il blog di una mamma per caso
AGGIORNATE I VOSTRI BOOKMARK!

Il blog continua su www.machedavvero.it.
Presto questa pagina su blogspot non esisterà più.

lunedì 25 marzo 2013

Il mese di Ghiaccembre

Il mese di Ghiaccembre era finalmente arrivato.
Dopo il freddo Gennaio, il ventoso Febbraio e la metà di un surgelato Marzo, Ghiaccembre arrivò con il suo carico di venti del Nord, fiocchi di neve, chicci di grandine e porcadiquellatroiamaèMarzo.
Perfino l'affatto primaverile Albione si stupì della sua portata, titolando i giornali con severi giudizi sulle settimane più fredde del periodo da cinquant'anni a quella parte.
Gli indigeni iniziarono a coprirsi. Per la prima volta si iniziarono a scorgere cappotti al posto delle giacchine di pelle, sciarpe in cotone a dispetto del coppino che le inglesi amano scoprire con crocchie disordinate, e l'imponderabile: calze coprenti!
Ma sempre con le ballerine, eh.
Nel mese di Ghiaccembre, certe case inglesi senza doppi vetri diventarono simili alla torre sgemba e bucherellata che il padre adottivo di Semola dà a Mago Merlino nel film 'La Spada nella Roccia' - se non sapete di cosa sto parlando, avete avuto un'infanzia infelice (recuperate subito).
Iniziarono a scorgersi pinguini e trichechi, che forse abitavano solo nella mente surgelata degli inquilini o forse no, si erano davvero stabiliti a Londra dal Polo Nord a causa del clima più favorevole.
Lo scaldino, quello che usa in un'ora l'energia elettrica solitamente consumata in una settimana, diventò il miglior amico dell'uomo. Specie in bagno, vai a capì perché (...).
L'ora del pigiama diventò dramma. Per evitare la svestizione alcune persone ponderarono l'idea di lasciare il pigiama sotto e cambiarsi i vestiti sopra, ché tanto a quelle temperature è impossibile sudare.
Il mese di Ghiaccembre abbassò l'umore e alzò i riscaldamenti.
Ma soprattutto.
Il mese di Ghiaccembre, pur distando appena cinque mesi da Agosto, castrò qualunque intenzione di rimettersi in forma in vista del bikini.
Scoraggiò le donzelle che, tuta e scarpa da ginnastica, si apprestavano a uscire di casa a correre, per paura di essere ritrovate congelate a forma di ELLE, perché stava facendo stretching.
Distolse dal pensiero 'dieta' qualunque essere umano si trovasse davanti all'ardua scelta fra insalatina con germogli di soya e doppio sandwich caldo ai funghi e formaggio.
Il mese di Ghiaccembre.
Mi fa nutrire a beveroni caldi dall'impatto calorico di un camion di cassata siciliana e dolci inglesi dalla percentuale di grassi inferiore solo a quello di una squadra di lottatori di sumo.
Comfort food, lo chiamano.
Il mio, ultimamente, è la Soya Mocha (latte di soya, cioccolato, caffè e cremina) e i biscotti Digestive coperti di cioccolato fondente. Voi capite.
E adesso, per farmi sentire meno sola e derelitta, evitate di dirmi che a Roma c'è il sole e si sta a manica corta. Piuttosto citatemi il vostro comfort food.
Censurerò tutti i commenti che dicono SUSHI: il sushi è pesce. Pesce crudo. Pesce crudo e freddo. Contornato di riso. Riso scondito.
Il Sushi è SANO.
Se il Sushi è il vostro comfort food, sappiate che proprio non andiamo d'accordo.

Condividi

132 commenti:

Chicca ha detto...

qui a trento fa freddo freddo, stanotte ha di nuovo nevicato appena fuori città, e anche se io, da romana trasferita da soli 2 anni, adoro la neve come una bambina, tutto 'sto freddo mi ha stufata! quando fuori piove e il cielo è bianco/grigio, io mi coccolo così: una bella tazza di thè limone e zenzero, e una fetta di torta, preferibilmente con ingrediente base nutella!

Cristina ha detto...

Io sono in linea di Bora con Trieste... Stamane mi sono recata al lavoro in una specie di Siberia raggelante di vento e nevischio..brrr.. stasera zuppetta calda.. non ho ancora deciso quale ma dopo quella di zucca che adoro ho scoperto quella di ceci aromatizzata al curry sul blog di una mia amica blogger :)

Kate Wheat ha detto...

Anche a Milano è Ghiaccembre. Brrrrr che freddo...

ElenuarManni ha detto...

Il mio comfort food è il bicchiere della nutella in cui pucciare i pan di stelle!! :D a e a Terni fa veramente freddo, è arrivato Ghiaccembre pure qui!!!

l'angolodeltetto ha detto...

A Padova piove, piove e nevica insieme. E non smetterà per tutta la settimana.
E' Giaccembre anche qui nonostante il calendario, gli alberi da frutto fioriti e gli usignoli che provano a cantare.

lisa Verrastro ha detto...

NUTELLA ....lo scrivo in grande per celebrare la maestosità di golosità e di calorie....e consolati a Milano giriamo a nuoto...stile libero e rana...diluvia e diluvia..baci Lisuccia

Paola ha detto...

Tiramisù con novellini gentilini e crema al mascarpone di Hermè, na bomba che la metà basta. Ieri a Napoli 23°, sono rientrata a Roma mezza spogliata, ops, scusa non ti volevo fare rosicare:) Paola

Daniela ha detto...

4 gradi vento gelido e caminetto acceso....ghiaccembre anche qui!!! e stasera zuppa di zucca alla canella....(ma il mio confort food è lo strudel)
Baci gelati

Anonimo ha detto...

le patatine kettle all'aceto balsamico valgono? soprattutto quando torno dal lavoro e -oh- ne mangio un pacchetto intero da sola? comunque anche a milano si gela :( Ale

Simona ha detto...

Stamane ho sentito che 'sto freddo cane durera' ancora un altro paio di settimane. Sono a Londra da circa sei anni, ma un Marzo cosi' gelido MAI. speriamo, perlomeno, ci sia una parvenza di estate!!



justalessia ha detto...

