il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

lunedì 28 maggio 2012

Londra splende


Londra splende, letteralmente. C'è stato questo lunghissimo maggio di pioggia, e pioggia, e quel freddo che ti congela i piedi e l'entusiasmo, li infagotta sotto qualcos'altro.
Poi arriva l'estate, improvvisa, accecante. Quasi fastidiosa tanto è calda e piena di vita, pollini, pelle. Tanto bella per lo stesso motivo, con questi inglesi che ora li capisci, quando al primo raggio di sole si levano tutto e si sdraiano al parco. Intorno nient'altro che sole, sole ed erba. Noi pure, sdraiate sul telo da picnic. Una pasta fredda e le scarpe buttate da qualche parte.


Il weekend è arrivato dentro a questo caldo incredibile, abbronzato. E non si poteva fare altro che godersi questa città meravigliosa, che ti offre sempre qualcosa di nuovo, bello.
Senza saperlo, abbiamo scovato la fiera di Primrose Hill che si tiene due volte l'anno: Natale e fine maggio.



Regents Park Road era letteralmente coperta di tende colorate, palloncini, zucchero filato e street food. Battuta dal sole e così calda, non solo per la temperatura. Rumore di risate, strilli di bambini e musica.






Lo streetfood ad ogni angolo.



Gli e-shop di abitini e accessori handmade o vintage, che mi impongono di mettere mano alla digitale e non al portafogli, o sarebbe un disastro :)

Porpi vestita come una piccola Frieda Kalho, gonna etnica e fiori nei capelli.
A godersi come una pazza i nonni in visita.
Intorno la gente, la luce, canzoni rock cantate da band minorenni :)

Lo splendore di una domenica qualsiasi. Che forse vedi ancora meglio quando lo 'celebri' attraverso un obiettivo. E non senti nemmeno più l'influenza (sì, io quando viene il bel tempo mi ammalo SEMPRE!).

Visto che alcuni di questi shop deliziosi sono online, ho pensato di prendere gli indirizzi dei più carini. Se volete, potete dare un'occhiata... sarà un po' come se foste stati accanto a me a curiosare tra le bancarelle :)

Gioielli e collarini fatti a mano, deliziosi: ThreadBEAR
Gioielli in argento e pietre dure: Stella&Dot
Accessori e giocattoli dal gusto retro: Niddle Noddle
Abiti e accessori per neonati: DaisychainBaby
---
Post-post

Sono contraria alla 'moda per bambini'. La trovo senza senso. Spesso, brutta: eccessiva nel design e nel prezzo. Soprattutto: perfettamente inutile, quando i bambini si possono vestire bene senza spendere una fortuna solo per avere un nome addosso (a dire la verità, io stessa non faccio grande uso di firme per lo stesso motivo).
Per questo motivo quando sono stata invitata da Stella McCartney Kids a scoprire i loro prodotti, all'inizio ho storto il naso. Invece li sto amando... perché si vede che lei è una mamma, e certe cose le capisce. E fa abiti di gusto, con materiali naturali e biologici, a un prezzo (relativamente) contenuto.

Cosa più bella di tutte: pensa ai vestiti in ottica di 'riciclo', ovvero punta a realizzare capi resistenti e di qualità in modo da poterli passare di fratello in fratello, figlio in figlio, da prestare e rimettere. Da conservare, insomma. E così come amo i marchi lowcost, che utilizzo praticamente sempre per Porpi, mi sono trovata davvero bene anche nell'usare pochi ma scelti pezzi fatti bene. Lino e cotone per la sua pelle delicata. Forme morbide e pratiche per giocare, ma ancora belle per una domenica coi nonni.
Insomma, una bella scoperta, che mi sono sentita di condividere con voi.

Condividi

92 commenti:

viachesiva ha detto...

Riesci a rendere colorata e solare anche Londra :)

Smemory ha detto...

...e qui ...piove....strana la cosa eh?

Laura ha detto...

Tu fai male/bene al mio umore: male, perchè con i tuoi reportage mi fai venire ancora più voglia di viaggiare e spostarmi; bene, perché mi sproni ad alleggerire i bagagli (in tutti i sensi) per poter..partire!

Vado a "visitare" i negozietti che hai segnalato, grazie!

Elisa ha detto...

Secondo me il sole ve lo hanno portato i nonni!!
Londra con il sole cambia pelle, è davvero splendida!

Anna ha detto...

Sempre belli i tuo post, con le tue foto che ormai adoro! Grazie per questa gita!

P.s. Li' a Londra tra pochi mesi potrai incontrare anche noi! Abbiamo deciso e... partiamo!

Anna

Wonderland ha detto...

@Laura partiiii :D

@Elisa può essere: l'ultima volta col sole c'erano gli altri nonni!!!

@Anna evviva! Fatti sentire se hai bisogno di qualcosa.

Trasparelena ha detto...

ehm
io 70 euro per una gonna non li spendo nemmeno per me, giammai per una bambina. Per ammortizzare nel passaggio di figlio in figlio dovrei come minimo avere una squadra di calcio...
(con tutto il rispetto per il fatto che ti hanno chiesto di fare pubblicità e hai fatto pure bene ad accettare eh, però oggettivamente no, non si può fare, pure se la qualità è senza dubbio eccelsa)

mela ha detto...

Londra splende ma non è la sola...La Porpi con quei vestitini è fantastica! Fa subito estate :)
Goditela!!!

maricipry ha detto...

Le mollettine di feltro sono meravigliose!!! Mi dici dove posso trovarle? Grazie!!

maricipry ha detto...

Le mollettine di feltro sono meravigliose!! Mi dici dove posso trovarle? Grazie!!

Wonderland ha detto...

@Trasparelena per fortuna sono libera di scegliere cosa mettere sul blog, e ci metto solo cose che mi piacciono. Quindi non mi hanno 'chiesto' di fare pubblicità, è stata una mia scelta pubblicare queste foto. E sempre sarà una mia scelta quando si tratta di contenuti del blog, nessuno compra i miei post :)

Cappuccio e Cornetto ha detto...

