il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

lunedì 5 dicembre 2011

Niente campanelli e renne in questo post. In compenso misantropia e scemenze: affare fatto?

- la Porpi ha visto un presepe con la nonna e ha elencato: "Questo è il papà di Gesù che non mi ricordo come si chiama, questo è 'ilbue&l'asinello', questa è la Madonna che è la mamma di Gesù e poi canta alla radio." cioè: le suorine arrivano dove possono.

- mi hanno fatto uno dei complimenti più criptici e laterali della storia, talmente contorto che puoi prenderlo solo per quello che è ("non è l'estetica il tuo limite") e poi andare a fare un test del QI con una certa urgenza. ho sempre detto che essere bionde non aiuta, ma non mi crede nessuno (perché sono bionda).

- se provo a presentare mia figlia a gente che non ha mai visto, ci sono buone chance che si produca nel suo famoso sguardo: "crepa. adesso. o per lo meno levati dai maròni." in quei momenti, la fierezza materna è qualcosa che mi abbandona istantaneamente. la gente penserà che la sto crescendo a pane e misantropia, il che non è particolarmente infondato.
Immagine dal mio Instagram.
- per la serie 'come ti vedono gli amici'. regali:
questo mi dà da pensare (penso che sia molto, molto divertente).

- mentre sono in sala d'attesa dal medico - che poi, caaaro, dopo un'ora di attesa mi dirà qualcosa come 'ah sì,  ho segnato tutto, prendi 'ste pasticche e torna tra dieci giorni' - decoro le mie dita con un'App scema e sempre lì, in un corridoio d'attesa al neon, sovraffollato e surriscaldato, mi vengono un sacco di idee.
App credits: FingerFace
- in generale, sto facendo delle cose creative ed è come tornare a scavare in quella galleria che avevi murato perché credevi esaurita, ma trovarci dentro ancora qualcosa che brilla. (in estrema sintesi: darsi della cojona).

- devo decidere cosa fare del mio prossimo, imminente futuro. in un modo radicale, immediato e senza scappatoie. è una delle decisioni più importanti che io abbia mai preso e come tale non è qualcosa di cui parlare su un blog. ma c'è qualcosa nell'aria, e si dibatte parecchio.
(il fatto è, che finché c'è qualcosa nell'aria, è tutto ok. è quando non c'è che arrivano i casini. -> me lo ripeterò dieci volte per crederci.)

Condividi

35 commenti:

Anonimo ha detto...

e mò mi metti curiosità però! mannaccccccia

Lauretta ha detto...

In bocca al lupo per la decisione che devi prendere, indipendentemente da quale essa sia.
Io sono contenta che per ora mio figlio non mi assomigli per quel che riguarda la mia congenita misantropia: avrà una vita socialmente più leggera.

janefonda ha detto...

sorvoliamo dalle suorine ;o) per il resto sei splendida ed inarrestabile!

per le decisioni senza scappatoie: buttati!!!

Alessia ha detto...

basta che tale decisione non implichi la chiusura-abbandono di questo blog, del quale io sono vergognosamente dipendente (non tanto- vergognosamente intendo).

Anonimo ha detto...

Ciao Wonder!
Scrivo per la prima volta e mi sa che sono un lettore un pò anomalo: ragazzo, 23enne, fidanzato e che non pensa per niente ai figli! :)
Sono capitato sul tuo blog cercando il testo di una canzone e, incuriosito,ho iniziato a leggerlo dal tuo primo post! (Scrivi troppo, te lo volevo dire, ho fatto una faticata! :D )
A parte gli scherzi, volevo però farti davvero i complimenti, hai un linguaggio fresco, allegro e che scorre con piacere (anche nei post più seriosi)!
Andrea

Anonimo ha detto...

vai... parti... l'italia non promette niente di buono.

Fra

mouaryl ha detto...

