il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

martedì 27 marzo 2012

La visita di tua madre smacchia più bianco.

Poco ma sicuro.
Vorrei raccontarvi del culo che mi sono fatta sabato con io che pulivo i pavimenti come e Porpi che ci tirava sopra i pennarelli stappati 'ma devo vedere se rimbalzano'. Io che rimboccavo le fodere dei divani e Porpi che ci rovesciava sopra il bicchiere d'aranciata 'è lui che si è buttato'. Io che rifacevo letti e Porpi che ci metteva dentro Winnie the Pooh 'è molto malato'.
No, parliamone: Winnie the Pooh e il cavallo Rody sono malati da quando siamo arrivati a Londra.
Necessitano di costanti pezze in fronte e cerotti in varie parti del corpo. Porpi ha finito la scorta di cerotti (2 scatole) cambiandoli trisettimanalmente ai due infermi (se c'è qualche psicologa infantile che muore dalla voglia di dirmi cosa questo possa significare in termini di traumi da trasloco, la prego di trattenersi).
Poche ore dopo casa mia era splendente, profumata e antisettica.
E' stato allora che mi ha telefonato mia madre.

Non dirò il suo nome per ovvi motivi di privacy, ma sappiate che lo usiamo per definire azioni come quella che sto per raccontarvi. Se si chiamasse Camilla sarebbero 'le Camillate'.
Ecco un esempio di Camillata.

"Ciao! Sto arrivando eh, però c'è un problema... sono qui al controllo passaporti."
"Quale problema?"
"No niente, non trovo più il documento."
"Non trovi più COSA?"
"Eh che ne so, era in borsa quando sono partita."
"E adesso?" chiedo con terrore.
"E adesso non saprei. Ma questi non mi vogliono proprio far passare!"
"Ettecredo! Quelli ti fermano pure se sulla foto c'hai una bella pelle e al controllo passaporti hai un brufolo. Pure se hai detto 'fai tu' al parrucchiere. Se hai vomitato in aereo e hai il colorito un po' verde te fanno il test del Dna..."
"Sì sì, ho capito."
"Ma io glie l'ho detto che venivo a trovare mia figlia."
"E che hanno risposto, sticazzi?"
"Mi sa."
"Trovalo. Trovalo e richiamami."

Che io già me la immaginavo, mia madre, caricata di peso sull'Easyjet Londra-Roma immediatamente successivo e rispedita a casa da mia sorella che - poraccia - si stava godendo meritati attimi di libertà.
Ci pensavo e, con tutto l'amore del mondo, mi dicevo: 'e vabbè vedi, però intanto sta cosa m'ha pulito casa. Senti che profumo... guarda che pavimenti signora mia."
Da sola, me lo dicevo.
Intanto Porpi aveva spostato Winnie the Pooh sul divano 'per fargli cambiare l'aria'.

No niente, alla fine l'hanno rilasciata: il documento era in fondo alla borsa, attaccato al fondo di una pochette da viaggio. Mia madre è qua per 5 giorni, il motivo ufficiale del viaggio è 'darmi una mano', quello ufficioso è 'controllare dove vivi, che stai a fa, com'è sta Londra' che trovo ugualmente amorevolissimo.
Carina la mamma, che mi spulcia casa come Grissom di C.S.I. e trova lo schizzo di sugo sulle tende col luminol.

Mia mamma a Londra.
Abbiamo superato la fase 'tutto bellissimo'.
Ieri è arrivata quella 'sì bello, ma vuoi mettere con Roma'.
Oggi siamo al 'certo che in questo Paese (critica random)'.
Del doman non v'è certezza, ma credo che per giovedì il passaporto glielo attacco al collo come un badge, non si sa mai.

Condividi

67 commenti:

Velma ha detto...

MITICHE, ENTRAMBE!

Biankaneve ha detto...

PSICOLOGHE infantili a parte (io sono psicologa del lavoro quindi non so nulla di nulla) Secondo me potresti provare a far leva sui pupazzi invece che sulla bimba. Tipo ti inventi che l'orsetto ha disperato bisogno di uscire a giocare per star meglio, anzi deve trovare altri bambini con altri orsetti per fare amicizia! cose che saprai benissimo immagino ! io che sono figlia di militari non sono ami stata ferma in un posto per più di sei mesi ...venivo intortata cosi!