Urca quando hai scritto che i vestiti di Stella erano a prezzo contenuto i sono fiondata... ma il trench costa 150 euro!! Io adoro Stella, da adulti e da bambini, trovo che sia una persona ispirante e che la sua moda sia eccezionale. Ma no, 150 euro per un trench purtroppo al momento proprio non mi sembra il caso!! Concordo con @Trasparelena, avoglia a fà figli per ammortizzare! :)
Detto questo, la fiera di Primrose Hill sembra un posto da favola.. e la Porpi è bellissima con quella gonna!

Marinella ha detto...

Mi hai fatto venir voglia di tornarci...ancora una volta! Amo Londra, amo la sua capacità di farti guardare tutto come se fosse la prima volta che apri gli occhi, amo la sua atmosfera, i suoi colori, odori, sapori (strano?) la libertà, la sensazione che tutto è possibile...ho avuto anch'io la fortuna di starci un pochino (pochissimo, non come te) sia d'estate che d'inverno, ed ogni volta mi ha lasciata a bocca aperta, con tutte le sue assurdità, contraddizioni e situazioni solo sue! Grazie!

Laura ha detto...

@ Chiara :D
Hai ragionissima! Dai che tra un po', se gli dei mi assistono, forse, spero, ti prego fai che sia così, MAGARI, spicco il volo!

Cristina ha detto...

Mi piace sbirciare Londra attraverso i tuoi occhi e la tua macchina fotografica :) L'abbigliamento che hai scelto per Porpi è davvero molto carino. Ho fatto un giro sul sito di Stella, ma è un tantino sopra al mio budget, specie se si considera la velocità supersonica con cui bimba cambia taglia, ma le mollettine? A quelle potrei arrivare! Sono solo londinesi o si rimediano anche nella prosaica Italia?

Alice C. ha detto...

Delle tue foto mi colpisce l'orgasmo di colori. Incredibile vedere tutte quelle tonalità di rosso, verde, blu, giallo...

Per non parlare delle realtà che catturi; mi fanno viaggiare, vedere posti (purtroppo) mai visti. E conoscere cose, luoghi, tradizioni fisicamente lontane poco più di un migliaio di chilometri, ma così nelle mie corde...

E lo stile di Viola è magnifico. Non ho mai sopportato il rosa bambina, non perlomeno in ogni abito.
Poi boh, neanch'io spenderei 70€, nè per me nè per un bambino, ma sta poi al genitore decidere se spenderli o meno: c'è chi magai lo farebbe per un solo capo un po' carino, e avere l'indirizzo a disposizione non è male.
In fondo qui ho sempre trovato indirizzi low-cost e per budget più importanti.


Alice
http://operazionefrittomisto.blogspot.it/

Wonderland ha detto...

@Alice grazieee!

@Cristina e Marcipiry le mollettine sono fatte a mano da una mia amica, se deciderà di venderle anche sarete le prime a saperlo :)

Lins ha detto...

Hello, you came to our stall yesterday at Primrose Hill. Thank you so much for your lovely blog, it has brought lots of Italian readers to our website :) I hope you had a lovely day! Lins ~ DaisychainBaby.co.uk

mafalda ha detto...

La ragazza delle Sweet things in vendita che si è messa in posa è splendida :-)

Francesca ha detto...

Belle le foto Wonder, come sempre. Soprattutto quella di Porpi coi nonni :-)
Bello anche il sito di Stella e la sua collezione, però permettimi di dire che non puoi definire "contenuti" i prezzi dei suoi abiti. Se pensiamo a un abito Moncler che costa sui 140 euro circa e a uno Zara che ne costa 35, allora 100euro in media per un abitino di Stella è fascia medio/alta. Parlo di abitini come di qualsiasi altro capo eh. Poi per carità, a te credo li abbiano regalati per Porpi quindi hai avuto una gran fortuna. Mica è una critica per carità! Mi pare NORMALE data la popolarità del tuo blog e soprattutto dato che a te piacciono il suo stile e la sua filosofia! E se non te li hanno regalati sono dei bastards hehehehehehe ;-)))

ps: sono IO quella che ha acquistato le tue sneakers!!!!! Arrivo lunga ma sto preparando un post!!!! :-)

Anonimo ha detto...

bellissimo post! Leggo il tuo blog da due anni circa, commento poco, ma lo trovo sempre interessante... ancora di più da quando ti sei trasferita a Londra. Io ci sono stata "un milione di anni fa o forse due" e ne ero rimasta affascinata, adesso mi stai facendo venire la voglia di tornarci! ...chissà! intanto mi godo le tue foto, che parlano più di mille guide turistiche.Thank you...emymammaskassata.

Anonimo ha detto...

no, lo scivolone su Stella potevi evitarlo! E' una marca dai prezzi alti e tanto, non puoi poi lamentarti se ti arrivino delle critiche dai!

Claudia

Girandola Precaria ha detto...

Una domandina: ma quella "ù" in cima al tuo blog è una dimenticanza da programmatrice?!

CherryBlossom ha detto...

Londra in una bella giornata di sole e' imbattibile, poco da fare. Peccato siano relativamente rare.
Per i vestiti penso che all'età di Porpi si possa iniziare pian piano a prendere qualche capo un pochino piu' ricercato. Prima, secondo me, non ha proprio senso: crescono troppo in fretta!
E' sempre un gran piacere vedere le tue foto :-)

Sascha - Coffee and Heels ha detto...

Che foto meravigliose. Bellissime le cose di Stella - io adoro Stella anche per adulti, se potessi comprerei sempre le sue cose. Purtroppo non ho il budget!

Clare ha detto...

Hello!
I'm afraid I can't speak Italian, but I just wanted to thank you for including ThreadBEAR in your blog post about Primrose Hill May Fair! It really was a beautiful day (what glorious weather!) and you captured it perfectly in your photographs.
Thanks again!
Clare

mammainse ha detto...

Meravigliosa Londra questo week end. Ed il sole ha fatto arrivare anche il mio secondo bimbo che e' nato in southeast Londpn lo scorso giovedì dopo una mattinata di paddling pools per me e la Bibi.

Adesso a casa con suoernano e supernana avrò anche io bisogno dei tuoi post per vedere cosa accade fuori dalla porta di casa! Noi ci limiteremo a pic nic in giardino e jubilee party sotto casa, ma confido nelle tue foto meravigliose per scoprire cosa accade nella real London!!!