Okay. Pane e crema di nocciola Rigoni, quella di Asiago che costa tre volte la nutella, ma è strabuona.

Crepes.

Strudel.

Gelato alla vaniglia su crumble di mele fumante.

Lasagne.

Sacchetti interi di crackers vita snella con Philadelphia Light. No, non mi dire che è sano. Lo è se ne mangi uno, non tre chili.

Pezzi di uova pasquale rigorosamente sottratti di soppiatto dal frigo, se no lo sanno tutti che non è buono uguale.

Pizza.

Patatine.


(Vicenza, 25 marzo, 3 gradi, prevista neve in pianura domani).

Chefrettaceramaledettaprimavera sticazzi, dico io.

Francesca ha detto...

ieri a Ponremoli tirava tramontana, pioveva e c'erano 5 gradi....cmq personalmente come comfort food direi decisamente cioccolata calda con panna accompagnata da muffin o mini bomboloni alla crema....

Cordeza ha detto...

Food: Tortino al cioccolato con panna...
A Bari fa freddo, e, se ti consola saperlo, dopo una piccola pioggerellina si sono rotte le tubature della fogna nera. Il mare, sulle coste della più famosa spiaggia cittadina (Bread and Tomato beach), presenta una bella e grossa chiazza marroncina...

Elisa ha detto...

Anche a Treviso freddo polare!!!
Il mio comfort food di questa sera prevede uova, patate e speck alla tirolese... vale a dire che mangio solo burro! E per completare la cena tirolese una specie di strudel di mele che faccio con la pasta sfoglia!

...ma la notte no! ha detto...

a parte che qui tira una bora che scansati e fa pure freddo, per consolarti pensa che il mio confort food è la cioccolata della macchinetta del bar per mancanza di meglio. I fianchi ringranzieranno l'assenza, ma due morsi al digestive con il fondente sopra li darei proprio!

La sindrome di Tourette ha detto...

Confort food contro il Ghiaccembre milanese: fetta di pane scaldato e nutella + fetta di pane scaldato e Lemon Curd di Fortnum ad Mason. E la pizza, quella sempre.

Wonderland ha detto...

Mi state facendo venire ancora più fame O_O

Trasparelena ha detto...

CIOCCOLATO FONDENTE e t'ho detto tutto

Fenice ha detto...

Il mio comfort food per eccellenza è la cioccolata. In tutte le sue forme; solida, cremosa, liquida e gassosa. Il mio stomaco e l'umore ringraziano sempre, il mio culo e la mia autostima un po' meno. Baci dalla tua roma. Fredda e sotto la pioggia.

Elena ha detto...

Biscotti Oreo col latte caldo...potrei mangiarne fino ad arrivare al coma iperglicemico!
Ma anche la pizza...fredda, calda, rossa o bianca la pizza io la venero proprio. :)

Chiara Brega ha detto...

Vivendo a Londra anch'io e sperimentando a mia voltre le delizie di Ghiaccembre, direi che il vero comfort food per quel che mi riguarda e' una bella jacket potato con tonno e mayonese. Grossa, calorica, riempiente, alla faccia della lotta alla cellulite. Un saluto da Highbury.

bri ha detto...

Anche qui a Verona è ghiaccembre, porcaccia la miseriaccia, in più piove e quindi la tentazione di gettarsi sul comfort food è più forte che mai! Allora, a parte che per me comfort è tutto il cibo (e ci sarà un motivo, oltre al mio metabolismo bradipico per cui combatto con la bilancia da tutta la vita) diciamo che il top per me sono: 1) macine pocciate nel latte tiepido, 2) tazza di earl grey col latte in cui pocciare fette biscottate, 3) tazzona di brodo bollente fatto rigorosamente da me. E anzi, mi sa che ora mi compro gli ingredienti e me lo preparo per stasera!

cowdog ha detto...

a monaco di baviera stamane c'erano -4 gradi e in questo momento sta nevicando e siamo a -2. comunque ci va di gran lusso, perche' il resto della germania e' messo pure peggio. per la germania questo e' l'inizio di primavera piu' freddo della storia.
il mio comfort food attualmente consiste in ovetti di cioccolata di ogni foggia e gusto che affollano i supermercati in occasione della pasqua, in congiunzione con un'irrinunciabile cuppa, che qui pur sempre inglesi siamo

Sascha ha detto...

Sono giorni come questi che mi fanno dire MACHIMEL'HAFATTOFARE.

Poi mi ricordo che sono a Londra e dico: dai, va bene anche Ghiaccembre.

Comfort food: sushi?? ma NO. Sushi é pranzo, non comfort food! Pranzo in ufficio, per di piú. Per me che sono vegana, poi, il sushi é praticamente riso con un cetriolo sopra. Mica tanto comfort.

Per me i comfort food sono i muffins. Quelli che faccio io a casa (senza dover uscire che fa freddo). Al cioccolato, al burro d'arachidi, alla vaniglia. Da mangiare con una cioccolata calda fondente. Ma una densa, come in Italia, mica quello schifetto liquido che si trova qua.

Robin ha detto...

Macchè sole e 14°, anche qui in Emilia freddo e pioggerellina autunnale! Da qualche parte hanno anche avvistato la nebbia: dai, almeno a Londra quella non c'è ;)

Anche per me il comfort food per definizione è il cioccolato! La scorsa settimana ho provato una nuova ricetta della torta composta con cioccolato e meringa... E me ne sono pappata metà da sola O_o

Elisa | Cooking Movies ha detto...

Pizza uber alles. Pizza calda con mozzarella fumante è il mio comfort food per eccellenza. E ho appena scoperto di essere intollerante a latte e derivati.. bello eh??? :-) Ghiaccembre è geniale!

Anonimo ha detto...

e guarda caso io capito a Londra proprio in sto periodo, il mio aereo è partito tre ore in ritardo causa neve ed avevano anche finito i panini.... :S
comunque: NUTELLA forever

LaRobi ha detto...

il mio comfort food per eccellenza è 'mettiunnomeacaso'al cioccolato ;)

E anche qui, nella ridente e verdeggiante brianza, ci sono poco più di 4 gradi e la nebbia... -.-'

Rebecca ha detto...

