il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

giovedì 22 marzo 2012

La tua tranquilla psicopatica di quartiere

Quando sei ipocondriaca, e la ragione tende a catalogare i tuoi acciacchi vari come 'sciocchezze', la tua parte inconscia rema costantemente verso la teoria della morte imminente.
Tipo: il mal di testa è un classico campanello d'allarme per la meningite.
Un brufolo potrebbe essere un cancro della pelle.
Un mal di stomaco è l'anticamera della gastroscopia.
Non è che scherza su malattie serie: l'ipocondriaco ci crede davvero, a tutto ciò, ecco perché mediamente ha una vita psicologica di merda.
E Google non aiuta.

Non sono a questi livelli, ma quando stamattina ho trovato le piante dei piedi di Porpi coperte da bolle simmetriche di dubbia provenienza, ho vacillato. Ero anche vicino al water, quindi nel vacillo mi è andata bene.
La prima cosa che ho fatto è stata telefonare a un medico andare nel panico.
Perché io, saggia donna che conosce appieno i meandri della sua condizione ipocondriaca e sa che avrà bisogno di imminente supporto medico in Paese straniero, al GP (= pseudo equivalente agli studi medici della mutua) non mi ci sono mica iscritta.

Per iscriverti al GP, come per fare qualsiasi cosa in Uk che non sia la spesa, hai bisogno di due prove di indirizzo. Tipo due bollette, ma diverse. O un contratto e una bolletta. O i documenti della banca e una bolletta. Sono rigidissimi su questo, tipo: il vicino che giura di averti beccata in pigiama sulla soglia di casa e lo giura col sangue non vale, e nemmeno il tuo Lui che invia via fax una bolletta cointestata perché se l'è portate tutte in ufficio scambiandole per documenti di lavoro. Che sono ancora sul tavolino, ma non costituiscono prova di indirizzo.

Stamattina quindi, immersa nel panico come in una tiepida salamoia, mi sono recata con la Porpi e le sue stimmate dal GP di zona.
Senza prove di indirizzo.
Per fortuna hanno una soluzione che si chiama 'temporary patient', dove rientrano abitanti locali non ancora iscritti e gente senza bollette come noi.
Devo dire: efficienti. Entrata alle 10, mi hanno dato appuntamento alle 11.45

Vicino avevo il parco: come non diluire l'ansia da prima-visita-al-GP tra verde, altalene e mamme?
Un momento: ho detto MAMME?
No, mi dovevate vedere.
La tattica era: puntare una mamma (no tata, no aupair, no nonna) con aspetto curato e bambino in decente stato di salute (no moccoli verdi, no occhio cisposo, no aspetto accaldato) e avvicinarmi con discrezione.
Fingere interesse per un qualsiasi accessorio del pupo (oh, belle scarpine. oh, bella tutina. oh, bel pupo.) poi partire all'attacco: conosci il GP qui vicino? Hai il nome di un pediatra decente? Cosa fai se tuo figlio di notte ha la febbre? E io che devo fa?

E insomma, dopo un sondaggio condotto su 5-6 mamme del parco londinese ho scoperto che:
- nel tuo GP non troverai mai un pediatra
- i medici del GP pare si appellino all'inconfutabile n'ègnente per qualsiasi acciacco del bambino, eccetto rantoli, occhi rovesciati, febbre cavallina, vomito con gittata superiore ai 15 metri e secondo naso spuntato nottetempo;
- i GP ti dirottano da uno specialista (non pediatra, specialista anche per adulti) solo se tu o il tuo pupo soffrite dello stato di cui sopra, o qualcosa del genere;
- in Uk, le mamme che hanno il pediatra di fiducia, tipo quello che una simpatica ipocondriaca può chiamare in lacrime una qualsiasi domenica alle cinque di pomeriggio, non esistono;
- la parola 'pediatra' richiama per associazione le parole 'assicurazione sanitaria';
- o i bambini inglesi non si ammalano, o non li curano. Delle due l'una, perché qua m'hanno sputato tutte sui GP ma nessuna aveva un'alternativa reale da consigliarmi. L'indicazione più precisa che ho ricevuto è stata: 'una volta ho preso appuntamento in un ospedale che fa anche visite private. Il nome non me lo ricordo, però sta tipo a Chelsea. No, scusa: a Portland. E la dottoressa era francese o italiana.' Vabbè, grazie.

Insomma, torniamo al GP alle 11.40
In sala d'attesa (vivaddio piena di giochi per bambini) Porpi ha fatto costruzioni di legno e letto un libro al contrario finché non ci ha chiamato il dottor G., indiano.
'How can I help you?'
Gli volevo dì: dammi il numero di un pediatra, ti preeeego. Invece ho scoperto i piedini della Porpi, e lui l'ha controllata anche sulle mani e in bocca.
Verdetto: pare si sarebbe beccata (ha usato il condizionale pure lui, eh) la famosa malattia esantematica 'mani, piedi, bocca'.
Sì, dai, quella che negli anni 80 non esisteva (ve la ricordate? ve la siete mai fatta? io no. ma com'è che ste malattie esantematiche spuntano come funghi?).

Il medico indiano - ecco ora non vi immaginate uno col turbante. era giovane e mezzo figo. (con-turbante?... ahaha no, dopo questa basta. mi ritiro dalle scene.) - ci ha addiruttura stampato una roba da internet per spiegarci cosa fosse sta malattia.
E poi ho double-checkato col mio pediatra di Roma, mica no. Certo che senza vederla... vabbè, FAMO A FIDASSE - come direi al Paese mio.