"-devo decidere cosa fare del mio prossimo futuro"
anch'io devo decidere in modo radicale immediato e senza scappatoie cosa fare della mia vita...abbandonare un lavoro che in realtà non c'è o c'è solo a metà per qualcosa che lavoro non è, e chissà perchè mi sembra che la mia vita lavorativa finirà qui se abbandono :(
vabbè spero per te che sia qualcosa di meglio e spero per me che la sensazione che ho adesso non sia definitiva, ma solo passeggera e che abbandonare un sogno lavorativo per il bene dei miei figli e della mia famiglia sia la cosa migliore a lungo termine.

mouaryl ha detto...

"-devo decidere cosa fare del mio prossimo futuro"
anch'io devo decidere in modo radicale immediato e senza scappatoie cosa fare della mia vita...abbandonare un lavoro che in realtà non c'è o c'è solo a metà per qualcosa che lavoro non è, e chissà perchè mi sembra che la mia vita lavorativa finirà qui se abbandono :(
vabbè spero per te che sia qualcosa di meglio e spero per me che la sensazione che ho adesso non sia definitiva, ma solo passeggera e che abbandonare un sogno lavorativo per il bene dei miei figli e della mia famiglia sia la cosa migliore a lungo termine.

Federica ha detto...

io sono nella tua stessa situazione..alla fine sceglierò tirando in aria una monetina.

mafalda1980 ha detto...

In bocca al lupo, sei una donna saggia e con palle e cuore da vendere :)

Anna ha detto...

Solo due parole: ti capisco! Decidi seguendo il tuo istinto!

kristel ha detto...

Io dopo gli studi me ne sono andata dall'Italia. Volevo vivere all'estero. Prima Parigi e ora Bruxelles. Vorrei rientrare in Italia ma onestamente per fare cosa? Qui dal momento che hai un lavoro non é mai precario, all'80% delle volte é sempre a tempo indeterminato. Certo il sole ed il cibo italiano mi mancano ma purtroppo a fine mese queste cose non ti fanno pagare l'affito e vivere serena.
Qualsiasi cosa tu scelga (se poi si tratta di questo) sarà la scelta giusta! ^__^

Paola ha detto...

Londra???

Brunhilde ha detto...

Per non averci propinato renne e compagnia hai tutta la mia gratitudine, infinita.
Lao Tse ha detto che l'unica costante è il continuo mutamento: assecondalo e sii felice!

papermoon ha detto...

Ciao Wonder, ti leggo da un po', ma non ho mai commentato. Oggi una frase del tuo post mi spinge a scriverti. "finché c'è qualcosa nell'aria, è tutto ok. è quando non c'è che arrivano i casini. me lo ripeterò dieci volte per crederci". hai ragione, a volte bisogna ripeterselo un po'. ho passato un periodo molto lungo senza che arrivasse mai quel famoso "qualcosa" e la mia vita sembrava immobile. quando due anni fa è arrivata la svolta, anche se morivo dalla voglia di cambiare, ho esitato prima di buttarmi.. poi ho raccolto abbastanza coraggio, ho preso le decisioni che dovevo prendere e tutto è cambiato.
Grazie per il tuo blog, è un posto davvero accogliente dove tornare ogni giorno!

Stellina ha detto...

di tutto cuore, buon viaggio! :-)

ciò che rende appagata e falice te, ti renderà una mamma ancora migliore per tua figlia

bacino a Polpetta

p.s. e magari poi dovevi solo scegliere gli addobbi per l'albero eh...

Maddalena ha detto...

ma solo io ho trovato il lavoro che volevo (serio, sicuro, pagato il giusto e inerente ai miei studi) quando da Londra sono rientrata a Milano? ;)

lo dico perché alle volte può dar coraggio sentire anche la campana positiva, just in case ;)

Anonimo ha detto...

anch'io sono di quelle che è felice quando ha la possibilità di scegliere...e invece mi sento imprigionata da un lavoro che mi da stabilità economica ma nessuna soddisfazione professionale e posso solo tenermi quello che ho o affrontare il nulla che offre il mercato!....facci sognare...spero di poterti leggere ancora e sapere che la vita ti ha sorriso!