Magliadilana ha detto...

Vabbè, ottimizza la sua presenza. Io quando viene la mia le somministro subito subito una pila di camicie da stirare, e se non ce ne sono le prendo dall'armadio e le ristropiccio, e mi faccio cucinare montagne di manicaretti surgelabili. Le mamme, si sa, sono multitasking, e come tali non zittibili con l'espediente dei lavori manuali, ma almeno ottimizzo la convivenza forzata! Viva la mamma! ;)

sunny ha detto...

accompagnare tua mamma fino a fiumicino per sincerarsi che rientri sana e salva a casa. Queste missioni mammesche sono più stancanti di 10 giornate di lavoro! ;-)

anitaguazzogerardi ha detto...

Ecco..mia madre è identica ma non abita in un altro Stato bensì due piani sotto di me! per fortuna mi teme e non si attenta a salire,al massimo telefona..tranne quando sono ammalata! E' in quei momenti,quando sono moribonda a letto con la febbre a 40,che sento la sua adorabile voce gracchiante che dice "che disordine","che cassetti piccoli","dov'è questo,quello.." ,"ma si può?"..se vuoi far cambio mamma volentieri

NAPATELIER ha detto...

:) fai davvero ridere, ma dici la pura verità. Buona giornata cara!

Francesca ha detto...

Oddio... pure io ho passato la fase "arriva mamma"...mi ero appena trasferita all'estero e lei ha fissato di piazzarsi una settimana da me. Anche nel mio caso ufficialmente per aiutarmi, ufficiosamente per vedere in che quartiere mi ero sistemata, chi frequentavo etc... Ero talmente angosciata che nei giorni precedenti ho lustrato tutta la casa, ho fatto la spesa, e, ok, ho persino passato il cencio nell'atrio della palazzina!!

frà ha detto...

AHAHHAHAHAHA ANCHE IL MIO METTE CEROTTI OVUNQUE AL SUO TOPOLINO...E IL TRASLOCO LO DOBBIAMO ANCORA FARE!!! CHE FARà DOPO??? Bellissimo post..come sempre!! BRAVISSIMAA :)

Alessandra1966 ha detto...

Quando mia mamma viene a Torino innanzitutto mi mette a posto casa e io passo il mese successivo a cercare pentole, strofinacci e abiti dei bambini che sapevo benissimo dove erano fino al giorno prima.
Poi, subito dopo aver fatto "ordine", si ammala. La colpa è ovviamente dell'aria di Torino che non le giova. Così oltre alla solita pediatra devo cercare anche il mio medico di base che, altrimenti, vedrei una volta ogni 2/3 anni. E poi, oltre all'aria che non va, critica i vicini di casa, il marciapiede, le scuole, i compagni di scuola e le loro mamme, i colleghi miei e del marito...
Poi riparte.
Per fortuna.

Parola di Laura ha detto...

quando mia madre viene a roma a trovarmi pulisce angoli di casa che neanche sapevo che potessero essere lavati
si chiama mammite da queste parti :)

Anonimo ha detto...

Mi sono trasferita in Toscana dalla Sicilia ormai 10 anni fa, ma mia madre continua ancora ad apostrofare me e il mio fiorentinissimo marito con frasi tipo: ma vuoi mettere il clima della Sicilia? ed il senso della famiglia che abbiamo noi? certo che sei stanca qui parenti che ti aiutano non ne hai... e la carne? questa bistecca cruda è una cosa che da noi butterebbero....
Nonostante tutto viene molto spesso, probabilmente nel tentativo di rapire le mie bambine...
Antonella
www.afoodandthecity.wordpress.com

Espritavivre ha detto...

mia madre uguale, partorisco a fine giugno e ha gia detto che viene qua due settimane PER DARMI UNA MANO. inutile dire che il mio compagno m'ha gia detto O LEI O ME.
E che sto lavorando su mio padre per portarmela via. Per la serie "ma nooo sono io poi che vengo da voi".....