E quindi niente, prima esperienza dal GP e primo vero contatto con le mamme del parco londinese.
La prossima volta potrò salutarle con un gran sorriso e dire: 'ti ricordi? sono quella che ti ha detto oh, tua figlia, come sembra in buona salute, ma hai un pediatra? e dove sta? e perché non ti ricordi il nome? ma la febbre le viene? pure la notte e nel weekend? e come fai? ogni tanto, ti siedi al buio e piangi perché il tuo GP fa cagare? e 'ndo sta sto GP tuo? ma tua figlia, la Tachipirina, lo sa che è?'.
O più semplicemente: 'ti ricordi? sono io: la tua tranquilla psicopatica di quartiere. mi hanno esportata, è un franchise: ogni parco di mamme che si rispetti deve averne una.'

Condividi

77 commenti:

Antonsesfemmina ha detto...

Aaaaaah io l'ho avuta la mani-piedi-bocca! N'è gnente davèro, nel senso che andavo a giocare al parco tranquilla e non avevo nulla se non le bollicine. E soprattutto, uscivo giravo e giocavo con il placet del (compianto) pediatra più severo e scrupoloso di Roma. Ergo, scialla. :)

simplymamma ha detto...

io al posto tuo altro che post per sdrammatizzare.....sarei impazzita. e sono una di quelle che chiama il pediatra alle 5 di domenica pomeriggio ;-)

la Simo ha detto...

la famosa 6a malattia?

Maddalena ha detto...

è la cosiddetta "sesta malattia"? allora io ti batto in quanto a ipocondria, ero convinta di essermela beccata a oltre vent'anni pur sapendo che si tratta di una malattia infantile...

un'altra cosa molto comoda nell'attesa di avere un proprio GP sono i "walk-in center", ovvero delle aree deputate nel Pronto Soccorso degli ospedali che si occupano solo di casi di minore entità (mal di pancia, influenze, vomito e via dicendo...) così non stai ore e ore ad aspettare col codice bianco in mano. Noi siamo andati spesso a quello dell'ospedale di Whitechapel - c'ho il moroso gracile - e sono sempre stati rapidi!

Sarah Russo ha detto...

E' la coxakiosi, tranquilla passa da sola, Simona l'ha avuta al nido l'anno scorso. :-)

Cristina Yang ha detto...

Ma con tutti questi italioti che ci stanno a Londra non puoi vedere se ne trovi uno che fa anche il medico? Magari trovarlo specializzato in pediatria è un pò più difficile ma, chennesò, un dermatologobarraradiologo lo rimedi.

La porpi come se la sbriga con l'inglese? Non dimenticarci di raccontarci i suoi primi approcci linguistici.

mafalda ha detto...

Finché non sono diventata mamma non avevo mai sentito parlare della manipiedibocca!
Sarai anche un po' ipocondriaca ma sei la psicopatica che tutti vorrebbero avere come vicina.

Eireen ha detto...

Ehm, avevo giá sentito dire che la sanitá britannica non è tra le prime dieci migliori al mondo; e neanche tra le prime venti, se è per questo. So che, ad esempio, qualsiasi male tu abbia, i GP ti prescrivono sempre la stessa cosa, tipo l'ibuprofene, che sia mal di testa o alzheimer. Dicono che sia tutto un complotto per dirottare i pazienti sulle assicurazioni sanitarie private. Boh. Io so solo che d'inglesi ne frequento tutti i giorni al lavoro e sono tutti vivi, vegeti e sani. Si vede che sono riusciti a sopravvivere ad un'infanzia senza pediatra. E magari hanno anche meno balle di noi italiani. Per esempio li vedo transitare all'esterno in dicembre con -15 qui a Monaco rigorosamente in camicia a maniche corte e giacchina leggera tipo carta velina. E non si beccano un raffreddore neanche a sassate. Quindi forse, in fondo in fondo, il loro sistema sanitario del piffero gli rinforza il sistema immunitario. Altro che vitamina e C e zinco tutto l'inverno! :-) Saluti dalla Germania. Eireen

carpina ha detto...

io non ho mai sperimentato questa malattia, ma ne ho letto sul blog di elasti, nonsolomamma..
prima di allora non l'avevo mai sentita, e neppure quando ero piccola circolava questa voce..

a parte questo, io dal GP ci sono stata due volte, una volta per il mio cinquenne, e una volta per me: sono scrupolosi, anche se non specialisti, e io mi sono fidata.

Però a dirla tutta quando sono stata per il cinquenne avevo già la diagnosi fatta dal mio pediatra, prima di partire (scarlattina, scarlet fever), quindi è stato facile per loro darmi l'antibiotico (che lo danno raramente) giusto, tra l'altro gratis, e in una comodissssima bottiglina etichettata con la ricetta, e della quantità esatta da prendere per il ciclo di terapia (=leggi, no sprechi di medicinali!)

E' invece di recente scoperta il dentista, anche a me indiano, giovane e carino. Nulla da dichiarare ancora, siamo in pieno trattamento.
Anche lì, cercatene uno bravo in zona (on line in genere trovi anche i commenti di chi li ha provati) perchè ti dovesse capitare d'urgenza... io sono ipocondriaca solo per i miei denti!! :-)

Anonimo ha detto...