Anonimo ha detto...

ho dato un'occhiata ai vestitini...la gonna stupenda della Porpi non è esattamente a buon mercato!!!

Wonderland ha detto...

@Girandola sono giorni che provo a levarla e niente ;___;

@Claudia caduta di stile? E perché mai, dov'è scritto che sui blog si può parlare solo di marchi lowcost? Se trovo una cosa bella, anche se non lowcost, c'è forse qualcosa che mi deve impedire di condividerla?

@Clare and Lins thank you!!! So happy you found the post :)

Anonimo ha detto...

La gonna della tua bambina mi ricorda un po' camicie e gonne in stile "greco" che ci mettevano a fine anni 70... le foto in cui sono vestita così non sono le mie preferite ma vabbè...
Se pero' fra trent'anni trovassi una foto con addosso un trench stile tovaglia sinceramente non te la farei passare liscia ;)
Cla

Tonolli ha detto...

@Claudia
e che du' palle, Chiara non puo' fare un post senza che si faccia sempre polemica! Goditi le foto che sono molto belle e rilassati!

Colori splendidi cara

Anto

TheGirlwiththeSuitcase ha detto...

Quanto è bella Londra? un post incantevole, e mi sentivo di dirtelo.

Peggy Lyu ha detto...

I tuoi post mi fanno rattristare sempre di più! Non fraintendermi! Sono bellissimi! E' solo che anch'io ho questo grande desiderio di trasferirmi a Londra o dintorni (mi sono innamorata pure di Brighton..beh non proprio nei dintorni ma è a mezz'ora di treno mi dicono) e non ne ho ancora la possibilità.. Le tue foto però mi fanno sentire li e adoro guardarle.. quindi posta pure più foto che puoi!
p.s. La tua Porpi è sempre più bella! E la vesti benissimo secondo me..

b. ha detto...

Sto curiosando per bene il sito di Stella&Dot, ha delle cose molto carine, grazie per avercelo segnalato!
La gonnellina è molto bella, però siamo sempre lì, o uno ha già una sorellina o qualche figlia di amici a cui poi passarla, o te la regalano, se no l'abbigliamento di marca per bimbi per quanto bello sembra proprio uno spreco.

Anonimo ha detto...

Adoro il tuo blog, anche se non commento spesso. Pero' anche io devo dire, come altre sopra, che ho trovato questo riferimento gli abiti di StellaMcCartney abbastanza forzato. Mi è sembrata pubblicità fatta per forza, cosa che davvero non ho mai pensato per nessun altro tuo post, anzi.
Non credo sia un volere criticare te, o il blog, o che altro, e mi spiace vedere che te la prendi, ma visto che è la prima volta che ho/abbiamo questa impressione, mi pare onesto fartelo notare. Tutto qui.
Violina

Why ha detto...

Proprio in quella fiera avevo incontrato jude law in coda x zucchero filato!

Ata ha detto...

Belle foto.
Trasmettono allegria.

Cucina Mon Amour ha detto...

Beati voi!!!
Qui ad Anzio piove e fa freddo... Sembra inverno...
Belle le foto, adoro i mercatini... che voglia di scoprire nuovi mercatini...
Un abbraccio
Thais

Anonimo ha detto...

Gli abiti di STELLA sono strepitosi. Non capisco...non sareste disponibili a spendere 70 € per una gonna (e magari per un occasione speciale) e dopo...tutti hanno l'iphone, l ipad...sky ecc
Assurdo.
Non ho figli.Ma leggere alcuni commenti mi ha fatto veramente sorridere

Lisa Miche ha detto...

Ma cos'è quella bancarella di cupcakes! Strepitosi i vestitini della Porpi... Non conosci Stella McCartney (ovviamente non intendo di persona,non conosco i suoi vestiti...) ma mi hai incuriosito...

Girandola Precaria ha detto...

Mi piace leggerti perché, al contrario dei "soliti" mummyblog di cui è piena la rete, non sei semplicemente lo specchio di quel che vivo tutti i giorni: questo non è un posto di lamenti/pacche sulle spalle, ma tutto quel che racconti è brioso, o fa divertire, o quanto meno ha una sua grazia. Ed è scritto (e fotografato) molto bene.

E soprattutto sai cosa? Mi sembra spontaneo; scrivi di quel che ti pare, di quel che attira la tua attenzione, non come quei siti "per mamme" che ti propinano i consigli degli esperti e un banner qua e là.

Quindi, io leggo per una risata quotidiana, per mio piacere.

E tu perché scrivi?

Per condividere, di sicuro. Perché ti piace scrivere e avere un tuo pubblico, sacrosanto. Magar anche per cv: proporsi come freelance e vantare un blog di xxx accessi al giorno può essere un buon biglietto da visita.
E anche per guadagnarci? Perché no, ma a scapito delle tue lettrici?
Perché inserire una pubblicità, anche se a fine post, che ha tutto un altro sapore rispetto alle segnalazioni che di solito riporti (un esempio per tutti: un post natalizio con segnalazione di sito che realizza lettere di legno da arredo, bellissime), mi sembra una caduta di stile.

E forse non eri tanto convinta nemmeno tu, se dici " mi sentivo di condividere"; perché se qualcosa ti convince lo scrivi e basta.

Di sicuro hai apprezzato i vestiti, ma si capisce che non sono una tua scoperta da condividere con noi lettrici, quanto piuttosto uno scambio tra te e il marchio (non per forza di soldi, e non intessa nemmeno tanto).

E noi?
Non ne abbiamo vantaggio, ma siamo solo utilizzate in quanto unità di misura della "popolarità".

Già un po' di tempo fa era successo qualcosa di simile: un giveaway con Dash, se non sbaglio. E già stonava tanto, rispetto ai contenuti a cui siamo abituati.

Con questo non voglio dire che né io, né (credo) altri lettori saremo meno affezionati; solo, ti sento meno "collega di pancione" e di sventure e più qualcuna che, in fondo, anche qua, vuole qualcosa da me.

Ps anonimo: spero che l'Ipad duri più di 3 mesi, che è la durata media dei vestiti per under 13!

Anonimo ha detto...