Nella bassa veronese, fa freddo... Mooolto freddo ma di principio il Woolrich non lo tiro fuori dall'armadio... per pranzo ieri, risotto con gli asparagi, bello caldino... e questa sera pizza fatta in casa così grazie al forno acceso, la casa si stempera un pò!!!

Anonimo ha detto...

Anche qui a Genova fa freddo con molto vento...freddo!
Il mio comfort foof del periodo è la tazza di latte caldo con un cucchiaio di miele e una stecca di cannella che si ammorbidisce dentro!

Claudia

azzurropillin ha detto...

ghiaccembre anche a vienna.
meno tre gradi e ha appena smesso di nevicare.
tè caldo alla pesca in cui inzuppare i ritornelli del mulino bianco. (comfort food importato clandestinamente)

Giuana ha detto...

Pizza, sempre.
Anche anolini in brodo però.
E cioccolato, quintali di cioccolato, bilici di cioccolato, cioccolato in ogni forma e colore.

Aristogatta ha detto...

A Roma fino all'altro giorno c'erano 17 gradi, sole e canto degli usignoli. Da questa notte ha ricominciato a piovere piovere piovere... non ha fatto altro ultimamente, però fanno tipo 13 gradi... se po fà!
Comfort food: cioccolato declinato in tutti i modi ma anche torta di mele magari ripiena di crema pasticcera e qualche fritto zozzo da "una settimana di sensi di colpa" ci sta bene!

BarbaraB ha detto...

A Roma e dintorni oggi è grigiembre, c'è quel cielino color grigio depressione, con una temperatura che non ti giustifica l'abbuffata di grassi saturi ma nemmeno ti permette di stare ad insalatina scondita pena l'aggravarsi della tristezza e dello scojonamento.
Io ho 2 comfort foods: il latte condensato ed i marsh mallows. Peccato per il colesterolo espanso che non mi permette di farmi coMfortare senza troppi rimorsi di coscienza.

Anonimo ha detto...

Abbiamo lo stesso nome...e gli stessi gusti!!! Pizza ora e sempre, per consolarsi quando sei giù,per festeggiare quando va tutto bene! Beh...a ben pensarci anche i 2 etti di Lindor che mi hanno regalato settimana scorsa mi hanno confortato non poco nel gelido grigiume milanese :-)
Elisa G

Anonimo ha detto...

Milanese, trasferita al nord est, che odia il freddo e vorrebbe vivere in Africa.... o simile.... 2 settimane fa nel mio condominio hanno deciso di tenere acceso il riscaldamento solo x 1 ora al mattino e x 2 ore alla sera, è tornato il freddo e nessuno (x risparmiare soldi) vuole riaccendere i caloriferi.... morale se mangi a casa a mezzogiorno o ti fai una cosa scalda budella o muori di freddo.... in bagno per lavarsi e per spogliarsi c'è la stufetta elettrica (non voglio immaginare quanto alta sarà la bolletta enel quando arriverà....)! Il problema più grande è che sono a dieta.... e visto che ho perso 8 Kg. in 1 mese e mezzo, e ne sono felicissima, non posso cadere in tentazione con bevande tipo cioccolata calda.... ma l'altro giorno visto che era il mio compleanno.... ho fatto uno strappo alla regola e ho cucinato delle buonissime lasagne..... belle calde.... e il forno ha contribuito a scaldare un pò la cucina.... e non ditelo al mio dietologo, ma mi sono mangiata anche una fettina di sacher torte.... dovevo pur mettere le candeline da qualche parte..... e spegnendole oltre al desiderio che non posso dire.... ho espresso il desiderio che torni l'estate.... e guai a chi si lamenterà del caldo.... Ross.

Cappuccio e Cornetto ha detto...

Io sono romana e vivo a Milano. Tu capisci. Roba di nebbia, inverni lungherrimi, neve e pioggia, grigio costante per giorni. Io e il comfort food siamo una cosa sola. Ora poi che sono incinta della seconda Gnoma, le calorie sono my bff. Ecco i miei alleati per la sopravvivenza:
- pizza
- pain perdu con zucchero
_ waffle, pancakes o simili con sciroppo d'acero
- dulce de leche come se non ci fosse domani
- cioccolata possibilmente chimica (kinder et simili, niente di fondente per carità)
La cosa positiva di mangiare senza un perché è che sarà più facile dimagrire, un giorno. Basterà mangiare come un camionista e non come una squadra di rugbisti dopo il match.
Ma la primavera arriverà. Ah, si, arriverà!

Muffin di Plastica ha detto...

Come ti capisco! E' la stessa cosa qui in Lussemburgo...e anche loro mai che si mettano qualcosa di diverso dalla giacca di pelle, aperta con -8!!!Noi stranieri ci distinguiamo grazie al piumino omnipresente dal mese di ottobre...

lilaccci ha detto...

Pescara, mia città adottiva al momento, raduna tutti quanti: ghiaccembre, grigembre, piovembre e ventembre.
Capirai cosa voglia dire uscire la mattina alle ore 8.30!
Altro che dieta e palestra: comfort food casalingo a base di thé vaniglia e caramello + qualsivoglia genere di biscotti/dolce fatto da me. Comfort food in giro: ho scovato una White Bakery con un Uptown (latte di soia, cannella e bacche di vaniglia) caldo sensazionale e una fetta di Devil's Food (il nome dice tutto: quattro piani di ogni varietà esistente di cioccolato) da quattro euro con cui potrei sfamare una famiglia intera. Yo!
PS: scoperto il tuo blog da poco, letto tutto dal primo post ;) ne approfitto per spammare il mio nuovo nato, sull'esperienza dei poveri co.co.pro OPERATORI DI CALL CENTER, categoria alla quale appartengo attualmente.. intitolato 'Silvio Pellico stava meglio'! Le mie personalissime prigioni! A presto!

Unknown ha detto...