Ahahah mi hai fatto morire, soprattutto perchè io sono più che ipocondriaca, e hai richiamato alla mente un episodio per il quale le mie ex compagne di università mi prendono ancora in giro: molto spesso al pomeriggio mi veniva un fortissimo mal di testa, e io un giorno ho detto loro : "Avrò mica l'AIDS?" L'idea veniva dal fatto che in quel periodo avevo appena chiuso una storia con un tipo che lavorava come educatore in un centro di recupero di ex-tossicodipendenti e io mi ero fatta l'idea che qualcuno di loro magari era malato, ma magari ancora non lo sapeva e magari si era ferito in qualche lavoro lì in comunità e magari il mio ex lo aveva aiutato e magari aveva un taglietto sulle mani che magari era venuto in contatto con il suo sangue infettandolo e quind poi aveva contagiato anche me. Sì, insomma, 'na pazza. Da allora le mie amiche mi perculano dicendo "E' mal di testa alle 2 del pomeriggio? Allora è AIDS"... Vabè. AnnaL.

mimìmetallurgica ha detto...

Sentimaaaaaaaaaaa los ai che invece negli anni settanta esisteva la mani-piedi-bocca?
Secondo me il GP indiano è sulla quarantina.... come me!

mimì-nuova-arrivata-ma-dieci-anni-più-vecchiadeete :-)

P.S: in bocca al lupo!

MammaTogata ha detto...

Guarda, io faccio parte di un gruppo di mamme su FB (di cui taccio il nome se no mi cacciano). Siamo oltre 100 mamme e ci conosciamo da oltre 2 anni. Ci siamo anche conosciute dal vivo.
Il confronto è sempre confortante, soprattutto quando si ammalano i bambini.
Spesso mi sanno dare risposte migliori della mia pediatra (sulla quale voglio stendere un velo pietoso dato che non ne azzecca mai una!).
E che dire di google? è la rovina degli ipocondriaci. Qualsiasi malanno tu digiti, google ti dice che hai un tumore.

Unknown ha detto...

Una recensione del tuo libro è stata appena pubblicata in Libreria: in bocca al lupo per tutto! :)

http://www.lalibreriaimmaginaria.it/2012/03/quello-che-le-mamme-non-dicono-chiara-cecilia-santamaria/

mela ha detto...

Oddio! L'odiata bocca-mani-piedi! me la so beccta pur'io! e dire che agli adulti (che sono stati bambini negli anni 80 e confermo:non esisteva!) non viene.... che ironia!
comunque me so tajata! :D

lafiammiferaia ha detto...

Io non ho figli. Però sono una discreta ipocondriaca. E quindi capisco benissimo quella storia del: una parte di te ti sta dicendo che morirai entro breve, in preda a lancinanti dolori; l'altra parte di te ti dice che è 'gnente.
Ultimamente sto cercando di dare ascolto alla parte più razionale. E però, l'altra parte, l'ipocondriaca, quella carogna, mi sta convincendo che facendo così una volta o l'altra mi verrà una brutta malattia e dato che l'ho presa sottogamba poi non farò più in tempo a curarmi.

L'apporto che volevo dare con il mio commento non mi è ben chiaro. Forse raccontarti che non sei l'unica ipocondriaca. O forse la mia parte ipocondriaca si voleva palesare. Boh. :)

francesca r. ha detto...

oddio... e che è la mani-piedi-bocca?!?! certo che io, per avere un figlio di 1 anno e mezzo, non ne so veramente una mazza, di malattie infantili...
però sono un sacco ipocondriaca... tipo che appena mi sento il fiatone o il battito un po' irregolare mi immagino l'infarto imminente e comincio a tastarmi il braccio sinistro in cerca di punti doloranti... oppure mi sono fatta prescrivere reuma-test e tutta una serie di esami contro l'artrite reumatoide perchè mi facevano male le ginocchia... salvo poi alternare questi stati da psicopatica a momenti di puro menefreghismo "tanto n'è gnente", mettendo via le prenotazioni e rimandando gli esami perchè i dolori sono improvvisamente passati da soli...
sì, sì, di psicopatici ipocondriaci ce ne sono in ogni quartiere... e a volte, come nel mio microborgo di 7 case, ce n'è anche più d'uno...

ero Lucy ha detto...

Scusa Wonder, ma l'assistenza sanitaria all'estero? Beh certo, il dettaglio e' che avresti dovuto pensarci da Roma... :/

bebe ha detto...

io l'ho avuto quella malattia... ma non a 3 anni, a 30!!! l'anno scorso per Natale ero a letto con la febbre a 40 e le bolle sotto i piedi e sulle mani =_= però tranquilla, in pochi giorni passa, non servono neanche gli antibiotici :)

Chiara ha detto...

Mio figlio l'ha fatta l'anno scorso al primo anno di asilo.
Su su, passa in fretta ;)

ciao
Chiara

Sara ha detto...

No, guarda, te lo devo proprio dire: questo post è assolutamente fantastico !!

Robedamamma ha detto...

Ahi! Ho letto bolle+piedi e ho pensato "ecco, la Porpi si è presa la malattia di Don Lurio" (testa, spalla baby 1,2,3). Hai ragione, ai nostri tempi non c'era e sinceramente se ne faceva pure a meno! Speriamo la piccola guarisca presto!