Francesca ha detto...

ahahah anche noi abbiamo due volpi di pezza malate da circa 15 giorni. 15 giorni sempre nel lettino giorno e notte, rifatto o no!!! se scopri un significato recondito fammelo sapere!

Gio ha detto...

Mi hai fatta morire dal ridere...
sottoscrivo tutto quello che dici su tua mamma come fosse la mia, ma aggiungo anche che una delle frasi preferite di mia mamma, quando trova un difetto in casa mia - che tra parentesi sembra siano entrati i ladri - è questa: ma io non ti ho mica insegnato a farle così le cose!
Cioè, questa si dissocia dalla figlia!!!

Riki ha detto...

Povera. E sei "solo" a Londra.
Io mi amadre l'ho fatta venire in Giappone per ben 10 giorni. Al 3. la volevo strangolare o perdere sulla metro. Ma cose tipo: Mamma, mettiti sulla destra delle scale mobili che la gente passa sulla sinistra.
Lei: Sì sì. (rimane lì dov'è)
Mamma! Ma mettiti sulla destra per favore!
Lei: Sì!
Mio ragazzo: La gente deve passare sulla sinistra, abbiamo la fila dietro, ti sposti sulla destra come abbiamo fatto noi?
Lei: sorridente
Mio ragazzo si gira e mi guarda con aria triste: Sono così incomprensibile nella tua lingua?

Suimonticonanna ha detto...

In linea di massima anche io pulisco casa così febbrilmente che neanche nella fase del "nido" durante la gravidanza... unica deroga: i panni da stirare,che rinomatamente in casa mia arrivano a torri pendenti di discreta grandezza,e che "casualmente" lascio in bella vista al suo arrivo. Non ce n'è,me li stira sempre... da quando vivo da sola i miei "ma lascia stare,faccio io quando te ne vai" sono sempre più flebili... tra un po le metterò in ferro in mano appena arriva per il fine settimana (siamo a circa 200 km)....

TheGirlwiththeSuitcase ha detto...

Niente da fare, come le racconti tu certe storie... non han prezzo! (E infatti leggerti è gratis)! ;)

Anonimo ha detto...

ahaahah grandi le Mamme in trasferta! Beh la mia adorava venire a Bruxelles quando ci vivevo e ancora adesso che ci vado x lavoro almento una volta all anno viene con me perche adora questa citta cosi dinamica e internazionale, tutta un altra atmosfera! ... mi scuso x mancanza di punteggiatura e di accenti ma ti sto scrivendo da un tastiera, per l appunto brussellese e non si puo avere tutto.

baci alla Mamma e alla Porpi,

ciao

Emanuela

Francesca ha detto...

"alla fine l'hanno rilasciata" ancora un pò e me la facevo addosso...m'immagino la scena hehehe. Ma fra l'altro se non ricordo male tua mamma era hostess vero? :-)
Beh quando viene la mia di mamma a trovarmi dice sempre: accidenti che pulito, e che ordine! Ma come fai? E' sempre così?
E io: ma certo, cosa credi!!!
Poi in realtà per aprire l'armadio ci vuole lo scudo perchè ho stipato tutto lì.
Tua madre è mitica, voi dovete proprio essere una deliziosa famiglia buffa. E secondo me molto presto verrà a trovarti tua sorella, per me non vede l'ora di fare un pò la londinese!!!

natalia pi ha detto...

che tempestiva, è già arrivata?

mia madre in due anni e mezzo a Vienna non si è ancora fatta vedere. però forse è meglio così, perché io sono disordinata e abito con un autoctono che ha un concetto di pulizia assolutamente non italico. ergo, se io non passo l'aspirapolvere ogni tot per levare gli enormi gatti di polvere, lui non lo fa. perché a) è un uomo e b) è germanico. quindi, proprio non li vede.

in Italia si potrebbero aprire Accademie per Casalinghe... io però verrei bocciata all'esame finale :D

Sophie Wool ha detto...

ahahah! ciao che risate, sprattutto perchè ho ben presente la situazione :)
tornerò presto a trovarti sul tuo blog! sof.

Mammadesign ha detto...