Il mio comfort food il più delle volte è salato. Per questo spesso è quellacosacheatenonpiace, ma non per il pesce, il riso... per la fantastica salsetta di soya salata con un quintale di wasabi e le sfoglie di zenzero mangiate così, da sole... Lo so. Faccio schifo.

Oppure una cosa zozzazozzazozza: prendi due fette di pane per fare il toast, una bella scaglia spessa di parmigiano che metti tra le due fette di pane e infili il prodotto così ottenuto nell'affare per fare i toast (non il tostapane, che poi il formaggio ti si scioglie tutto dentro e poi ti ci voglio a pulirlo). Ecco, il parmigiano squagliato è una delle cose più buone e più porche che esista.

Per il comfort food dolce, quello da emergenza pesante, da codice rosso, da defcon 1 insomma, la Nutella. A cucchiaiate. Nessuna via di mezzo. Nessuna contaminazione con Pane/biscotti/creackers/pizza. A cucchiaiate. Assoluta. Come la Vodka.

Alice - Operazione fritto misto ha detto...

Qui all'ombra della Mole fa freddo, e piove, e l'asfalto è più grigio del solito; e poi piove, esce un sole triste, rapito poi dalle nuvole.
Tempo previsto per Pasquetta (ovvero il giorno in cui avrei voluto andare in montagna per rilassarmi con un pic-nic su un prato): pioggia in città, neve e -3 gradi nella valle prescelta.
Ma in fondo io amo il grigiore, non posso lamentarmi più di tanto.

Il sushi non è certo un comfort food - per me che odio il pesce e ciò che è viscido, non è manco food.
I miei comfort food sono una marea: vellutata di qualsiasi verdura mi capiti a tiro (addensata giusto con un po' di riso, e poi tutto frullato), la torta della Stewart fatta solo con 4 uova e 240g di nutella, le patate al forno praticamente impanate di spezie, i frosting al formaggio, ogni dolce che venga a contatto con quintali di cannella, le mele pronte in cinque minuti al micoonde con cacao e cannella, i brownies pronti in cinque minuti in tazza al microonde, i tartufi al cioccolato...insomma tutto ciò che si mangerebbe su un divano, con una coperta di pile, davanti ad un camino scoppiettante e il freddo che ti osserva fuori dalla finestra.
E nel quadretto, il sushi direi che stonerebbe!

Alice

Raffaella ha detto...

Rimini, 3 gradi e una pioggia con raffiche di vento dal mare che la spiaggia sembra un miraggio lontanissimo!!!!! (poi però di solito il 25 aprile si fa il bagno!).....io comunque andrei di piadina calda e formaggio e prosciutto e alla fine anche con la Nutella!! :-P

Alessia ha detto...

Post divertentissimo, come sempre.
Hai uno stile fantastico :)

Il mio comfort food... Direi cupcakes alla vaniglia ricoperte di panna. Con tanto di coniglietto di cioccolato sopra... Nel mood pasquale bisogna pur entrarci in qualche modo e non mi viene in mente niente di meglio del cibo.

Moky ha detto...

Il mio confort food è la torta fatta da me, ma con una bella spalmata di Nutella...
Qui cmq 2,5° un freddo porco con tanto di nebbia e pioggia, uno schifo!

Anonimo ha detto...

Che belle lettrici che hai mi sono letta tutti i commenti in questa mia pausa studio!
Io andrò contr ocorrente ma il mio comfort food è il gelato. Più ne mangio più ne mangerei e in qualsiasi stagione a qualsiasi ora. Gusti preferiti pistacchio nocciola e cocco. Artigianale ovviamente. Se sto evidentemente gelando mi appallottolo sul divano sommersa da mille coperte e accendo il camino (si lo so sono un pó strana) ahhaha
Torno alla mio libro

G. Da Asti

Silvia ha detto...

Savona, 25 chilometri dal mare. Pizza. Cioccolato con le nocciole. Patate al forno. Crema di porri. Ancora neve stamattina, fiocchi grandi come margherite, tra le margherite che mi ricordano che e' marzo. E' fine marzo porca pupazza.

Sarah Russo ha detto...

Zuppa di funghi, zuppa di vongole, tortino funghi e bacon...Un pomeriggio uggioso e gelido invece: french toast dolci o salati che siano, the nero. Il french toast è la cosa più comfort e calorica che mi viene in mente. ;)

Pixel, Monsters&Co. ha detto...

posso assicurarti che l'ondata di freddo è giunta anche qui a roma... e proprio nei giorni in cui il mio piumino è in lavanderia (fortuna che domani è pronto!).
comfort food? qualsiasi cosa sia abbinabile alla mayonese dalle patatine fritte agli hamburger sugosi del mio macellaio !!!
ah proposito: c'è un modo per tramutare il sushi in qualcosa di più "zozzone"! il tempura maki!!! le rondelline tipiche del maki, ma fritte con la pastella della tempura! sarà che non mangio solo poche cose, ma devo dire che il sushi mi piace... come aperitivo :)

Giulia Pergolati ha detto...

Ti capisco: studiare a Londra tutte le estati, mentre i miei compagni di liceo passavano le vacanze al mare.

Agosto con gli stivali. Shorts solo con le calze a Luglio. A Settembre tornavo a Roma con un colorito che la Morte in persona mi faceva invidia.

Prima di diventare intollerante al lattosio ero la regina del comfort food. Ora, mi arrangio per quel che posso. Caramel macchiato di soia (che ho imparato a fare in casa, YEY!) e muffin fatti in casa con latte vegetale. Il più delle volte con mele e cannella, oppure al cioccolato fondente ed i classicissimi con i mirtilli, ma ultimamente ho scoperto una nuova ricetta: banana e cioccolato fondente.
Prima di adattarmi al nuovo regime alimentare però andavo avanti a tristissimi yogurt di soia e tè.

Comunque anche a Roma c'è brutto tempo, non disperare. Un abbraccio forte a te e Viola! :)

Giulia

Morena ha detto...

Il mio comfort food d'elezione: lo scone.

Morena ha detto...

Il mio comfort food d'elezione: lo scone.