Annaluisa ha detto...

mai avuto questa malattia, anzi è anche la prima volta che ne sento parlare. Sai, da quando ero piccola speravo di poter rimanere a casa da scuola per uno/due giorni ma niente...su di me i bacilli non attaccano!

Seriamente, prova a guardare qui:

http://www.italianialondra.biz/guardabusiness.asp?categoria2=medici

alcuni hanno e/o sito internet/email, potrebbe tornarti utile :)

Rebecca ha detto...

Esiste quella malattia... TRANQUILLA!!! E' da circa 7-8 anni che gira negli asili della mia zona... vuoi che ti mandi il numero di una mia amica che è insegnante di materna+ nido??? per me è spesso un ottimo tranquillante pre-peditra! Un abbraccio...

TheGirlwiththeSuitcase ha detto...

Ah, Wonder, Wonder... meno male che ci sei! ;)

Giulia ha detto...

NOOOOO non fidarti dei medici inglesi (anceh se sono indiani che in genere sono migliori degli autoctoni). Alla mia amica hanno detto che la febbre a 40 della bambina di un anno si curava con ...udite udite...i GHIACCIOLI! Ovviamente ha preso l'aereo, ha portato la pupa in Italia dal suo pediatra e aveva la scarlattina. Se non ti fidi del sentito dire a me hanon detto che avevo la SCABBIA,mi hanno fatto fare 2 settimane di antiparassitari, e nonostante implorassi in turco che mi facessero l'impegnativa per il dermatologo la risposta era "NO!" perchè erano sicuri. Be, era allergia un po' di cortisone e qualche giorno di antistaminici ed è passato tutto. FUGGI DAI MEDICI INGLESI e ANCOR PIU' DAI GP!

Wonderland ha detto...

Ecco, ora sì che sono tranquilla... O_O

Martina ha detto...

No, scusa, ma a me la battuta dell'indiano conturbante mi ha fatto morì!!!!!

D. ha detto...

Ahahahahaha! Povera Porpi! Appena ho letto delle vescicole sotto ai piedi ho subito pensato alla manipiedibocca, studiare medicina a qualcosa serve! Dai, il tempo di laurearmi e vengo a farti da medico personale in the UK! Smack e buona guarigione!

http://noncontofinoadieci.blogspot.com

orecchini.di.perle ha detto...

Wonder, a parte che mi sono letteralmente ribaltata dalle risate leggendo il tuo racconto...(non me ne vogliano i sacri piedini della tenera Porpi!), ti confermo che la malattia in questione pare essere una emerita sciocchezza, tipo la sesta e quinta malattia. Una cosa che passa da sè. E poi mi chiedo...ma ci lamentiamo noi del nostro sistema sanitario nazionale??? Gli evoluti inglesi sono messi davvero così male?? Ohno!!!! Ti abbraccio e la mia psicopatica saluta la tua :-))

Peggy Lyu ha detto...

Io vivo con un ipocondriaco che per una sciocchezza si era messo in testa di avere il cancro e che mi avrebbe lasciata sola... quindi..so cosa vuol dire..io sono l'esatto opposto! =) però con i figli è sempre diverso..
L'unico consiglio che ti posso dare è valutare bene personalmente con quale dottore ti trovi meglio e pensi sia più affidabile..

SMEMORY ha detto...

PURE QUESTA C'E'?!
MA QUANTE MALATTIE ESISTONO PER I BIMBI?SONO STUDIATE TUTTE PER ARRIVARE ENTRO I 18 ANNI E FAR PAGARE LE CURE AI GENITORI?CI HA PENSATO MONTI?

Cappuccino e Baguette ha detto...

Sul sito delle ambasciate solitamente si trovano gli elenchi dei medici e professionisti italiani presenti nelle città straniere, magari ti è utile ( a me, non sapendo una parola di francese appena trasferita, è servito):

http://www.conslondra.esteri.it/Consolato_Londra/Menu/In_linea_con_utente/Modulistica/

http://www.italiansoflondon.com/index.php?articoloid=79&link_template=uno&sezioneid=3

Poi ho trovato questa discussione in questo forum che sembra fatto apposta per te =D

http://www.mammealondra.com/phpBB3/viewtopic.php?f=8&t=138

In bocca al lupo! ;-)

smilemamysmile ha detto...

Insomma, mi stupisco un po' e un po' mi scadi...una cosi' "avanti"...una ipocondriaca come ti definisci te, non si e' ancora iscritta dal Gp...vabbe' i parchi, i pub, i negozietti, tuti abbiamo passato la fase "turistica di londra", ma non dimentichiamoci le cose principali!eh eh chiara, non me lo aspettavo da te...
io prima di partire, l'anno scorso, mi ero informata sull'esistenza di possibili pediatri e ginecolgi di professione, possibilemente italiani. Esistono anche se sono pochi, e tramite il sito mammealondra ho trovato tante dritte, nonche' amicizie valide.
Anche io ho avuto da poco la prima vera esperienza con il gp(fortunatamente i miei bimbi sono sempre stati bene) e sono uscita con olio di oliva nelle orecchie per sfiammarle(leggi il mio post http://smilemamysmile.blogspot.co.uk/2012/03/gp-olio-doliva-e-bruschette.html).
Comunque adesso ho numeri di pediatri privati francesi e ginecologi, testati dalle mie amiche francesi-spagnole-italiane), all'occorrenza...