Pensa che mio padre ha deliberatamente deciso, dopo una sola visita a Londra, che "questo paese e gli inglesi gli stanno sul ca77...", e credo che non lo rivedro' piu' tanto presto (ma non e' una gran perdita, comunque... detto tra noi).
Mi madre invece in inverno va in letargo, si sveglia solo da marzo a settembre.... e l'unica cosa che non le piace di Londra e' la guida a sinistra: ha il rifiuto congenito. Altrimenti non si ferma mai meno di due settimane....

lamammadimarc ha detto...

I miei genitori qua in Spagna non ci sono mai venuti dal 2006 e veramente....meglio così. Non che ci sia niente da nascondere o case da pulire, però quando da Modena mi sono trasferita ad Ancona non sono mai venuti a trovarmi, tranne il giorno della mia laurea quando arrivarono in ritardo, giusto in tempo per la proclamazione, ma tutt'oggi non sanno di cosa parla la mia tesi.

Anonimo ha detto...

Sei il mio passatempo preverito. Certo che non puoi lascar passare 4 giorni interi tra un post e un'altro! Mi sembra di conoscerti da una vita...

Dolci Fusa ha detto...

Anche quando viene mio padre, si sta buono un giorno e mezzo scarso e poi comincia: "Ah no, questo non va bene, non si fa così, non si fa cosà". Così, per non cominciare ogni volta con la solfa e la mia solita risposta: "Casa mia, metodi miei" che tanto da una parte gli entra dall'altra gli esce, gli preparo tanti bei lavoretti manuali da fare, tipo mettermi il cancelletto elettrico e riverniciare la ringhiera, robetta impegnativa perché sennò ci mette troppo poco tempo, e simao contenti in due. Per la sera, lo spedisco al club a giocare a carte ;)

silbietta ha detto...

Tua madre somiglia in modo inquietante alla mia (sia per la parte smemo che per quella Csi).
Per il discorso cerotti: in casa mia sono una voce di spesa, insieme a colori, colla stick, temperini con il serbatoio e gomme da cancellare, almeno settimanale.
Come faccia a consumare tanti cerotti, colle e a sfasciare tutti sti temperini, per me, resta un mistero.
(però è vero assai: la visita di mammà è un incentivo a pulire la casa in modo maniacale...anche se riescono sempre a trovarti il difetto).

mammamiacosafaccio!? ha detto...

ah ah almeno tu la tua dopo un po' adesso la puoi rispedire lontano kilometri!C'e' stato un periodo in cui la mia mi trovava le signore delle pulizie o saliva di nascosto lei quando lavoravo, per pulire!Vuoi mettere che tuo marito lascia le mutande in bagno e lei ci passa!?Un bacio

pomodoriverdilondon ha detto...

ah ah, conosco una persona che assomiglia a tua madre: mio marito!
Una volta, quando i biglietti dell'aereo erano ancora tutti stampati dalle agenzie di viaggi e la loro busta conteneva come minimo 10 fogli di cui solo uno indispensabile, lui decise di fare un po' d'ordine e...
... una volta arrivato al check-in si accorse di non avere più il biglietto!
Dopo aver ravanato in un paio di cestini dell'aeroporto lo ritrovò. :D

LaPink_WeddingPlanner ha detto...

Le mamme non cambiano proprio... la mia, UGUALE! E non ho ancora figli :P

mafalda ha detto...

Ecco, ora so cosa accadrebbe se noi ci trasferissimo all'estero. O anche a venti chilometri di distanza.
Grandi donne nella tua famiglia!
Buona settimana.

Anonimo ha detto...

tu si che sei veloce a fare le pulizie! A me per fare casa pulita ci vogliono cinque giorni e non perchè sia meticolosa ma perchè mi annoio da morì.
Daniela

Sara ha detto...

Mamma mia come mi ritrovo in te!E' per questo forse che è così bello leggerti!Sembra quasi di conoscerti da sempre!Quello che mi chiedo ora è: diventerò mica anch'io mamma imbranata, criticona e maniaca della pulizia con la mia Rebecca?! Ci devo riflettere... visto che a 11 mesi ogni tanto mi guarda già con fare perplesso...