Morgana ha detto...

Roma ancora resiste, a parte il cielo grigio plumbeo e la pioggerella.
Nutella, nutella, nutella!

PAT ha detto...

Ancona. Tempo di merda, piove e fa freddissimo. Dicono che è l'ultima coda dell'inverno. Mi chiedo: ma quante cazzo di code c'ha questo fottuto inverno??
Meringhe al cioccolato a due a due finchè non porta dispari.....

Felicemente Mamma ha detto...

Il mio comfort food, l'antidepressivo per antonomasia, è il formaggio, meglio se stagionato o con le muffe! Se poi è sciolto sopra un piatto di gnocchi o fuso su un crostino o se rende concia la polenta, meglio ancora!

maidannutengaracasteddu ha detto...

per me il confort food è sempre una minestra ..calda, profumata e possibilmente colorata. In questo momento impazzano la crema di piselli, cipollotto peperoncino e menta (detta zuppa di alien oppure minestra di scrondro) e quella di zucca butternut, curry verde e mascarpone provata da Tom's Kitchen. Nei casi di assoluta disperazione, tipo influenza dei figli o tristezza meteorologica, per me funziona la medicina delle mamme ebree: brodo di gallina, arricchito secondo la fantasia e l'umore del momento, da tortellini, raviolini di carne, polpettine di pane, pasta reale o nella versione basic, quadrucci all'uovo...E poi, sotto il trapuntino per l'ennesima lettura di Jane Austen oppure la milionesima replica di Colazione da Tiffany

Anonimo ha detto...

Pizza appena sfornata, formaggio filante e crosta croccante...gnammm!Poi vabbè, praticamente qualsiasi cosa fritta.
S.

vivix beatrix ha detto...

Ciao sono Viviana e sono quella str..za che l altro giorno appena hai pubblicato su ig la foto del tuo albero pasquale ti ha scritto di dare un'occhiata alla mia fot...beh sono stata punita!!! Oggi in Sicilia 10 gradi e vento a 80km orari (non scherzo) ....PROMETTO NON LO FACCIO PIÙ !!! Cibo che consola biscotti al burro e the!! Chiara perdonami e togli questa maledizione che si é abbattuta su di me!

AboutMe ha detto...

Ghiaccembre anche qui ad Alessandria!! come comfort food direi,oltre alla nutella, focaccia di Recco!

francescabianca ha detto...

1. ti scrivo da bruxelles, siamo sommersi dalla neve e io ho un raffreddore bestia;
2. onderagionpercui, a breve il mio comfort food, che sono le tagliatelle al ragù, non calde ma bollenti;
3. mi consolo pensando che almeno qui ho un lavoro.
baci!
francescabianca

rosy ha detto...

Oddio Chiara per l'ennesima volta hai dato voce ai miei penseri. Io ogni giorno mi danno da Pret scegliendo il lunch, parto con l'idea del sushi o dell 'insalata ma poi vedo tutti quei sandwiches e penso ma dai co'sto freddo mi dovro'pure tirare su! Per non parlare della corsa! Io che mi svegliavo alle sei per correre al parco...in queste mattine piuttosto preferirei cento calci nel sedere. Comunque sul comfort food non ho dubbi..tutto cio che fila! Una bella pasta al forno calda o uno sformato di patate ( sempre caldissimo ) con prosciutto e mozzarella. Possibilmente con un bicchiere di vino rosso. E poi biscotti al cioccolato, specialmente digestives. Chi li ha unventate e'un genio.

sissi ha detto...

buoni, buoni i digestive...in assenza, pommes dauphines e bordeaux, latte e caldo con il miele e gaufres al cioccolato...per le vacanze estive verro' a londra, cosi, giusto per non dover pensare al bikini ;)
s

Liesl ha detto...

Purè. Con il cucchiaio. Direttamente dalla pentola. Tutta la pentola :)

Secondo Lucy ha detto...

Qui a Venezia oggi nevicava, grandi fiocchi che per fortuna non hanno attaccato. In un altro periodo dell'anno li avrei trovato estremamente romantici, oggi desolatamente tristi. Mi consolo con un buon te nero, musica e i miei blog preferiti da leggere.

Lizzie ha detto...

Hot Chocolate Melting Middles della Gü, come se non ci fosse un domani.

Anonimo ha detto...

(Se non è "pubblicità...palese")
il gelato di "7 minuti" a Via Massaciuccoli (nella tua Roma), gusti cioccolato allo zenzero e "mozzica mozzica" (mascarpone, biscotto osvego e rum)
...ecchettelodicoaffare!
Sere

VickyV ha detto...

Bruxelles: NEVE!!! Temperature che non vanno oltre i 2 gradi.
Il mio comfort food era il cioccolato fondente (anche io intollerante al lattosio) ma sono incinta e non sopporto neanche l'odore del cioccolato:(
Ma prima o poi la primavera arriverà, vero?!

Maria ha detto...

Oddio, questo post è divertentissimo, ho riso per tipo 5 minuti buoni! XD
Mi sa che quest'ondata di maltempo è un po' mondiale, perché anche in america so che ci stanno svariate tempeste di neve e la gente addirittura non va a lavoro...
Comunque quando fa freddo io più che ai comfort food mi rivolgo alla classica cioccolata calda, che oltre a essere gustosa ha anche il pregio di riscaldarmi le mani, che di solito sono la prima cosa che si ghiaccia, assieme al naso...

Anonimo ha detto...

Comfort food?? Cupcakes di magnolia bakery!!!!!
Chiara

Minimoda di Prato ha detto...

Sto scrivendo con il plaid sulle spalle, e come confort food mangio (alle 22.25, x prepararmi ad una notte tranquilla...) CICCIOLI!!!

(provate a digitare CICCIOLI su google, il primo risultato è quello esatto...BURP)

Toni ha detto...