El Pasticcio ha detto...

Ahahahaha...Wonder mi fai morire...giornata pessimissima, leggo il tuo post e mi sfascio dalle risate. Comunque, io non ho pupi e vivo in Scozia...abito qui da tre anni e ho imparato questo: Mai e poi mai fidarsi dei medici british! Magari a Londra sono presi meglio, lo spero per te e la Porpi! In bocca al lupo per la tua nuova avventura in uk!! :)

son così... ha detto...

Ahahah con-turbante.. Ancora rido! Mitica

viachesiva ha detto...

Ahah! Grandiosa! Io per ogni mal di testa vado nel panico, la soluzione è MAI guardare su Google! L'ultima volta mi sono autodiagnosticata una malattia rara che hanno in dieci sulla faccia della terra.
Ipocondria + google addiction = non bene per niente :)

Anonimo ha detto...

Quando sono approdata in Inghilterra il consiglio che mi è stato dato era, o non sei molto malata e quindi ti curi da sola, o sei messa così male che te ne freghi di quanto costa il biglietto aereo e te ne torni in patria. Dal GP ci sono andata una sola volta perchè dovevo fare dei esami periodici. Mi hanno preso il sangue senza disinfettare prima il braccio dove hanno inserito l'ago, l'adetta al prelievo non ha usato i guanti e non so nemmeno dire quanto tempo era passato dall'ultima volta che si era lavate o disinfettate le mani. Cmq anche la sanità italiana, per l'esperienza fatta quando ho vissuto li, a me non è sembrata gran cha. Se quando ho vissuto in inghilterra ho avuto la fortuna di non ammalarmi, non posso dire la stessa cosa di quando ho vissuto in italia.

Mammaalglutammato ha detto...

Rallegrati della "leggerezza" inglese: qui a Shanghai la manipiedibocca la prendo molto sul serio. Se un bimbo la becca a scuola, semplicemente "chiudono" la sua classe per un paio di giorni...
Gio

Fra ha detto...

super simpatica! mi hai fatto morire... i figli delle mie amiche l'hanno avuta sta roba mi pare l'anno scorso, nessuna conseguenza tipo naso cresciuto overnight! :)

serenamanontroppo ha detto...

Leggendo il tuo posto, mi è subito tornato alla mente quanto letto qualche tempo fa sul blog di Mammadesign, anche lei italiana a Londra..beh, ti linko il post http://mammachecasa.blogspot.it/2012/01/mammadesign-alla-ricerca-del-pediatra.html, forse può esserti di aiuto!

Anonimo ha detto...

ah la bocca-mani-piedi... che malattia simpatica...
comunque Porpi come sta? ha male in bocca?? la mia nanetta l'ha fatta proprio forte... febbre alta e tante afte in bocca... un pianto continuo :(

Anonimo ha detto...

Dopo 11 anni vissuti a Londra "pericolosamente" mi sento di spezzare una lancia a favore della sanita' inglese: mi sono beccata le cose piu' strane e i gp sono sempre stati capaci di individuarle, e tutte le volte che hanno liquidato febbrine dei bambini con un "passera'" avevano ragione loro. Nella mia permanenza a Londra ho subito 3 interventi chirurgici (di cui uno per ricostruzione di una caviglia spappolata), portato avanti 2 gravidanze a rischio e partorito, udite udite, senza vedere un ginecologo (le midwife sono una classe a se, preparate ed bravissime). Non sono ipocondriaca ma come potete constatare piuttosto sfortunata, ma cammino (ah, 4 mesi di fisio tutti gratis) e ho due figli splendidi e sani! Take it easy, silvia

LaPink ha detto...

e ancora una volta, un'altro punto di forza dell'Italia, che quanto meno non ti fanno morire anche se non hai l'assicurazione sanitaria. O almeno, non subito.

Anonimo ha detto...

Mi fate sentire un po' una pazza...
io vivo in Italia, ho una figlia di tre anni quasi quattro, non ho un pediatra (solo medico di base) e non ne ho mai sentito la mancanza...

Chiara

Mammadesign ha detto...

Ecco, lo sapevo che prima o poi ti ci saresti scontrata.... se vai da me e digiti GP nella ricerca ne trovi una marea di post come questo! Dopo 4 anni sono ancora arrabbiata! L'ultimo in ordine di tempo e' questo:
http://mammachecasa.blogspot.co.uk/2012/01/mammadesign-alla-ricerca-del-pediatra.html
Comunque, se il tuo GP non ti da' affidamento (come e' successo a me, ma ora ho cambiato!) portala nei A&E (Accident & emergency department), al pronto soccorso insomma, li' ci sono i pediatri aggratis. Il migliore e' quello del UCLH, ma io l'ho portata spesso anche al Wittington, vicino alle nostre parti....(nord).
E se puoi fai 'na bella assicurazione che ti svena....
Vabbe', dai, se hai bisogno di una spalla scrivimi (ma non so quanto riesco a consolarti su questo tema! :D)

Mammadesign ha detto...

A proposito, mi sa che qui ti avevo citata, augurandoti di non avere il mio percorso con i GP!!!!!
http://mammachecasa.blogspot.co.uk/2012/01/la-stiamo-sfangando.html

Mammadesign ha detto...