Che meraviglia!
anche qui a Milano è stato un week end di picnic :)
più che il telo, quello mi sembra un maglione però! :D
Anonimo, non ha senso il paragone con i-phone e compagnia, i vesiti dei bambini si sporcano ogni 2 giorni massimo, meglio averne tanti ed economici!
Con questo non voglio criticare Chiara, che sul suo blog mette quello che vuole!
Ciao!
Sara

Anonimo ha detto...

Ho commentato poco fa, ma non avevo ancora visto il sito suggerito da Wonder O_O
E' come se io sul mio blog scrivessi "sono stata alle Maldive in vacanza, consiglio a tutti di andarci, è caro ma ne vale la pena", devo aspettarmi che la gente reagisca male... soprattutto se non è la prima volta che suggerisco negozi-locali-siti un pò cari. 112 dollari per un vestitino di cotone da bambina 5enne è tanto, ovvio che siano buoni prodotti ;)
Forse ha più senso suggerire un sito modesto, e dai prezzi normali: "cavolo nonostante questi prezzi, ha prodotti davvero ottimi!" (ammesso che esistano...!)
Vabè, ciao again!
Sara

Anonimo ha detto...

Ciao Chiara!Bello il post, belle le foto piene di sole....in realtà volevo dirti che mi piace molto il modo in cui prendi le foto e ci dai un po' della tua vita senza mai invadere la privacy di tua figlia : Viola si vede spesso, ma mai direttamente in viso. Eppure sembra di conoscerla, attraverso le tue foto, e trovo che questo sia molto rispettoso nei suoi confronti!Grazie!E coraggio con Londra, dove il tempo (io sono metà belga, il tempo grigio lo conosco e so quanto possa essere deprimente, soprattutto se vieni da roma!)é difficile da gestire ma ci sono tantissime cose da fare e opportunità!Ciao Ciao! Raffaella

pasadena ha detto...

Che voglia di tornare a Londra con questi post! I vestiti di Stella, mia stilista favorita anche se da mutuo, mi piacciono molto, ma neppure io acquisterei cose così costose per il bambino, crescono così in fretta che hai voglia ad ammortizzare! Capisco quindi non voler spedere cifre simili per il proprio figli, però neanche per un regalo? Magari di gruppo? Anche se ho dato un'occhiata ai prezzi baby, sono alti sì, ma neanche così esagerati, mi sembra che ad esempio la petit bateau più o meno sia lì come costo ed è gettonatissima

Anonimo ha detto...

Bellissime foto...la voglia di scappare aumenta ogni giorno di più :(
Fantastica la gonna!
Anch'io vesto mia figlia lowcost (zara, gap...) ma alzi la mano chi non è mai entrata soprattutto in occasione del cambio stagione/collezione da Zara per prendere una t-shirt e uscirne con gonna abbinata, sciarpina, scarpine, accessori... ? Poi andare alla cassa e ricevere il colpo mortale: "70 euro, grazie!!!", e tu pensi "ma come cazzo ho fatto sono da Zara!!!"
A me è successo tante volte!
Quindi ben venga ogni tanto magari rinunciare a tante pezzi da una stagione e optare per un capo (non di più ...sob)di qualità!

Rebecca ha detto...

Coloratissimo questo post... Peccato per le sfumature grigio-nere di polemiche nei commenti...AVANTI SEMPRE

regina87 ha detto...

Questo post, oltre ad essermi piaciuto molto, come del resto tutti i tuoi articoli, mi ha fatto venire voglia di commentare! Io non sono contraria alla pubblicità nei blog, anzi, se ne avessi uno e qualche brand che mi piace mi chiedesse di collaborare, lo farei di corsa! Però, ti prego, non partire con la premesse che sei contraria alla "moda per bambini", perché così dicendo dai ragione a chi ti critica! Se fossi contraria non faresti indossare a Viola vestiti di Stella McCartney o giubbini Moncler, nemmeno se questi ti vengono regalati: Diciamo piuttosto che uno preferisce comprare abiti "anonimi" per ovvi motivi, ma se io fossi miliardaria lo ricoprirei di abiti firmati (perché piacciono a me, ovvio, a lui non frega niente!) perché io non mi vergogno a dire che le marche per bambini (non quelle con le scrittone del brand che sono tamarre anche per gli adulti) a me piacciono molto e, quando posso, le compro!
Ps. Porpi è un amore con quella gonna!!!

Trasparelena ha detto...

@Wonder: mi è piaciuta la tua risposta, grazie.

Anonimo ha detto...

Premessa
ho scoperto da poco il blog e ne sono rimasta affascinata perché mi ci riconosco troppo, compio 30 anni quest'anno e ho una bimba di uno, anche se a me non è arrivata a sorpresa, io l'ho cercata (senza tante difficoltà ma questa è un'altra storia...)

Anch'io invidio un pò questa tua avventura londinese, trasferirmi a Londra era il mio sogno delle medie, complice la mia adorazione per l'inglese, e ci sono stata un paio di volte, anche l'anno scorso col pancione! Ovviamente ho visto tutto l'istituzionale e girato per monumenti e musei, senza avere il tempo di scoprire queste mete "secondarie": quartieri caratteristici, parchi , mercatini e fiere varie che più della National o di Westminster ti consentono di scoprire la vera Londra.
Perciò mi unisco al coro di tutte quelle che ti hanno esortato a continuare con questi splendidi reportage, anche fotografici, per favore, però, non abbandonare i tuoi commenti ironici e la tua satira graffiante sulla nostra condizione di mamme 2.0!

Visto che tante hanno commentato il tuo riferimento agli abiti di Stella, lo farò anch'io. Sinceramente non trovo niente di strano nel dire che il trench è RELATIVAMENTE (come hai scritto tra parentesi) costoso, se si considera che un semplice giacchino di jeans della Benetton costa 30 euro, 150 per un trench di Stella McCartney mi sembra una cifra adeguata. Neanche io come tante altre li spenderei, ma magari tra le lettrici del blog c'è l'avvocato che guadagna 10.000 euro al mese e reputa 150 euro una cifra normale per vestire sua figlia, perchè Chiara non dovrebbe scrivere anche per questo target?
Poi magari c'è la mamma a cui si sposa la sorella e che deve comprare la suit di matrimonio per la figlia, mica la vestirà al mercato?! Perchè non ha diritto di sapere che può acquistare un capo di un brand famoso e di livello medio alto con una cifra tutto sommato onesta, rispetto a quello che costa l'abbigliamento di qualità oggi?