Miah[Misia'sMum] ha detto...

Domani devo portare Misia dalla pediatra. Prevedo una lunga fila. Devo subito scaricare l'applicazione per le dita, cosi la noia non mi trovera' impreparata

twoofhearts ha detto...

Sempre meglio di mio nipote, 6 anni, che alla domanda fatta dal cugino:"Ma, alla fine, Giuseppe chi è?!", con candore ha risposto:"Beh, non è proprio il papà di Gesù..è più come..ecco, è l'ex marito di Maria"!..

E per il fatto di essere bionda, ti basti sapere che vado in giro con una maglietta con scritto "Talk me slowly. I'm blonde." Uomo avvisato..

Pablo! ha detto...

Intanto grazie per il post senza campanelli e renne,che a dirti la verità,a me il Natale non so perché ma mi ha messo sempre un po'di tristezza...sarà l'atmosfera,non lo so.E poi beh...devi prendere una decisione...e siamo in due,se ti può consolare!3000vorrei per la testa e niente di concreto all'orizzonte,e il periodo certo non aiuta.Bah.Cmq l'app per decorare le dita è uno spettacolo!buona serata Wonder!La "mamma" di Pablo!

soproblEMY ha detto...

oddio ma quei falli su...lla maglietta? :P

Anonimo ha detto...

andarsene é piú immediato che rimanere, e non sposarsi é piú facile che convivere;

perché riti, movimenti e spostamenti sbilanciano, squilibriano e fanno pensare. Io ho scelto la via di mezzo. Sposata e all'estero. Una squilibrata equilibrata infondo;)
baci sabina

Raffaella ha detto...

mi piacciono i tuoi post...sei così caustica! love it! =D baci
se ti va passa a trovarmi! mi farebbe piacere!

http://theshopaholicnextdoor.blogspot.com/

Nai ha detto...

vogliamo parlare di strani complimenti? a me un signore, vedendomi uscire da una pizzeria mi ha guardato a bocca aperta e mi ha detto: ma che sei? la sorella della Madonna?!! -_- e non parlava della cantante.....

Federica P. ha detto...

sicuramente scegli...usando l'istinto di solito non sbaglia mai...bellissimo il tuo blog ti seguo se ti va passa da me e seguimi...
http://federicassecret.blogspot.com/

MammaTogata ha detto...

wow...hai in mente ancora delle novità? sei un vulcano di idee...bravissima!
In bocca al lupo per tutto, incrocio le dita per te!
Anch'io mi sto dedicando a delle cose creative...per ora lo sto facendo perchè mi fanno stare bene.
Se vuoi ti linko un lavoretto che ho fatto pochi giorni fa ed ho pensato a te...già dal titolo capirai il perchè: http://unamammaconlatoga.blogspot.com/2011/12/wonderland-is-readyanother-christmas.html

Anonimo ha detto...

io penso che cambierei posto solo per andare in un posto migliore e Londra non è assolutamente un posto migliore!!! Allora intendiamoci sicuramente ti offre di più a livello di opportunità ma ne sei così sicura? pensi che se avessi fatto un blog in inglese ti avrebbero seguito così tante persone? in italia siamo meno creativi quindi ci sono più possibilità di fare cose che non sono state fatte a Londra è stato fatto tutto!!!!e poi non sottovalutare il clima io le mie figlie in un posto grigio e piovoso non le porterei mai perchè il lavoro è importante ma la vita normale di tutti i giorni lo è di più secondo te meglio un lavoro figo o una vita felice spensierata piena di sole mare e colori? non dico che non si possano avere entrambe le cose ma sii realista..ciao Lory

Marica ha detto...

Le scelte non sono mai giuste in assoluto...esistono però le scelte giuste al momento giusto.Qualsiasi cosa tu faccia,arriverà il giorno in cui ti guarderai indietro e ti chiederai come sarebbe stata la tua vita se....è inevitabile!

Ps: comunque è vero Wonder...la maglietta ha un che di simil porno con quel "pistilli" di fiori!!:)

StelleGemelle ha detto...

