare l'osservazione il problema esiste davvero. Non so se è un caso, ma nel post che stavo programmando per domani la presenza di Porpi era minima. Chissà. Mi intristisce molto questa cosa. Non poter condividere per paura di quattro malati con smanie voyeuristiche. Grazie di aver lanciato la discussione.

mafalda1980 ha detto...

Poco meno di una settimana fa qualcuno è finito sul mio blog cercando "sadismo su bambine".
E sul mio blog ci sono svariate foto mie e di mia figlia. Non le tolgo, perché non è giusto che le tolga. Dopo l'anno smetterò di postarne, ma c'è sempre facebook che nonostante le restrizioni sull'accesso agli album è un colabrodo... e allora?
Che fare?

Wonderland ha detto...

@mafalda oddio è AGGHIACCIANTE.. a me non è mai fortunatamente capitato, ma se capitasse... non oso pensarci. darei la galera anche solo a chi pensa una cosa del genere.

@manu se vuoi a lato trovi la mia mail, possiamo continuare il discorso in pvt. pensavo di aver raggiunto un buon compromesso tra mostrare e non sovraesporre, probabilmente non è così. tutti possono sbagliare. di certo questo discorso mi aiuterà a mettere in discussione molti scatti in futuro. comunque no, io non credo che un primo piano lo posterei mai. sarà pure meno vedo/non vedo, ma preferisco che sia Porpi a decidere, da grande, se e a chi mostrarsi su internet (spero non al primo 13enne in chat... ehehehe).

martina ha detto...

ma non hai sbagliato niente, il mio era solo un consiglio. un consiglio per dire: cosa aggiunge? sei sicura che il gioco valga la candela? (la mia collega manuela mi raccontava poco fa che una volta ha trovato una foto di lei e suo marito su un sito spagnolo... :-O) baci, chiara. appena recupero un computer tutto mio ti scrivo, intanto buone vacanze.

Wonderland ha detto...

mah, forse un errore lo è. cosa aggiunge... beh, aggiunge quel pizzico di condivisione che è bello avere con persone che ti leggono/leggi/con cui ti scrivi da tanto tempo. purtroppo però il blog in quanto pubblico è potenzialmente accessibile anche a persone meno carine. ho sempre fatto molto per proteggere la privacy di Lui e Porpi, e spero di continuare a farlo. davvero, se prima era un pensiero laterale e recondito solo mio, che liquidavo con un 'sei paranoica', avere una riprova da una lettrice mi mette un po' in crisi. ci penserò seriamente. magari eviterò certe inquadrature troppo rivelatrici e mi concentrerò sui dettagli. solo piedi? oddio, poi mi arrivano i feticisti. argh, non se ne esce. ma non voglio rinunciare a 'illustrare' quindi sono sicura che troverò altri modi, strade, inquadrature.

martina ha detto...

però, e questo è l'ultimo commento: giuro!, rifletti anche sul fatto che riprendere tre quarti di viso è come riprenderla per intero, dài. chi tra i tuoi lettori non la riconoscerebbe a spasso per le vie del ghetto? anche questo non mi sembra un aspetto secondario. vado, ciao.

Wonderland ha detto...

martina se fosse al ghetto, come si dice a Roma, graziearcavolo.... :D ma se fosse in un altro posto x? secondo me no, ma magari è un illusione. detto questo, non è delle mie lettrici che possono riconoscerci per strada che mi preoccupo, ovviamente.

martina ha detto...

mah... secondo me hai una visione un po' troppo intimista del web. le tue foto possono vederle ovunque. ma ammettiamo che viola fosse riconoscibile solo al ghetto... lì va bene? si tratta sempre di essere riconoscibile da estranei, cosa che tu non vuoi, né per te né per lei, altrimenti posteresti foto intere. mio marito come ti ho scritto ha fatto migliaia di foto ma mia figlia gira tranquilla persino quando lui espone i suoi lavori... che c'entra? io non ti ho mai vista, ma se vi incontrassi, fosse anche a tokyo, vi riconoscerei. e, ovviamente, le lettrici non sono un problema, ci mancherebbe: ma se parli di privacy... baci, basta, anche tu sei un po' grafomane, eh?