Sinceramente certe volte alcuni commenti non li capisco...

Di nuovo per Chiara
So che mi sono dilungata troppo, ma c'è una cosa che voglio chiederti. Hai già scritto un post sulla scomparsa delle tette dopo l'allattamento? Se sì dimmi come si intitola che lo cerco, se no, ti prego scrivilo per farmi ridere un pò sulla scomparsa delle mie...Cerca di capire sono passata dalla 3 abbondante pre-gravidanza alla 2 scarsa del post-allattamento e non posso permettermi una mastoplastica additiva... ho bisogno di riderci un pò su! Se qualcuna ha suggerimenti per spiegarmi come ritrovarle sono ben graditi, giuro che ho cercato tra reggiseni, canotte e magliette, ma ho trovato solo due prugnette, delle tette di prima non c'è traccia da nessuna parte, e sì che erano il mio pezzo forte!!!

Violetta

Morgana ha detto...

Ma scusate nessuno ha detto che non si può parlare di marchi di fascia di prezzi più alta, ma almeno non diciamo che sono a prezzi "contenuti"!
Poi scusate ma 197$ per la fantasia fruttata simil tovaglia da cucina proprio no.
Non ho mai pensato prima d'ora che Wonder facesse pubblicità a qualche marchio, il dubbio mi è venuto solo con questo post

Mamma Bbestia ha detto...

...e se il pupo si strappa il Trench con un chiodo al parchetto??? AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!

:)

Noemi Gallo ha detto...

Dalle foto si percepisce proprio il "calore"! La Porpi dolcissima come sempre! :)

chiara ha detto...

Bellissime foto e trendyssima Porpi! pero'.. 150 pleuri per un coat.. non mi dire che e' un prezzo contenuto!!!!

Anonimo ha detto...

Per Violetta: ti dico solo una cosa. Quattro anni fa avevo una 5. Sono dimagrita. E occhei. Arrivo a una bella 3 abbondante. Partorisco, "allatto" (10 giorni, non 3 anni)...ora ho una seconda scarsa e floscia. Ho ancora le amiche che mi scrivono sms random del tipo "le ho trovate le ho trovate, le avevi lasciate qui da me". Per dirti.
Solidarietà.

made by color ha detto...

Perdonatemi ma certi commenti proprio non riesco a comprenderli.
Non capisco quale sia effettivamente il nodo della questione: se una persona ha la disponibilità economica per potersi permettere un capo costoso per il proprio figlio perché non dovrebbe farlo? E se il bimbo dovesse macchiare indelebilmente o rompere i vestiti qual è il problema? Sarebbe uguale anche con un vestito di poco costo.
I bambini crescono, è vero. Consumano più velocemente gli abiti, è vero, ma se ho la fortuna di poter scegliere cosa mettere a mio figlio senza dover ogni volta guardare il cartellino perché non posso farlo?
Io sono convinta che tutti, bambini compresi, dovrebbero circondarsi di poche cose ma di qualità; di cose belle e fatte bene, nel rispetto delle proprie disponibilità e del proprio gusto. E chi, come me, non ha una possibilità di scelta così ampia come invece sembra avere Wonderland, dovrebbe smetterla di puntare il dito.
A volte è proprio con l'acquisto di cose "da poco" che ci si riempie la casa di cose inutili, senza valore che finiscono inevitabilmente nella spazzatura perchè poco durevoli.

p.s. Chiara io invece ti ringrazio perché anche se non posso permettermi certi acquisti credo che l'educazione al bello e al di fuori degli standard Disney & C. siano doverosi.

Anonimo ha detto...

Chiara ti leggo sempre perchè mi fai sorridere, e fai delle foto splendide! quella di Porpi che si osserva il piedino mi ha fatta morire, che buffa che è!! La gonna mi ricorda una camicina che avevo da piccola, che mi aveva portato qualcuno da un viaggio di Grecia, tanto che pensavo fosse tua e che l'avessi tramandata alla Porpi! A mio parere hai dato uno spunto interessante, per quanto mi riguarda non per un acquisto abituale, ma magari un regalo collettivo, un'occasione...e poi ci saranno anche i saldi, no??? Continua così!!! Chiara

made by color ha detto...

Ciao Chiara, te lo scrivo qua perchè forse la mail non la leggi. Ho notato anch'io la "ù" in cima alla pagina e ho letto che non riesci a toglierla.
La riga di codice incriminata è questa:

ù

Basta che la trovi con un "cerca", cancelli la"ù" (che non dovrebbe esserci) e sparisce.
Spero di esserti stata d'aiuto.
Ciao, Silvia

Anonimo ha detto...

Io concordo con l'anonimo che ha detto che non si spendono 70euro per una gonna ma poi tutti a comprare iphone, ipad etc etc. Mia mamma ha ancora dei miei vestiti che mi comprava per occasioni speciali (matrimoni, compleanni, occasioni varie ed eventuali): sono ancora bellissimi e per me fanno parte dei ricordi. E non sono diventanta una fashion victim ne' altro, anzi sono di quelle che tolgono le targhette dai vestiti..
Annie

Fay ha detto...

Tutto bello per carità, comprese le foto, come sempre, ma anche io trovo il riferimento alla marca forzato.
Poi non capisco i commenti sopra. Certo che uno può citare marchi di fascia superiore oltre a quelli low cost, non è questo il punto. Come uno può spendere 200 euro per un abito se vuole.
Ma non si può dire che i prezzi siano contenuti.
Il riciclo poi scusate mi fa ridere. Voi conoscete tutte 'ste famiglie numerose di questi tempi? Perchè io NO.
Quelli che conosco io hanno tutti un figlio solo, e di questi ben pochi possono spendere 200 euro per un trench. E cmq bisognerebbe avere anche figli dello stesso sesso per riciclarli.
Il paragone con l'iphone o sky che cappero c'entra? Quelli li tieni per anni, con un abito da bambino ci fai una stagione.

Valeria ha detto...