Anonimo ha detto...

sei troppo forte!
e comunque anche io quando voglio davvero pulire bene casa invito mia mamma o qualche zia particolarmente pignola cosi' mi costringo a fare un bel lavoro :)

cinzia ha detto...

oh! come ti capisco!!
fà una copia del passaporto! non si sa mai!!

Waiting ha detto...

noi, io e mia madre, siamo solo a 30 km di distanza.
In ordine sparso critica:
la mia lavastoviglie che non lava bene come quella di mia sorella,
i panni da stirare,
la signora delle pulizie che viene a casa due volte a settimana "ma non lo puoi fare tu?"
la mia scopa elettrica che tira peggio della Sua (lei ha il modello precedente)
il gatto che sale sul letto "ma questo non deve salire qua sopra"
i vetri macchiati puliti due minuti prima del suo arrivo e già marchiati da Giada.
Potrei continuare...ma è inutile sparare sulla croce rossa

Rossella ha detto...

Io la mia la vedrò da due settimana, il giorno prima del matrimonio e già mi chiedo se resisterò ad averla per 36 ore accanto. Temo già di no :)
Però è bello scoprire che alle mamme nulla va bene, così mi fai e fate sentire normale.

Rebecca ha detto...

SIETE TUTTE E TRE DELLE GRAN DONNE!!!

Mamma Cì ha detto...

ah per fortuna nè mia mamma nè mia suocera mi controllano la casa per vedere se c'è un dito di polvere! Se vengono loro non la lustro di certo! ;) e nemmeno voglio che lo facciano loro.. ma almeno guardano il bimbo ;)

Anonimo ha detto...

sei davvero il mio idolo.
ogni volta me fai morì :DD
valentina

michela ha detto...

aahhahahaha!!!!! oddio! la mamma-Grissom resterà per sempre nel mio cuore come pure la Olga e i suoi commenti sulle aspiranti baby-sitter:), ho letto il tuo libro tutto d'un fiato. Quanto mi ci sono ritrovata!!! in particolare quando dici che qualsiasi cosa fai ci sarà sempre qualcuno che si sentirà in dovere di dirti che è sbagliata (manco fossimo adepte del "Quelo") e che i padri hanno libertà e spazi per cui noi dobbiamo fare ogni volta domanda in carta bollata...capirai io di nani ne ho tre, devo fare i salti mortali per far girare tutto a verso:) un bacio Wonder e grazie!!:) Michela

Midori ha detto...

Stessa cosa accade quando mamma viene qui a Roma. Cucina, pulisce e si chiede come io faccia a vivere in queste condizioni di caos. -.-'

Lara ha detto...

Io adoro la mia mamma, e non mi stancherei mai di averla accanto. Mi fa male leggere queste cose, dopo un po' non riesco più a trovarle simpatiche, non hai scritto nemmeno tra le righe un "ma è un piacere vederla" e io lo trovo tremendo, considerando il fatto che sei mamma pure tu.

Anonimo ha detto...

quando mia madre è venuta qualche gg.a trovarmi mentre mio marito non c'era non mi ha dato una mano con le pulizie!!!! non ha voluto dormire nel divano letto ("ma no dai altre lenzuola da stirare") ma con me nel lettone...e russa pure! faccio a cambio con la vs madre/colf!!! L.

Simona ha detto...

Ahahaha, mi fai sbudellare!!!!!! Ieri ho finito il tuo libro...... peccato non averlo avuto mentre ero incinta.......avrebbe fatto capire UN BEL PO' DI COSUCCE a mio marito...... ahahaha!!!

Wonderland ha detto...

Yeah, vedo di trovarmi in ottima compagnia.

@Lara ahahaha ma ti pare ci sia bisogno di scriverlo?? Secondo me proprio no.

Mel. ha detto...

mia mamma verra' da me (USA) a fine aprile e ci rimarra' due mesi...si', DUE MESI!!! Partoriro' presto una bimba e sono certa che il suo aiuto mi sara' essenziale, ma...DUE, e dico DUE, MESI! SOS!!!