Morg ha detto...

Leggerti e guardare le tue foto mi rilassa e mi fa sentire in pace con il mondo. Non so come tu ci riesca ma è così. Non smettere. :)

zauberei ha detto...

Mi inserisco nel dibattito.
Secondo me - e questo naturalmente è solo un mio parere - bisogna distinguere i piani, senza cortocircuitarli. C'è il piano rischio per la prole e c'è il piano giudizio di valore. A me le foto di wonder piacciono moltissimo - ne capisco chiaramente l'intento, che è quello di ritrarre con un prodotto estetico ben fatto e lavorato qualcosa di amato. Questo non è eccesso di intimismo questo è semplicemente il risultato di un blog ben fatto. E' la grande differenza dei blog con altre forme di comunicazione il poter infilare un piano personale e intimistico - ce ne è a mazzi, e spesso non tutti di gran qualità. Altri per dire, scrivono di cose molto personali ma molto bene. I blog sono nati da questo. La diaristica è nell'ossatura del mezzo - poi hanno fiutato la duttilità e si sono aggiunti gli altri, giornalisti etc. Allora si può decidere che questo genere di blog non piaccia - legittimissimo - ma usare la scusa del rischio per la prole, mi sembra confonfente o addirittura un pochino ricattatorio.

Twinky ha detto...

ciao! è da un po' che leggo il tuo blog...lo trovo sempre molto divertente...mi piace lo stile che hai nei post!
passa a trovarmi se hai due minuti...e voglia soprattutto...mi piacerebbe sentire un tuo parere...da mamma...e da blogger...

thetwinkycake.blogspot.com

Wonderland ha detto...

@twinky grazie e benvenuta :) appena ho un attimo visito il tuo blog!

@zaub eh, la questione è delicata anche per me. davvero, è difficile fare autocritica su questo quando poi si butta nella mischia il mio tallone d'Achille, che è la sicurezza di Polpetta. non so, certamente ogni critica al riguardo mi fa riflettere e ragionare su diverse prospettive. di contro ti ringrazio delle parole e dell'apprezzamento, se uso questo 'stile' narrativo ed estetico anche a livello fotografico è perché mi piace e rispecchia il modo in cui vedo - o magari vorrei vedere - le cose. e sono felice che ti piaccia.

@Morg grazie infinite. questo è quello che io provo guardando foto di gente ben più brava di me, quindi sentirmelo dire è davvero bello!

Laura ha detto...

Che meraviglia. Complimenti!
Laura

Anonimo ha detto...

Sono nata e cresciuta nel medio adriatico, a ferragisto vado con la bimba dalla nonna, si è turistico, ma tranquillo, il mare, il sole, la collina, i profumi, se capitiamo insieme incontriamoci, facciamo conoscere le due polpette :) Per quanto riguarda le foto..bhè la penso come te, sei lì che pensi le pubblico o no, io su facebook ho messo tante foto della mia gioia, qualcuno mi ha criticato, lo stesso mio marito, è vero che c'è la privacy e le restrizioni, il maleintenzionato c'è sempre anche tra i tuoi amici e non lo puoi sapere. La mia opinione vale poco, ma io adoro le tue foto e le trovo deliziose proprio per il vedo/non vedo. Non ti fare più problemi di quanti già ne hai tra lavoro, famiglia incastri di tempo. Ognuno di noi ha il suo punto di vista. Chi legge il tuo blog lo ha molto simile al tuo altrimenti NUN SE LO CACHEREBBE...Sei forte Chia' scrivi di getto e fotografa di impulso, questa sei tu. Ti manderò una mail così magari ci incontriamo nel medio adriatico. Valeria

Anonimo ha detto...