Qui, a Cittá del Messico, é sempre primavera. Non fa freddo, non fa caldo, c'é il sole. Ma é tutto cosí pieno e ricoperto di porcheria che ti fa desiderare se non la neve, almeno la pioggia, quella intensa, che pulisce. Che poi quella pioggia arriva a giugno e finisce ad ottobre, tutti i santi giorni. Per cui hai una cittá pulita ma sempre allagata. Ecco, spero di averti fatto sentire meglio ;) Ah! E i tacos servono poco come comfort food ;)

Roberta ha detto...

Io sto a Cagliari. Ogni giorno quando esco di casa sembra che ci sarà un sole favoloso, ma a metà mattina inizia vento gelido e pioggia. Onestamente ne ho le palle piene, e in questi momenti non posso che darmi al cioccolato con nocciole grandi come noci possibilmente. Ne ho sempre una scorta, ma spesso il mio fidanzato mi precede e si mangia tutto prima che la mia mano arrivi a strappargli via l'ultimo quadrattino.

fre82 ha detto...

Olive greche, verdi o nere non fa differenza!

Tilia ha detto...

Torta fondente al cioccolato, tiepida e con panna (soprattutto perché non potrei mangiarla), poi, se per caso il clima mediterraneo si ricordasse dove sta di casa, la piazzo in frigo e resta meravigliosamente comfort ;)

Laura ha detto...

Mi accodo a Raffaella da Rimini, dato che veniamo dalla stessa zona: comfort food per eccellenza la piada (farcita con ogni cosa possibile e immaginabile, nutella compresaaaaaa)

Marzia ha detto...

torta mele e cannella
tiramisù
e, inspiegabilmente perchè lo so che fanno tanto "malattia", minestrina olio e parmigiano e purè!!
come non ci fosse un domani..ne una prova costume :P

Chiara_la_Creativa ha detto...

il mio comfort food per eccellenza è la pastina, rigorosamente con le stelline. Poi, adesso che sarei a dieta, è tutto quello che contiene carbs e tanto gusto ^__^
Comunque a Milano fa freddo, stamattina ho messo il cappotto al posto del piumino pensando che ma sì dai, comunque è marzo, non farà così freddo...e invece sì, fa così freddo... :-(

Mikimiki ha detto...

Vogliamo parlare dei Tarallucci del mulino bianco? Inzuppati nel latte caldo. Mai meno di 15 per volta. Questo è meglio della nutella per me!!! In ogni caso freddo super anche sul lago di Como...

Anonimo ha detto...

li mio comfort food a Londra erano le zuppe calde di Wagamama, il Bhuna al ristorante indiano, i singapore noodles al ristorantino cinese e il piatto di pasta con ragu' che mi facevo a casa. Ma tu non ti cucini l'amatriciana?

Anonimo ha detto...

Il mio confort food e' moltoooo, moltoooo english:
Scones con clotted cream e marmellata fragola!!!!

Complimenti per il divertentissimo post!

O.

caterina ha detto...

a new york nevica..ancora!!cheesecake e biscotti del mulino bianco che costano come una rata del mutuo qui!

Fra ha detto...

Abito a Catania e non posso dire che qui siamo in Ghiaccembre, ma ieri c'era un vento tale che gli oggetti, nel giardino, camminavano da soli (tipo l'innaffiatoio che sembrava gli avessero dato la carica!).
Comfort food: cioccolato in qualsiasi forma! )

Anonimo ha detto...

Pizza.... E patatine, gelato,divano e malinconia, se non fosse per i bambini... Neve anche a in svizzera... E io che volevo lavare le giacche invernali, e mio marito che ha messo le slitte in soffitta e che ho comprato vestiti primaverili alle bimbe...
Solidarietá, pura.
A

Anonimo ha detto...

Ma dai cavolo però!
Tu ci fai questi post così carini simpatici che quasi riesci ad immedesimarti dato che arrivi a casa dal lavoro dopo esser stata brava tutto il giorno con frutta e cereali, ti spari una mega omelette con prosciutto e formaggio seguita da metà di quel ciambellone sfornato il giorno prima per la colazione dei pupi, intriso di nutella e crema istantanea cameo, EPPURE, mi fai cadere comunque in depressione guardando te che peserai circa 52chili e me che sono arrivata alla veneranda cifra di 59 (e badate non sono 1,78...diciamo 10cm in meno sig)
:-(((((((
Eli

Maka Writes ha detto...

Tranquilla, a Padova nevica, e quando non nevica fa un freddo cane.
E sarò banale, ma il mio comfort food è cioccolato tutta la vita!

Anonimo ha detto...

Anonimo come si fa a perdere 8 chili in un mese!!!
Comunque il comfort food per me vuol dire carboidrati, formaggio una buona dose di grassi e vino rosso!
Ecco perché - 8 chili in un mese per me e' una missione impossibile !
Antonella
www.sweet-occasions.it

Piperpenny ha detto...

Qui ad Amburgo è ghiaccembre da ottobre ad aprile. Sempre. Ormai se ci sono 5 gradi lo considero un inverno mite, tu capisci.
Se si guarda bene, sul cartello d'ingresso in città, sotto il nome di Amburgo, si scorge l'italica frase "lasciate ogni speranza voi ch'entrate"...

alice ha detto...

Qui Firenze, un dramma perpetuo di pioggia vento e freddino assai.
Il mio confort food, quello da street è la schiacciatina ( pizza bianca ), quello da casa è polpette al sugo e purè. A chili.
Alice

MammaInOriente ha detto...

Non mi odiate....io vivo in Thailandia e in questo periodo fa così caldo che mi trovo ad avere malinconia del camino acceso, del rintanarmi sotto alla coperta sul divano, del guardare la neve fuori dalla finestra della mia campagna bolognese...
Non siamo proprio mai contente!
Comunque cucchiaino e Nutella sono un ottimo conforto anche qui, bella liquida mi piace ancora di più!!

Anonimo ha detto...

Brodo di cappone.. specie se popolato di cappelletti fatti a mano.. posso mangiarlo anche con 50°C esterni.. poi cioccolata fondente tutte le sere per tutte le stagioni

Mate87 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mate87 ha detto...

Sono a Bucarest, con la neve e ieri han dato l'allarme meteo con tanto di "orange code".
Il mio confort food non è nulla di caldo o dolce: sono le patatine! in tutte le forme e gusti, dalle pringles alle palline al formaggio passando per le highlander a gusti improbabili!