No, scusami, Wonder, ho appena finito di leggere (quasi) tutti i commenti: ma qui ti terrorizzano!
No, ragazze, scusate, con una quasi-ipocondriaca non si scherza....ne so qualcosa! ;D
E se Wonder ha trovato un buon GP alla prima (e magari e' cosi'), la manipiedibocca passa in breve tempo e senza particolari cure!
Auguri di buona guarigione alla Porpi!

Maddalena ha detto...

per me il rimpatriare temporaneamente per motivi medici ha senso se si tratta di patologie particolari

per esempio il mio ragazzo è piastrinopenico dalla nascita e quando si è trovato a dover fare esami più approfonditi per alcuni nuovi sintomi ha preferito tornare un paio di giorni in Italia per farsi visitare dallo specialista che lo segue da quando era bambino, piuttosto che dover rispiegare la rava e la fava a un nuovo GP random

poi per raffreddore, influenza e gomito del tennista il GP British va benone, eh!

Anonimo ha detto...

Bocca mani piedi è una malattia causata da una famiglia di virus. E' di recente comparsa - una decina d'anni (probabilmente portata in Italia dai popoli immigrati).
Essendo causata da virus, in alcuni giorni scompare spontaneamente (assolutamente non si devono somministrare antibiotici), esattamente come l'influenza. Si somministrano farmaci per alleviare i sintomi più fastidiosi (es. tachipirina per la febbre), ma la malattia in sè scompare da sola. Il soggetto risulta infettivo fino a quando ha le pustole in bocca (sono la parte più fastidiosa, in quanto dolorose ed in soggetti molto piccoli possono portare ad una disidratazione a causa del rifiuto del cibo e delle bevande). Quelle sui palmi di mani e piedi normalmente non danno alcun disturbo, ci impiegano anche alcune settimane a scomparire definitivamente e possono portare ad un ricambio totale della pelle nella zona interessata (un po' come quando ti vengono le bolle a causa di una forte scottatura solare - qui però la pelle è secca, non c'è siero all'interno delle pustole).
Essendo causata da una FAMIGLIA di virus, può succedere che venga ripetuta.
Non è vero che è una malattia pediatrica, anche gli adulti, se non sono mai venuti in contatto prma con il virus, possono infettarsi.
Non sono medico, queste sono tutte notizie che mi ha detto il pediatra del pronto soccorso quando ho portato mio figlio che naturalmente si è ricoperto di pustole il venerdì sera ...

Curious ha detto...

Tenersi lontani da internet in primis: io in teoria sarei morta di tre malattie, leggendo qua e là..
Mani piedi bocca è uno status, insomma a quell'età la prendono un pò tutti.
Quindi, goditi la Londra primaverile e il resto si risolve da sè..

Anonimo ha detto...

sei bravissima. mi fai troppo ridere come racconti le cose. complimenti :)

Anonimo ha detto...

non so se avete mai visto malattie imbarazzanti su real time
è un programma su un team di medici ambientato in UK io resto sempre stupida di come le persone vadano avanti mesi o anni con piaghe putrescenti, pus maleodoranti dalle orecchie ecc (visti veramente) quando basta un antibiotico per far passare il tutto

Roberta ha detto...

Ciao wonder, la mani-piedi-bocca o coxachiosi che dir si voglia l'ha presa il tato l'anno scorso all'asilo nido "italiano", e l'ha pure presa il suo papà ;-) quindi attenta, è contagiosa! ... anche a Londra :-) ciao

Dujour Whitespawn ha detto...

ma quant'è carino sto blog che ho scoperto seguendoti su twitter! spero un giorno di arrivare anche io a scrivere rubriche su riviste grazie ai miei blogs, e anche se la maternità non è per me un argomento del momento, ti leggo. vuoi leggermi anche tu sui miei blogs? dai vienti a farmi un saluto, parlo di cinematherapy http://iovedodo.blogspot.com, e viaggi di formazione http://viaggiguerrieracercatrice.blogspot.com :)

Starsdancer ha detto...

:D cavoli, io sarei andata in iper-panico!! E non è che sia ipocondriaca, ma solo l'idea di non avere nessuno a cui rivolgermi li mi avrebbe fatto andare in panico a ogni piè sospinto, pensa che ho il pediatra di fiducia anche dove sta mia madre, e sono solo 200 km!!
Per il resto perchè non provi a chiedere a qualche italiana che abita li? Forse potrebbe essere un aiuto.
Io conosco questa http://smilemamysmile.blogspot.it/ ma forse ce ne sono tantissime altre che leggono il tuo blog e potrebbero aiutarti ;)

Starsdancer ha detto...

Non avendo letto tutti i commenti, leggo ora che c'è mammadesign che ti da dei consigli utilissimi ;)

Wonderland ha detto...

Grazie di tutti i commenti, le mail, i consigli e il conforto :) Porpi pare stia meglio, e cmq mai stata meno arzilla di un grillo in questi giorni... Grazie <3

CoseCheNonEsistono ha detto...

Cioè, mi sento cattiva a dire che sono morta dal ridere, ma non è per la Porpi, lo giuro :D
E' colpa dela mamma ipocondriaca del parco!

Io comunque, ste malattie moderne, non le ho mai sentite. Da piccola prendevo gli orecchioni, al massimo la pertosse.