Sono nata e cresciuta nel medio adriatico, a ferragisto vado con la bimba dalla nonna, si è turistico, ma tranquillo, il mare, il sole, la collina, i profumi, se capitiamo insieme incontriamoci, facciamo conoscere le due polpette :) Per quanto riguarda le foto..bhè la penso come te, sei lì che pensi le pubblico o no, io su facebook ho messo tante foto della mia gioia, qualcuno mi ha criticato, lo stesso mio marito, è vero che c'è la privacy e le restrizioni, il maleintenzionato c'è sempre anche tra i tuoi amici e non lo puoi sapere. La mia opinione vale poco, ma io adoro le tue foto e le trovo deliziose proprio per il vedo/non vedo. Non ti fare più problemi di quanti già ne hai tra lavoro, famiglia incastri di tempo. Ognuno di noi ha il suo punto di vista. Chi legge il tuo blog lo ha molto simile al tuo altrimenti NUN SE LO CACHEREBBE...Sei forte Chia' scrivi di getto e fotografa di impulso, questa sei tu. Ti manderò una mail così magari ci incontriamo nel medio adriatico. Valeria

Paola ha detto...

Pineto??? Io ci vado giovedì, aperitiviamo???? Certo sarebbe un incontro al buio:)))

martina ha detto...

mi tocca sempre specificare, spiegare, puntualizzare. si vede proprio che non sono la mamma che dovrei essere. il discorso tra me e wonder, credevo si capisse, era un punto di vista. non le ho consigliato di non fotografare di impulso o di snaturarsi. non ho camuffato il mio non amore per i blog intimistici, io ne ho uno da quasi dieci anni e va benissimo. e anche fosse, credetemi, non avrei bisogno di fare tanti giri: scriverei che non mi piace e punto. non porto avanti il discorso sulla sicurezza dei figli ipocritamente, le spiegavo solo i motivi per cui, secondo me, sarebbe meglio limitarsi. poi, ovvio, una donna di trent'anni fa quello che vuole, ci mancherebbe. inoltre facebook, seppure con le sue falle, è tutta un'altra cosa a riguardo: qui siamo in chiaro. quando parlavo dell'idea intimistica del web di chiara mi riferivo all'idea di pensare che possano accedere a certi contenuti solo sguardi amorevoli e familiari. non mi riferivo certo alla natura intimista per definizione dei blog. d'altra parte come scriveva calvino: un bravo scrittore riesce a suscitare l'dea di caldo anche senza pronunciare la parola caldo. quindi se abbiamo talento usiamolo per inventare nuovi modi per suscitare la stessa idea di tranquillità, a quel punto la foto della figlia in mutande apparirà superflua. (ah, esistono anche account flickr con password. solo per dire che tra esibizionismo e le tre scimmiette c'è tutto lo spazio del mondo.) mi dispiace di essere stata fraintesa, credevo ci fossimo capite. ciao.

Wonderland ha detto...

martina, io capisco tutto, ma la frase "la foto della figlia in mutande apparirà superflua" la trovo quantomeno fuori luogo. davvero, fatti un giro per la rete, poi ne riparliamo di foto dei figli "in mutande". c'è anche tutto lo spazio del mondo tra gentile punto di vista espresso in una mail e continuare a pretendere di aver ragione dietro un "esprimo solo il mio parere". accetto sempre con educazione e umiltà le critiche perché sono sempre ben accette, se sensate. però qui stiamo andando un po' oltre, non credi? soprattutto, accusare ME di mettere foto 'improprie' di mia figlia è un colpo basso inutile, non veritiero e un po' gratuito.

frantola ha detto...

un commento un po' inutile il mio, ma cavoli, una 3enne al mare non è una "figlia in mutande".
io sarò banale, ma non riesco proprio a vedere niente di voyeristico nelle foto di wonder.
certo tutto sta nell'occhio di chi guarda.
Ma non possiamo neanche smettere di guardare le foto dei bimbi perchè ci son dei pazzi malati in giro.
A quel punto non ti puoi mettere più una minigonna perchè qualche maniaco in giro per la città c'è di sicuro.
boh. sto banalizzando. ma è la prima cosa che mi è venuta in mente.

E concordo col fatto che i blog abbiano un certo appeal proprio perchè ci si scambia dettagli di vita.
Forse è questo ceh dà fastidio a Martina?
Una certa dose di esibizionismo c'è di sicuro. e che male c'è ?
Puoi metterti ad ascoltare solo se qualcuno ha voglia di raccontarsi...

Wonderland ha detto...

grazie frantola :)

Blog Widget by LinkWithin