Violetta ha detto...

lunghissimo elenco tutto da sottoscrivere, ma per me oltre alla Nutella (Ferrero santo subito)come comfort food vanno citati anche il profitterol, quello della Bindi pronto per intenderci, e il CIOBAR con una spruzzata di panna sopra!!!

Anonimo ha detto...

Glutammato monosodico, in qualsiasi forma si presenti e a qualunque temperatura.
Roberta :)

Anonimo ha detto...

zuppa di cipolle alla francese
questo è il mio confort food per quando fa freddo.
la mangerei pure oggi che è 26 marzo e qui a roma sud ovest piove piove piove piove
ludo

Francesca ha detto...

La tempestina in brodo con kg di parmigiano che si scioglie, attaccandosi al cucchiaio. Mi ricorda sempre la mia nonna :-)

Anonimo ha detto...

sandwich al formaggio ??
per sopravvivere a dicembre vai di carbonara, amatriciana e fagioli con le cotiche !
GG

momo ha detto...

Thè alla vaniglia e gocciole extra dark, per tutta la vita. Forever and ever!

la fra ha detto...

Vivendo in Africa relativamente vicino all'equatore, confesso che il mio confort food è proprio il sushi :-D
Nei periodi italiani, rarissimi, invernali (che per noi sono polari) il confort food è una bella tazza di tea allo zenzero in cui inzuppare una quantità inumana di biscotti croccanti al cioccolato... Tipo i brazil della gentilini, per capirci!

la fra ha detto...

Io in Costa d'Avorio e anche qui un caldo pazzesco a sto momento!!!

Marta P. ha detto...

Chiara, niente di sconvolgente, ma solo io vedo a dx del post sotto "CHI SONO" un tale Andrea Beggi??!

ziazitella ha detto...

nutella. o pasta e patate... per il resto..milano. freddo. pioggia. cielo grigio. non dico altro.

ziazitella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Anch'io vedo Andrea Beggi... Boh...

Anonimo ha detto...

Complice allattamento in corso (che scusa!!!), i miei comfort food del momento sono:
-cookies al cioccolato
-cinnamon rolls
-brioche angelica con ripieno di mascarpone+amaretti+cioccolato fondente
...altro che linea e dieta!
ire

penelope ha detto...

A Venezia ci abbiamo l'acqua alta. Tiè! Io e Stoica Amica, ci dobbiamo preparare per la 10km all'Isola della Certosa, ma non riusciamo mai ad andare a correre, perdincibacco!
Confort food: Gelato Gianduiotto con panna fresca e strepitose amarene Fabbri dentro. Ok, non è caldo, ma molto comfort, ve lo assicuro!

Maria Cristina ha detto...

Mi fai morire dalle risate :) tranquilla anche qui in sicilia c'è ancora freddo!! ancora riscaldamenti accesi e pioggerellina quasi ogni ogni giorno verso sera e..anche io ho ho mandato a quel paese la dieta per 4 bei cubetti (grossi) di cioccolato fondente!!!

Rosjconlaj ha detto...

Ciobar con una cucchiaiata colma di nutella dentro.Provincia di Parma,piove e fa freddo che neanche il cane ha voglia di uscire per pisciare...lavo i pavimenti come non mai :-(

Letizia ha detto...

Allora, in primo luogo a Roma quest'anno ha fatto un tempodemme (famose a capì) che io non ho MAI visto tanta acqua in vita mia. In secondo luogo (in realtà è una conseguenza), la nana è stata sempre male quindi s'è passato l'inverno a casa a imprecare e a riempisse de calorie. Il vero e unico confort food degno di nota è una CARBONARA ben fatta. Guanciale e non pancetta, pecorino misto a parmigiano e daje. Letizia

TheSweetColours ha detto...

Qui già si ha aria di primavera!

Anonimo ha detto...

Giacchembre anche qui nella bassa brianza al confine con Bergamo e Milano.
Comfort food di questa sera: cosce di pollo con piselli, uova e polenta.
Addio prova bikini e lavoro sodo in palestra.
Lafatabastarda.

LUIZ ha detto...

Il mio comfort food è il pane. Impastare e preparare il pane da me, aspettarlo lievitare, sentire la fragranza mentre cuoce per quelle giornate in cui devi riconciliarti con il mondo. E poi pane e mortadella, pane e panelle, pane burro e zucchero, oppure pane burro e alici quando hai bisogno di grinta!! freddo polare anche in Piemonte :-( luiz

Cristina ha detto...

A proposito di comfort food mi hai fatto venire in mente un negozio delizioso di caramelle, vai a farci un giro piacerà un sacco anche a porpi!
Si trova in zona Covent Garden:
http://www.cybercandy.co.uk/store/Covent-Garden-Store.html

(vedo ora dal sito che a Londra ci sono anche altre sedi, ma non so se siano ben fornite come quella di Covent Garden)

Comunque se hai in mente una caramella della tua infanzia, piuttosto che un dolcetto visto in un telefilm americano, lì lo troverai!
Io di recente ci ho trovato le pop-tarts, comfort food durante la mia permanenza londinese di una ventina di anni fa! ;)

mafalda ha detto...

Bellino questo post!
Da toscana,il mio comfort food è il pane, da solo o bene accompagnato, e soprattutto la schiacciata che qui a Vicenza non esiste.
Ma anche il timballo di aneletti siciliano.
Ma anche le care gocciole nel latte caldo.
Ma anche i pan di stelle.

Margot ha detto...

a Firenze c'è un ghiaccio che si strina
niente di meglio di una (due tre) fette di sacher torte zeppa di marmellata e grondante di cioccolato e tazza di thè fumante e limonosissima

Anonimo ha detto...

Il tuo talento migliore secondo me é che SAI FAR RIDERE! E tanto!Dovresti scrivere sceneggiature comiche...
Ma Andrea Beggi chi é? Un coautore del blog? Il tuo compagno? Il tuo alter ego?
Ciao dalla congelata Germania.
Jasmine

Manuela ha detto...