Un bacio a entrambe :) Due alla Porpi malata, va'!

Anonimo ha detto...

tu guarda...i parchi inglesi, come gli italiani, anche senza cacche e cocci di bottiglia, hanno giochi e altalene che veicolano felici batteri e bacilli; chi l'avrebbe mai detto???

V di verde e V di virus;

tutto il mondo è paese cara chiara; anzi,nella madrepatria, con la scusa che i parchi non sono così stupendi stai più attenta ai bambini

...atterra da wonderland; londra è una città grande, difficile e conflittiva come tutte le metropoli del mondo...chi ci ha vissuto con 3 babies sulle "spalle" te lo può assicurare; ciao ciao

c ha detto...

Io ho talmente paura che quando succede qualcosa che non capisco non ho il coraggio di chiamare il dottore per paura di quello che mi potrebbe dire... Solo che fino ad ora nè io nè i miei figli siamo morti. Forse è sempre stato 'gente! La mani-piedi-bocca l'ha fatta anche la mia ultima (credo, perché non l'ho portata dal pediatra, ho aspettato che passasse, oppure che le bolle la riempissero tutta, così ero sicura che era qualcosa di grave!!)

Anonimo ha detto...

Ciao! pare che qui in UK ci sia un'epidemia al momento di sta malattia (che io bambina degli anni '80 non avevo mai sentito prima). Comunque per il GP si' e' sempre cosi' e pensa che da incinta non hai nemmeno il ginecologo ma ti segue solo la midwife (l'ostetrica). Quindi mi sa che o ti abitui (adatti) Altrimenti vai di privato!

post-family ha detto...

dai che sarà mai, io a barcellona avevo come medico un omino al computer che pare non si alzasse mai, neanche per andare al bagno, figurati se ti toccava..quindi viva l'indiano senza turbante! ;)
per fortuna mia figlia non se l'è beccato ancora in 15 mesi...ma sto mani-piedi-bocca...è una nuova versione del giocajouer???

secondo binario ha detto...

Stupidi inglesi... secondo me è la moquette!!!

Anonimo ha detto...

La mala sanità in Italia, in Gran Bretagna, in Occitania, Zimbawe o Costa Rica, al 90 % ce l'ha la gente nella propria testa, vittima di pregiudizi, paure, preconcetti e sensazionalismo giornalettistico e vaghe idee sulla vita eterna, passioni malcelate per medicine alternative che peró se c'hai la tubercolosi o un sarcoma col cavolo che vai dal naturopata e ti pigli i fiori di bach... Wonder cara tu nonostante la tua ipocondria hai fatto la cosa giusta, hai cercato un medico e ti sei fidata , la porpi sta meglio... Mi intristiscono i molti commenti sulla nazionalità dei medico inglesi ( come se essere indiani sia un deterrente) o il fatto che si reputi scandaloso che una donna incinta non venga seguita da un ginecologo ... ( la gravidanza non é una malattia, il ginecologo é necessario solo in presenza di segni d'allarme) ... Mi intristisce che quello che dovrebbe essere un rapporto di comunicazione, fiducia e comprensione tra medico e paziente con il fine di curare e rassicurare, sia diventato un rimpiattino di sospetti al limite del razzismo e della paranoia.
Buona fortuna wonder e non ti preoccupare stai andando benissimo
Una madre espatriata, medico italiano in terra steaniera

Anonimo ha detto...

curioso...quando eri in Italia i tuoi post erano pieni di inglesismi, ora che sei in UK i tuoi post sono la fiera del romanesco. cmq li leggo lo stessso eh?

Anonimo ha detto...

io sono la classica mamma "take it easy" che non va in paranoia, che porta il figlio dal pediatra solo ai bilanci o quando dopo 3 giorni la febbre rimaneva a 39 nonostante tachi e nurofen... consiglio il forum www.forumsalute.it sezione "gravidanza genitori e figli", è un forum molto valido e serio per quanto fatto di mamme

Anonimo ha detto...

Comincio a capire perchè non ho fatto pediatria... oltre ai bambini da curare ci si mettono anche le mamme che molto spesso sono più difficili da trattare delle malattie stesse...insomma...concordo com la mamma medico in terra straniera...si è solo in grado di giudicare senza pensare che magari i medici il loro lavoro lo fanno bene!

E poi ragazzi ricordiamoci sempre una cosa: che benchè sul calendario ci sia scritto 2012 la medicina non fa miracoli e ci si ammala lo stesso e, talvolta, anche le medicine per guarire non ci sono!

Barbara un medico

Maria ha detto...

Negli ultimi 2 anni a Londra ho imparato a non fidarmi assolutamente del GP e a sperare di non ammalarmi mai (non è un caso che da quando vivo qui abbia l’abitudine di farmi di multivitaminici e aloe vera come piovesse: a Londra il detto prevenire che curare è più vero che mai).
Dalla mia prima esperienza a oggi, tra me e i miei amici , ho annoverato: ricetta di psicofarmaci per giramento di testa, tac d’urgenza per un mal di stomaco che i medici inglesi hanno poi diagnosticato essere calcoli all’appendice (ehm ehm, non sono un medico, ma non li avevo mai sentiti nominare prima…) che poi in Italia si sono rilevati dolori psicosomatici, uno specialista in oculistica con occhiali come tripli fondi di bottiglia che mentre faceva leggere le letterine doveva appiccicarsi allo schermo tanto era talpa. E poi l’ultima chicca: un amico che lamentava un dolore al fianco alla fine della visita anziché ricevere una diagnosi si è sentito dire: “Google it!”. Immagina la sua faccia sconcertata e gli occhi che vagavano in giro per lo studio medico in cerca della telecamera di scherzi a parte. O.o

mammagiovane ha detto...