@made by color: il nodo della questione è "non dire che sono prezzi contenuti quando oggettivamente non lo sono", NON è "perchè non comprare un capo costoso se si può", se uno può e vuole, che lo compri pure. Nessuno sta puntando il dito qui.
@Annie e anonimo: a parte che io tutta questa gente che compra l'iphone con questa crisi non la vedo, ma poi cosa c'entra il paragone con l'iphone o l'ipad?! Un telefono non dura mica una stagione! Un abito da bambino sì, l'anno dopo è già piccolo!

LauraM ha detto...

Leggo spesso e non commento mai. Stavolta sento di dire la mia.
Vivo in una verdissima metropoli del nord Europa. Quando ho letto questo post e ho visto le foto ho pensato che Viola fosse vestita in modo fantastico, è un po‘ lo stile di mia figlia, che ha due anni e per lei compro quasi esclusivamente nei negozietti di seconda mano. Che qui però sembrano boutique, i vestitini sono puliti, stirati e molto spesso quasi nuovi, proprio perché i bimbi li portano per un periodo brevissimo.
Ancora più spesso qui la gente si fa i vestitini da sè.
Credo che Wonder volesse mandarci un messaggio. E il punto non è Stella o non Stella. Marca o non marca. Non parlava dei 150 euro contro il cotone cinese del mercato italiano.
Credo che Wonder volesse farci scoprire un pezzettino di „altro“. Quanto è bello poter seguire il proprio gusto e le proprie esigenze senza doversi rassegnare a Cars o Hello Kitty, e in generale ai brand imposti dal mercato.

Quando scendiamo in Italia per Natale mia figlia riceve sempre tantissimi complimenti per come è vestita. Spesso però taccio sul fatto che i vestiti sono di seconda mano e che un capo lo pago tra i 2 e i 10 euro.
Soprattutto taccio perché vedo i cuginetti di mia figlia, coperti di marche dalla testa ai piedi, (e non mi dilungo sul fatto che lo stipendio medio italiano è un terzo rispetto a qui) e sti bimbi, pur portando centinaia di euro addosso, sono vestiti in modo tristissimo. Jeans da adulti formato piccolo. Camicie con la marca ben in vista. Le bimbe portano stampe Disney glitterate... ma perché? Ma la fantasia dov‘è?

Se vi piace la gonna di Porpi fatevela. Basta un metro lino e una macchina da cucire. Ci vorrano 5 euro di materiali e un pochino di pazienza.

Wonder non voleva necessariamente spedirci tutte all‘ e-shop di Stella, ma semplicemente dire „Guardate! C‘è tutto un universo oltre la Benetton!“

Cristina ha detto...

Oddio, ma perchè dopo i primi commenti si piomba sempre nella fase "Porta a Porta" della situazione? Premetto che oggi sono un po'storta, anche perchè tra l'altro sono uscita di casa con la maglia a rovescio e me ne sono accorta..moolto dopo.. in ufficio..Il blog di Chiara è bello e piacevole perchè è divertente, colorato e sì pure un po'patinato. Fuori dal comune insomma. Io lo leggo per evadere dalla solita minestra, per sognare un po' e nei sogni puoi permetterti anche qualche svolazzo no? Come ho scritto sopra il trench è fuori dal mio budget quotidiano, ma, non posso escludere a priori, che trovandomi davanti a un capo di abbigliamento carino, carino, io non faccia il colpo di testa di acquistarlo.. Non faccio colpi di testa per me, ma per bimba.. Sì. Ogni tanto è capitato. Grazie Chiara, rendi le mie giornate un po'più sognanti e questo per me non ha prezzo!

Camomilla ha detto...

Mannaggia, mi ero completamente dimenticata della fiera di Primrose, saremmo venute molto volentieri!!!
Noi invece domenica abbiam fatto una mega pic nic ai Kew Gardens, se non ci siete mai state andate.
Domenica ho finalmente capito la differenza tra parco e giardino.
Hampstead Heath e' un parco.
I Kew Gardens sono un giardino.

PS. Quando alla Porpi non staranno piu bene, me li passi sti vestitini di Stella per la mia di palletta? me li vengo a prendere io tranquilla, almeno cominciamo ad ammortizzare e sono tutti piu contenti...

Anonimo ha detto...

Grazie Anonimo, è bello sapere di non essere sole alla ricerca delle tette perdute... ora scusa se ti importuno, e se il commento esce dal tema del post, ma ormai sono qua, da quanto tempo hai smesso di allattare? Io da 40 gg, e ho letto che, nel giro di 12-18 mesi, a volte ritornano... posso sperarci?

Violetta

b. ha detto...

L'idea di LauraM è interessante, quella gonna è un capo semplice, anche per questo il prezzo sembra esagerato, ma si può prendere spunto e crearne una simile spendendo molto meno, ci vorrebbe un tutorial per le meno pratiche!
Il discorso sui pochi capi ma di qualità funziona per gli adulti perché li indossano per anni, i bambini no, davvero è così impossibile trovare vestiti in lino e cotone per bimbi a prezzi accettabili? E non è questione di possibilità economiche, ci sono tante famiglie che potrebbero vestire i figli con marche famose ma si rendono conto che non ne vale la pena e fanno una scelta diversa.

Francesca ha detto...

GRAZIE per il tuo invito a donare 2 euro a noi dell'Emilia. C'è tanto bisogno qui, e le immagini in tv e sui quotidiani rendono solo la metà...
Sei sempre speciale anche nelle piccole cose. E' vero basta poco, ma in pochi lo fanno.

Anonimo ha detto...

che dire: a me la moda per bimbi dei brand piace tanto, ma non per comprare, ma per farmi venire idee;

sguazzo nei tessuti liberty e caramellosi delle marche per poi fare di testa mia...o meglio nostra...con la piccola baby:)

S. ha detto...

A me pare che stiate tutti travisando i commenti.
Le critiche sono state dettate dal fatto che i prezzi siano stati definiti "contenuti", quando invece non lo sono.
Che il materiale, la qualità, la fattura, siano buoni, non lo metto in dubbio.
Bastava dire "i capi fanno una buona riuscita ma effettivamente i prezzi sono più alti"
Ho guardato il sito e tipo la camicia di JEANS a 75 E! Ma cos'è rifinita in oro?! Poi scusate saranno anche gusti ma la fantasia frutta che pare una tovaglia non la comprerei nemmeno a 30 E, figuriamoci a quelle cifre!