Anche a BARI si gela!!! Si gela e si vOOoola con questi venti siberiani! Ieri, aprendo la portiera della macchina dopo il cinema, per un pelo non ci volavo assieme! -.-
Il mio comfort food? Tarallini baresi.. di quelli che unotiralaltro.... e in un baleno hp finito la busta da 1 kg.. #ciaomagre!

http://pensierinviaggioo.blogspot.it

Wonderland ha detto...

Ahaha adoro ascoltare le storie dei vostri comfort food.. e mi fate sempre sentire meno sola, anche quando si tratta di GELO (beh, mi spiace a dire il vero che anche voi stiate surgelando).

Per chi chiedeva: Andrea Beggi mi sta aiutando col passaggio da blogger a wordpress e in questi giorni risulta coautore del blog perché ne ha l'accesso :)

Anonimo ha detto...

Io sono a Mosca, qui la temperatura minima e' - 20, la max -8, dopo immane nevicata di tre gg e tre notti di fila di tre gg fai russi dicono che domani inizia la primavera. Pecccato che la temperatura prevista domani sia - 14 e pure con il vento!!! Comfort food per noi italiani qui a Mosca? Borsh e altre zupppe calde, the vari e vodka a fine pasto!!!

Cappuccino e Baguette ha detto...

Sarà anche la nostalgia di casa, ma le mie fredde notti romane erano divinamente ritemprate dalla sorchetta (http://tinyurl.com/cxegbgz) e le bombe alla crema (o nutella) calde.

Alternativa salata pizza a taglio bollente uscita direttamente dal forno o patatine fritte appena fatte.

Qui mi accontento di thè, cioccolata calda con panna e fondant al cioccolato con gelato e/o panna.

P.S.= Passi a wordpress, evviva! =) Con Andrea hai scelto sicuramente la persona giusta. Se non può lui, nessuno può...;-)

Anonimo ha detto...

Ehm... sono al terzo commento inviato... e finora allo ZERESIMO pubblicato... ho problemi io?? Ci riprovo! Da Pescara, mia città d'adozione, pioggia, nebbia e vento come se fosse gennaio, quello peggiore. Mio comfort food a casa: thè caramello e vaniglia+nutella, biscotti, torta hand-made; comfort food fuori: una bakery americana con bibitoni caldi, pancakes e una torta al cioccolato chiamata DEVIL'S FOOD (chiedetevi il perché!)
Dicevo a Wonder: da poco scoperto il tuo blog e letto tutto dal primo post, adoro come scrivi! E ti lascio l'indirizzo del mio, 'neonato', sulla condizione dei poveri laureati che come me sono co.co.pro nei call center... silviopellicostavameglio.wordpress.com!
Spero che questo commento non si perda nella nebbia del periodo! ;)

Ludovica Pellegrini ha detto...

Oggi è Roma è una bellissima giornata...speriamo che duri almeno fino a pasquetta....

Claudia ha detto...

Freddo anche qui, magari non proprio Ghiaccembre ma poco ce manca.
Suggerisco il mio comfort food: arrosto (pollo arrosto, arrosto di arista di maiale, quello che più aggrada le tue pg -papille gustative) al vino biancop con patate al forno al rosmarino e aglio.
Profumino per tutta la casa. Comfort anche per gli arredi. Sì, ma vuoi mettere la bontà!! :))
Ps: Facile facile da preparare ;)

Anonimo ha detto...

Io ho smesso di farmi tiranneggiare dal tempo. Fuori anche col brutto tempo, a costo di metter su la tuta da sci al mare.
Daniela

Anonimo ha detto...

1. panino kebab
2. cioccolata calda con panna di torrefazione
3. Lindor di ogni colore e forma

Alice

sabri ha detto...

Pizza bianca e mortazza
in alternativa focaccia e salamino
galatine al latte
tiramisu alle fragole di pompi
supersize me spicciame casa

Anonimo ha detto...

Qui va molto la cioccolata calda, soprattutto se in compagnia della Sissi che si farebbe anche il bagno, nella cioccolata. Per me una tazza di caffellatte caldo caldo da tenere stretto tra le mani mentre ci si stravacca sulla poltrona con due quintali di coperte intrecciate addosso, la ciambella fatta in casa, la pizza bianca con la mortadella. Ce ne sarebbero altri duecento, ma non vorrei inveire (e ingrassare, visto che mi basta guardare il cibo per mettere su rotolini). Angela

Ernest ha detto...

qui Genova praticamente inverno!

Stefy ha detto...

A milano fa un freddo infernale... e domani si cambia pure l'ora... di solito la cosa mi mette di buon umore perchè l'estate si avvicina, ma quest'anno?????
Avevo pure inizato la dieta, che tanto quando inizia il caldo mangi meno, l'ho abbandonata e ora la mattina un bel panino con nutella!!!
Buona Pasqua a tutti!!!!

lattementa ha detto...

Ad Arezzo piove come se non dovesse esserci un domani. Fa freddo e piove talmente tanto che al pranzo pasquale a casa dalla suocera mi ci porterà Caronte, io lo so. Ho 2 uova kinder MIE e uno della Lindt me lo sono già fatto fuori. Fan**lo Ghiaccembre!

Halfway ha detto...

Posso farti sentire meno sola e derelitta dicendoti che non solo non so come sia a Roma, ma che nella parte di Umidolandia dove albergo, a-ehm, nevica.

Elisa Stocco ha detto...

Quando vivevo a Granada un 8 marzo il termometro segnava 26 gradi, in compenso quando ho portato a casa dall'ospedale mia figlia di due giorni il primo agosto alle 17.30 c'erano 45 gradi....mi manca il caldo e il calore della Spagna! Besos

Assia Del Prete ha detto...

Napoli sabato 6 aprile erano 20 gradi.
Comfort Food è gelato all'After Eight: menta ripiena di pezzettoni di cioccolato fondente. Voglio morire e quant'è bbuono!
Buon Ghiaccembre a voi che mi odierete adesso :PPP

http://thelittleluggage.blogspot.it

Blog Widget by LinkWithin