Ciao Chiara!
Sono mammagiovane, ricordi?
Ultimamente ti sto seguendo tramite twitter e passo ogni tanto a leggere le tue avventure londinesi ma in particolare i tuoi shots perchè visto che di tempo a causa dell'università, ne ho veramente poco, mi piace memorizzare le immagini e poi immaginarti lì, con una nuova vita, nuove emozionanti avventure.
Ne hai fatta di strada, e sono fiera di averti conosciuta virtualmente quando la tua Viola era ancora nella pancia e il tuo blog era agli albori. Ricordo benissimo e con estremo piacere, quando ci siamo incontrate al Caffeina Cultura e mi sembrava quasi un sogno perchè quella è stata per me la prima volta che ho incontrato una persona conosciuta su internet.
Bene Wonder, hai tantissimi nuovi follower ogni giorno ma sappi che anche che ci sono tanti tantissimi "vecchi" lettori che continuano a seguirti. Credo che tu sia l'unica in tutta la blogosfera ( ci metterei la mano sul fuoco), ad essere riuscita a creare un legame così profondo con chi ti legge. Il tuo blog è come una ragnatela, una volta entrate non se ne esce piu!
Ti auguro tanta tanta felicità.
Continuerò a seguirti. Sempre

A presto!

Ps:il mio blog è rimasto indietro da un bel pò di tempo, attualmente ne ho altri tra cui iotesto.blogspot.com e prodotti bambini.blogspot.com

barbieri.lavoroconsulenza ha detto...

Ciao! la mia giulia l'ha avuta l'hanno scorso, è vero che non è niente di grave però è...ehmmm come dire, fastidiosa! la povera giulia si è riempita di afte che l'hanno fatta sbroccà per 5 giorni.
In bocca al lupo, poor porpi!

Brunhilde ha detto...

Eccomi arrivata, con l'ultimo treno come al solito visto che siamo rientrati da Londra ieri sera ed in hotel (avidi albergatori!!) pretendevano 15£ al giorno (e 'sticavoli!) per il wi-fi, sicché ho un po' di blogs e di posts da smaltire (che, detto così, sembra che chissà che vita sociale abbia..).
Spero che in questo frattempo Porpi stia meglio e che il bel tempo l'abbia perlomeno consolata, permettendole di sfogarsi al parco.
Qui in Germania i pediatri non vengono a casa e fanno orario d'ambulatorio. Puntualmente Siegmund s'ammala il venerdì pomeriggio, quando nessuno riceve più, ma per fortuna: 1) finora -facendo gli scongiuri- son sempre state cose procrastinabili; 2) per le cose per cui si fanno gli scongiuri c'è il pronto soccorso pediatrico proprio qua vicino.
Ora che torna la bella stagggggione faremo una bella scorpacciata di parchi pure noi, spero solo di non incrociare più quella scatenata della Mamma Bipolare..
Questo sabato fatti un giro al mercatino di Brick Lane, invece di Spitalfields! Più avanti è pure pieno di negozietti vintage sciccosissimi e, se camminate ancora, c'è Hoxton Square che è carinissima. Fammi sapere se ho ragione ;-)

Anonimo ha detto...

io so che è contagiosa... ma passa da sola in una decina di giorni.... per sicurezza potresti cercare un dermatologo.... sempre che ce ne siano a Londra... ciao e tanti auguri... R.

BeepBeepMommy ha detto...

No, ma tu sei stata troppo brava. Io confesso me la sarei fatta un po' sotto...che già c'ho i problemi con i pediatri italiani, figuriamoci in terra straniera!
Comunque, dai...Wonder 1 London 0!
;)

Anna ha detto...

Se vuoi io ho dei numeri di pediatri qui a Londra (francese a Chelsea, credo che si riferiscano a lei, e' anche un po' l'unica) e la clinica e' quella in Cronwell Rd a South Kensington. I GP alla fine vanno benissimo. Quella malattia l'hanno avuta tutti i bimbi che conosco, quindi non preoccuparti!

SARA ha detto...

SEI UNA GRANDE!!! Mi fai troppo ridere.......

Anonimo ha detto...

ciao Wonder

io ti consiglio il reparto pediatrico del Chelsea & Westminster!! Altrimenti se vuoi andare da una pediatra privata, quindi cara, anzi carissima, ma brava ti consiglio il Medicare Francais a Gloucester Road. La dottoressa si chiama Sophie Bateu.

ciaoooo

MariaLaura ha detto...

Che bello sapere di non esser l'unica che entra in paranoia da contaggio-malattia pericolosa quando qualche parente (o amico) è ammalato e che ne parla tranquillamente nel suo blog!Cmq sta tranquilla per la tua Porpi,pensa sempre che se si becca qualche malattia esantematica ora che è piccola da grande avrà un'ottima difesa immunitaria...e te lo dice una che se l'è fatte tutte,dal morbillo a due anni fino alla mononucleosi a 20 :D

Blog Widget by LinkWithin