Anonimo ha detto...

non lo so perche' ma ho sempre questa pessima sensazione che non appena ti arrivano delle critiche fai due cose in fila:
1. posti subito un posto simpatico per sdrammatizzare e mettere le critiche in fondo...
2. il contenuto del post smentisce in modo subdolo le critiche... non ti ho mai sentito nominare le pulizie...ora che sei stata criticata di essere snob e ricca...ecco il post giusto a smentirlo...

niente da dire, sei una brava scrittice.

Pedrita

Francesca ha detto...

@Lara: a me pare che lo abbia scritto chiaramente "...il motivo ufficiale del viaggio è 'darmi una mano', quello ufficioso è 'controllare dove vivi, che stai a fa, com'è sta Londra' che trovo ugualmente amorevolissimo..."
Chiara però la cosa di dover scrivere le due parole in fondo è insopportabile, ti prego si possono togliere? anche perchè la maggior parte delle volte io non ci leggo, cioè sono scritte appiccicatissime e non si vede, quindi lo scrivo male e poi mi passa la voglia di scrivere un commento!

Wonderland ha detto...

Grazie Pedrita, ma in questo momento se oltre a scrivere dovessi pensare a delle 'tattiche' ci perderei il sonno. Scrivo quello che vivo, come viene. Prendendomi le critiche quando non lo condividete, prendendomi i complimenti quando un post è piacevole da leggere. That's it. Le dietrologie applicate a un blog come questo, vi prego, anche no.
p.s. delle pulizie, per la cronaca, si parlava giusto due o tre post fa.

La Chiara ha detto...

ahahh, Wonder mi fai morire!
Io adoro la mia mamma e il mio babbo, ma quando ero in giro per l'erasmus e loro sono venuti a trovarmi li ho piazzati in albergo!!
La cosa buffa è che quando ero all'università e venivano a trovarmi, mia mamma doveva per forza passare almeno un'oretta a pulire il mio appartamento e io mi incavolavo sempre... qualche anno dopo, mi è capitato di andare a trovare mio fratello che ancora faceva l'università e... ho fatto la stessa cosa, io!! E' inutile, queste robe ti si attaccano addosso: per la serie "hai criticato la mamma? adesso sei uguale, tiè!"

la librivendola ha detto...

Da noi lunedì prossimo arriveranno i suoceri da Chicago e mio marito mi ha già detto: "però non stare a mettere tutto in ordine... che poi si sentono a disagio" !!!
vorrà dire che domenica darò via libera ai bambini.

Anna ha detto...

E come diceva quello: "la mamma è sempre la mamma..." ma per fortuna che "di mamma ce n'è una sola!!!"
Un sorriso
Anna

CoffeeGirl ha detto...

Ciao! Non sono una psicologa infantile, ma ricordo che nel film "Chocolat" la bambina aveva come amico immaginario un canguro di nome Pantouffle che aveva una zampetta rotta e non poteva saltare. Il cangurino (non per svelare il finale!) guarisce nel momento in cui mamma e figlia si stabiliscono definitivamente in un luogo e smettono di girare il mondo. Quindi, nella mia ignoranza, penso che il fatto che Winnie the pooh sia perennemente malato ed abbia spesso ricadute possa essere riconducibile al recente trasloco...
In ogni caso, complimenti per il tuo blog e per la tua avventura di mamma.

Carmencita ha detto...

Leggere queste cose mi fa sentire meno "figlia snaturata"... Anche la mia mamma probabilmente verrà qui per Pasqua... E scatta l'operazione GRANDI PULIZIE, che tanto lei qualcosa da criticare la troverà senz'altro, e anche lei si dissocierà dalla figlia... AIUT!!!!

Francesca ha detto...

Wonder quando arrivi a 10 mila fans devi organizzare un party. ^_^

mammabbestia ha detto...

Vedrai che tra breve arriverà anche: " NO, ma vuoi mettere LA CUCINA ITALIANA?"

Rebecca ha detto...

Ma perchè pure sul "mondo blog" c'è sempre un pò di "cattiveria" che gira??? mi demoralizza troppo sta cosa... ma vivere un pò "rilassati" almeno in rete è così difficile??? Magari non lo pubblichi ma te la dovevo dire sta cosa...