Anonimo ha detto...

Troppo divertenti i post con le polemiche...hihihi

Gnegnegne ha detto...

Leggo sempre questo blog, da anni, ma in totale avrò commentato 3-4 volte: non amo le discussioni da web-bar, alle quali preferisco i post dell'autrice che trovo sempre gradevoli e interessanti. Questa volta, però, mi sento di dover dire qualcosa. Per prima cosa, MA CHI SE NE FREGA se Stella McCartney ha regalato a Wonder dei capi d'abbigliamento per Viola, al massimo posso essere contenta per lei. Se poi lei li ha trovati validi e di non così eccessivo prezzo, chi siamo noi per dire che non è vero? Non so quale sia la sua capacità di spesa e sinceramente non mi interessa, di certo non mi metto a farle i conti in tasta. E poi, perchè quando ci parla del sito web di nicchia che fa cose handmade siete tutte così contente e se parla di grandi marchi gridate allo scandalo? Io credo che lo scopo del post fosse, al di là della provenienza dei capi, di renderci partecipi della scoperta di un meraviglioso marchio di moda per bambini. Mi scandalizzerei se questo blog facesse solo pubblicità ai grandi marchi, ma non mi pare proprio il caso di Wonder. E poi su, viviamo in un mondo che raccoglie per fini commerciali i dati sulle vostre abitudini di vita tramite i social network, non cadiamo nel ridicolo per un post vagamente "di parte". La pubblicità è il motore del commercio e se consente a Wonder, tramite piccoli regali o benefit, di poterci continuare a regalare questo bel blog, ben venga. Detto ciò, questo fine settimana anche io ero a Londra ed ho potuto godere di quel sole meraviglioso...ma quanto fa strano vedere i londinesi che spuntano fuori come lumache dopo la pioggia con infradito, bermuda e abbronzatura fucsia? Pensavo di aver sbagliato città, appena arrivata...

pattibum ha detto...

...ma ti rendi conto di quanto è verde l'erba lì???

Anonimo ha detto...

Bella Cristina mi hai letto nel pensiero ... Sapere che ci sono persone ancora capaci di buonsenso mi conforta.
Maritere

TheBosss ha detto...

L'errore "ù" sta sotto la riga
script src="http://partner.googleadservices.com/gampad/google_service.js" type="text/javascript">
/script

Alex

Cosi fan tutte...tutto! ha detto...

Ma che bellezza!!! Sono proprio tanto invidiosa :), già che io Londra la adoro e appena posso scappo li, poi le tue foto sono straordinarie e mi sembra proprio di sentire sulla pelle quell'atmosfera tipica di questa città! Il mercatino fantastico...non lo conoscevo!
Bravissima come sempre!!!

Ci vediamo il 9 Giugno a Milano...anch'io ci saro' :)! Non vedo l'ora di "conoscerti"!

Maddalena ha detto...

niente, non ce la posso fare. torno qui ogni volta ma non capirò mai, mai, mai il concetto del sentirsi offesi perché qualcuno parla di qualcosa che non ci si può permettere. mi sfugge.

tra poco non si potrà più parlare di nulla, previa l'offesa di x,y,z per motivo recondito o incompresione manifesta

alleluia

Anonimo ha detto...

anche in questa altra parte d'Europa il sole splende, la gente esce dalle tane, i bimbi sono invcantevoli e liberi da stereotipi creati da adulti viziati. Ti invidio solo per le foto che sai fare e le cose che ti regalano grazie al blog, per il resto... bravissima

Anonimo ha detto...

si, aggiungo qualcos'altro tanto...
chi ti critica lo fa per invidia, perchè non puo permettersi le cose che vede, non sa scrivere come quello che legge, non ha una figlia bionda, non puo vivere a Londra... lascia fare... tu che critichi:se una cosa sai farla anche tu, pace, altrimenti guarda e stai zitta, se puoi comprare fallo se no ammira, sogna e poi basta, finisce li... o no?!

erounabravamamma ha detto...

commento qua ma è per il post precedente, che mi è piaciuto un casino. vorrei pregarti di inaugurare la rubrica "cronache da un charity shop". supercool!

Anonimo ha detto...

@Gnegnegne "Se poi lei li ha trovati validi e di non così eccessivo prezzo, chi siamo noi per dire che non è vero?"
Guarda che la stessa cosa vale al contrario: chi è lei (senza offesa, varrebbe per chiunque) per dire che i prezzi non sono eccessivi?!

Mamma Bbestia ha detto...

'A ROSICONEEEEEEE!!!

:D

karin ha detto...

Faccio la commessa e guadagno 1000 euro al mese ( paga uguale a quella del mio fidanzato, che fa l'operaio) non abbiamo figli, abbiamo un mutuo che ci mangia due terzi di uno stipendio e siamo iper fortunati perchè viviamo in un paesino di montagna davvero bello...non ci manca niente. Ora, perchè mai dovrebbe darmi fastidio che vengano menzionati capi d'abbigliamento per bambini a prezzi esorbitanti? Invidia perlopiù...Noi "poveri" facciamo fatica a sopportare che solo esistano abiti del genere, che senso ha? 3 Mesi e poi non gli va più....Sono abiti che non mi sognerei mai di comprare....eppure leggo, guardo, mi interesso... perchè? Perchè questo masochismo? Tante volte me lo chiedo, siamo attratte da quello che non possiamo avere? Mi rivolgo alle lettrici...quante di voi hanno uno stipendio con il quale si potrebbero permettere simili vestiti per i propri pargoli? Magari sono tante! :-) meglio per voi!!! Ma sto divagando.... amo Wonder, mi sono appassionata al suo blog praticamente da subito e continuo a leggero con passione, pur non essendo mamma....ma se una volta potevo un minimo immedesimarmi nella sua vita, adesso proprio no....non per questo smetterò di seguirla, eh....:-)

Gnegnegne ha detto...

Rispondo ad Anonimo (potevi firmarti, visto che mi parli direttamente): il blog è di Wonder e direi che, fino a prova contraria, ci scrive quello che vuole. Veniamo qui per leggere proprio quello che lei scrive, altrimenti andremmo altrove, non trovi? Però non è che si può fare le pulci anche alle virgole, lo trovo fuori luogo...