...io solitamente amo stare sola....a parte figlie e marito(?!?!?!)....
non è che odio gli altri però....sto bene anche sola....o forse se dovessi essere veramente sola ne soffrirei..?!??!?
boh però visto che non sono sola....amo stare sola...?!?!?!
le mie figli se diventassero un pò come me non mi dispiacerebbe..diciamo che mi piaccio abbastanza ...dopotutto..!!
decisioni da prendere anche sul mio fronte...sia di lavoro che ....colore albero...si perchè io 'di renne e campanelli' mi ci vorrei 'gongolare' in questo mese....poi il prossimo mese li odierò per rimetterli a posto!!!

Wonderland ha detto...

Ahaha no ma quella non è una maglietta!!! E' la busta di Coco de Mer, una marca di... vabbè la smetto altrimenti torna la commentatrice che dice che le donne che fanno certi acquisti sono delle povere frustrate che non sono a proprio agio etc. etc.
Peace&love.

Anonimo ha detto...

Wonder, i miei migliori auguri perchè la tua scelta si riveli essere quella giusta per te, Porpi e Lui. Ti auguro IL MEGLIO, come sempre. Grazie del Blog, ti adoro! La Torinese

Giorgia ha detto...

ciao, e' la prima volta che commento, blog bellissimo, scoperto ahime' da troppo poco mi sarebbe stato utilissimo magari 1 annetto fa....
mi sento di ringraziare Maddalena che da' delle speranze per tornare in Italia... vivo a Londra da 7 anni di cui gli ultimi 22 mesi con il mio pupo... ecco io SOGNO costantemente di porteci tornare, ASAP, Londra va bene per far carriera non per una famiglia.. a parte il clima, che nn e' nemmeno troppo piovoso, ma piu' monotono e costante nel nn essere soleggiato (qui l'estate e' fatta di max 2 settimane sparse per il periodo estivo... quest'anno a ferragosto c'erano 18 gradi massimo e tempo di merda), io credo che la freneticita' di una citta' cosi' grande e abbastanza menefreghista nn sia idonea per una famiglia... ci sono tante cose da prendere in considerazione, scuola, tipologia di scuola (qui iniziano a 4 anni ad andare a scuola!!!!!) quartiere, insomma molto o tutto dipende dal budget, che bada deve essere MOLTO alto...
.... just in case fosse questa la scelta che devi fare.

un grosso in bocca al lupo, momenti come questi sono convinta abbiano bisogno di una buona dose di fortuna!
peace&love
Giorgia

Biancaneve ha detto...

Secondo me quando si devono prendere delle decisioni radicali, importanti ecc., la prima domanda da farsi è:

"cos'ho da perdere?"

Che non è esattamente fare la lista dei pro e dei contro, ma rendersi conto di cosa realmente è in gioco. E il più delle volte vedrai che non si tratta poi di elementi così significativi - come l'amore di e per tua figlia o compagno, amici, parenti ecc. - ma solo di elementi esteriori che anche cambiandoli, non potrebbero in alcun modo cambiare la struttura del tuo essere e ciò a cui tieni di più.
Insomma, mette le scelte nella giusta prospettiva. Ridimensionarle. Sono scelte. Ma mica di vita e di morte (cioè, voglio sperare almeno :-D).
E' la maniera migliore per prendere decisioni distaccate, obiettive e lucide.

cily75 ha detto...

e2...posts che ho perso questi giorni, ceh lego ora e che vanno di pari passo con i miei pensieri...devo decidere cosa fare del mio prossimo, imminente futuro...io ora mi sento un topolino agitato in gabbia, devo capire e decidere...e non so bene da dove cominciare,e ci sono in gioco molte cose e molte persone...e i miei figli?? e certo, questo paese non offre niente di buono...è un pensiero fisso, costante...immagino che a un certo punto saprò cosa fare, deve per forza funzionare così, no?? in bocca al lupo chiara...

Blog Widget by LinkWithin