Anonimo ha detto...

allora io sono una mamma e ho ben due dico due figli fuori patria, bene quando andavo( all'inizio) praticamente avevo una pezzetta incollata alla mano passavo dalla cucina ai bagni alle camere con una frenesia che manco a casa mia ora vado in albergo e manco voglio entrare a casa loro .Un saluto alla mamma Crisn

Elle ha detto...

Beh direi che la mamma sta elaborando bene, le fasi ci sono tutte - no no, non sono psicologa, ma quando vivevo a Berlino ho accolto lo stesso tipo di visitatori che volevano vedere coi loro occhi e commentare con la loro voce ;)
Poi certo, la valigia piena di leccornie non è mai passata in secondo piano!!
:)

Sabrina ha detto...

mi spiace per te, ma quando sei sotto stress, o, come in questo caso, sotto il luminol della mamma, ti escono i pezzi migliori....mi sa che per essere una brava scrittrice, bisogna soffrire! Complimenti per l'ironia con cui reagisci alla situazione e.... Buona mamma a tutte!

Veronica ha detto...

Io non vedo l'ora di leggere un post in cui parli di te e tua sorella che entrate alla Nars a chiedere un Orgasm!ahah

serena ha detto...

Cara Wonder,

Io non sai come ti capisco! Io vivo in Texas e partorisco tra un mese. Mia mamma viene tra 3 settimane e stara' con me un mese e mezzo (in un appartamento in affitto). Non sono preoccupata per il suo arrivo (di solito andiamo molto d'accordo) ma per quello di mia suocera...Arrivera' a fine agosto e stara' un mese e mezzo A CASA MIA (che e' anche molto piccola...) Come sopravvivere???

In bocca al lupo per la tua avventura londinese, sono sicura ne varra' la pena :)

Serena

Elle ha detto...

ti seguo da alf, poi blog, poi libro, twitter... (ma con un altro nick).
ecco, volevo solo dirti che sono felice per te, e speranzosa per me.

un abbraccio. L.

(foto sempre più belle, brava! la mia preferita rimane la foto della vetrina con la tizia con la borsa union jack... o ricordo male?!)

Follie Di Mamma ha detto...

Io rimango sempre allibita nel leggere CERTE critiche. Mi immagino la persona che si prende il tempo necessario per leggerti e per commentare negativamente. Ma perché? e poi basta con le critiche verso chi ha più soldi, o chi è più bella o chi ha successo ecc ecc. E soprattutto, ma che ne sapete voi??
Questo blog è divertente, scritto bene, fa emozionare e sognare. Punto. Perché andare sempre a scavare con l'intento di cercare qualcosa da disprezzare? e soprattutto, perché continuate a leggerlo?

Wonder mi hai fatto morire dalle risate. Ogni giorno vengo a controllare se hai scritto un nuovo post perché leggerti è un piacere. Mes compliments!
Micha

Alessia A. ha detto...

Concordo con Francesca sulle paroline per inserire il post...Io sono miope-miope e pure astigmatica...che fatica!
Come va con mammà?

scake ha detto...

Sai qual'e' il problema?
Che tu dici nononono non e' possibile ma guarda tua figlia e pensa che domani anche tu sarai una rompipalle incallita come tua madre. E sai perche'te lo dico con certezza? Perche' adesso che ho una figlia di 11 anni e altri 4 in fila piu' piccoli mi accorgo di avere gli stessi atteggiamenti di mia madre (romanaccia come la tua)che applico e odiandomi nell'istante successivo. AAArrrrgggghhhh!!!!
Bellissimo il tuo blog davvero, mi ritrovo nel profondo in come vivi le cose. Credimi non avevo programmato 5 figli e non sono una sprovveduta. Complimenti!
Scake se ti va passa per unannoacasa.blogspot.it

Ma.Do.Ri.Fa...mamma, donna, riciclo e...fantasia! ha detto...

Ciao Wonderland!

Ti abbiamo trovato girovagando qua e là...ma tu sei troppo forte davvero a cominciare dalla tua presentazione non ho più smesso di ridere! Leggerò anche il tuo libro se queste sono le premesse. Noi siamo due mamme nonchè due creative. Se ti fa piacere fai un salto da noi!
Ciao e amcora complimenti. Ti seguiremo.
Paola & Eddi

Blog Widget by LinkWithin