Anonimo ha detto...

@Gnegnegne ma cosa cambia come mi chiamo scusami? o perchè devo inventarmi un nick per scrivere una frase? per quanto ne so tutti i nomi di chi si firma qui potrebbero essere inventati.
nessuno le sta dicendo cosa deve scrivere, e cmq uno può venire qui a leggere perchè gli piace il blog, ma cmq essere d'accordo su alcune cose e in disaccordo su altre, non vedo perchè non si possa dire in questo caso.
Altrimenti quello che scrive Wonder (senza offesa) diventa la Bibbia e non si può mai dire nulla.
A volte ho letto critiche eccessive e gratuite nei commenti ad alcuni post, ma qui non mi sembra che nessuno abbia detto nulla di sconveniente e se più persone hanno fatto notare che i prezzi non sono contenuti probabilmente è vero.

widepeak ha detto...

londra vista coi tuoi occhi forse riuscità a starmi simpatica un giorno, chissà e credimi è un grosso complimento che ti faccio :)
per quanto riguarda le polemiche, non le ho lette tutte ma mi sembra di aver intuito le posizioni generali. per parte mia, letto tutto il post, ho pensato (e forse te l'ho anche già scritto in passato) che hai una grazia speciale nel parlare di cose diverse, con diversi obiettivi, che non mi suona mai falsa. tutto qui. un bacione!

Anonimo ha detto...

Ma che due balls....
Avete i soldi ? Bene comratevi i vestiti di Stella, non li avete? Non li comprate....
Ma Chiara avrà pure il diritto di scrivere ciò che vuole? Nel senso se per lei so ragionevoli come prezzi magari PER LEI lo sono veramente, se per me nn lo sono amen ....non li compro e ciao....ma mica mi offendo....
Io ho iniziato a leggere il blog di Chiara al secondo mese di gravidanza, ora ho una bimba di 5 mesi, leggerla, mi rilassa, mi fa ridere, ma e' pur sempre una lettura, non la mia vita...
E' come se scrivessi ad Ammaniti ( ...bada te che paragone) per rompergli le palle perche nel libro ha scritto qualcosa che non mi piace....
Chiara scrive ed esprime il suo pensiero se non vi piace smettete di leggerla....
Io non trovo neanche più invidia nei commenti acidi solo la voglia di star sempre a puntualizzare...
E non so perche' ma mi fa un po' "pubblico di Maria De Filippi"....
Un bacio a te Chiara e complimenti ....ho comprato il tuo libro, lo sto regalando a tutte le neo mamme e tutte ci sganasciamo leggendolo.....
Arianna

Anonimo ha detto...

Ma ma ma...mi sa che senza volerlo hai fatto una foto a quel gran pezzo di ragazzo che è Aaron Johnson (http://it.wikipedia.org/wiki/Aaron_Johnson_(attore))
E io mi rendo conto di essere una pazza psicotica ad averlo riconosciuto.
Chiedo anche venia per il commento idiota :-)

Lavinia ha detto...

Premetto che non amo leggere commenti di critiche ai post perchè questo è un blog personale, dove Wonder può parlare di ciò che vuole e se qualcuno non condivide, il web è tanto grande e pieno di cose che penso che ognuno possa trovare qualcosa di proprio gradimento..

Detto questo però vorrei far notare a chi si scalda tanto che il nocciolo della questione secondo me è solo il fatto che gli abiti di Stella siano definiti di prezzo "relativamente contenuto", in effetti devo ammettere che anch'io ho storto il naso leggendo quella frase e mi è venuto da pensare "beh, non proprio contenuti", anche se non c'è dubbio che siano belli e di qualità; poi è fuori discussione che ognuno faccia dei propri soldi ciò che vuole, ci mancherebbe, e non vedo niente da dire sul fatto che a Wonder sia data l'oppurtunità di provare i prodotti del marchio e di farne una recensione..del resto se il blog ha così tanti lettori è merito suo, questa popolarità se l'è guadagnata facendoci sorridere e riflette con i suoi post, e ha spesso dato spazio a iniziative di solidarietà.. poi io stessa leggo vari blog di moda che propongono abiti ben più costosi e non mi scandalizzo, anzi mi fanno un pò sognare..

Scusate se mi sono dilungata ma sono prolissa di natura :)

Lavinia ha detto...

Ah, e un'altra cosa: non mi piace leggere di tante persone che provano INVIDIA per Chiara, anche se sicuramente non lo fate con cattiveria e intendete un sentimento positivo, però non usate quella parola, l'invidia (cattiva) è brutta per chi la prova e per chi la subisce.
Soprattutto in questo caso, perchè lei ha avuto coraggio e si è buttata e non credo che la vita a Londra sia sempre un "picnic" come si dice in english! :)

Sempre Lavinia :)

Dear Prudence ha detto...

Bellissimo il tuo blog.. e stupende queste foto :)

Roberta mammafotografa ha detto...

Un tripudio di colori e sensazioni, ancora una volta sei riuscita a far "frizzare" il tuo racconto, proprio come un'aranciata appena aperta!

francesca ha detto...

ti leggo da un anno, ma non ho mai commentato.. forse per pigrizia...pero' dopo che te ne hanno dette di tutti i colori per la storia dei vestiti, e visto che è dal 28 maggio che non posti...(e mi manchi) ..ho deciso di intervenire...Avanti tutta wonder...e fregatene di pensa male...il mio motto è "la malizia è negli occhi di chi guarda"...io non ho mai pensato che facessi pubblicità occulta al marchio, e anche se l'hai fatta chissene! Mica nessuno ci obbliga a comprare quello di cui parli...ognuno è libero, secondo i propri gusti e il proprio portafogli...mi ritengo abbastanza intelligente da non farmi condizionare da quello che tu abbia eventualmente (ma non ci credo!) pubblicizzato...se mi piace e ho i mezzi lo compro, altrimenti no! Il tuo blog è bellissimo...sei bravissima, fresca e leggera nello scrivere...e le foto fanno vivere tutto piu' intensamente...per cui...manda un nuovo post! :-))) che ci manchi!

Blog Widget by LinkWithin